HOME PREDICHE PROFEZIE LIBRI TRATTATI BIBBIA BIOGRAFIA VIDEO FOTOGALLERIA CONTATTI

La predica La più grande battaglia che sia mai stata combattuta di William Marrion Branham è stata predicata il 62-0311 La durata è di: 2 ore 47 minuti .pdf La traduzione BBV
Scaricare:    .doc    .pdf (opuscolo)    .pdf   
Leggere il testo in italiano e in inglese simultaneamente
Leggere il testo soltanto in inglese

La più grande battaglia che sia mai stata combattuta

1                   Grazie, fratello Orman. Il Signore ti benedica.

2                   Buongiorno, amici. Sono felice di essere di nuovo qui, stamattina. È in qualche modo un po’ inatteso per me stesso e sono sicuro che è così anche per l'assemblea. Stavo semplicemente leggendo… (grazie sorella), sembra che il Signore mi abbia messo in cuore qualcosa da portare alla chiesa e ho pensato che questo è il momento di farlo. Quando sono arrivato, non sapendo che saremmo stati qui, questa domenica, avevo annunciato di avere un Messaggio per la chiesa. Ed io vorrei, se Dio vuole, portare questo Messaggio domenica prossima. Sarà un Messaggio piuttosto lungo, allora, probabilmente non si uscirà prima di mezzogiorno e mezzo o l’una. È da molto tempo sul mio cuore, ed io penso che debba dare una risposta al pubblico, perché non sono stato molto attivo sul campo di missione. Ho predicato al riguardo, ma sono sicuro che ciò non è stato ancora espresso così come si dovrebbe. Allora, penso che, se il Signore vuole, domenica prossima, vorrei prendere veramente il mio tempo ed esporre le mie ragioni ed il perché, e farvi vedere, secondo le Scritture, ciò che sta accadendo. Vedete? Il perché di tutto questo. Difatti, è probabile che presto dovrò andare oltreoceano o da qualche parte. Aspetto ora di vedere su quale via Egli mi manderà.

3                   È stato forse tre o due notti fa, ho ricevuto una telefonata, era quasi mezzanotte; e mi hanno chiesto di pregare per una donna che era all'ospedale. Mi hanno telefonato dicendomi di pregare (ho dimenticato il nome che mi hanno dato… dicevano che era un'amica della signora James Bell, la nostra sorella di colore di questa chiesa, una donna leale e perbene. Credo che il nome che mi è stato dato sia Shepherd). Allora, sono uscito dal letto e mi sono inginocchiato, raccontando ciò a mia moglie, perché la suoneria del telefono l'aveva svegliata. Ed io le dissi: “Dobbiamo pregare per la signora Shepherd, questa sorella ha telefonato e dice che è un'amica della signora James Bell”.

4                   Allora, abbiamo pregato per lei e ci siamo rimessi a letto. Poi, verso le dieci o le undici del giorno dopo, ho ricevuto un'altra telefonata. Era Billy che mi diceva che non si trattava della signora Shepherd, ma della signora Bell stessa, non dell'amica della signora Bell. Lei era in ospedale e il suo caso era molto grave. Mi precipitai all'ospedale, ma lei si era dipartita. Il Signore aveva chiamato a Casa la signora Bell.

5                   La signora Bell si è radunata fedelmente con noi, in questa chiesa, durante gli anni. Suo marito James, ed io stesso, abbiamo lavorato con mio padre parecchi anni per la Pennsylvania e la Colgate, qui, molti anni fa, una trentina d’anni o più, penso. E noi amavamo la sorella Bell, lei era una persona formidabile.

6                   E da come ho compreso, lei ha avuto un violento attacco alla cistifellea ed il suo medico, che conosceva bene il suo caso, non era in città in quel momento. Un nuovo medico è venuto ad esaminarla ed ha consigliato un’operazione urgente, ma lei non è sopravvissuta. E da ciò che ho compreso, il suo medico curante non avrebbe prescritto questa operazione, visto che lei era corpulenta e che la sua cistifellea era in cattivo stato. E aveva dei calcoli, penso, o qualcosa così. Il Signore è stato misericordioso, perché lei aveva avuto altre crisi, prima, ed Egli aveva preso cura di lei ogni volta. Ma questa volta è accaduto che… Ma, diciamo le cose così come sono: Dio ha chiamato la sorella Bell ed è in questo modo che ha voluto prenderla. Vedete?

7                   Siccome si era espresso male chi mi ha comunicato ciò, ho pensato che si trattasse della signora Shepherd. Io non conosco la signora Shepherd. La signora è forse qui stamattina e forse la riconoscerei se vedessi il suo viso. Ma mi fu detto che era la signora Shepherd. E se tutto ciò è accaduto così, questo è perché… Se avessi saputo che era la signora Bell che si trovava in questa condizione, probabilmente sarei andato direttamente laggiù ad intercedere per lei. Ma, vedete, forse Dio non ha voluto che facessimo ciò. Così, sappiamo che tutte le cose cooperano al bene di coloro che amano Dio. Sono sicuro che la sorella Bell amava il nostro Signore. Lei era una brava donna.

8                   Lei era una di noi. Qui, noi non facciamo differenza a causa del colore. La famiglia di Dio non è divisa dal colore. Che siamo rossi, bruni, neri o gialli, non ha nessuna importanza. Che siamo bianchi o altro, siamo fratelli e sorelle in Cristo. Così, l'amavamo. E lei ci mancherà, a noi del tabernacolo. Quanto mi mancheranno quei grandi e vigorosi "amen" della sorella Bell, che venivano dall'angolo, laggiù in fondo. E quando la si riportava a casa, lei parlava del Signore Gesù.

9                   E se ho compreso bene, l'ho giusto appreso alcuni istanti fa, ma credo che il funerale avrà luogo qui, in questa chiesa, martedì prossimo all'una. Ed io penso che siamo tu ed io che dobbiamo presiedere questo servizio funebre.

10              Ma, in questa assemblea, poiché da stamattina manca qualcuno in mezzo a noi, restiamo in piedi un momento, per rispetto alla nostra sorella Bell, mentre chiniamo i nostri capi.

11              Dio della vita, Tu che dai e riprendi la vita; come Giobbe ha detto una volta: “Il Signore ha dato e il Signore ha tolto; benedetto sia il nome del Signore”. Alcuni anni fa, Tu hai mandato la sorella Bell tra noi, affinché fosse nostra concittadina in questo grande regno di Dio. E Ti ringraziamo per qualsiasi fonte d'ispirazione che lei è stata per noi, poiché amava cantare e testimoniare, e lei era talmente riempita dello Spirito che si metteva a gridare e a giubilare. E non aveva vergogna del Vangelo di Gesù Cristo, poiché per lei era la potenza di Dio che conduce alla salvezza. Lei vedeva crescere il numero dei suoi anni e l’ora viene in cui tutti noi dovremo rispondere. E questa mattina Tu l'hai presa di mezzo a noi per essere nella Tua presenza, perché è vero che quando ce ne andiamo da qui, siamo nella presenza di Dio.

12              Oh Dio, Ti ringraziamo per tutto. Ti preghiamo di benedire suo marito, il mio amico James, suo figlio, le sue figlie e tutti quelli... Da ciò che abbiamo compreso, suo figlio sta venendo in aereo dalla Germania, dall’esercito in cui si trova, ritorna a casa per rendere su questa terra l’ultimo omaggio a sua madre che si è dipartita. Quanto il cuore di questo giovane uomo deve essere commosso, stamattina. Ti prego per lui, Signore. Oh Dio, benedicilo. Benedici Jimmy, perché lo vedi che lavora laggiù e fa lunghe ore faticose per supplire ai bisogni della sua famiglia. Ti chiedo che questa grande famiglia non sia divisa, ma che il cerchio familiare si ritrovi intero quando loro saranno in quel Paese, dall'altro lato.

13              Che possiamo, Signore, stringere i legami della nostra armatura e della cintura, per entrare in battaglia adesso e combattere con una persona in meno di quelle che avevamo una settimana fa. Ti preghiamo di sostenerci, fortificarci, e di aiutarci, mentre continuiamo ad avanzare. E che possiamo un giorno essere di nuovo riuniti insieme dall'altro lato. Perché Te lo chiediamo nel nome di Gesù. Amen.

Che l'anima della nostra sorella deceduta riposi in pace.

14              Vorrei dire ancora che il suo servizio funebre sarà predicato qui domenica, o martedì, e noi... Tutti quelli che vorranno venire saranno i benvenuti. Penso che il fratello Neville abbia adottato tutte le disposizioni…

15              Oggi… Vedete, non c'è ne sono molte, se c'è da qualche parte una sedia si potrebbe portare per il fratello e la sorella Slaughter, là in fondo. Ho ricevuto la tua chiamata, sorella Slaughter, e mi sono messo a pregare per l'altra sorella, la sorella Jean Slaughter, che ha una febbre violenta, la tularemia [La tularemia, detta anche febbre dei conigli, è una patologia trasmessa all'uomo da roditori per via di zanzare e zecche. –Ed.]. È certamente un caso serio, ma abbiamo fiducia in Dio che lei sarà guarita.

16              Adesso, vogliamo leggere alcuni passi della Scrittura. Ed io voglio semplicemente insegnare stamattina, prendendo il mio tempo, perché dal mio ritorno dall’Arizona, ebbene, ho la gola un po’ infiammata. Ed ora, domenica prossima, non dimenticatelo… Penso che Billy abbia già spedito gli annunci… credo che sarà un lungo servizio, venite dunque abbastanza presto, per quanto vi sia possibile. Vogliamo cominciare subito, verso le nove e mezza o le dieci, fino a mezzogiorno e mezza o l’una. Qualcosa come tre o quattro ore di predicazione, o più.

17              Amo prendere le Scritture ed esporle, dovreste prendere con voi una matita e della carta. Se c'è una domanda, ponetela, e forse potremo rispondere. Faremo ciò che potremo per aiutarvi.

18              Adesso, leggiamo alcuni passi della Scrittura, per iniziare. Ci sono tre passi della Bibbia che vorrei leggere. Il primo, se volete notarlo e se avete una matita... Voglio riferirmi a parecchi testi della Scrittura stamattina. Il primo sarà in 1. Pietro 5:8-10; Efesini 6:10-17 e Daniele 12:1-14.

19              Adesso, leggendo, prenderemo il nostro tempo. Quasi tutti sono seduti. A parte alcuni che sono indietro in piedi e sul lato. Ma proveremo ad andare il più rapidamente possibile; poi lasceremo uscire quelli che devono partire e noi pregheremo per i malati.

20              C'è qui una signora; è coricata qui da stamattina; è molto malata. Credo che fosse molto malata ieri, ed io volevo che potesse ascoltare stamattina, prima che pregassi per lei. Conosco lo stato di questa piccola signora: è proprio molto malata! Ma abbiamo un glorioso Padre celeste che è più che vincitore su tutte le malattie.

21              Ho letto un breve articolo (avevo chiesto alla signora Wood di leggerlo, ma lei era un po’ restia a farlo) nel quale un dottore in medicina, che criticava la guarigione divina, è rimasto realmente sorpreso. Lui non avrebbe permesso a nessuno, neanche alla sua infermiera, di parlarne nel suo ufficio. Ma, gli capitò di ricevere una paziente che aveva un grosso cancro. Siccome non voleva occuparsi di questo caso, la mandò in un'altra clinica. Neanche in quella clinica volevano occuparsene, e così gliela rimandarono.

22              Oh, era un cancro al seno, e lei era in una condizione terribile. Tutta la pelle era stata rosa ed il cancro affondava nella carne fino alle costole. Suppongo che comprendiate ciò che voglio dire. (Abbiamo il nostro amico, il piccolo medico della Norvegia, che è seduto con noi questa mattina). Egli aveva preparato tutto ciò che era necessario, perché diceva di sapere che lei voleva che la operasse e le togliesse il seno. Era un lavoro veramente sanguinoso ed egli aveva messo ogni tipo di medicazione, etc. L'infermiera preparò la signora e la portò nella sala operatoria, poi tornò a cercare gli strumenti che avrebbero dovuto utilizzare il medico ed il suo assistente per togliere questo seno. Dunque, avevano i loro strumenti stesi là, e quando volle cominciare...

23              Suo marito aveva chiesto di potersi sedere in fondo alla sala per pregare. Egli era un predicatore della santità. Si era seduto ai piedi del letto e pregava. Naturalmente il dottore non era molto soddisfatto di ciò, sapete, che egli fosse là. Ma, fintanto che non guardava, ciò non l’avrebbe disturbato, ebbene, suppongo che era tutto in ordine, non sarebbe svenuto.

24              Così, mentre era seduto e pregava, vi fu un’agitazione nella sala. Il medico si girò per prendere i suoi strumenti e cominciare a togliere questo seno. Tolse le bende, una dopo l'altra, e non c’era neanche una cicatrice sul petto — neanche una cicatrice. Egli disse: “Non è questo che... si è spostato?” Ed egli cominciò... L'infermiera ha dato la sua testimonianza. Entrambi andarono e divennero Pentecostali, furono riempiti dello Spirito Santo, ed ora servono il Signore.

25              Neanche una cicatrice. Il dottor Holbrook ne ha reso testimonianza e ha detto: “Un minuto prima, questa donna era stesa là, e l'infermiera… e c'era sul suo petto l'escrescenza di questo grosso cancro. Un minuto più tardi, non c'era più neanche una cicatrice!” È uno dei nostri migliori medici, qui in America. Dice che allora è stato completamente convinto. Ed adesso, fa il diacono in una chiesa.

26              Vedete, Le persone pensano che la chiesa è un luogo dove voi andate giusto per imparare ad essere buono, o qualcosa di simile. Non è così, amici miei. No! Dio è Dio. Egli è proprio così grande oggi come Lo è stato sempre. Ed Egli sarà sempre lo stesso. Ed Egli è... semplicemente, noi L'amiamo.

27              Adesso, vogliamo leggere in 1. Pietro, al capitolo 5, i versetti 8 e 10, per cominciare:

Siate sobri, vegliate, perché il vostro avversario, il diavolo, va attorno come un leone ruggente cercando chi possa divorare. Resistetegli, stando fermi nella fede, sapendo che le stesse sofferenze si compiono nella vostra fratellanza sparsa per il mondo. E il Dio di ogni grazia, che vi ha chiamati alla sua eterna gloria in Cristo Gesù, dopo che avrete sofferto per un po' di tempo, vi perfezionerà egli stesso, vi renderà fermi, vi fortificherà e vi stabilirà saldamente.

28              Che Dio sia lodato! Adesso nell'Epistola agli Efesini... Vorremmo prendere qui l'Epistola agli Efesini, al capitolo 6, e leggere dal verso 10 al 17, che ho annotato.

Del resto, fratelli miei, fortificatevi nel Signore e nella forza della sua potenza. Rivestitevi dell'intera armatura di Dio per poter rimanere ritti e saldi contro le insidie del diavolo, poiché il nostro combattimento non è contro sangue e carne, ma contro i principati, contro le potestà, contro i dominatori del mondo di tenebre di questa età, contro gli spiriti malvagi nei luoghi celesti. Perciò prendete l'intera armatura di Dio, affinché possiate resistere nel giorno malvagio e restare ritti in piedi dopo aver compiuto ogni cosa. State dunque saldi, avendo ai lombi la cintura della verità, rivestiti con la corazza della giustizia, e avendo i piedi calzati con la prontezza dell'evangelo della pace, soprattutto prendendo lo scudo della fede, con il quale potete spegnere tutti i dardi infuocati del maligno. Prendete anche l'elmo della salvezza e la spada dello Spirito, che è la parola di Dio.

29              Adesso, nel Libro di Daniele, vorrei leggere ancora qualcosa. Dunque, Daniele, al capitolo 12. Voglio iniziare dal verso 1, e leggere una grande parte di questo capitolo, fino al verso quattordici.

«In quel tempo sorgerà Michele, il grande capo, il difensore dei figli del tuo popolo; vi sarà un tempo di angoscia, come non ce ne fu mai da quando sorsero le nazioni fino a quel tempo; e in quel tempo, il tuo popolo sarà salvato; cioè, tutti quelli che saranno trovati iscritti nel libro. Molti di quelli che dormono nella polvere della terra si risveglieranno; gli uni per la vita eterna, gli altri per la vergogna e per una eterna infamia. I saggi risplenderanno come lo splendore del firmamento e quelli che avranno insegnato a molti la giustizia risplenderanno come le stelle in eterno. Tu, Daniele, tieni nascoste queste parole e sigilla il libro sino al tempo della fine. Molti lo studieranno con cura e la conoscenza aumenterà». Poi io, Daniele, guardai, ed ecco altri due uomini in piedi: l'uno su questa sponda del fiume e l'altro sulla sponda opposta. Uno di essi disse all'uomo vestito di lino che stava sulle acque del fiume: «Quando sarà la fine di queste cose straordinarie?» Udii l'uomo vestito di lino, che stava sopra le acque del fiume. Egli alzò la mano destra e la mano sinistra al cielo e giurò per colui che vive in eterno dicendo: «Questo durerà un tempo, dei tempi e la metà d'un tempo; e quando la forza del popolo santo sarà interamente spezzata, allora tutte queste cose si compiranno».

(Credo che mi fermerò giusto là).

30              Voglio prendere il mio argomento da questo testo, se si può chiamarlo un argomento, e trarne questo titolo: La più grande battaglia che sia stata mai combattuta. È ciò, il mio argomento per oggi.

31              Adesso, come sono arrivato a prendere questo come argomento per stamattina? Noi siamo appena arrivati, perché alcuni consiglieri della chiesa ed io stesso eravamo in Arizona. Siamo andati per avere un incontro a Phoenix, nel tabernacolo del fratello Sharrit. Ma, quando ho scoperto che un fratello era nella città, e che teneva una riunione sotto una tenda, ebbene, ho preferito non fare una riunione. Ho pensato che forse avrei potuto farla la domenica pomeriggio, per non disturbare i nostri fratelli e le loro chiese. Ma ho visto che egli teneva delle riunioni anche la domenica pomeriggio. Mi era difficile, in queste condizioni, di tenere una riunione. Così, con i fratelli, invece di continuare durante la giornata, dato che eravamo a caccia, siamo andati in città e ci siamo preparati per andare al culto presieduto da fratello Allen. Ci siamo recati dunque alla riunione del fratello Allen, ed egli ha predicato un potente sermone. Abbiamo trascorso un buon momento ad ascoltare il fratello Allen, ed a sentire i cantori e via dicendo. È stata una bella riunione.

32              E dunque, abbiamo visto, lungo tutto la strada, la mano del Signore. Non importa dove andavamo, potevamo vedere che il Signore Gesù voleva incontrarci. C'era qualcosa che facevamo uscire da noi stessi, e ci attirava nel deserto. È qualcosa di speciale, vi ritrovate così solo, c'è qualcosa che vi attira. Ciò, penso, è una delle ragioni per le quali amo i luoghi lontani da tutto. Porta lontano dal potere del nemico.

33              Un demonio è quasi innocuo se non ha qualcosa per mezzo della quale egli possa agire. Vi ricordate di quei demoni che sono stati cacciati da Legione? Volevano fare ancora altre cattiverie ed è per questo che vollero andare nei maiali. Dunque, i demoni hanno bisogno di qualcosa per operare, qualcuno attraverso il quale agire. Ed è anche il modo in cui Dio opera. Egli deve averci. Egli dipende da noi, per operare attraverso di noi.

34              Parecchi sono venuti durante il nostro giro, ci hanno raccontato i sogni che hanno avuto ed il Signore non ha mai mancato di dare l'interpretazione corretta, ed era esattamente in quel modo.

35              Nella Sua bontà, Egli ci ha condotti là dove c'era della selvaggina, mostrandoci dove si trovava. Era semplicemente meraviglioso stare laggiù, seduti, la sera, intorno al fuoco da accampamento, a chilometri e chilometri dalla circolazione, a guardare il fuoco da accampamento che proiettava la sua luce vacillante sulle rocce dei dintorni. Oh, era straordinario.

36              C'era là un fratello che aveva avuto delle difficoltà con sua moglie. Anni prima, in una riunione dove tenevo un servizio di guarigione, aveva sollevato la testa, mentre avevo chiesto alle persone di tenere il capo chino. C'era sulla piattaforma un cattivo spirito che non voleva lasciare una donna, e quella signora, con una mancanza totale di rispetto, sollevò ugualmente la testa. E lo spirito lasciò la donna che era sulla piattaforma per entrare in lei. È stato circa quattordici anni fa, e quella signora è caduta in una triste condizione, anche dal punto di vista mentale, al punto da fare delle cose completamente sbagliate. Per esempio, ha lasciato il proprio marito, se ne è andata ed ha sposato un altro uomo, mentre viveva ancora con suo marito. Affermava di non sapere che aveva fatto ciò.

37              Hanno provato ad esaminarla… Come chiamate ciò? Amnesia. Oh, non ricordo mai che è questo nome. Suppongo che sia giusto, Doctor. Ma non si trattava di ciò. Era un spirito. Questa signora era una delle nostre migliori amiche, ma da quella sera lei mi odia (naturalmente voi comprendete il perché!).

38              Ma quando suo marito è venuto e ci siamo inginocchiati nel locale per pregare, allora lo Spirito Santo è sceso; era ciò. Poi Egli è apparso a suo marito, questa notte, in un sogno. Egli ritornò per raccontarci questo sogno e pensava che fosse solamente un sogno ordinario. Ma scoprimmo che era la risposta riguardo alla guarigione di sua moglie. Oh, come lo Spirito Santo ha agito! E laggiù a Tucson, con il fratello Norman e gli altri, il Signore ha cominciato di nuovo a fare delle grandi e potenti cose e a dare delle rivelazioni. Una sera, ed è ciò che mi ha portato a questa conclusione, mi trovavo con il fratello Wood ed il fratello Sothmann, erano circa le dieci, ed io guardavo verso il cielo, quando un timore reverenziale venne su di me. Ed io dissi: “Guarda dunque! Tutto questo grande esercito celeste! Ogni cosa si trova in una perfetta armonia”.

E il fratello Wood disse: “Guarda queste due piccole stelle, sono così vicine una all'altra che sembrano brillare di una sola luce”.

39              Dissi: “Ma sai, fratello Wood, che la scienza la chiama Orsa, la piccola e la grande Orsa? Queste stelle non sembrano essere separate da più di due pollici l’una dall'altra e, tuttavia, sono più lontane una dall'altra di quanto noi lo siamo da esse! E se partissero in direzione della terra, alla velocità di migliaia di chilometri all'ora, occorrerebbero loro centinaia e centinaia d’anni per raggiungerla”. Aggiunsi: “In tutti questi grandi sistemi di cui ci parlano coloro che li osservano con i telescopi, si può vedere alla distanza di 120 milioni di anni-luce, e ci sono ancora delle lune e delle stelle. Tuttavia, Dio ha fatto ciascuna d’esse. Ed Egli siede in mezzo ad esse”.

40              Dissi: “Da qualche parte, là dentro, mi è stato mostrato una volta lo zodiaco, in un osservatorio. Ciò comincia con la Vergine, passa mediante l'epoca del Cancro, e giunge fino all'ultima epoca del Leone — Leo — il Leone. La prima venuta di Cristo era tramite la Vergine; la sua seconda venuto sarà tramite il Leone della tribù di Giuda”. Dissi: “Faccio del mio meglio per vedere lo zodiaco, e non arrivo a vederlo, tuttavia, è là. Coloro che hanno ricevuto una formazione sanno che è là. Giobbe l'ha visto. Gli uomini avevano l'abitudine di osservarlo. Era come una Bibbia in quei tempi. Ma Dio si tiene nel mezzo di tutta questa grande massa di milioni e di miliardi di anni-luce, ed Egli guarda in basso. Paolo si trova là; mia madre è da qualche parte là, e guarda in basso”.

41              Ed io pensavo all'ordine di questo esercito celeste. Ciascuno è al suo posto. Ogni stella di questo grande esercito di Dio mantiene perfettamente il suo tempo. Pensavo a tutti questi soldati, e se mai accadesse che la luna uscisse dal suo posto, la terra sarebbe coperta di nuovo d’acqua in alcuni minuti. La terra sarebbe esattamente come era quando Dio decise di adoperarla per farci abitare qui. Era informe e vuota, c'erano delle tenebre e le acque coprivano tutta la superficie della terra. E se mai la luna si spostasse, accadrebbe di nuovo la stessa cosa. Quando la luna si scosta un po’ dalla terra, ecco che le maree salgono. Se si avvicina, la marea segue semplicemente il movimento. È il grande esercito di Dio.

42              E, quando pensavo che tutto ciò, era il grande esercito di Dio… Poi, siamo andati a letto, ed io ricominciai a pensare che non una d’esse si muoveva dal suo posto; tutte rimanevano al loro posto. E, se c'è un movimento in mezzo ad esse, da qualche parte, è per uno scopo e ciò avrà effetto su questa terra. Ne vediamo già i risultati, indipendentemente da quella chi si muove verso un altro posto. Ciò produce il suo effetto. Ha effetto su ogni cosa.

43              Poi, pensavo che se questo grande esercito celeste deve custodire così il suo posto per compiere ogni cosa in ordine, che ne è del disordine dell'esercito terrestre? Noi vediamo che se uno esce dall’ordine, ciò disorganizza tutto il resto. Il programma intero di Dio è sconvolto quando un solo membro esce dall'ordine. Dovremmo sforzarci costantemente di mantenere l'ordine dello Spirito.

44              E stamattina, vorrei che avessimo, con l'aiuto di Dio, un vero servizio di guarigione; che possiamo custodire questo gruppo riunito sotto questo tetto stamattina, in una tale armonia, che ci sia una guarigione spontanea dell'anima e del corpo. Se custodiamo semplicemente la nostra posizione.

45              Ora, come dicevo al principio di questa riunione, questa signora che aveva il cancro e che il dottor Holbrook voleva operare... Il Dio che ha causato questo rumore nella clinica togliendo questo cancro — senza lasciare neanche una cicatrice — non sapete che questo stesso Dio è qui? E la sola cosa che Egli aspetta dal Suo esercito, è che mantenga la sua posizione, come le stelle mantengono la loro posizione.

46              Voi sapete che abbiamo avuto una guerra dopo l'altra e dei rumori di guerre; e se la terra rimane, avremo ancora più guerre. Vi rendete conto che in realtà ci sono solo due potenze in tutto l'universo? In tutte le dispute che esistono tra le nazioni e le divergenze tra di noi, non restano in fin dei conti che due potenze. Ci sono solamente due poteri e due regni. Due autorità e due regni. Tutto il resto, tutte le cose, di minore importanza si ricollegano ad uno o l'altro di questi poteri. E questi poteri sono il potere di Dio ed il potere di Satana. É per questo che ogni guerra, ogni disordine, ogni cosa che sopraggiunge è controllata o dal potere di Dio, o dal potere di Satana, perché sono le due uniche autorità che ci siano. È da una parte il potere della Vita e dall’altra parte il potere della morte. Dunque, questi sono i due unici poteri.

47              E Satana può solamente… Il potere che egli ha, è il potere di Dio pervertito. Questo non è un potere reale; tutto ciò che Satana ha, è una perversione del potere di Dio. La morte è solamente una vita pervertita; la menzogna è una verità falsamente raccontata. Vedete? L'adulterio è il cattivo impiego di un atto; un atto giusto impiegato male. Vedete? Tutto ciò che Satana possiede è qualcosa che è stata pervertita, ma è un potere.

48              E noi che siamo seduti qui, oggi, siamo dominati da uno o l’altro di questi poteri. Allora, cacciamo il cattivo. Prendiamo la nostra posizione, come lo fanno le stelle nel cielo.

49              La Bibbia, nel Libro di Giuda, parla delle “stelle erranti, che vomitano la schiuma delle loro brutture”. Non vogliamo essere delle stelle erranti, che si chiedono se questo è giusto, o se quello è giusto; che si chiedono se questo accadrà, o come ciò può essere. Non chiedete! Rimanete simili a queste stelle nel cielo che mantengono la loro posizione come veri soldati. Restate al vostro posto e abbiate fede. La vita e la morte…

50              Un esercito… quando una nazione si prepara ad attaccare un'altra nazione, ha il dovere di sedersi prima per valutare ciò che è giusto e ciò che è sbagliato e se loro sono in grado o no di attaccare l'altra nazione. Gesù ha insegnato ciò. Se si facesse ciò, se le nazioni si fermassero e si sedessero per riflettere su queste cose, ciascuna dal canto suo, non ci sarebbero più guerre.

51              Constatiamo che se un uomo non fa ciò, se in primo luogo lo stato maggiore della nazione non si siede per esaminare se hanno ragione, se i loro motivi ed i loro obiettivi sono giusti e se hanno una forza sufficiente per vincere l'altro esercito, allora possono essere sicuri di perdere la guerra!

52              È là che il generale Custer commise il suo errore fatale. Da ciò che ho compreso, il generale Custer aveva ricevuto l'ordine dal governo di non entrare nel territorio dei Sioux, perché era un periodo di festa religiosa per loro. Era un tempo di adorazione ed essi celebravano una festa. Ma Custer aveva bevuto ed egli voleva farlo ad ogni modo. Che ci fossero degli ordini o no, egli voleva attraversare il territorio. Ed allora, sparò su alcuni uomini innocenti. Sparò contro di loro, ed io penso che ne raggiunse alcuni. Si trattava di giovani esploratori che erano andati a caccia per nutrire il popolo, mentre le persone erano in adorazione. E Custer, attraversando il territorio, li vide, pensò che stessero venendo contro di lui ed è così che spararono contro questi giovani esploratori. Questi presero la fuga e se ne ritornarono. Che cosa fecero? Si armarono, ritornarono, e fu la fine del generale Custer. Tutto ciò perché prima non si era seduto, per riflettere.

53              Non aveva niente da fare là! Non aveva il diritto di essere là! Ad ogni modo, avrebbe respinto gli indiani dalla costa est verso l'ovest. Avevano fatto un trattato, ma egli violò questo trattato. E quando ruppe questo accordo, perse la battaglia.

54              Così, un esercito, prima che sia pronto per andare al combattimento, deve avere dei soldati selezionati. Devono essere vestiti per la battaglia. Devono essere addestrati al combattimento. Ed io credo che la più grande battaglia che sia mai stata combattuta è pronta ad essere ingaggiata. Credo che Dio stia scegliendo i Suoi soldati; credo che li abbia vestiti e li addestri. Adesso, il fronte della battaglia è stabilito e la battaglia è pronta per iniziare.

55              Questa grande battaglia, la prima che sia mai stata ingaggiata, è cominciata nel cielo quando Michele ed i suoi angeli combatterono contro Lucifero ed i suoi angeli. Il primo combattimento ebbe luogo nel cielo, così il peccato non è iniziato sulla terra, ma nel cielo. Poi, egli è stato rigettato dal cielo, cacciato dal cielo sulla terra, ed è caduto sugli uomini. Allora, il combattimento tra gli angeli è diventato un combattimento umano. Satana è venuto per distruggere la creazione di Dio. Ciò che Dio aveva creato per Sé, Satana è venuto per distruggerlo. Era questa la sua intenzione: distruggere. Allora, il combattimento è cominciato qui sulla terra, è iniziato in noi, e da allora ha continuato ad imperversare.

56              Prima che una battaglia possa avere luogo, occorre innanzitutto che sia scelto un luogo di incontro, un luogo dove possa svolgersi il combattimento, un luogo scelto. All'epoca della prima guerra mondiale, questo luogo era una terra di nessuno, era il luogo dove combattevano, il luogo che era stato scelto.

57              È come quando Israele andò a fare la guerra ai Filistei; c'era una collina da ogni lato del luogo dove si erano radunati. Ed è di là che uscì Golia per gridare contro gli eserciti d'Israele. È nella valle che Davide lo incontrò, dopo aver passato il piccolo ruscello che colava tra le due colline, dove prese le pietre. Ciò doveva essere un posto scelto.

58              È là che c'è un campo comune, una terra di nessuno, e combattono in questo luogo. Non ce n’è qualcuno che si batte qua in alto, alcuni là in basso, e altri ancora giusto qui. C'è un fronte di battaglia dove si incontrano e provano le loro forze, dove ciascuna armata prova il suo potere contro l'altro esercito. Si affrontano tutti allo stesso luogo.

59              Adesso, non mancatelo! Quando questa grande battaglia è cominciata sulla terra, doveva esserci un campo di battaglia. Occorreva che un luogo fosse stato scelto, dove il combattimento potesse essere ingaggiato e imperversare. Questo campo di battaglia si trova nella mente umana. È là che il combattimento è cominciato. La mente umana è stata scelta come campo di battaglia, dove si doveva iniziare, e questo è perché le decisioni si prendono nella mente, nella testa.

60              Il combattimento non è cominciato in qualche organizzazione; non è cominciato per ragioni materiali, non è su questo campo che ciò è cominciato. Di conseguenza, un'organizzazione non può mai fare l'opera di Dio, perché il campo di battaglia dove dobbiamo incontrare il nostro nemico si trova nella nostra mente. Dovete fare una scelta; è là.

Vorrei che la ragazza che è laggiù e che è molto malata, ascolti molto attentamente questo.

61              Le decisioni sono prese nella mente, nella testa. È là che Satana ci incontra. E le decisioni esistono perché è così che Dio ha fatto l'uomo. Se guardaste sul foglio di carta che ho qui, vedreste un piccolo schizzo che ho fatto. Non è da molto tempo che l'ho disegnato, ed io l'ho riportato alla lavagna.

62              L'essere umano è costituito come un chicco di grano. È un seme, e l'essere umano è un seme. Fisicamente, siete il seme di vostro padre e di vostra madre, la vita viene dal padre e la carne dalla madre. Così, i due insieme, l'ovulo ed il sangue, si uniscono, e nella cellula del sangue si trova la vita. È là che comincia lo sviluppo che produce il bambino.

63              Ogni seme è formato da un involucro esterno, all'interno c’è la carne e all'interno della carne si trova il germe di vita. Ebbene, è così che siamo formati. Siamo corpo, anima e spirito. L'esterno, il corpo, è l’involucro, l'interno (la coscienza etc.) è l'anima, poi dentro l'anima si trova lo spirito. E lo spirito governa tutto il resto.

64              Quando andrete a casa, sedetevi; disegnate tre cerchi, e notate che il corpo esterno ha cinque sensi tramite i quali ci si può mettere in contatto con esso; questi sono: la vista, il gusto, il tatto, l'olfatto e l'udito. Sono i cinque sensi che controllano il corpo umano. All'interno del corpo c'è un'anima, che è controllata tramite l'immaginazione, la coscienza, la memoria, la ragione ed i sentimenti. Questo è ciò che controlla l'anima. Ma lo spirito, ha solamente un senso… lo spirito. Comprendete bene ciò! Lo spirito ha un solo senso, e questo senso che lo domina è: la fede o il dubbio! È vero! E ha solamente una via d’accesso, ed è il libero arbitrio. Voi potete accettare il dubbio o potete accettare la fede; quello dei due che desiderate vedere agire in voi.

65              È la ragione per la quale il ruolo principale di Satana è di condurre lo spirito dell'uomo a dubitare della Parola di Dio. Al principio, il ruolo principale di Dio era stato di depositare la Sua Parola nello spirito dell'uomo. Ecco. È ciò che accade.

66              Se adesso, questa chiesa potesse essere radunata ed unita in modo che tutti qui siano di uno stesso accordo, senza che vi sia l'ombra di un dubbio da nessuna parte, nello spazio di cinque minuti non ci sarebbe più una sola persona debole in mezzo a noi; non ci sarebbe più nessuno qui, che desideri lo Spirito Santo e che non l'abbia ricevuto. Se poteste essere fondati semplicemente su questa cosa!

67              È là dove comincia il combattimento, giusto nella vostra mente. Adesso, ricordatevi che non si tratta della Scienza Cristiana, ciò non ha… La mente accetta la Vita che è la Parola di Dio, e questa porta la Vita. Il vostro pensiero da solo non può farlo, ma la Parola di Dio portata dal canale del vostro pensiero lo fa. Vedete? Non è il pensiero, come fa la Scienza Cristiana, dicendo che il pensiero domina la materia. No! Non è ciò. Ma la vostra mente accetta la Parola e l'afferra. Da chi è governata la vostra mente? Dal vostro spirito. Ed il vostro spirito afferra la Parola di Dio; ed è in Essa che si trova la Vita. Ed Essa vi reca la Vita.

68              O fratelli, quando ciò accade, quando la Vita scende in voi tramite questo canale, allora la Parola di Dio è manifestata in voi. “Se dimorate in me e le mie parole dimorano in voi, domandate quello che volete e vi sarà fatto”.

69              Allora, che cosa accadrà? Dal mezzo del cuore, dove si trova l'anima, di là estrarrà ciò che nutre tutti i differenti canali. Il problema viene dal fatto che ci teniamo qui con molti dubbi, provando ad accettare ciò che è là, all'esterno. Dovete smettere di fare ciò, e lasciare passare la vera Parola di Dio mediante questo canale. Allora, ciò uscirà da sé, automaticamente. Ciò che conta è quello che c'è all'interno; Satana vi attacca all'interno.

70              Voi direte: “Non rubo; non bevo; non faccio queste cose”. Ciò non ha niente a che vedere; ciò che conta è l'interno! Poco importa quanto siate buoni, quanto siate morali, quanto siate fedeli; queste cose sono rispettabili, ma Gesù disse: “Se un uomo non nasce di nuovo…” Vedete? Occorre che qualcosa accada all'interno. Altrimenti è una farsa, perché nel profondo del vostro cuore, c'è ancora il desiderio di fare il male.

71              Ciò non deve essere artificiale, deve essere reale. E c'è una sola via affinché ciò venga in voi, è per mezzo del libero arbitrio, che viene nella vostra anima tramite i vostri pensieri. «Un uomo è come sono i pensieri del suo cuore. Se dite a questo monte: “Spostati!”, e non dubitate nel vostro cuore, ma credete che ciò che avete detto accadrà, potete avere ciò che dite”». Comprendete ciò? Ecco. Vedete? È là che si trova il campo di battaglia!

72              Se solamente cominciaste innanzitutto da ciò! Desideriamo tanto vedere compiersi delle cose! Desideriamo tanto fare qualcosa per Dio! Questa signora, indubbiamente, vorrebbe così tanto vivere; essere in buona salute. Altri sono qui che vogliono essere in buona salute. E quando sentiamo parlare di questo caso, arrivato da questo medico, della risurrezione di questo morto e delle cose gloriose e potenti che il nostro Dio ha fatto, allora v’è in noi un grande desiderio. E la cosa è tale che cerchiamo di raggiungere ciò per mezzo di questi sensi, come la coscienza, di afferrare fermamente qualcosa.

73              Spesso, molte persone hanno frainteso la Parola ed io stesso sono stato spesso frainteso per quanto concerne il fare delle chiamate all'altare. Ho detto che non ero molto favorevole alla chiamata per venire all'altare; ciò non significa che voi non dovreste fare chiamate all'altare. Ma una persona prende un'altra persona per il braccio e gli dice: «Oh, fratello John, sai una cosa? Tu ed io siamo vicini da così tanto tempo, vieni dunque all'altare, inginocchiati».

74              Che cosa sta facendo? Vorrei avere una lavagna qui affinché vi possa mostrare ciò che egli sta facendo. Prova ad agire per mezzo della sua anima, dei suoi sentimenti. Ma ciò non funzionerà. Non è la strada. Certo che non lo è. Forse sta agendo tramite la memoria, uno dei sensi della sua anima: «Oh, fratello John, tu avevi una madre meravigliosa; lei è morta molto tempo fa!» La memoria. Vedete? Non potete fare ciò. Ciò deve venire per la via del libero arbitrio. Voi stessi, lasciate che la Parola di Dio... Non siete venuti perché vostra madre era una brava donna, non siete venuti perché eravate un buon vicino; siete venuti perché Dio vi ha chiamati a venire e l'avete accettato sulla base della Sua Parola. È questa Parola che significa tutto.

75              Questa Parola, se potete togliere tutto dalla strada, la coscienza... tutti i sensi e lasciare giusto  entrare la Parola, questa Parola produrrà perfettamente ciò che deve produrre.

76              Vedete qui con che cosa ciò è ricoperto? Voi direte: «Ebbene, questa coscienza, questi sentimenti, etc., non hanno niente a che fare con ciò, fratello Branham!» Certamente! Se lasciate entrare la Parola e la coprite con la coscienza, allora, non può crescere. Diventerà una Parola deformata. Non avete mai visto un buon chicco di grano gettato in terra sul quale si è lasciato cadere un bastone? Si deforma sin dalla sua crescita. È così che crescerà qualcuno, o qualcosa alla quale è stato messo un ostacolo.

77              Ebbene, è ciò che c'è con la nostra fede pentecostale di oggi. Abbiamo lasciato troppe cose ostacolare la fede che c'è stata insegnata, lo Spirito Santo vivente in noi. Noi abbiamo lasciato troppe cose... guardando agli altri; il diavolo prova sempre a farvi notare le trasgressioni degli altri ed egli fa del suo meglio per tenervi lontano dalla testimonianza reale, da ciò che è autentico. Vi mostra un ipocrita, talvolta, che prova ad imitare qualcosa. Lo fa perché è un imitatore. Ma se ciò viene dalla vera sorgente della Parola di Dio: «Il cielo e la terra passeranno, ma la mia Parola non passerà». Rimarrà! Comprendi ciò, sorella?

78              Ciò deve essere accettato prima nella mente; poi, ciò è creduto dal cuore. Allora, la Parola di Dio diventa una realtà, poi tutti i sensi dell'anima e del corpo sono puliti dallo Spirito Santo. Allora, avete il senso di Dio, la coscienza di Dio; allora, tutto ciò che è divino scorre attraverso di voi. Non c'è da qualche parte un solo dubbio. Niente può alzarsi, niente che possa venire alla memoria e dire: «Ebbene, mi ricordo che la signorina Jones ha provato ad affidarsi a Dio. La signorina Tal dei tali, la signorina Doe ha provato una volta ad affidarsi a Dio per la guarigione e ciò non è riuscito». Vedete? Ma se il canale è stato pulito, è stato purgato e riempito all'interno dello Spirito Santo, ciò non deve ritornare più alla memoria. Poco importa ciò che riguarda la signorina Jones e ciò che lei ha fatto. È un affare tra te e Dio, e nessun altro che voi due. Ecco! È là il vostro combattimento.

79              Uccidetelo immediatamente! Fermatelo completamente sulla sua strada. Non si tratta di sapere quanto tempo potete far durare la guerra, bisogna finirla all'istante. Se venite e custodite il ricordo, la coscienza e tutti questi pensieri come: «Ebbene, ma io rischio di fallire. Forse non è giusto...» Non fate ciò, affatto! Mettete tutto da parte ed aprite il canale dicendo: «Oh Dio, la Tua Parola è eternamente vera ed Essa è per me. Se la chiesa intera fallisce, se il mondo intero fallisce, malgrado tutto ciò, io non posso fallire, perché prendo la Tua Parola, perché io prendo la Tua Parola!»

80              È là che si svolge la battaglia; tutto è là. Perché il Dio Onnipotente toglierebbe un cancro dal seno di una donna senza lasciare una sola cicatrice e lascerebbe Egli morire uno bambino? È impossibile.

81              Una piccola ragazza, una liceale, è venuta qui non molto tempo fa. Sua madre mi aveva chiamato al telefono, dicendomi: «Fratello Branham, la mia ragazza ha la malattia di Hodgkin» (è un cancro che forma dei grumi). Il medico aveva fatto un prelievo da una lesione che aveva alla gola e l'aveva mandato per farlo esaminare. Era veramente la malattia di Hodgkin. Così, egli disse: «Il prossimo grumo può fare irruzione nel suo cuore e se ciò accade è la fine». Aggiunse: «A vedere come si formano i grumi, non avrà probabilmente più di tre mesi di vita».

La madre disse: «Cosa devo fare? Rimandarla a scuola?».

Egli rispose: «Che vada là, perché lei se ne andrà probabilmente all’improvviso. Lasciatela andare e vivere il più normale possibile. Non ditele niente di ciò».

Così, questa signora mi disse: «Cosa devo fare?»

Le dissi: «Portala qui, e mettila nella fila di preghiera». Aggiunsi: «Tu vieni con lei» (ebbi un sentimento un po’ bizzarro).

82              Quando la ragazzina venne quella mattina là, le labbra truccate di blu, come loro fanno a scuola... Quando questa piccola si avvicinò (non sapevo chi fosse, mi avevano chiamato al telefono), toccai la sua mano, e dissi: «Buongiorno, sorella». Ecco! Lei era là. Guardai sua madre un istante e vidi che entrambi erano senza Dio, senza Cristo. Dissi: «Come potete aspettare la guarigione su questa base? Volete accettare Gesù Cristo come vostro personale Salvatore?» Aggiunsi: «Volete venire in questa vasca, qui, ed essere battezzate nel nome di Gesù Cristo per la remissione dei vostri peccati?»

Loro risposero: «Lo vogliamo!» Oh, e sapete ciò che accadde?

83              Questa donna è seduta forse qui stamattina. Parecchi di voi conoscono questo caso. Il fratello Mike Egan, uno dei nostri amministratori, ha osservato il caso; questo è stato circa quattro o cinque anni fa. La piccola ragazza fu riportata dal medico e non si trovò più in lei la minima traccia della malattia di Hodgkin!

84              Che cosa era accaduto? Dovete aprire in primo luogo il canale! Dovete fare in modo che il soldato, lo Spirito Santo, sia posto al fronte della battaglia per prendere la Parola di Dio. Egli è la Parola ed Egli si tiene là. Allora, non c'è niente che possa fermarlo. Ciascuno degli altri canali sono puliti.

85              È  come con una vecchia caldaia che ha un tubo tappato; l'accendete, ed ecco che esplode. È ciò che c’è con tanti Cristiani «esplosivi»; ciò viene dal fatto che loro non puliscono il canale. Non scendono all'interno. Dovete pulirlo, pulire la coscienza, la memoria, i pensieri, lasciando da parte ogni cosa e partendo dall'interno con la genuina Parola di Dio, che è la verità. Poco importa se diecimila persone piene di fiducia muoiono oggi da questo lato e che diecimila muoiono domani da quest’altro lato, piene di fiducia. Ciò non ha niente a che fare con me. Sono una persona, un individuo, pieno di fiducia. Credo personalmente queste cose.

86              E noi potremo vedere lontano dietro di noi, se vogliamo aprire i nostri canali. Allora, se possiamo vedere, scopriamo questo e quello, ed ancora questo e quello, delle migliaia di cose, che rendono testimonianza. Ma il diavolo prova a ritornare. Vedete, se può ritornare là, metterà il vostro esercito in disfatta. Se siete in possesso di tutti i vostri sensi, la vista, il gusto, il tatto, l'olfatto, l'udito, questo è molto bene, ma non confidate in essi, a meno che siano in accordo con la Parola. Vanno molto bene, ma se non si accordano con la Parola, non li ascoltate.

87              Adesso, l'immaginazione, la coscienza, la memoria, la ragione ed i sentimenti sono qualcosa di molto bene, se si accordano con la Parola. Ma se i vostri sentimenti non  si accordano con la Parola, sbarazzatevi di loro. Se no, il tubo non tarderà ad esplodere. Vedete? Se la vostra ragione è in disaccordo con la Parola, allontanatevi da essa. Questo è giusto! Se la vostra memoria, se la vostra immaginazione, se la vostra coscienza, così come qualcosa non concorda con la Parola che viene dall'interno, sbarazzatevene!

88              Allora, che cosa accadrà? Diventate come il sistema solare. Alleluia! Dio pone le stelle in ordine, e dice: «Resta qui finché ti chiamo». E lei rimane là! Niente può farla spostare. Quando Dio può prendere un uomo nelle Sue mani, finché i suoi sensi, la sua coscienza, tutte queste cose siano purificate, fino al punto che egli si trova con Dio dietro di Lui nello Spirito, non c’è più un demonio nel mondo che possa mettere ancora un dubbio in lui! È esatto!

89              Se egli viene là dicendovi: «Non ti senti meglio!» La vostra coscienza è morta ad un tale pensiero. Il tubo è talmente liberato che esclama: «Alleluia!» La valvola si mette a fischiare: «Gloria a Dio!» Ed il canale canta, perché è abbastanza pulito e libero affinché la Parola di Dio, la potenza di Dio, possa agire attraverso di lui. Comprendete? È là la cosa principale, è il vostro campo di battaglia. Il vostro campo di battaglia è là dietro, al principio; là dietro, nell'anima, nella vostra mente che si apre. La mente è la porta della vostra anima o, piuttosto, la porta del vostro spirito. La vostra mente si apre ed accetta lo Spirito, o rigetta lo Spirito.

90              Potete avere consapevolezza di qualcosa, provare alcune impressioni e sensazioni, tutte queste cose, ma ciò non ha niente a che vedere! Non sono che delle piccole sensazioni e via dicendo. Ma quando si arriva alla realtà, allora, la vostra mente si apre. La vostra mente l’accetta o lo rigetta. È così, amici. Dio non lascia che nessuno di loro lo manchi. Vedete? È la vostra mente che apre la porta (o che la chiude), che ascolta la vostra coscienza, la vostra memoria, i vostri sentimenti. Ma quando la vostra mente si chiude a queste cose e lascia entrare Dio, lo Spirito della Sua Parola, soffia fuori il resto di queste cose. Ogni dubbio è sparito; tutte le paure sono sparite. Ogni sensazione di dubbio è sparita. Tutto ciò che viene dai sentimenti è eliminato. Non resta altro che la Parola di Dio, e Satana non può combattere contro ciò. Non lo può! Non può combattere contro Essa. Noi sappiamo che è vero.

91              Questa battaglia è infuriata dai giorni del giardino dell’Eden, questa battaglia nella mente umana. È Satana che l'ha cominciata. Che cosa fece quando incontrò Eva? Non negò la Parola di Dio: la mascherò. Tappò alcuni piccoli canali qui e là. Disse: «Ma certamente che Dio...» (Genesi 3:1) Vedete? «Certamente che Dio... tutte queste cose che Egli ha promesso...» Sapeva che la Parola era esatta, di conseguenza, sapeva anche che non avrebbe potuto annullarla brutalmente, con clamore, allora L’addolcì.

92              È un po’ ciò che faceva nostra madre per farci prendere una purga. Provava a mettere del succo d’arancia nell'olio di ricino. Oh, è meglio prendere l'olio di ricino senza il succo d’arancia! È qualcosa di ipocrita. Vedete? Lei aveva l'abitudine di darci la sera dell'olio minerale contro la laringite; dopo averlo versato in un cucchiaio, lei ci metteva sopra lo zucchero. Vedete? Era un po’ ipocrita, perché ciò ci bruciava le tonsille, quando lo zucchero era sciolto!

93              Ebbene, amici, è così che Satana agisce: egli prova ad essere ipocrita riguardo alla Parola. Prova a mostrarvi qualcosa di meglio, una strada più facile, un piano più ragionevole. Ma non c'è un piano più ragionevole di quello che Dio ha tracciato al principio — è la Sua Parola! Tenetevi a questa Parola: afferratevi ad Essa. Lasciate che si afferri a voi! Tenetevi là con Essa! È ciò che occorre.

94              La battaglia infuriò quando Eva aprì la sua mente per ascoltare il suo proprio ragionamento. Fu questo il condotto attraverso il quale Satana entrò, fu attraverso questo canale che egli scese, il suo ragionamento. Lei ragionò nella sua anima. Vide il serpente dai suoi occhi. Era molto bello, di bell'aspetto, e molto  meglio del proprio marito. Egli era il più astuto di tutte le bestie dei campi. Ed egli era probabilmente un essere più cortese di suo marito. Tenendosi là, davanti a lei, gli appariva come una bestia molto virile. Era semplicemente meraviglioso! E la prima cosa che lei fece, fu di aprire la sua mente. E, quando lo fece, i ragionamenti umani si impossessarono di lei. «Oh, deve essere qualcosa di sublime!»

95              Oggi è ancora così che egli agisce con la donna. Una donna che ha un gentile piccolo marito, trova qualche grande uomo virile e quest’uomo prova ad aprire la strada del suo ragionamento. Ricordatevi, questa è l'opera di Satana, è il diavolo! O, viceversa, è l'uomo riguardo alla donna, o la donna riguardo all'uomo. Che sia uno o l’altro; che fa egli? Opera nella facoltà del ragionamento, tramite la coscienza, mediante la quale ci sono delle cose che cominciano a svilupparsi. Ma date il primo posto alla Parola di Dio!

96              Un uomo non può arrivare persino a peccare. Alleluia! Ecco qui qualcosa di fresco. Un uomo non può peccare, a meno di avere rigettato prima la Parola di Dio. Egli non può peccare, cioè non credere, finché non si sia sbarazzato prima della Parola di Dio, della presenza di Dio, non può peccare.

97              Eva non poteva peccare prima di avere messo da parte la Parola di Dio, aprendo così il suo canale ai ragionamenti della sua anima e cominciando ad analizzare. «Oh, mio marito non mi ha mai parlato di queste cose, ma credo che tu... Egli mi ha detto di non fare ciò, ma tu, rendi ciò così reale; è così chiaro! Credo che ciò sarebbe meraviglioso, perché tu me lo rendi così chiaro».

98              Vedete? È là che ebbe luogo il primo combattimento. E questo combattimento ha causato tutte le altre guerre. Ogni spargimento di sangue che è venuto in seguito fu causato proprio là, in Eden. Lei non credette la Parola di Dio.

99              E se l'incredulità in un solo piccolo iota della Parola di Dio ha causato tutte queste agitazioni, come potremmo ritornare non credendo la Parola? Voi non lo potete! Dovete fare cessare tutte queste altre cose, la coscienza, la memoria, i ragionamenti, tutte queste altre cose, «rigettando i ragionamenti». Noi non dobbiamo ragionare affatto a questo proposito. Accettiamo semplicemente la Parola sulla base di: «Dio l'ha detto»; è ciò che stabilisce una corrente tra te e Dio. Ogni canale si apre allora tra te e Dio. È là che ha luogo il combattimento, è questa la linea del fronte.

100         Non adoperiamo un semplice fucile. Prendiamo una bomba atomica! Facciamo correttamente il lavoro e prendiamo la bomba atomica di Dio. «Cos’è questa bomba, fratello Branham?» È la F-E-D-E nella Sua Parola la bomba atomica di Dio, ed essa disperde ai quattro venti le malattie ed i demoni. Li annienta e li disintegra. Oh, li distrugge semplicemente, disintegrando tutto ciò che è empio. Quando questa bomba di fede cade, con la Parola di Dio dietro di sé, la sua esplosione soffia lontano qualsiasi demone, qualsiasi malattia, qualsiasi infermità.

101         Voi direte: «È questo esatto, fratello Branham? Allora, perché ciò agisce su certuni e non con altri?» È a causa del canale! Potete guardare all'esterno e potete vederlo, ma dovete averlo all'interno, e guardare in questo modo. Non guardando dall'esterno verso l'interno, ma dovete essere all'interno, guardando verso l'esterno. Comprendete?

102         Non potete venire tramite la ragione; non potete venire tramite queste altre cose. Voi dovete venire tramite il canale di Dio che viene sempre dritto nell'anima. E come fate ciò? Qual è l'ultimo canale? È la ragione che scende e dice: «Sono i miei sentimenti. Oh, io posso toccare ciò. Sì, ecco! Oh, posso sentirlo, e così via; queste cose sono là. Sì!»

103         Poi, vi mettete ad analizzare. «Ebbene, sembra sapere di cosa parla. Il medico dice che non potrò ristabilirmi. Occorrerebbe che...»

104         Vedete? È proprio là che siete nell'errore. È il diavolo che si tiene là. È il diavolo che introduce queste cose in voi. Non lo credete! Alleluia! La Parola di Dio dice: «Sopra ogni cosa, mi auguro che prosperi e sii in buona salute». Ciò è esatto! Come potresti essere un vero soldato all'infuori di ciò? «Mi auguro che tu sia in buona salute».

105         È là che si trovano questi canali. Apriteli semplicemente! Non abbiate il desiderio di passare accanto. Perché così Satana può infiltrarsi là, passare dalla coscienza e tutte queste altre cose, e poi va sempre dritto in fondo all'anima, nella mente. Ora, se può avervi... Voi non guardate mai una di quelle cose finché non l’abbiate lasciato entrare qui. Occorre che voi l'abbiate lasciato entrare. Poi, una volta entrato, prende il controllo.

106         Che cosa fa allora? Comincia ad adoperare la coscienza. È ciò che adopera. Egli comincia ad utilizzare questa uscita. Che cos’è? La vista, il gusto, il tatto, l'olfatto, l'udito, l'immaginazione, la coscienza, la memoria, la ragione, i sentimenti. Egli comincia ad adoperare tutti questi differenti piccoli canali, una volta che può mettersi al di sopra di questo, qui. Occorre che entri prima nella vostra mente e che voi l'accettiate. Egli può...

107         Ascoltate! Egli può sferrare dei colpi contro di voi, ma non può venire a voi senza che l'accettiate. Quando Satana si avvicinò ad Eva e le disse: «Sai, il frutto è piacevole», lei si fermò un momento. Oh, è là che fece un errore — quando si fermò un momento. Non vi fermate, costi quel che costi! Avete ricevuto il Messaggio! Gesù è vivente; Dio guarisce; è quello il Messaggio. Che niente vi fermi, non ragionateci! Non fate niente di simile!

108         Ma lei si fermò un momento. Fu là che Satana entrò direttamente nella sua mente. Lei disse: «Ebbene, ciò sembra ragionevole». Oh, non fate ciò! Prendete semplicemente quello che Dio dice.

109         Che sarebbe accaduto se Abrahamo si fosse fermato per analizzare, quando Dio gli disse che egli avrebbe avuto un bambino da Sara, quando lei aveva sessantacinque anni e lui settantacinque? E quando egli aveva cent’anni e lei ne aveva novanta, continuò a confessare che la Parola di Dio era vera; ed egli chiamava queste cose che non erano come se fossero là. Vedete? Sperava ancora. C'era ancora speranza? La speranza non gli sarebbe servita a niente.

110         «Ebbene», voi direte, «spero che possa ristabilirmi. Spero che io sia guarito. Spero di avere lo Spirito Santo. Spero di essere un Cristiano. Spero di fare questo e quello». Non avete bisogno di ciò. Abrahamo non ha mai guardato a ciò! Amen! Contro ogni speranza, continuò a credere la Parola di Dio! La fede va al di là della speranza. La fede viene da qui, dall’interiore, la fede viene di là. Come è entrata? Tramite la mente, per questa porta. Il fronte della battaglia si trova là.

111         Adesso, quando vi mettete in ordine di battaglia... Il diavolo si trova vicino ad ogni cuore, stamattina. Si trova là, vicino al cuore di questa ragazzina, si tiene vicino al vostro cuore; si tiene dovunque in questa sala. Egli dice: «Oh, ho visto provare ciò prima. Ho sentito già prima ciò». Cacciatelo fuori, ecco tutto! Cacciatelo fuori! È esatto, cacciatelo fuori. Che cosa diceva la Bibbia qui, nel nostro testo? Cacciatelo fuori: è giusto, cacciatelo fuori!

112         Noi siamo stati addestrati, penso, ma che ne è di noi predicatori? Mi chiedo che genere di addestramento abbiamo ricevuto. L'addestramento di Dio per questa grande battaglia...

113         In Matteo 24 e in Daniele 12 è detto che ci sarebbe stato un tempo di distretta, come non c'è mai stato prima sulla terra. E noi viviamo in un tempo in cui la cultura, l'istruzione, e queste cose, hanno soffocato la Parola di Dio e sono penetrate nel nostro ragionamento, e così via. La battaglia ha luogo adesso. Chi la sostiene? Alleluia! La battaglia è pronta ad essere ingaggiata, gli eserciti sono in posizione adesso.

114         Guardate che grande opposizione abbiamo laggiù. Chi sarà il Davide che dirà: «Voi restate là a sopportare che questo Filisteo incirconciso sfidi l'esercito del Dio vivente! Io, andrò a combatterlo!» Amen! Stamattina, Dio desidera avere degli uomini e delle donne che possano alzarsi e dire: «Io prenderò il Signore secondo la Sua Parola! Amen! Non importa in cosa abbia potuto fallire, che abbia fatto  questo, o che abbia fatto quello; ciò non ha niente a che vedere. Voi, i Saul e gli altri, se avete paura di lui, ritornate dove appartenete, ma l'esercito di Dio va avanti». Amen! Degli uomini di valore, degli uomini di fede, degli uomini potenti, degli uomini pieni di comprensione. Non hanno bisogno di essere intelligenti; non hanno bisogno di essere istruiti; loro devono essere dei canali. Dio prende questi piccoli canali. Eva si fermò un momento per ragionare, dicendo: «Ebbene, vediamo un po’ questo...»

115         È proprio come... Che ne è di questa ragazzina che è qui stamattina? Probabilmente il medico le ha detto che lei è arrivata quasi alla fine della strada e che non può fare più niente per lei. Ebbene, questo medico, io non lo condanno! È un uomo di scienza. Egli vede che la malattia ha preso possesso del corpo di questa bambina. È completamente fuori dalla sua portata. Non ha nessuna medicina che possa fermare ciò. Così, il cancro ha conquistato questa ragazza. Certamente  la morte ha conquistato questa bambina, ma il nostro Comandante supremo di questo grande esercito (alleluia!), è la Risurrezione e la Vita. Niente può vincerlo. Alleluia!

116         Il cervello dell'esercito, la sua intelligenza, si trova nei suoi capitani. Rommel era il cervello della Germania. Non era Hitler, ma Rommel. È esatto! Eisenhower, un soldato, Patton e quegli uomini che erano al fronte...Tutto dipendeva dagli ordini che davano.

117         Voi seguite il vostro capitano. Se è un buon generale, se è il giusto tipo, se è un generale a quattro stelle, se è stato provato essere un buon capo, seguitelo! Sebbene egli vi possa sembrare nell'errore, avanzate verso il fronte; fate ciò che vi dice! Alleluia!

118         Abbiamo un generale a cinque stelle che si chiama J-E-S-U-S e noi poniamo cinque stelle sulla nostra fede [in inglese F-a-i-t-h]. Egli non ha mai perso una sola battaglia. Alleluia! Ha vinto la morte, l’inferno e la tomba. Ha cacciato i demoni fuori dalla nostra strada. È il grande Comandante supremo. Così, il diavolo sparisce dalla scena.

119         La più grande battaglia che abbia mai infuriato nell'universo, si prepara adesso stesso. Certamente! Alleluia! Quando penso a ciò; quando mi tengo là e guardo Lui che fa queste cose, vedo che le rivela, le svela e dice: «Questo sarà così e così!», e ciò accade! Oh, vi volgereste indietro, dicendo: «Chi è questo grande Capitano?» Oh, io non guardo indietro per vedere se è il Dottor Tal del tali. Io ascolto ciò che dice il Capitano; è il Capitano della nostra salvezza. Alleluia! Cos’è salvezza? Liberazione! Gloria! Egli è il Capitano della nostra liberazione.

120         La grande ora dell'assalto è vicina. Alleluia! Le armature dei soldati scintillano, gli stendardi sventolano. La fede ed il dubbio si sono disposti in ordine di battaglia in questo tabernacolo stamattina. Il dubbio da un lato, la fede dall'altro. Soldati, siate al vostro  posto. Alleluia! Il nostro Capitano, la Stella del Mattino, ci conduce. Egli non arretra mai. Non conosce la parola «arretrare». Egli non deve arretrare. Amen! Certamente!

121         La più grande battaglia che sia mai stata combattuta è ingaggiata adesso qui, (è vero!), tra la vita e la morte, tra la malattia e la salute, tra la fede e il dubbio, tra la libertà e la schiavitù. La battaglia è cominciata! Soldati! Fate brillare le vostre lance, lucidate la vostra armatura!

122         Dio sta preparando i Suoi soldati. Amen! Dio unge il Suo esercito. L'America attrezza i suoi soldati con tutto ciò che ha di migliore, caschi di acciaio, armature, e tutto ciò che loro hanno, carri armati blindati, e tutti i loro veicoli. Dio equipaggia pure il Suo esercito. Alleluia! Che genere di equipaggiamento usiamo? La spada dello Spirito, la Parola di Dio. Amen! La Parola di Dio è più affilata di una spada a due tagli, Ebrei 4, penetra fino alla divisione delle giunture e delle midolle. Discerne persino i pensieri della mente; questa è la Parola di Dio. Credere nella Sua Parola, ecco come si riveste l'armatura di Dio.

123         È ciò che Egli ha dato ad Eva per armarsi, ma lei ha rotto la sua armatura. Come ha fatto ciò? Aprendo la sua mente al ragionamento. Voi non potete ragionare con la Parola di Dio; non ci sono ragionamenti in Essa: è semplicemente la Parola di Dio. Non c'è alcun dubbio né ragionamento riguardo ad Essa, è la Parola di Dio, ed è tutto! Ciò è sufficiente, la cosa è stabilita per sempre. Vedete ciò che voglio dire, miei cari? La Parola di Dio... Dio l'ha promesso.

Loro dissero ad Abrahamo: «Come sai che avrai questo bambino?»

«Dio ha detto così!» Ciò è sufficiente.

«Ebbene, perché ancora non ce l’hai?»

«Non so quando lo riceverò, ma lo riceverò. Dio l'ha detto. Ciò non mi fermerà affatto!» Egli afferrò...

«Perché non ritorni a casa tua, da dove sei venuto?»

«Io devo essere uno straniero e pellegrino in questo paese». Amen. «Dio ha fatto la promessa: Dio darà il bambino proprio in questo paese in cui Egli mi ha mandato».

124         Alleluia! Dio vi guarirà proprio in questa atmosfera dello Spirito Santo, in cui Egli vi ha inviato. Dio vi darà ciò; credete semplicemente! Amen! Aprite questi condotti dell’anima e del corpo, i sensi e la coscienza, e lasciate semplicemente penetrare le Parole di Dio. Prende innanzi tutto la mente; è là che si trova il campo di battaglia. Non dite: “Ebbene, se potessi sentirlo… Se potessi sentire la gloria di Dio scendere…” Oh, ciò non ha niente a che vedere! Aprite la vostra mente, perché è là il campo di battaglia, è là che il combattimento si svolge, è là il fronte della battaglia, nella vostra mente. Apritela e dite: “Dubito di tutti i miei dubbi!”. Amen! “Non credo più ai miei dubbi adesso, credo alla Parola di Dio. È così che vengo, Satana!” Allora, qualcosa deve accadere. Certamente.

125         Egli unge i Suoi servitori con il Suo Spirito; manda loro degli angeli. Talvolta, le persone si burlano di ciò, degli angeli! Lasciatemi prendere qualcosa con voi, giusto un minuto. Leggiamo in Ebrei, solo un momento. Ebrei, capitolo 4, intendo dire il primo capitolo degli Ebrei, versetto 14. “Non sono essi tutti spiriti servitori, mandati a servire per il bene di coloro che hanno da ereditare la salvezza?”

126         A quale degli angeli disse egli mai: “Siedi alla mia destra…”  …tutti gli angeli di Dio…

127         Qui, la Bibbia torna a dirci che Dio manda degli angeli. Gloria! Cosa sono loro? Degli spiriti che esercitano un ministero. Gloria! Degli spiriti che esercitano un ministero e venendo da dove? Dalla presenza di Dio. Per fare che cosa? Per ministrare la Sua Parola. Amen! Loro non sono là per ministrare la teologia di un qualsiasi gruppo denominazionale, ma per ministrare la Sua Parola. È per ciò che sono mandati i Suoi Spiriti ministratori.

128         Come possiamo sapere che sono loro? La Bibbia dice che la Parola del Signore viene ai profeti. È ciò esatto? Questi angeli ministrano la Sua Parola tramite il Suo Spirito; esercitano il ministero della Parola per mezzo dello Spirito Santo. E lo Spirito e la Parola vengono ai profeti; ed il profeta ha la Parola di Dio. È il motivo per cui loro hanno potuto fare tutti questi miracoli. Non era l'uomo, era lo Spirito di Dio nell'uomo, lo Spirito di Cristo nell'uomo. Perché la Parola di Dio…

129         Cosa aveva fatto egli? Aveva pulito ogni condotto. Dio l'aveva scelto ed egli fu unto con lo Spirito Santo; non era lui che faceva ciò. Egli non faceva mai niente finché non l'aveva visto in visione. Elia disse sul Monte Carmelo: “Ho fatto tutto ciò secondo il Tuo comando. Adesso, Signore, fa' conoscere che Tu sei Dio”. Oh, gloria a Dio!

130         Ho visto ciò spesso. Quando vedete lo Spirito di Dio colpire un luogo e vedete che questo luogo viene sotto l'unzione… Se questo piccolo gruppo qui, stamattina, potesse ricevere semplicemente questo pensiero, e togliere ogni dubbio dalla strada… Come potete ancora dubitare quando vedete i morti che risuscitano, i paralitici che camminano, i ciechi che vedono e i sordi che sentono?

131         L'angelo del Signore, di cui la fotografia è appesa qui sulla parete, ha messo ovunque in imbarazzo la scienza. Che cosa fa Egli? Resta in perfetto accordo con la Parola. Amen! Ciò tronca ogni demonio. È vero! Che cos’è ciò? È lo spirito ministratore inviato dalla presenza di Dio per ungere i predicatori della Parola, che si attengono alla Parola. Ed Egli conferma la Parola con i segni che l'accompagnano. Egli presenta Gesù che è lo stesso ieri, oggi e in eterno. Egli è là.

132         Come possiamo dubitare, quando scientificamente, materialmente e spiritualmente, in ogni modo possibile, la Sua esistenza è stata provata? Allora, cosa c'è? Ciò viene dalla nostra mente. Noi apriamo la nostra mente ad ogni genere di cose e diciamo: “Ebbene, io non so se ciò può essere, o no. Forse, se mi sentirò meglio domani…” Oh, ciò non ha nulla a che vedere!

133         Come ho detto spesso, Abrahamo ha detto forse a Sara… Lei aveva superato l'età di avere ciò che le donne hanno (comprendete ciò che voglio dire?), il tempo della vita, il suo periodo di 28 giorni. Vedete? Aveva sessantacinque anni, ed il tempo era probabilmente passato da quindici o vent’anni. Ed egli le disse, forse nei giorni che seguirono: “Senti un cambiamento, cara?”

“Neanche la minima differenza”.

“Ciò non ha alcuna importanza. Andiamo avanti, qualunque cosa accada. Ebbene, adesso, se diventi di nuovo una giovane donna, sappiamo che è tramite il sangue che viene la vita, è per mezzo di questo che il bambino può venire ed ogni cosa andrà bene. Adesso, oggi, senti una differenza? È già passato un mese da quando Egli mi ha fatto la promessa. Senti un cambiamento, cara?”

“Per niente, Abrahamo. Non c'è alcun segno, niente. Sono sempre allo stesso modo come sono stata in questi ultimi anni. Non c'è la minima differenza”.

“Gloria a Dio, l'avremo ad ogni modo!”

“A questo proposito, Abrahamo, pensi che… Ascolta, se Egli te l'ha promesso, sicuramente Egli ci darà un segno in questo senso. Certamente Egli ci darà un segno!” Alleluia!

134         Una generazione malvagia e adultera vuole dei segni. È esatto! Egli aveva un segno! Che cos’era questo? La Parola di Dio. Era ciò il segno. Come può Dio guarire questo bambino? La Parola di Dio dice che Egli lo può. Che provi una sensazione o no, importa poco ciò che accada, Dio l'ha detto e la cosa è regolata.

Abrahamo disse: “Preparate i vostri effetti personali e tutte le altre cose, noi lasciamo il paese”.

“Dove andate?”

“Non lo so, (amen!), ma partiamo in ogni caso. Andiamo in questa direzione”. Fate i bagagli e partiamo. Alleluia! È quella la vera Parola di Dio. Cosa teneva egli davanti a sé? La promessa di Dio, la Parola di Dio. “Noi l’avremo!”

135          “Esci di mezzo al tuo popolo, Abrahamo, ciò che non va con loro è che dubitano e sono increduli; ed essi ti attireranno nello stesso impiccio. Esci di mezzo a loro, separati, e vivi per Me”. Cos’è ciò? “Lasciate tutta la vostra coscienza, i vostri sensi, tutti questi segni; aprite la vostra mente e ricordatevi che tutto viene da Me. Venite a vivere con Me”. Amen!

136         Dio chiama stamattina ogni seme di Abrahamo a vivere lo stesso genere di vita. Una grande battaglia si svolge adesso nel mondo intero. Da che cosa Dio vuole che i Suoi figli si separino? Dalla vista, dal gusto, dal tatto, dall'olfatto, dall'immaginazione, dalla coscienza, dalla memoria, dai ragionamenti, dai sentimenti, da tutte queste cose. Aprite la vostra mente e lasciate entrare la Parola e camminate con la Parola. Ecco ciò che fa un vero soldato.

137         È così che si tengono le stelle. Il sistema solare non è cambiato. Lo zodiaco, la stella del mattino si alza ogni giorno per tenersi al suo posto, esattamente come lo fece quando la terra fu creata. La stella della sera si tiene al suo posto. Ogni stella… l’Orsa Minore, anch’essa, si trova nella sua stagione esattamente là dove deve essere. La Stella Polare rimane al suo posto senza muoversi mai. Alleluia! Tutto gira intorno alla Stella Polare, tutte le altre stelle, perché è giusto al centro della terra. È come Cristo. Amen.

138         Egli si tiene là e comanda il Suo esercito, come un grande Capitano. Come Mosé sulla montagna, con le mani alzate mentre Israele combatteva per aprirsi un varco; egli rimase là con le mani alzate. Rimase con le mani alzate fino al tramonto; dovettero aiutarlo a tenere le mani alzate. Quello era Mosé, ma era un simbolo di Cristo. Per essere certi che le Sue mani rimanessero alzate, furono inchiodate sulla croce. Alleluia! Ed oggi, Egli ha scalato i bastioni della Gloria, con le Sue vesti insanguinate, fino dinanzi a Dio, alla destra della Sua maestà. Ed il combattimento per ogni soldato è di aprirsi un varco con la Parola di Dio. Poco importa ciò che accada durante questo tempo, egli si apre un varco verso la libertà. Amen!

139         È come un pulcino nell'uovo: che avverrebbe se avesse paura di dare un’occhiata fuori? Che avverrebbe se avesse paura di dare dei colpi al suo guscio? Che avverrebbe se il piccolo pulcino, o il piccolo uccello, dentro il suo guscio, avesse paura di romperlo? Che avverrebbe se egli avesse sentito una voce all'esterno che gli diceva: “Non colpire il tuo guscio così, potresti ferirti”? Ma, nell'uccello, la natura stessa gli dice: “Dai dei colpi di becco!Fa' là dentro un buco!”

Lasciate che tutte le vecchie organizzazioni dicano: “I giorni dei miracoli sono passati. Vi farete del male. Andrete a cadere nel fanatismo!”

140         Picchiate il becco contro questo guscio, più forte che potete. Alleluia! “Satana, vattene via! Io voglio uscire da qua! Non rimarrò più a lungo qui. Non resterò seduto più a lungo qui. Non voglio rimanere più a lungo su questo vecchio campo del diavolo. Stamattina, mi aprirò un varco per uscirne. Amen! Sono un'aquila!” Amen! Alleluia!

141         In quanto a questo aquilotto, con il suo grosso martello si mise a dare dei colpi di becco contro il guscio; poco importa quanto questo guscio fosse duro, si fece strada a colpi di becco. La prima cosa che fece allora fu di stendere un po’ le sue ali. Adesso, tutto andava bene per lui.

142         È esatto; apritevi un varco per uscire. Come lo farete? Utilizzate la dinamite del Così dice il Signore! Così dice il Signore! Finalmente, comincerete a sentire un po’ di aria fresca. “Così dice il Signore!” Passate la vostra testa all'esterno. “Così dice il Signore!” Spingete forte, adesso, state per uscire fuori! Egli non ritorna più nel guscio. Amen! Egli è libero. Oh! Questa Parola, una volta che tutti questi sensi, questa coscienza ed altro, sono stati deposti, e che in te ogni cosa è stabilita per aprire la tua mente (oh, che Dio ci faccia misericordia!), allora non c’è più nulla che possa asservirti di nuovo. Sei libero! Chi il Figlio ha reso libero è fuori dal guscio.

143         La vostra denominazione non potrà mai più richiamarvi ad essa; il diavolo non potrà mai più farvi niente. Egli fischia e ruggisce dietro di voi, ma voi siete sull’autostrada, correndo a tutta velocità. Oh! Voi correte sulla strada del Re, come un soldato della croce che è unto. Voi tutti, aquile, correndo sulla strada del Re, proclamate con fede: “Gesù è la Luce del mondo!”

144         Certamente! Sono degli spiriti che esercitano un ministero, inviati dalla presenza di Dio come amministratori. Per amministrare che cosa? La Sua Parola — non qualche teologia — ma la Parola di Dio. Sono degli spiriti ministratori inviati dalla presenza di Dio per esercitare un ministero. Sono degli spiriti ministratori. Oh! E, ricordatevi che se essi esercitano il loro servizio fuori dalla Parola, allora non vengono da Dio, perché la Parola è confermata sempre nel Cielo. Sempre nel Cielo, Dio veglia sulla Sua Parola e non manda mai uno spirito per esercitare un ministero fuori dalla Parola.

145         Egli non manda mai uno spirito con un grande titolo accademico, con un collare inamidato e tutto ciò; questi spiriti che dicono: “Ebbene, evidentemente, i giorni dei miracoli sono passati. Sappiamo tutti questo!” No, no! Ciò non può venire da Dio poiché è contrario alla Parola. Amen! Egli manda qualcuno che esercita il ministero nello Spirito della Parola. Amen! (Al riguardo, ho ancora quattro o cinque cose delle quali vorrei parlare, ma le lascio da parte per il momento, e le riprenderò domenica prossima). Molto bene.

146         Satana ed i suoi demoni sono unti. Se questi spiriti angelici sono unti per portarvi la Parola, affinché crediate nella Parola… Ora, avete mai visto un profeta, un vero profeta di Dio, rinnegare la Parola di Dio? Certamente no! Che accadde quando le organizzazioni esistenti nel loro tempo si levarono, dicendo: “È falso!”? Egli uscì di mezzo a loro e rimase solo, proclamando: “No, è vero!”.

147         Guardate ciò che accadde con Micaia, quel giorno, questo piccolo esaltato, il figlio di Imla! C’erano là quattrocento profeti unti (o che si definivano esserlo), che si tenevano là, ben nutriti, ben messi, pieni di conoscenza e di titoli universitari. Questi grandi eruditi dissero: “Sali, nostro re fedele. Il Signore è con te! Questa città ci appartiene. Giosuè ce l'ha data pure, perciò, sali e prendila. È completamente giusto. Sali e prendila”.

148         Ma, cosa disse Giosafat? Sapete, Giosafat disse: “Non ce n’è un altro laggiù, da qualche parte?”. C'erano tuttavia già quattrocento profeti! Allora, perché non credere in questi quattrocento? Ma egli disse: “Sono sicuro che ce n’è ancora un altro, da qualche parte!”.

149         Il re gli disse: “È vero! Ne abbiamo un altro. Ce n’è un altro, ma io lo odio”.

“Oh, ecco l'uomo che amerei sentire!”. Vedete? Disse: “Fallo venire. Vediamo quel che dirà”.

Allora, andarono a cercare Micaia e gli dissero: "Ascolta bene! Prepara bene il tuo sermone stamattina, perché predicherai al re. Predicherai a tutta l'associazione pastorale della Palestina; l'associazione pastorale al completo! Adesso, ricordati bene ciò che dicono, e tu di' la stessa cosa; credi le stesse cose!”.

150         Ma, con lui caddero piuttosto male! Quest’uomo aveva abbandonato tutti questi vecchi ragionamenti. Aveva pulito i condotti (vedete!), la sua coscienza, etc.

151          “Sai ciò che faranno? Se dici la stessa cosa come loro, non sarei sorpreso che facciano di te un sorvegliante di distretto, probabilmente lo faranno. Ti faranno soprintendente del distretto locale, se sei d’accordo con loro”. Queste persone non erano dei veri uomini di Dio.

152         Ebbene, i suoi condotti erano stati puliti, tutto nella sua coscienza ed ogni cosa era netta. La sua mente era aperta alla Parola di Dio ed egli voleva credere solamente la Parola di Dio. Ecco gli spiriti ministratori: questo è uno spirito ministratore. Egli disse loro: "Io non so ciò che adesso dirò, ma sappiate bene questo, che io dirò solamente quello che Dio mi ordinerà di dire”. Dunque, aspettarono quella notte ed egli ebbe una visione.

153         Il mattino seguente, posso immaginarmi Micaia che esaminava le Scritture, dicendo: «Adesso, vediamo un po’. È ciò che la visione… Tutte queste persone… C'è qualcosa che non quadra da qualche parte, perché è contrario a ciò che loro dicono. Ma cosa dice la Parola? Vediamo ciò che Elia ha detto qui, il profeta, perché sappiamo che egli era un profeta. Vediamo quale Parola del Signore è venuto ad Elia, e cosa dice? “I cani leccheranno il tuo sangue, Izebel. I cani la divoreranno, a causa di Nabot il giusto”». Quando vide ciò, seppe allora che la sua visione era in pieno accordo con la Parola di Dio. Questa perciò avrebbe avuto il suo compimento con il vecchio Acab.

154         Allora, egli si avvicino là senza esitazione e disse: “Sali pure! Ma io ho visto Israele…” Vedete, non aveva vergogna a raccontare la sua visione, perché era la Parola del Signore. Egli sapeva che era perfettamente giusta. Perché? Perché aveva aperto il suo cuore e la sua mente alla Parola di Dio ed allora la Parola di Dio gli era stata rivelata. Perciò sapeva che questa era veramente la Parola di Dio.

155         Adesso, voi direte: "Oh, se solamente potessi essere un Micaia!” Lo potete! Lo siete! Tu lo sei pure, mio caro! Tu sei un Micaia, il profeta. Cosa puoi fare? Apri la tua mente! Cosa sto cercando di dirvi, stamattina? La Parola del Signore. Vedete? Aprite la vostra mente! Dite: “Adesso, credo che posso essere guarito!”.

"Ebbene, cos’è dunque questo? È questa la Parola del Signore?".

156         Certamente che è la Parola del Signore! Ma quelli che dicono: “I giorni dei miracoli sono passati, non potete fare ciò…” Dimenticatelo! Mettete Dio al primo posto! La Parola del Signore è venuta, Egli l'ha espressa ed Essa si è avverata!

157         Ma, che cosa fece Satana? Satana aveva unto gli altri. Satana unge i suoi servitori. Oh, certo, uh-huh, certo! Egli unge i suoi servitori. E di che cosa li unge? Li unge di incredulità! Satana e i suoi demoni ungono l'umanità in modo che non creda la Parola di Dio. Se volete avere la conferma di ciò, prendete Genesi 3:4.

158         Torniamo a ciò, dunque, ed ascoltiamo giusto un momento; vediamo se quella non è stata la sua prima tattica. È la prima cosa che fece ed egli non ha mai abbandonato questa stessa tattica; l'adopera sempre! Dunque, vediamo se è proprio così. Ora, egli non era in disaccordo con la Parola, ma fece in modo che fosse fraintesa un po’. Sapete, fare sembrare semplicemente come se non fosse necessario prendere tutta la Parola. Ho qui Genesi 3 e 4, vediamo se è proprio come vi ho detto. Ecco:

«Allora il serpente disse alla donna: “Voi non morrete affatto…”»

“Voi non morrete affatto…” Vedete come egli ha citato ciò? “Oh, noi crediamo che i giorni dei miracoli siano passati. Non crediamo a queste storie di persone che ricevono lo Spirito Santo come essi l’hanno ricevuto a Pentecoste. Oh, in qualunque modo siete stati battezzati, non fa alcuna differenza”. Vedete come fa il diavolo? Vedete la sua tattica?

“Ebbene, se il medico ti ha detto che non puoi ristabilirti, ciò lo stabilisce!”

159         Ora, non si tratta di screditare il medico, il medico agisce dal punto di vista scientifico. Il medico ha fatto tutto ciò che poteva per salvare la vita della persona; e se non può essere salvata, è perché egli non sa fare nulla di più, arriva al limite della sua conoscenza. Quest’uomo è onesto!

160         Adesso, l'albero della conoscenza è qualcosa di molto buono, ma quando avete raggiunto i suoi limiti, allora, cambiate direzione, andate verso l'albero della Vita e continuate ad avanzare. Amen! Ecco tutto. Agisce tanto lontano quanto sia possibile. Sì!

161         Ma, che cosa fa adesso questa tattica di Satana? Che cosa ci viene riferito qui? Osservate adesso il secondo versetto. Leggerò dal primo al terzo versetto.

Ora il serpente era il più astuto di tutte le fiere dei campi che l'Eterno Dio aveva fatto, e disse alla donna: «Ha Dio veramente detto: “Non mangiate di tutti gli alberi del giardino”?».

162         Ascoltatelo adesso! Come è cattivo, quanto altera la Parola! Vedete? Cosa cerca di fare? Di entrare nella sua mente. Vedete? Quando le parlò, la Parola di Dio era tuttavia già fortificata in lei. Ma non lasciate che Satana fortifichi qualunque cosa sia in voi. Vedete? Tenete fermamente la Parola di Dio nel vostro cuore! Vedete? Fate ciò! Adesso, state attenti, voi, i Micaia.

«E la donna rispose al serpente: “Del frutto degli alberi del giardino ne possiamo mangiare; ma del frutto dell'albero che è in mezzo al giardino Dio ha detto: “Non ne mangiate e non lo toccate, altrimenti morirete”».

Vedete? Quella è la Parola e lei gli risponde citandola! Adesso, fate bene attenzione!

«Allora il serpente disse alla donna: “Voi non morrete affatto…”»

163         Vedete la sua tattica? Cosa cerca di fare? Prova ad ungere questo primo essere umano, questa donna preziosa, una figlia di Dio; prova ad ungerla con l'incredulità nella Parola di Dio! Ecco esattamente ciò che egli prova ad introdurre in lei. È così che prova a farvi agire, care sorelle. È in questo modo che prova a fare agire ciascuno di voi: vi unge. E la sola cosa che dovete fare (perché avete il vostro libero arbitrio e potete accettarlo, se lo desiderate), è di gettarlo fuori!

Se Eva non si fosse fermata in quel momento per ascoltarlo! Non vi fermate per niente al mondo! Non vi fermate!

164         Quando Eliseo inviò Gehazi, gli disse: “Prendi il mio bastone e ponilo sul bambino morto; e se qualcuno ti parla non gli rispondere. Se qualcuno prova a fermarti, continua ad avanzare!”

165         Guardate questa donna, quando chiamò il suo servitore. Gli disse: “Sella una mula e va', e non ti fermare, finché te lo comando”. Ecco tutto! Quando avete ricevuto il Messaggio, continuate ad avanzare. Amen! Voi direte: “Non posso avanzare più! Divento sempre più debole!”. Continuate semplicemente ad avanzare, non vi fermate! Lasciate ogni cosa da parte, continuate semplicemente a farvi strada. Fratelli, avete la spada nella vostra mano, continuate semplicemente a tagliare!

166         Una volta andai in uno stadio di calcio per predicare, mi fermai alla porta per guardare e dissi: “Non è il peso del cane che conta nel combattimento, ma piuttosto il peso del combattimento nel cane”. È così che si vincono le battaglie. Vedete?

167         Voi direte: “Ebbene, guarda come tutte le grandi chiese sono contro ciò!” Mi importa poco il loro peso, ciò che conta è il peso del combattimento nel cane. È la fede che si trova nell'individuo. Se siete un codardo, tornate nella vostra chioccia! Ma, fratello, se sei un soldato, tieniti là, perché una battaglia è stata ingaggiata tra il bene ed il male. Combattiamo dunque!

168         Quando Peter Cartwright entrò in una certa città, disse: "Il Signore mi ha detto di venire qui e di tenere delle riunioni di risveglio”. Affittò un vecchio magazzino e cominciò a pulire. Ed il grande bullo della città, con la pistola al fianco, scese lungo la via. Arrivato alla porta, egli chiede: “Che cosa fa là dentro questo tipo?” Qualcuno disse: “È un predicatore. Dice che terrà delle riunioni”.

“Ebbene — disse l’altro — scenderò là e lo getterò sulla strada, lo caccerò via di là. Ecco tutto. Non vogliamo avere riunioni nella nostra città”.

Dunque, egli scese e si fermò alla porta. Peter Cartwright aveva la giacca addosso e stava lavando le pareti e le finestre. Era un piccolo uomo, sapete. Il vecchio pastore rideva di lui, perché Peter Cartwright mangiava il pollo con le mani (ma sapete, oggi è questo che si fa!) Così, egli stava lavando le finestre e faceva ordine. Il grande bullo si avvicinò nella sala, tirando indietro la sua giacca per fare apparire la sua pistola al suo fianco. Egli disse: “Cosa fai qui?”

“Oh!”, rispose, continuando il suo lavoro, “sto lavando le finestre”. Aveva solamente uno scopo! Dio gli aveva detto di tenere delle riunioni di risveglio. Perciò continuava a lavare le finestre.

Egli disse: “Non permetteremo che ci sia un risveglio qui”.

Lui rispose: “Oh, tuttavia, il Signore mi ha detto di tenere queste riunioni di risveglio”. Vedete? Ed egli continuava a fare il suo lavoro. Vedete?

L’altro disse: “C'è una cosa che devi comprendere bene! Sono io che comando in questa città!”

Lui rispose: “Ah sì?”, e continuava a lavare le finestre.

L’altro replicò: “Se vuoi tenere delle riunioni di risveglio qui, dovrai prima battermi!”.

Egli rispose: “Ah sì! Ebbene, è ciò che farò subito!” Si tolse la giacca, si avvicinò verso lui, l'afferrò per il colletto e lo gettò sul pavimento; poi saltò su di lui e disse: “Devo combattere se voglio regnare”. Aumenta il mio coraggio, Signore! Lo calpestò e lo riempì di colpi e gli disse: “Ne hai abbastanza?”

169         L'altro rispose: “Sì!”. Si rialzò e gli strinse la mano. Fu salvato in chiesa quella sera. Ecco! Vedete? Prendete semplicemente la Parola di Dio, e fatevi strada attraverso ogni dubbio! Vedete? È ciò che bisogna fare! Se è quello il vostro prossimo lavoro, fatelo. È giusto. La prima cosa che farò è di separarmi dai miei dubbi ed abbatterli!

Il mio prossimo lavoro è di staccarmi da tutti i miei tormenti. Se i miei sensi mi dicono: “Ecco, ti senti male!”, la prima cosa a fare è di tagliare quella cosa. Ciò è esatto.

170         Voi direte: “Ebbene, loro mi dicono che… Sai, fratello Branham, la mia coscienza mi dice che posso…” Ebbene, potete tagliare via anche questo! Non avete bisogno di andare più lontano di ciò. Fate semplicemente il vostro prossimo lavoro. Togliete la vostra giacca e mettete fuori combattimento anche questo! Continuate ad avanzare. Abbiate un solo obiettivo: “Io vincerò!”. Amen! “Non posso perdere, io vincerò!”. Amen!

171         Satana unge, vedete? Qual è la sua prima tattica? In quale posto è andato per primo? Nella mente! Lei si fermò un attimo per ascoltare ciò che diceva… 

“Oh, è vero ciò che stai dicendo?” Ecco dove molte donne commettono l’errore, come pure molti uomini! È vero! Fermarsi un momento, semplicemente fermarsi un momento.

172         Quante volte ho visto dei casi di divorzio ed altro. “Ebbene, ti dico, fratello Branham, lui fischiava come un… [Il fratello Branham imita il fischio –Ed.] sai, ed io mi sono fermata; sinceramente, non volevo fare ciò!”. Eccovi! “Oh, lei… Mi ero seduto a tavola di fronte a lei; aveva degli occhi così belli…” Vedete? Ecco, è questo. Il diavolo fa sempre la stessa cosa.

173          “Oh, il medico mi ha detto che non migliorerò…” Ed ecco, sempre la stessa cosa! Vedete? La più grande battaglia che sia mai stata combattuta.

174         Mi hanno detto… “Ho visto il tal dei tali, che pretendeva di avere ricevuto lo Spirito Santo…” Sì, avete visto qualche vecchio ipocrita. Quanti tra loro Lo hanno realmente ricevuto? Vedete? Il diavolo vi mostrerà qualche vecchio corvo, ma non vi mostrerà la vera colomba. È vero! Quella non ve la mostrerà; vi manterrà cieco riguardo ad essa.

175         Oh, anche lui è un combattente. Ma, ricordate che il nostro è più grande. Colui che è in voi è più grande di colui che è nel mondo. Così, tenetevi alla Parola di Dio; credeteLa, voi, capitani dell'esercito di quaggiù. Custodite la vostra fortezza, fratelli. È vero, restate al vostro posto!

176         Una volta c'era qui una ragazza. Questa signora potrebbe essere seduta qui, adesso; il suo nome era Nellie Sanders. Era una delle prime volte che vidi scacciare un demonio. Vivevamo a… Adesso, non posso più ritrovare quel luogo. Era a circa tre isolati da qui, più lontano del cimitero. Ero appena diventato un predicatore, ed io predicavo giusto qui all'angolo, in una riunione sotto tenda. E questa ragazza era una delle migliori danzatrici. Lei frequentava il liceo laggiù. Lei e Lee Horn (molti tra voi, in questa città, conoscono Lee Horn; gestisce la piscina della città). Nellie e Lee Horn erano i migliori ballerini della regione. Lui era Cattolico, ma la religione per loro non significava nulla. Così, Nellie e Horn erano dei grandi ballerini. Ballavano quei balli chiamati “black bottom” e “jitterbugs”, e tutte quelle cose. Ed entrambi erano i migliori della regione.

177         Una sera, lei venne qui vacillando, alla riunione. La piccola Nellie cadde ai piede dell'altare; che il suo cuore sia benedetto! Lei era stesa là, davanti all'altare; rialzò la testa; ed io vidi che piangeva; le lacrime colavano lungo le sue guance e lei disse: “Billy…” (lei mi conosceva). Mi disse: “Vorrei tanto essere salvata!”

178         Le dissi: “Nellie, tu puoi essere salvata; Gesù ti ha già salvata, ragazza mia. Devi semplicemente accettarlo sulla base della Sua Parola”. E lei rimase là, piangendo; pregò e disse a Dio che non voleva mai più ascoltare di nuovo le cose del mondo. Improvvisamente, una dolce e meravigliosa pace scese nella sua anima. Lei si rialzò e si mise a lodare e glorificare Dio.

179         Sei o otto mesi dopo, lei scendeva per la Spring Street, una sera, era soltanto una ragazza di circa diciotto anni, e lei venne verso di noi, dicendo: “Hope…” (era mia moglie, quella che si è dipartita). Lei disse: “Vorrei essere come Hope ed Irene”.

“Sai, loro non sono mai uscite nel mondo”.

Lei disse: “Il mondo mette un marchio su di voi ed io ho un’apparenza volgare, grossolana. Ho smesso di truccarmi e tutto il resto, ma ho un'apparenza così grossolana, volgare! Anche il mio viso ha questa apparenza”.

Aggiunse: “Ho un aspetto così volgare! Ed esse hanno un aspetto di tenerezza e di innocenza! Vorrei non aver mai fatto ciò!”

180         Dissi: “Mia cara Nellie, il sangue di Gesù Cristo purifica da ogni peccato. Va' e credilo”.

181         Wayne Bledsoe, molti tra voi, qui, lo conoscono, era un mio intimo amico da molto anni, lui era un bevitore; venne qui con mio fratello Edward. Una volta era ubriaco, laggiù sulla strada, io lo raccolsi perché la polizia voleva prenderlo. Lo portai da me, quassù. Ero un predicatore e, siccome non ero sposato, vivevo quassù con papà e mamma. Lo portai quassù e lo misi sul mio letto; io dormii sul divano letto. C'era tutta una schiera di Branham, sapete, eravamo dieci, e siccome non c’erano che quattro stanze, eravamo un po’ stretti. Così, dunque, dormivo su un divano letto. Lo tirai così e misi Wayne con me sul mio letto. Lui era ubriaco. L'avevo dovuto portare a casa e distenderlo là. Stavo disteso là e gli dissi: “Wayne, non ti vergogni di essere in questo stato?”

Egli disse: “Oh, Billy, non mi parlare così”. [Il fratello Branham imita il parlare di un ubriaco -Ed]. Poggiando la mia mano su di lui, dissi: “Pregherò per te, Wayne. Che Dio ti benedica”.

Ero stato salvato forse da un anno, penso. Improvvisamente, un'automobile si fermò davanti casa mia con un cigolio di freni e qualcuno si mise a bussare violentemente alla mia porta: “Fratello Bill! Fratello Bill!”

Pensai: “Mio Dio, c'è qualcuno che sta per morire!” Corsi alla porta, indossando una vecchia vestaglia sopra il mio pigiama, dopo aver coperto Wayne. Sentii la voce di una donna; aprii, ed io vidi una ragazza che mi chiese: “Posso entrare?”

Gli dissi di entrare ed accesi la luce.

Lei piangeva e mi disse: “Billy, sono perduta, sono perduta!”

Le chiesi: “Cosa c'è, Nellie? Hai avuto un attacco al cuore?”

Mi rispose: “No, fratello Bill, scendevo lungo la Spring Street, è vero, fratello Bill, è vero! Non pensavo di far del male, non pensavo di far del male!”

Le chiesi: “Che succede?” Pensai: “Cosa devo fare adesso con lei?” Non sapevo cosa fare! Ero soltanto un giovane e pensavo…

Lei disse: "Oh, fratello Bill, sono a pezzi!”

Le dissi: “Sorella, siediti tranquillamente e raccontami ciò che è accaduto”.

182         Lei disse: “Ebbene, scendevo lungo la strada e sono passata davanti a Redmen's Hall” (là avevano l’abitudine di ballare il sabato sera). Mi disse: “Avevo acquistato una stoffa per farmi un vestito”. Disse: “Ho sentito della musica e mi sono fermata un istante, dicendomi: mi sento meglio, adesso; ciò non mi farà male, se mi fermo un istante per ascoltare qui”.

Ed è là che fece l'errore: si fermò un istante.

183         Lei ascoltò un momento, dicendosi: “Ciò mi fa pensare a delle cose”. Disse: “Oh, Signore, Tu sai che Ti amo! Tu sai che Ti amo, ma posso ricordarmi bene quel tempo in cui Lee ed io vincevamo tutte le coppe in palio e tutto il resto”. Mi ricordo come quella vecchia musica aveva il dono di attirarmi! Adesso, non è più il caso!” Credete ciò? Tuttavia, quella musica l’ha fatto fermare là davanti! Il diavolo non chiede niente di più! Comprendete?

184         Quanti tra voi conoscono Nellie Sanders? Ebbene, penso che la conoscete tutti. Sicuramente! Lei mi disse: “Sai cosa ho fatto? Mi sono detta che forse avrei potuto salire la scala e che lassù avrei potuto dare la mia testimonianza ad alcuni di loro”. Vedete, là, vi trovate in pieno sul territorio del diavolo. Restate fuori da ciò! Fuggite da tutto ciò che viene dal diavolo!

185         Ma lei salì la scala fino in cima e si tenne là alcuni istanti. Prima che potesse avere il tempo di comprendere ciò che accadeva, si trovò nelle braccia di un ragazzo. E non appena ritornò in sé, si mise a piangere, pensando: "Adesso, sono perdura per davvero”.

186         Pensai: «Oh, non conosco troppo in merito alla Bibbia, ma credo che Gesù ha detto questo: “Nel Mio nome, cacceranno i demoni!”» Wayne che era adesso un po’ più lucido, si era seduto, e guardava. Io dissi: “Demonio, non so chi tu sia, ma ti dico questo adesso: questa ragazza è mia sorella e tu non hai il diritto di impossessarti di lei! Lei non voleva fare ciò; si è fermata solamente un istante" (Tuttavia, è là che ha fatto l’errore). Dissi: “Esci da lei! Mi senti?” Che avvenne allora? (Dio me ne renderà testimonianza nel giorno del giudizio), la porta cominciò ad aprirsi ed a chiudersi da sola parecchie volte con violenza e all’improvviso, Nellie mi disse: “Bill, guarda qui, guarda qui!”

Dissi: “Che succede?”

Lei rispose: “Non so!”

187         Gli risposi: “Nemmeno io!” E la porta continuava a sbattere e a sbattere. Pensai: “Che cosa accade qui? Che cosa accade?” Mi girai allora verso Nellie e dissi: “Satana, lasciala! Nel nome di Gesù, esci da lei!” Appena dissi questo, uscì da dietro di lei come un grosso pipistrello, pressappoco grosso così! Con dei peli lunghi che pendevano dalle sue ali e dalle sue zampe. Si lanciò verso di me con tutta la forza delle sue ali. Gridai: “Oh, Signore mio Dio, che il Sangue di Gesù Cristo mi protegga da ciò!”

188         Wayne sobbalzò nel letto e guardò; ed ecco che questa bestia che svolazzava nella camera, venne a mettersi dietro il letto. In un batter d'occhio, Wayne fu fuori dal letto e fuggì nella camera accanto.

189         Così, ricondussi Nellie a casa sua e rincasai. Tuttavia, mia madre era entrata in camera e scuoteva le lenzuola, ma non c’era nulla nel letto. Cos’era? Un demone era uscito da lei? Cos’era accaduto? Lei si era fermata solo un momento. Ecco tutto.

190         Non vi fermate, neanche per un momento! Quando Dio fa penetrare la Sua Parola nel vostro cuore, prendete questa Spada e cominciate a tagliare ed a tagliare! Alleluia! “Non ho più tempo da perdere per qualunque altra cosa. Ho appena superato la barriera e non ho più il tempo di fermarmi e di restare là!”

191         Il profeta aveva detto: “Prendi il mio bastone e ponilo sul bambino; e se qualcuno ti parla per strada, non gli rispondere!” Se il diavolo dice: “Ehi! Vorrei conoscere la tua opinione su…” non gli rispondere affatto!Continua per la tua strada!

192         Il diavolo ti dirà: “Ricordati di questo: sai bene che quel tale quando ricevette lo Spirito Santo, ciò gli fece quasi perdere il senno!” Non rivolgetegli neanche la parola; andate avanti! Non sai nulla in merito a quel Tal dei tali; si tratta di te e di Dio. È vero! Resta con Dio!

193         Egli unge i Suoi servitori (devo sbrigarmi), Dio unge i Suoi servitori. Comprendete? (Devo saltare alcuni passi, ma vorrei dire però questo). Ascoltate attentamente, care sorelle, ascoltate attentamente ora.

194         Possiamo discernere le tattiche del diavolo. In che modo? Ho qui numerosi passi della Scrittura, nei profeti ed altrove, dove si vede Satana venire verso gli uomini per parlar loro. Lungo tutta la Bibbia, lo si può vedere agire, sempre allo stesso modo. Ha una sola tattica: fare in modo che le persone non credano alla Parola di Dio.

195         Ascoltate questo, soldati della Croce! Se dubitate di una sola Parola di questa Bibbia scritta da Dio, siete disarmati! Credete ciò, miei cari? Siete disarmati e dovete arrendervi. Voi meduse, rivestitevi della completa armatura di Dio! Amen! Siamo in piena battaglia. Ciò che Dio dice è la verità, ma ogni parola d’uomo è menzogna. Vedete?

196         È sufficiente che ascoltiate una sola parola del diavolo per essere disarmati, è la sua tattica. Quante parole di Satana Eva ascoltò? Una sola! E a partire da quel momento fu disarmata.

197         Che cosa fece il diavolo? Si riversò nel suo spirito tramite la porta aperta della sua mente, ed ecco che lei fu pervertita! È ciò esatto? Lei fu pervertita nello stesso istante in cui fu disarmata, quando dubitò della Parola di Dio. Bene! Adesso, discerniamo la sua tattica.

198         I soldati di Dio hanno ricevuto l'ordine di rivestire la completa armatura di Dio. È ciò esatto? Troverete ciò in Efesini capitolo 6, versi 10 e 13, se volete annotarlo. L’abbiamo letto un momento fa; è il nostro testo. Bene.

199         Rivestitevi della completa armatura di Dio, (avete ancora alcuni minuti?) Ritorniamo qui per un momento. Leggiamo, per cominciare, nel verso 10. Ora, ascoltate attentamente. Vediamo qual è la completa armatura di Dio.

“Del rimanente, fratelli…”

Adesso, vedo che mancano quasi venti minuti a mezzogiorno ed io non volevo parlare troppo a lungo oggi, ma forse non potrò darvi che un solo messaggio dopo questo, a motivo dei viaggi che dovrò intraprendere questa estate. Vedete?

Sapete perché faccio questo? Ve lo dirò. L'altro giorno ho fatto un sogno. Non avevo l'intenzione di raccontarvelo, ma penso sempre a ciò, e forse è bene che ve lo racconti.

200         Dopo che il Signore mi ha dato l'interpretazione, ho sognato che stavo per attraversare un gran fiume per andare in missione. Ero là, con mia moglie. Quanti di voi conoscono George Smith, “Sei-secondi Smith” qui in città? Suo figlio fa l'agente di polizia in questa città. Povero George! Adesso, è un alcolizzato! Ma un tempo era uno dei migliori pugili. È lui che mi allenava, prima che facessi parte delle YMCA [Young Men's Christian Association - Associazione Giovanile Maschile Cristiana -Ed]. Era lui che mi allenava. Egli era un peso welter di circa 70 chili ed era un pugile molto veloce. Faceva così col suo pugno, mi colpiva allo stomaco e mi metteva contro il muro. Ma ciò non mi faceva alcun male, era solamente un allenamento.

201         L'altra notte, ho sognato che "Sei-secondi Smith”, sapete, non era una visione, ma solo un sogno. Ho sognato che c'erano dei giovani che venivano a battersi con lui. Egli era un uomo di… io ne ho 52, suppongo che ne abbia 58. Nessuno di quei giovani poteva fargli del male. Egli li afferrava, faceva una specie di nodo e li deponeva sul suolo, tenendoli con una sola mano. Pensai: “È strano…” Nel sogno mia moglie era con me ed io le dissi: “È strano… Sai, Meda, quest’uomo era il mio allenatore!”

Lei mi rispose: “Ricordo che me ne hai parlato”.

Dissi: “Esatto! Egli mi ha allenato bene e ciò mi ha permesso di vincere quindici combattimenti professionali. È per predicare il Vangelo che ho abbandonato questa attività”.

Improvvisamente, la scena cambiò e mi trovai sulla riva di un fiume, preparandomi ad attraversarlo. Così facendo, mi avvicinai ad una barca a motore. Guardai al di là della barca e vidi due dei miei fratelli seduti su una canoa, che si preparavano ad accompagnarmi. Dissi loro: "Non potete fare ciò, fratelli. Bisogna che io vada da solo”.

Il barcaiolo si avvicinò e mi disse: “Ecco la barca che ti occorre!” Ed egli mi mostrò una bella canoa bianca in plastica. Gli dissi: “No, quella non va bene!”

Mi disse: “Bene, ma con questa canoa potresti risalire il fiume ad una velocità di sessanta chilometri all'ora!” Gli risposi: “Ma io devo attraversare questo fiume!” Comprendete?

Egli disse: “Bene, va’ con questi due fratelli!”

Gli dissi: “Loro non sono dei buoni battellieri; non hanno conoscenze sufficienti in questo campo; si lasciano trascinare dal loro entusiasmo. Non possono fare ciò! Se andassero là, annegherebbero! Loro non sono in grado di farlo”.

Ed egli disse: “Non vuoi fidarti?”

Gli dissi: “Ascolta: conosco le barche meglio di loro ed io non vorrei mai intraprendere una simile traversata con una barca così piccola. Ci vuole qualcosa di più grande”.

Ed io lo vidi che girava lo sguardo verso quei fratelli, dicendo: “Siete battellieri?”

I fratelli risposero: “Sì”. Vedete?

Dissi: “È falso”.

Allora, il barcaiolo ritornò verso di me, dicendo: “Ti dirò ciò che devi fare. Questi fratelli ti amano; credono in te. Ma se provi a fare questa traversata con la barca a motore, loro proveranno a seguirti con la loro canoa e moriranno entrambi. Non possono seguirti”.

Gli chiesi allora: “Cosa devo fare?”

E questo barcaiolo mi rispose: “Torna laggiù. In tutta questa regione c’è un solo piccolo capannone; ce n’è uno solo. Vai là e riempilo di provviste. Questi fratelli resteranno là mentre tu sarai lontano. Ma bisogna che tu immagazzini delle provviste”.

Allora, mi misi a ordinare ogni tipo di cavoli, di rape, di ravanelli, ogni genere di cose che cominciai ad ammucchiare in questo capannone. Poi mi svegliai. Sul momento non sapevo cosa significasse, ma adesso lo so. Comprendete? Adesso, fratelli, noi immagazziniamo delle provviste. Viviamo una vita dove dobbiamo camminare da soli.

202         Leo, ti ricordi la prima volta che sei venuto qui, di quel sogno che hai avuto circa la piramide, e pensavi di potervi salire? Ma ti avevo detto: “Leo, nessun uomo può andare lassù; è Dio che deve mettervelo. Hai scalato tutti i regni della terra che potevano essere scalati, ma non puoi venire fin qui, Leo. Ridiscendi, e di’ alle persone che ciò viene da Dio. È qualcosa su cui non puoi contare”.

Sono tutti miei fratelli e mie sorelle, la mia chiesa ed ogni cosa, tutte le altre chiese ed i fratelli nel mondo intero.

203         Non posso restare lontano dalla chiesa dispersa nel mondo. Qualcuno mi ha chiesto: “Perché vai da queste persone, questi trinitari, da questi qui, quelli laggiù, questi unitariani, queste persone del Nome di Gesù, e tutti gli altri. Perché ti mischi a loro?”

È perché sono miei! Qualunque cosa abbiano potuto fare, sono miei! Sono la mia assemblea.

204         Un tempo Israele si comportò così male che alla fine Dio disse a Mosé: “Allontanati da loro; farò di te una nuova tribù!” Ma Mosé si interpose e disse: “Se distruggi il Tuo popolo, allora distruggi pure me con loro!”

205         Importava poco ciò che il popolo avesse fatto, era il popolo verso il quale Mosé era stato inviato. Se Egli manda una Luce, non è affinché brilli là dove c'è la luce, bensì là dove ci sono le tenebre. È là che deve essere. Bisogna continuare a camminare alla testa del popolo; bisogna restare con loro, qualunque siano le condizioni.

206         Israele si comportava male in tutti i modi possibili. Si comportava così male al punto che Dio voleva abbandonarlo, ma Mosé… Mi sono sempre chiesto cosa avesse spinto Mosé ad agire così, ma, comprendete, era lo Spirito di Cristo che agiva in Mosé. Noi tutti siamo nell'errore. Ma, quando eravamo nell'errore e facevamo il male, Egli ha preso la nostra difesa.

207         Qualunque sia il male in cui si trovano le persone, noi non le rigettiamo! Non rifiutiamo di parlare con loro! Se possiamo guadagnare un'anima, allora dobbiamo essere “prudenti come serpenti e semplici come colombe”, e cerchiamo di conquistare tutte le anime che possiamo.

208         Dunque, stamattina, voglio dirvi questo: “Immagazzinate delle provviste, immagazzinate del cibo affinché abbiate qualcosa da mangiare e di che rallegrarvi. Installate delle camere fredde per il nutrimento, immagazzinate sui vostri nastri magnetici. Forse resterò lontano da voi per molto tempo! Ma, quando sarò assente, ricordatevi che tutto ciò che vi ho detto è la verità”.

Sedetevi dunque nella vostra stanza ed ascoltate! Comprendete? È questo il cibo; è immagazzinato nella riserva. Non so dove mi condurranno i miei prossimi viaggi, ma ovunque vada, Egli sa dove mi conduce; io non lo so, seguo solamente i Suoi ordini.

Cosa diceva dunque? Ascoltiamo attentamente!

Del rimanente, fratelli miei, fortificatevi nel Signore e nella forza della sua possanza. Rivestitevi della completa armatura di Dio, onde possiate star saldi contro le insidie del diavolo; poiché il combattimento nostro non è contro sangue e carne (cioè contro le pallottole e i coltelli), ma contro i principati, contro le potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebre (il principe delle tenebre).

209         Chi regna sul mondo? Il diavolo! Certamente! Chi è la causa di tutte queste cose empie che accadono in questo mondo, in tutti questi governi? Tutto ciò viene dal diavolo! È la Bibbia che lo dice. È il diavolo che governa gli Stati Uniti; è il diavolo che governa la Germania; è il diavolo che governa ogni nazione nel mondo, arriverò a ciò fra qualche istante. Vedremo se è vero, vedremo se tutti i regni della terra sono stati e saranno sempre governati dal diavolo, e ciò sarà fino al giorno in cui Dio stabilirà il Suo Regno. Ma non voglio dire con questo che tutti gli uomini appartengono a Satana. No! Nelle amministrazioni dei governi, si possono trovare degli uomini di Dio! Tra qualche giorno, ce ne sarà uno qui stesso che verrà con il fratello Arganbright per mostrarci un film. Ha lavorato nella diplomazia per circa cinque successivi presidenti.

È il fratello Rowe… Penso che sarà qui nella seconda settimana di aprile; il fratello Neville ve l'annuncerà a tempo debito. È un uomo meraviglioso.

210         Mi ha detto che poteva parlare, credo, otto lingue, ma quando ricevette lo Spirito Santo, tra quelle lingue non ve ne era nessuna con la quale potesse parlare al Signore. Così, il Signore gliene diede una con la quale poteva parlargli, gliene diede una con la quale aveva parlato mai prima.

... contro le forze spirituali della malvagità, che sono nei luoghi celesti. Perciò… (ora, ascoltate bene voi soldati, proprio prima che iniziamo la fila di preghiera). Perciò, prendete la completa… c-o-m-p-l-e-t-a (non solamente una parte d’essa) …la completa armatura di Dioaffinché possiate resistere nel giorno malvagio (è il giorno in cui viviamo), e dopo aver compiuto tutto il dover vostro, restare in piedi. Restare in piedi! Amen. Comprendete questo, miei cari? Quando avete fatto tutto quello che potevate fare per rimanere saldi, allora restate saldi e non abbandonate più la vostra posizione.

State dunque saldi, avendo ai fianchi… (Ascoltate questo, ascoltate cosa significa) …avendo ai fianchi… (è la metà del corpo, vedete?) la cintura della verità (Cos’è la verità? La Parola di Dio. Ciò è esatto. “La Tua Parola è la verità”. Benissimo) …rivestiti con la corazza della giustizia… (proprio questo, fate ciò che è giusto, ricevete la Parola in voi di Dio e fate ciò che è giusto) …rivestiti con la corazza della giustizia, e avendo i piedi calzati con la prontezza dell'evangelo della pace (ovunque andiate, in ogni luogo e in ogni tempo, che i vostri piedi siano calzati con il Vangelo, vedete?) …soprattutto prendendo (soprattutto) lo scudo della fede… (è questo che fa deviare i dardi, comprendete?) …lo scudo della fede, con il quale potete spegnere tutti i dardi infuocati del maligno.

Prendete anche l'elmo della salvezza… (per proteggere la vostra anima, per proteggere la vostra mente, l’elmo protegge la testa) …e la spada dello Spirito, che è la parola di Dio.

211         Come metterete questo elmo, a cosa serve? È una protezione. Di cosa è fatto l’elmo? Di rame! Il rame non può essere temprato, è duro, più duro del ferro. Un elmo di rame! Che cos’è? È la salvezza, la conoscenza di sapere questo: che la mia guarigione viene da Dio; la mia salvezza viene da Dio; il mio spirito è in armonia con la Sua Parola,  non con le idee della chiesa, ma con la Parola. Amen! Ecco. Coperto con una protezione. Prendete l’elmo della salvezza, della liberazione, mettete quest’elmo e andate avanti! Oh, è ciò che dobbiamo fare!

212         L'esercito di Satana, osservate ora (bisogna che mi sbrighi, ma devo ancora dirvi questo), l'esercito di Satana porta la malattia. Satana è così, è un distruttore. Tutto il regno di Satana è malattia, morte, dolori, frustrazioni e dispiaceri! Satana è tutto questo. Dio invece è la Vita, la fede, la gioia, la pace in mezzo a noi. Vedete?

213         Ecco questi due grandi eserciti che si affrontano. Combattono. Combattono proprio ora, qui, in questo edificio. Si battono con voi giorno per giorno. Satana, con tutti i suoi eserciti, vi segue passo dopo passo, questo grande Golia, maestoso come un re, solenne come un sacrificatore, cerca di terrorizzarvi fino alla morte. Ma, se Dio è con voi, siete fortificati dal Vangelo (amen!), tramite la Parola di Verità che cinge i vostri fianchi. Gloria a Dio! Predicatori, si tratta di questo: prendete l’elmo della salvezza, lo scudo della fede, brandite la spada e dite: “Satana, ti vengo incontro. Tu vieni verso di me nel nome della scienza, nel nome della cultura, nel nome delle organizzazioni, tu vieni verso di me nel nome di questo, di quello e di quell’altro, ma io vengo verso di te nel nome del Signore, il Dio d’Israele! Ti scaccio! Vattene!” La morte stessa non può sussistere. L’attaccate violentemente! È vero!

214         L'esercito di Satana reca la malattia, ma l'esercito di Dio ha il compito di vincerla. Amen! È vero! Ogni volta che Satana vi carica di qualche fardello, l'esercito di Dio lo caccia via. Amen! Cacciatelo fuori, questa è la tattica usata da Dio. Satana ha usato il suo esercito distruttore per spargere l'incredulità verso la Parola di Dio e stabilire un regno migliore di quello dell’arcangelo Michele, ma Dio l'ha rigettato.

215         Il metodo di Dio è di cacciare il male, di cacciare il ragionamento, di cacciare la superstizione, di cacciare le preoccupazioni, di cacciare il peccato. Amen! Voi siete al di sopra di questo, siete risuscitati in Gesù Cristo, seduti nei luoghi celesti, ed ora tutti i demoni sotto ai vostri piedi. Se egli prova a rialzare la testa…

216         Sapete, voi siete morti; la vostra vita è nascosta. Siete morti a che cosa? Siete morti al vostri sensi, alle vostre coscienze (la vostra volontà umana vorrebbe dire: “Oh, suppongo che…”), morite ai vostri ragionamenti, morite a tutte queste cose, voi siete seppelliti nel nome di Gesù Cristo e risorti con Lui. Ovunque Egli sia, voi ci siete pure.

217         Cosa accadde quando uno di questi scettici entrò nel Cielo? Dio lo cacciò! Ma, che disse ai soldati risuscitati in Cristo? “Quando il diavolo si avvicina, cacciatelo! Mettetelo fuori!”

218         Gesù ammaestrò il Suo esercito e lo mandò fino all'estremità della terra, dicendo: “Andate per tutto il mondo e predicate l'evangelo a ogni creatura; chi ha creduto ed è stato battezzato, sarà salvato; ma chi non ha creduto, sarà condannato. E questi sono i segni che accompagneranno quelli che hanno creduto: nel mio nome scacceranno i demoni, parleranno nuove lingue; prenderanno in mano dei serpenti, anche se berranno qualcosa di mortifero, non farà loro alcun male; imporranno le mani agli infermi, e questi guariranno”.

Avanti, soldati Cristiani, andiamo marciando alla guerra,

Con la croce di Cristo, avanti a noi!

219          “Sono stato crocifisso con Cristo: non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me”. La Parola va avanti, Dio si fa strada con la Sua Spada affilata a doppio taglio e mutila il maligno.

220         Quando il generale Grant prese la città di Richmond, non sorprende che questa povera donna al vederlo fu colta dall'ispirazione e si mise a cantare questo cantico:

I miei occhi hanno visto la gloria della venuta del Signore;

Egli calca l’uva nel tino, la calpesta nella Sua ira;

Ha fatto echeggiare il tuono e la Sua spada è veloce come il lampo;

Il suo esercito è in marcia! (Amen!)

221         Come fece Grant a prendere Richmond? Semplicemente quando l'attaccò! Amen! È così che prese Richmond! È così che i soldati di Dio vengono a capo del peccato, della malattia, vale a dire quando li attaccano. Amen! È così che sormontano i loro dubbi, i loro timori e tutto il resto. Quando una di queste cose si erge contro di loro, l'abbattono con la loro spada e l'allontanano dalla loro strada. Oh, è vero.

222         Dio li ha rigettati, come ha fatto nel Cielo. Il nostro grande Comandante supremo ci ha mostrato come bisognava fare. Roy Roberson, il fratello Funk, e molti di voi vecchi veterani che siete qui, sapete bene cosa sia un vero capitano!

223         Quando ero solamente un bambino, scoppiò un incendio nella ditta Fowles. I pompieri di Jeffersonville accorsero là e cercavano di spegnerlo. Il loro capo camminava tranquillamente di qua e di là, dicendo loro: “Gettate un po’ acqua da questa parte, gettate un po’ d’acqua da quella parte [Il fratello Branham imita il rumore dell’acqua che esce da un piccolo tubo –Ed.]. Poi vennero i pompieri di Clarksville: “Gettate un po’ d’acqua qui, gettate un po’ d’acqua là”. E l'edificio della ditta Fowles continuava a bruciare!

224         Allora chiamarono i pompieri di Louisville; quelli erano dei pompieri addestrati! Da lontano, si sentivano le loro sirene. Ma i capi dei nostri piccoli gruppi di pompieri locali, con il loro: “Gettate un po’ d’acqua qui, gettate un po’ d’acqua là…” erano degli uomini senza esperienza. Ma, fratelli, quelli di Louisville! Appena fermarono il loro camion, chi era già in cima alla scala? Il loro capitano! Quando la scala fu posizionata, salì con essa. Quando raggiunse la finestra, afferrò la sua ascia, la gettò attraverso la finestra e disse: “Andiamo ragazzi!” Così, il fuoco fu spento in pochi minuti! Ecco un vero capitano! Questi non era un capitano che diceva semplicemente: “Gettate un po’ d’acqua qui, gettate un po’ d’acqua là!” Bensì: “Venite ragazzi”. Amen. Egli aprì la via e mostrò loro cosa fare.

Pensai: “Questi pompieri ben addestrati hanno spento il fuoco in pochi minuti”. Perché? Perché loro avevano un capitano che sapeva ciò che faceva.

225         Fratelli, parlate a chi volete della vostra teologia, delle vostre denominazioni fatte dall’uomo, e delle vostre organizzazioni. Divertitevi con tutto ciò! Ma io ho un Capitano che mi ha mostrato ciò che bisogna fare. Loro

226         Oh, che assurdità! In Luca, al capitolo 4, il nostro Comandante supremo ci ha mostrato ciò che bisognava fare. Non ho il tempo di leggerlo; leggetelo voi stessi, cominciando dal verso 1. Voi vedrete che Egli non ha mai detto: “Vi dico ora cosa dovete fare. Andate laggiù e stabilite una grande organizzazione, con dei diaconi, dei presbiteri, dei vescovi, dei cardinali, ecc…” Egli non ha mai detto questo.

Quando Satana Lo incontrò Gli disse: “Tu hai fame! Fa’ che queste pietre diventino pane!”

Ma Egli rispose: “Sta scritto!”

Satana Gli disse ancora: “Sali quassù e Ti mostrerò qualcosa”.

Egli rispose: “Ma sta scritto!”

Satana replicò: “Farò questo per Te se Tu...”

E il Signore esclamò: “Sta scritto!”

227         Ecco ciò che il nostro Comandante supremo ci ha detto di fare. Come fece sorella? Sta scritto: “Imporranno le mani agli infermi e questi guariranno”. Sta scritto: “Nel mio nome scacceranno i demoni”. Amen!

Cos’è? Sta scritto. Questo è l’ordine del Comandante supremo. Sta scritto: “Chi ascolta le Mie Parole e crede in Colui che Mi ha mandato ha vita eterna”. Sta scritto, sta scritto, sta scritto. Questi sono gli ordini per i soldati; questa è la linea da seguire; questa è l’artiglieria che ci fa avanzare.

228         Cosa fece Davide? Egli andò ad affrontare Golia! Come fece Davide per mostrare all'esercito come bisognava fare? Come lo mostrò ad Israele? Davide significa “benamato, salvatore”. Vedete? Come agì Davide? Egli disse: “Ecco ciò che bisogna fare: credete la Parola del Signore”.

229         Golia gli uscì incontro e disse: “Sai che farò? Ti appenderò sulla punta di questa lancia e ti darò in pasto agli uccelli!”

230         Ma Davide gli rispose: “Tu mi vieni incontro in quanto organizzazione; mi vieni incontro con la tua scienza moderna; mi vieni incontro con la tua grande spada di quattordici piedi; mi vieni incontro con un elmo di rame ed uno scudo così pesante che non potrei neanche sollevarlo; mi vieni incontro quale guerriero addestrato; mi vieni incontro con la tua laurea in filosofia ed i tuoi titoli; mi vieni incontro con tutte queste cose. Ma io vengo nel nome del Signore, il Dio d’Israele, ed oggi stesso taglierò la tua testa dalle tue spalle”. Amen!

Questo ragazzino osava attaccare un simile gigante! Ma egli sapeva su cosa si appoggiava. Il resto d'Israele tremava, dicendo: “Oh, povero ragazzino!”

Ne frattempo Golia si avvicinava gridando: “Vedrai cosa ti farò!”

231         Ma Davide aveva la fede in J-E-S-U-S [G-E-S-U’], cinque pezzi di roccia, cinque pietre! Prese solamente una sola piccola pietra e la fece roteare nella sua fionda. Lo Spirito Santo si impossessò subito di questo sasso e lo condusse diritto al segno; e Golia cadde. È così che si deve fare.

232         È ciò che fece Gesù, quando disse: “Andate sui campi di missione. Se volete sapere come vincere questi demoni, Io ve lo mostrerò”.

233         Satana disse: “Ti vengo incontro (è Golia!) e ti mostrerò ciò che posso fare. Hai fame? Se sei il Figlio di Dio, voglio lanciarti una sfida. Pretendi di essere il Figlio di Dio? Ti lancio una sfida! Se sei il Figlio di Dio, ordina a queste pietre che diventino pane e mangia, poiché hai fame! Se sei il Figlio di Dio hai il potere di farlo”.

Ma Gesù gli rispose: «Sta scritto: “L'uomo non vivrà solamente di pane!”» Oh, ecco come fece il Comandante supremo!

Allora il diavolo lo portò con sé nella città santa, lo pose sul pinnacolo del tempio e gli disse: “Se sei il Figlio di Dio, gettati giù; poiché sta scritto…”

Gesù gli rispose: «È vero! Ma sta altresì scritto: “Non tenterai il Signore Dio tuo”». Vedete come Egli chiamo Sé stesso? Il Signore Dio tuo! “Non tenterai il Signore Dio tuo”.  Sta altresì scritto proprio così. Vedete?

234         Oh! Cosa fece Egli? Sconfisse Satana con la Parola di Dio! La tattica del diavolo è di farvi dubitare della Parola di Dio, ma il nostro Comandante supremo ci ha detto di prendere la Parola di Dio e di agire di conseguenza. “Nel Mio nome scacceranno i demoni”.

235         Satana, il loro capitano… Oh, sapete che alcune di queste denominazioni cercano di farvi credere che il diavolo ha i piedi forcuti, una grande coda ed ogni sorta di stupidità dello stesso genere? Non lo credete! Non è affatto così. No! Fratelli, egli è un astuto, non credete che abbia ciò! Loro cercano soltanto di spaventarvi. Il diavolo non è così! Innanzitutto non ha i piedi forcuti! Ne dubito molto! Difatti, egli è uno spirito. Il diavolo è uno spirito e non ha i piedi forcuti e cose del genere come loro cercano di dipingerlo. No, no! Egli è invece sapiente, fratelli, egli è un uomo sapiente, istruito in tutta la sapienza di questo mondo. Oh, sì! Egli è bello. Ha organizzato il suo esercito con la sapienza terrena, anzi, a tal punto fratelli, che non dovete cercare di attaccarlo con le vostre parole. Fareste bene a sapere di cosa parlate quando incontrate uno di questi tipi che dicono che i giorni dei miracoli sono passati.

236         Oh, egli non ha i piedi forcuti! È raffinato, esce da un seminario, fratelli miei; intendo dire che egli è intelligente, che ha ogni genere di diploma, di titoli e tutto il resto. Comprendete? È proprio così intelligente! Sapiente? Certo, è il serpente, il più astuto di tutti. È ben pettinato, ben vestito, non c'è una sola falsa piega nei suoi vestiti. È elegante, saggio ed astuto come nessun altro! È vero! Perciò, non cercate di apparire più fine di lui, a meno che sappiate di cosa parlate. È vero! Ma noi conosciamo la sua vecchia tattica. Sappiamo ciò che cerca di fare: prova a farci dubitare della Parola di Dio. Egli non ha i piedi forcuti! No, no!

237         Ora, vediamo dunque che se non ha i piedi forcuti, deve essere fatto diversamente. Egli è astuto, ha della saggezza, dell'istruzione, è organizzato. Oh, fratelli, ed egli ha il suo esercito…

238         Molto tempo fa, l'esercito tedesco, degli stranieri, attaccò la Svizzera. Il loro esercito era compatto, come un muro di mattoni. Ciascuno di questi soldati, ben addestrato, portava davanti a sé una lancia di otto o dieci piedi. È così che attaccarono la povera piccola Svizzera! E come erano armati questi svizzeri? Di falci, di bastoni, di sassi! Ma si tennero là e li aspettarono con fermezza. Dietro di loro, nelle montagne, c'erano i loro villaggi e i loro focolari. E l'esercito svizzero scese incontro ai suoi nemici. Tuttavia, gli svizzeri non avevano fatto nulla ai tedeschi, ma questi venivano per impossessarsi della loro terra.

239         Che fece dunque questo bambino? Era solamente un ragazzino! Satana avrebbe voluto togliergli la vita! Certamente! Ma il tempo non era ancora giunto. Vedete?

240         Gli svizzeri non avevano fatto nulla di male, erano delle brave persone. Ma scesero per cercare di difendere i loro focolari. Dopo un certo tempo, si levò fra loro un uomo: Arnold di Winkelried.

241         Questo piccolo esercito svizzero fu presto accerchiato. Ciascuno si chiedeva: “Che possiamo fare?” Erano circondati da un oceano di uomini ben addestrati! Ce ne erano dappertutto! È così che Satana ha fatto. Il suo esercito è ben addestrato, ogni lancia è puntata in avanti, ogni soldato marcia al passo, uno, due! uno, due! E si mettono ad attaccare questo piccolo esercito. Loro dovevano soltanto avanzare e colpire questi piccoli soldati con le loro spade, trafiggerli con le loro lance. L'esercito svizzero sarebbe sparito senza che restasse un solo uomo.

242         E giusto là dietro, nelle montagne, c'erano i loro focolari, i loro cari; le loro donne sarebbero state rapite o violate, i loro figli e le loro figlie uccisi e le loro case incendiate, il loro cibo saccheggiato ed il loro bestiame requisito. Ecco ciò che li aspettava! Ma allora, cosa accadde?

243         Un uomo, Arnold di Winkelried, ebbe all’improvviso un'ispirazione. Ed egli disse: “Uomini della Svizzera, oggi io muoio per la Svizzera!” Amen! “Oggi, do la mia vita per la Svizzera!”

Allora gli chiesero: “Cosa vuoi fare?”

Egli disse loro: “Seguitemi e combattete con tutte le vostre forze!” Allora, egli si avvicinò, gettò la sua spada (questo piccolo bastone che teneva in mano), stese le braccia e si mise a correre con tutte le sue forze verso il nemico, gridando: “Aprite la via alla libertà”, continuò a correre verso i nemici e, non appena li raggiunse, si gettò sulle loro lance che lo trapassarono nel momento in cui li agguantava a piene braccia. E là morì.

244         Ma prima, aveva detto loro: “Ho laggiù una casetta, una moglie e dei bambini. Questa casa l’ho appena acquistata. Vi amo tutti, ma oggi io muoio per la Svizzera!” Egli disse loro: “Io do’ la mia vita per salvare questa nazione”.

Fu un eroe; non ebbero più una guerra da allora. Il suo atto eroico mise fine alla guerra. Questa manifestazione di eroismo seminò panico e la disfatta nell'esercito nemico, e i tedeschi si misero in fuga nella confusione. Gli Svizzeri li bombardarono di rocce che fecero rotolare dai monti fino sulle strade dove il nemico doveva passare e li cacciarono dal paese, dove non ritornarono mai più. Ciò è accaduto secoli fa. Comprendete?

245         Fu un glorioso fatto d’armi! Ma, fratelli, un giorno, allorquando l'ignoranza, la superstizione, i dubbi, le frustrazioni ed il terrore avevano chiuso ogni uscita al popolo di Dio, ci fu qualcuno, chiamato Gesù Cristo, che disse: “Oggi, Io muoio per il popolo”. È vero.

246         Che cosa ha detto Egli al Suo esercito? “Seguitemi e combattete con tutte le vostre forze! Se avete un randello, combattete con un randello; non abbiate paura. Se avete un bastone, combattete col vostro bastone! Se avete un sasso, combattete con questo sasso! Combattete con quello che avete!” È ciò che il nostro Comandante supremo ci dice ancora oggi. “Ho preso la Parola di Dio e ho vinto il diavolo e la sua potenza”. Egli l’ha fatto pure a pezzi (amen!) con la Sua Parola.

247         Qualunque cosa abbiate, anche se avete una sola Parola: “Io sono il Signore Dio tuo che ti guarisce”, fatelo a pezzi! Seguite il vostro Capitano (amen!) seguiteLo! Certamente, Egli l’ha fatto a pezzi.

248         Satana, con tutti i suoi magnifici regni, con la sua bellezza che aumenta ogni giorno, con tutto il suo modernismo e tutte queste cose alla moda, non ha niente a che fare con noi. Ciò è esatto! Egli è ancora e sempre il più astuto di tutti gli animali. Certamente! Gesù ha detto che i figli di questo mondo sono più avveduti dei figli del Regno di Dio.

249         Viviamo ora nei giorni in cui questi due grandi eserciti sono in marcia uno contro l'altro. (Bisogna che mi sbrighi, adesso). Viviamo in un tempo in cui la malattia ed ogni genere di cose hanno colpito il mondo a tal punto che persino la scienza medica è impotente e nessuno sa più cosa fare. E l'esercito, il piccolo esercito di Dio, si trova a poco a poco ridotto alle strette. Fratelli, è tempo che sia suscitato un altro Arnold di Winkelried.

250         L'ora è giunta in cui deve levarsi un altro uomo di Dio; è tempo che Elia appaia. È tempo che qualcosa accada. Voi, esercito di Dio, ritornate in voi stessi! Non vi fermate un solo istante per ascoltare ciò che il diavolo vuole offrirvi tramite il canale dei vostri sensi. Ma ricordatevi che la Parola di Dio non può mai fallire. Questi due grandi eserciti…

251         Quando l'avversario verrà come una fiumana (come è il caso d’oggi), cosa ha detto Dio che avrebbe fatto? Lo Spirito di Dio gli alzerà contro uno stendardo. Siete voi uno di questi stendardi? Certamente!

252         Giacomo 4:7 (non ho il tempo di leggerlo), ci insegna a resistere al diavolo e non ci dice che egli se ne andrà semplicemente, ma che fuggirà da voi. Resistere al diavolo! Come resistiamo al diavolo? Nel modo che ci ha insegnato il nostro Comandante supremo. Prendete la Parola di Dio. È tramite la Parola di Dio che resisterete al diavolo. Il nostro Comandante supremo ci ha mostrato come dobbiamo fare. Molto bene.

253         Per terminare, vorrei dire ancora una cosa: questo vecchio demonio, conoscete bene la sua sfacciataggine e la sua audacia; vi chiedete se attaccherebbe un bambino? Egli attaccherà chiunque! Ha attaccato persino Gesù Cristo! L'ha attaccato selvaggiamente tre volte di seguito. Sapevate ciò? Satana non ha attaccato solo una volta. Comincerà con l’attaccarvi tramite la malattia, poi ritornerà alla carica, dicendovi: “I giorni dei miracoli sono passati. Non puoi essere guarito! Non c’è niente da fare!” Sapete che ciò è vero?

254         Egli ha attaccato Gesù tre volte. Tre volte attaccò selvaggiamente Gesù con la sua incredulità nella Parola di Dio! Gesù era la Parola, certo, ma Satana non credeva questa Parola. “Se sei… Se sei…” Il nemico ci attacca talvolta ferocemente! Venne, dicendo: “Se sei il Figlio di Dio, fammi un miracolo; mostrami ciò che sai fare!” Fratelli, per tre volte attaccò selvaggiamente! “Se sei… Se sei…”

255         Ma, che cosa fece Gesù? Gesù era la Parola di Dio; Egli era la Parola. E Satana attaccava la Parola! Oh, gloria a Dio! Sento che potrei predicare ancora su questo argomento! Gesù è la Parola. “Nel principio era la Parola e la Parola era presso Dio, e la Parola era Dio”. E la Parola si è fatta carne ed ha abitato… Gesù era la Parola. Che fece Egli? Fece il diavolo a pezzi! Oh! (ora devo fermarmi). Che cosa fece Gesù? Egli era la Parola ed è con la Parola che spense i dardi infuocati di Satana. Satana aveva inviato le sue truppe d’assalto contro Gesù, la Parola, ma Gesù prese questa Parola e lo fece a pezzi. Alleluia! È vero! Lo fece a pezzi e lo sconfisse con la Parola.

256         Discernete il suo modo di attaccare? Ascoltate attentamente ciò che vi dico per concludere. Qual è la sua arma? L'incredulità verso la Parola di Dio! È così che egli vi attacca. Potete vedere adesso la più grande battaglia che sia mai stata combattuta? Ci sono solo due forze: Satana e Dio. E qual è l'arma che Satana adopera contro di voi? Egli cerca di farvi dubitare della vostra Arma. È così che vi disarma. Adesso, ascoltate qualcosa molto attentamente.

257         Se egli può arrivare a farvi credere che la vostra Arma non è abbastanza forte, che non è sufficiente, è come se vi avesse disarmato. Oh, fratello Neville, spero che non dubiterai mai della tua Arma! Perché se riesce a farti dubitare della tua Arma, egli ti disarma. Se poi la deponi, allora il combattimento per te è finito: sei vinto. Tenete saldamente quest’Arma e non la deponete mai! Vediamo l'incredulità di Satana… Voglio dirvi ancora qualcosa, solo un minuto.

258         La Russia… Dico questo specialmente per i veterani e di coloro che studiano la Bibbia. Perché vi turbate, perché gridate contro la Russia? Mi avete mai sentito dire di costruirvi dei ripari contro le bombe? Perché vi turbate in merito alla Russia? La Russia non è niente, non vincerà alcuna guerra e non conquisterà il mondo. Il Comunismo non conquisterà il mondo. Perché le persone hanno così tanta paura? Può la Parola di Dio fallire?

259         Ascoltate questo. Lo dico perché ciò viene registrato. Parlo al mondo intero, a chiunque riceverà questa registrazione. E voi che siete qui, in questa sala, qualunque cosa possa accadermi, credete ciò che vi dirò. La Russia, il Comunismo, non conquisterà niente! La Parola di Dio non può fallire. È Roma che conquisterà il mondo.

260         Prendiamo la visione di Daniele; è la Parola di Dio. “Tu, o re Nebukadnetsar, sei la testa d’oro, Babilonia. Poi, ci sarà un regno inferiore al tuo, l’argento, cioè il Medio-Persiano. Poi, ci sarà la Grecia, con Alessandro il Grande, ed infine, ci sarà Roma”. Qui non si parla del Comunismo! È Roma che conquisterà il mondo.

261         Gesù Cristo è nato nell'impero romano e, all'epoca della Sua prima venuta, fu perseguitato dall'impero romano. E, prima della Sua seconda venuta, il Suo messaggio è perseguitato dalla denominazione romana che è la madre di tutte le altre. E, quando Egli ritornerà, spazzerà via questo impero romano. I Giudei hanno sempre atteso che Egli venga e annienti l’impero romano. Vediamo riunirsi insieme la gerarchia cattolica con tutte le denominazioni del mondo per formare una grande organizzazione, la Confederazione Mondiale delle Chiese che si sta stabilendo. Non si tratta della Russia, ma di Roma! “Così dice il Signore!”

262         Mostratemi un passo della Scrittura dove non sia Roma, ma il Comunismo, o qualunque altro che prende il potere! I Medio-Persiani non succedettero a Nebukadnetsar? Certamente! A costoro non succedette poi la Grecia? Sì! Dopo di loro non è Roma che ha preso il posto? Non si è divisa in dieci potenze nell'impero ottomano come l’abbiamo ora? Eisenhower (che significa ferro) e Kruschev (che significa argilla) non si sono incontrati qui stesso e Kruschev non si è tolto la scarpa battendola sul tavolo per sigillare il loro incontro? Egli ha fatto ciò affinché tutto il mondo comprenda bene ciò che voleva dire. Ma che accade con le persone, oggi?

263         Che ne è della vostra fede? Perché non credete che la Parola di Dio è la Verità? Che ne è oggi dei predicatori? Vogliono tutti combattere il Comunismo! Ma il Comunismo non è niente! Il diavolo sta tessendo la sua tela giusto sotto il loro naso ed essi non si accorgono di nulla! È Roma, il denominazionalismo, e Roma è la madre delle denominazioni. La Bibbia dice che è una prostituta e che le sue figliole sono delle prostitute come lei, delle prostitute contro Dio e contro la Sua Parola. Soldati, afferrate la Parola, restate con la Parola!

264         Un giorno morrò; ma questa Parola non può morire! E voi giovani, se queste cose non accadono nella mia generazione, voi le vedrete!

265         Avete sentito il notiziario stamattina? La signora Kennedy è andata a rendere visita al papa, e cosa ha detto il papa? Vedete? Tutte le religioni del mondo… Bene, forse ne parleremo in modo più dettagliato domenica prossima.

266         Vedete? Non vi preoccupate della Russia. La Russia è solamente un piccolo ciottolo sulla spiaggia. Non si preoccupate del Comunismo! State piuttosto attenti a ciò che viene da Roma, dove si sta preparando l'unione di tutte le chiese. Nella Scrittura non c’è scritto nulla riguardo al Comunismo che dovrebbe governare il mondo. Ed io mi occupo soltanto della Parola, malgrado tutto quello che può accadere nel mondo; è nella Parola che io credo.

267         È Roma che si sta impossessando del mondo, e Roma è la madre delle organizzazioni. Non c'è mai stata un’organizzazione prima del romanesimo e tutte le altre sono uscite da Roma: è la Bibbia che lo dice. Roma è la madre delle prostitute, (potrei passare una mezza giornata su questo argomento, ma devo andare avanti).

268         Quando il nemico ci attacca… “Oh, dovresti unirti alla nostra organizzazione…” Cosa farete? Indietreggiare? Fare dei compromessi? Un vero soldato non lo farebbe! Niente affatto! Allora, cosa faremo? Che la mente, che la mente che era in Cristo… Non è quel che dice la Bibbia? Che la mente che era in Cristo sia in voi! Qual era il Suo pensiero? Restare con la Parola, la Parola del Padre, ed avere così il potere di vincere ogni volta il nemico.

269         Adesso, se il nemico vi attacca e prova a dirvi di fare questo o quello, cosa farete? Restate con la Parola! È vero! Ed allora, che farete? Prendete la Parola! Cos’è la Parola? La Bibbia ce l'ha detto e l’abbiamo appena letto. Perché lo Spirito di Dio è la Parola. Comprendete? Prendete anche l’elmo della salvezza e la spada dello Spirito. La spada dello Spirito, che è lo Spirito che passa attraverso la vostra mente e che entra in voi.  La spada di questo Spirito è la Parola di Dio! Con che cosa combatte lo Spirito? Con delle sensazioni? Con dei sentimenti? No! Combatte con la Parola. Gloria.

270         Cosa ci dice qui? Sensazioni? La Parola! La Parola! Diciamolo tutti insieme: la Parola! La Parola! [L'assemblea risponde: “La Parola!” –Ed.]. Lo Spirito combatte con la Parola di Dio.

271         Lo Spirito di Dio si è avvicinato verso il diavolo e gli ha detto: “Sta scritto!” Amen! “Sta scritto!” e il diavolo se ne andò.

272         Cosa dobbiamo fare? Prendere la spada, che è la Parola di Dio, e tenerla come? In una mano piena di fede, una mano forte e piena di fede che tiene questa Spada affilata a due tagli. La Bibbia lo dice in Ebrei 4, è una spada  a due tagli che taglia in avanti e indietro.

273         Fratelli, cosa fece Egli? Prese la Parola… Prendete lo Spirito, lasciate che lo Spirito entri nel vostro cuore, aprite la vostra mente e dite: “La Tua Parola è la Verità”. (Sorella, è pure per te); “La Tua Parola è la Verità”. Non mi occuperò più dei miei sentimenti, di ciò che dicono gli altri; mi fermo qui e chiudo tutte le altre vie. Tutte le frustrazioni, tutti i dubbi, tutta l’incredulità, tutti i miei sentimenti, tutte le mie malattie, tutto ciò che avevo prima, li spegnerò tutti. Passerò accanto a tutto questo e verrò dritto verso il Tuo Spirito. Oh, Signore, vieni, Tu hai detto che avresti fatto di me un uomo libero”.

“Sei libero, figlio Mio!”

274         Allora, io apro il mio cuore e la mia mente. “Entra, Signore Gesù!” E adesso, afferrate tramite la fede la Spada dello Spirito, il così dice il Signore! Gridate: “Alleluia!” Amen! Ed ora, abbattete ogni nemico che è davanti a voi. Ecco.

275         Abbattete ogni nemico… E se un vecchio spirito ossessivo vuole farvi sentire che… Abbattetelo con la Parola del Signore. La gioia del Signore è la mia forza. Allontanati da me! Abbattetelo con un grande colpo e gettatelo fuori tramite la Parola!

276         Che sia un demonio, un nemico, una malattia, o qualsiasi altra cosa, prendete la Parola, brandite la Spada e colpite! Se non è abbattuto al primo colpo, colpite, colpite ancora! Colpite finché gli abbiate fatto una breccia; fate come i polli o gli aquilotti. Apritevi un varco attraverso questo vecchio guscio della malattia, fatevi un varco con la punta della vostra Spada e dopo griderete: “Alleluia! Dov’è il prossimo nemico?” Amen! Ecco la battaglia, ecco come deve essere un soldato. Ecco come è un soldato della croce. Certamente!

277         Gettate a terra ogni vostro nemico! Perché? Perché siamo del Seme reale di Abrahamo. Quando Abrahamo rinnegò tutto ciò che era contrario alla Parola di Dio, abbatté ogni ostacolo che gli sbarrava la strada. Gli dissero: “Tua moglie è troppo anziana”. Ma egli troncò questa obiezione con un colpo di Spada e la rigettò fuori dalla sua strada. Il diavolo gli disse: “Non potrai mai fare questo, non potrai fare quello”. Ma Abrahamo brandì la sua Spada e rigettò queste cose fuori dalla sua strada. Colpì e colpì finché si aprì una via.

“Ed ora, Signore, dove vuoi condurmi?”

“Trasferisciti con la tua tenda quaggiù”. Egli vi andò ed edificò un altare al Signore.

Ma Satana venne a lui e gli disse: “Non credo che questo sia il posto giusto”.

“Io resterò qui, allontanati da me”. Alleluia!

Lot gli disse: “Faresti meglio a venire quaggiù. Qui abbiamo una vita piacevole. Facciamo tutti parte di un'organizzazione. Mia moglie è persino presidente di una sorta di società letteraria nella nostra città. Penso veramente che dovresti venire qui da noi”.

Sara disse: “Abrahamo…”

278          “Taci, Sara! (alleluia!) Resteremo proprio qui! È qui che Dio mi ha posto ed è qui che resterò. È in questo luogo che Dio mi ha posto!”

Gloria alla potenza del nome di Gesù!

Che gli angeli si prostino!

Portate la corona reale di diademi,

e coronateLo Signore di tutti.

Mi tengo a Cristo, la solida roccia;

Ogni altro terreno non è che sabbia mobile,

Ogni altro terreno non è che sabbia mobile,

La morte stessa… tutto il resto non è che sabbia mobile.

“Mi tengo a Cristo, la solida roccia”.

È il Seme reale di Abrahamo, il Seme Reale.

279         La società più scelta d’Inghilterra è la famiglia reale, sangue reale etc. Il Seme reale di Cristo è una Chiesa riempita dello Spirito Santo. Come? È un Seme reale tramite la promessa, non per mezzo di sensazioni, ma tramite la promessa di Dio. Loro si tengono alla Parola di Dio e si fanno un varco gridando “alleluia”. Neppure la morte può resistere loro. Essi dicono: “Giordano, lasciaci attraversare!” E si fanno strada fino alla terra promessa!” Amen!

280         Cosa accade? (devo terminare adesso, è certamente abbastanza) Quando la battaglia sarà finita e i santi entrano nella Terra Promessa… Vorrei chiedervi qualcosa. Che accadde quando Hitler entrò in Francia? Si dice che  c’erano così tanti aerei che non si poteva vedere più il cielo! Formando un lungo corteo, i tedeschi sfilarono a passo d'oca, celebrando la loro vittoria.

281         Quando Stalin venne con il suo esercito, i carri armati quasi si toccavano! Bombardò Berlino finché non rimase praticamente più nulla. Ecco tutto. E quando i russi entrarono in città, celebrarono la vittoria secondo i loro costumi. Ho visto ciò in un film di attualità a Londra. Li ho visti entrare nella città e celebrare la loro vittoria. E quando ci annunciarono che la guerra era finita, ci mettemmo a gridare, a fischiare con tutte le nostre forze! Quando i nostri eroi ritornarono in patria, li accogliemmo con grida di acclamazioni.

282         Ho un cugino che ha fatto la guerra e mi ha raccontato che, quando ritornò, tutti i veterani erano stati talmente feriti che nessuno di loro poteva uscire dal proprio letto. Così, quando arrivarono a New York, li trasportarono sui loro letti a rotelle sul ponte del piroscafo, affinché potessero vedere la Statua della Libertà. Mio cugino mi disse: “Questi eroi, questi soldati, si misero a piangere quando videro la Statua della Libertà”. Si erano battuti per quattro anni, ed erano stati feriti, mutilati e tutto il resto, ma sapevano che le loro mogli, le loro fidanzate, le loro madri, i loro padri, i loro bambini, tutti quelli che amavano erano dietro questa Statua della Libertà. Rappresentava per loro ciò per cui si erano battuti. Quando i nostri eroi sfilarono, un lungo grido di acclamazione salì nella città.

283         Una volta, quando Cesare vinse una grande battaglia, diede quest’ordine: “Quando celebrerò il mio trionfo sui nostri nemici, voglio vedere al mio fianco i più famosi tra i miei guerrieri!” Subito, ciascuno di questi ufficiali cominciò a mettere il suo equipaggiamento in ordine, a lucidare lo scudo, ed a prendere l’andatura più marziale per sfilare, sapete, come lo fanno i veri soldati. Ma, tra essi, Cesare vide un uomo di miserabile apparenza. Allora, aggrottò le sopraciglia, lo fece chiamare e gli disse: “Cosa fai qui? Non hai neanche l’uniforme da ufficiale! Dove hai ricevute tutte queste cicatrici?”

Il soldato gli rispose: “Sul campo di battaglia”.

Allora Cesare gli disse: “Ebbene, sali quassù! Tu sei quello che desidero vedere seduto al mio fianco”. Perché? Perché egli aveva mostrato di essere stato in battaglia!

284         Oh, che Dio abbia pietà dell'uomo che riceve una medaglia per essersi tagliato con una scatola di sardine! Ciò che desidero è di ricevere le cicatrici della battaglia! Paolo disse: “Io porto sul mio corpo le stimmate di Gesù Cristo”. È per questo che voglio battermi sul campo di battaglia.

285         Un giorno, quando verrà il nostro Comandante supremo, Colui che ci ha armati e che ci ha dato l'armatura di Dio, lo Spirito Santo che ci ha dato la Sua Parola per combattere ed affinché possiamo restare in piedi; quando il nostro glorioso Comandante supremo verrà sul Suo carro, desidero poter salire sul Suo carro ed entrare nella Gloria con Lui. E voi, non lo desiderate? Allora, prenderò mia moglie per il braccio, guarderò intorno e vedrò i miei fratelli con le loro mogli ed i loro bambini; sfileremo allora nel Paradiso di Dio! E gli angeli, al di sopra di noi, riempiranno lo spazio con i loro cantici. Che celebrazione sarà!

286         E quando la battaglia sarà terminata, porteremo la corona. Oh, soldati della croce, stendete ancora stamattina il braccio della fede ed impadronitevi di quest’Arma!

287         Che ne è di te, sorella? Sei pronta? Brandite quest’Arma e dite: “Oh Dio, non mi preoccupo di ciò che mi ha detto il diavolo, a partire da questa mattina, voglio credere! Voglio credere!”

288         Come ho detto qualche settimana fa, un uomo fece un sogno. Sognò che il diavolo era un piccolo animale che gli saltava contro facendogli: “Bou!” Allora egli fece un salto indietro. E subito il diavolo diventò un po’ più grande e fece: “Bou!” Quell'uomo fece ancora un salto indietro e il diavolo diventò ancor più grande. Infine, diventò tanto grande quanto quest'uomo e abbastanza forte per vincerlo. Costui sapeva che aveva bisogno di qualcosa per combattere il diavolo, cercò intorno a sé, ma non trovò nessun’arma, vide solamente una Bibbia e la prese. Il diavolo si avvicinò ancora a lui e gli disse: “Bou!”

289         Ma stavolta quest’uomo gli replicò dicendo: “Bou!”, ed il diavolo diventò un po’ più piccolo; ed il diavolo diventò a poco a poco sempre più piccolo, finché l'uomo poté colpirlo a morte con la Parola.

290         E tu, sorella, sei pure un soldato, non è vero? Prendi questa Parola e di’: “Sta scritto. Amen. Io non morrò, ma vivrò! Entrerò in questo tabernacolo e loderò Dio per la Sua bontà riguardo a noi tutti”. Credete ciò, voi Suoi santi? [L’assemblea dice : “Sì” –Ed.] Amen! Chiniamo i nostri capi.

291         Oh Signore Dio, Creatore dei cieli e della terra; che tutta la terra sappia che sei ancora Dio oggi! Non importa quanto io voglia predicare, quante cose voglia dire, ma, oh Signore, una sola Parola dalla Tua bocca sarebbe sufficiente per convincere i cuori.

292         Questi fazzoletti posti qui, rappresentano delle persone ammalate. Ti prego, oh Padre celeste, possano le Tue benedizioni e la Tua potenza sia sopra ciascuno di loro, quando imporrò loro le mani. Oh Dio, nel nome di Gesù Cristo, Ti prego affinché Tu unga questi fazzoletti con la Tua santa presenza. Perché è scritto nella Parola e non è contrario alla Parola. Infatti, è detto nella Parola che si portavano dei fazzoletti e dei grembiuli che erano stati sul corpo di Paolo e allora gli spiriti immondi erano cacciati, ed i malati venivano guariti dalle diverse malattie.

293         Io non sono Paolo, ma Tu sei sempre Dio, sei sempre lo stesso Spirito Santo. Impongo le mie mani su questi fazzoletti nel nome del Signore Gesù, e Ti chiedo di benedire e guarire tutti questi malati.

294         Oh Dio, c'è qui una bambina distesa su un letto, una bella ragazza, ed è morente! Satana le ha fatto tutto il male che ha potuto ed i nostri migliori medici, malgrado tutte le loro cure, non hanno potuto fare niente per lei. Non sanno più cosa fare! Ma, Signore, sono così felice che c’è ancora un capitolo nel libro della medicina! Possiamo girare una pagina in più e in questa pagina vediamo apparire il grande Medico. È Lui che chiamiamo in nostro soccorso stamattina.

295         Ora, Signore, non è scritto nella Tua Parola che “questi segni accompagneranno coloro che avranno creduto”? Signore, se non credo, fa' di me un credente adesso! Se questa ragazza non è una credente, fa' in modo che creda adesso. “Questi segni accompagneranno coloro che avranno creduto: imporranno le mani ai malati ed essi saranno guariti”. È pure scritto: “Nel mio nome cacceranno i demoni”. Oh Signore, sono le Tue Parole! Sei Tu che hai detto ciò. È la Tua Parola!

296         Io sono il Tuo servitore e Tu ha detto: “Dove due o tre sono riuniti nel Mio nome, Io sono in mezzo a loro… se vi accordate per chiedere qualcosa, la riceverete”.

297         Oh Dio! Questa bambina è probabilmente la persona più ammalata che ci sia stamattina in questa sala. Senza di Te, lei non può vivere più a lungo, lei è in una condizione molto grave. Ecco perché siamo tutti di pari consentimento. In ogni soldato della fede che si trova qui e in questa assemblea, c'è il Seme reale di Abrahamo. Ci mettiamo in marcia contro Satana adesso. Satana, preparati, perché le nostre armature scintillano, il nostro stendardo sventola, questi uomini e queste donne brandiscono le loro spade e marciano contro di te a causa di questa ragazzina. Esci da lei, Satana! Lascia questa bambina! Quale esercito del Dio vivente, ti sfidiamo! Lasciala nel nome di Gesù Cristo! Ora vado ad imporle le mani.

298         Satana, tu hai legato questa bambina; sei tu che hai fatto questo male. So che un semplice uomo non può resisterti, ma il mio Signore ti ha vinto ed io vengo nel Suo nome. Lasciala, spirito del demonio! Tu demonio della malattia, esci da questa bambina, affinché sia liberata da oggi in poi, proclamo questo nel nome di Gesù Cristo.

299         Ora, Signore Dio, Tu che sei risuscitato dai morti e hai provato così che eri Dio, ridona la salute e la forza a questa giovane donna, affinché possa tenersi in piedi in questa sala! Il diavolo è uscito da lei. Noi sappiamo che Tu sei Colui che può guarirla. Possa lei vivere per la gloria e l’onore di Dio! La Parola è stata pronunciata…  che Essa si compia adesso!

300         Ce ne sono altri, qui, che vorrebbero alzare la mano e dire: “Vorrei che si preghi per me; sono malato. Ho bisogno di Dio”? Non so quanto tempo ci resta. Abbiamo abbastanza tempo per lasciare venire le persone qui davanti. Ho una grande fiducia stamattina. Billy, vuoi venire qui ed occuparti di costoro da questo lato? Prenderemo in primo luogo questi, poi faremo venire quelli che sono più indietro e fino in fondo alla sala. Poi, li faremo venire così. Vorrei chiedere al fratello Neville ed ai fratelli predicatori di venire qui da me per ricondurre poi la gente al loro posto. Bene.

Bene. Quanti di voi avete rivestito la vostra armatura? Ora si adatta molto meglio! Tu, ritorna a casa e sii guarito completamente! Amen!

Oh soldati, brandite la Spada! Brandite la Spada, soldati della Croce! Marciamo avanti, marciamo avanti.

Mi tengo a Cristo, la solida roccia;

Ogni altro terreno non è che sabbia mobile.

Bene! Potete venire adesso. Che ciascuno rimanga in preghiera mentre i malati si avvicinano. Brandite la vostra Spada adesso, attraversate le linee nemiche e lanciate delle grida di gioia! [La fila di preghiera si avvicina -Ed.]

Avanti, soldati Cristiani, andiamo marciando alla guerra,

Con la croce di Cristo, avanti a noi!

301         Vai via, Satana! Cosa c'è, soldati? Non credete che possiamo vincere? Abbiamo già vinto! In Cristo Gesù siamo più che vincitori! Tutti i demoni sono cacciati! [Il fratello Branham continua a pregare per i malati –Ed.]

Vorrei che questa signora… C'è qualcosa che è accaduta a quel piccolo predicatore qui. Vieni, sali qui! Proprio di recente, quest’uomo era stato dimesso dall'ospedale affinché potesse morire a casa; non gli rimanevano che pochi giorni di vita. Poco più di un anno fa, ha avuto un cancro alla prostata ed i medici non gli davano che pochi giorni di vita! Una mattina, siamo andati di buon’ora a trovarlo ed abbiamo pregato per lui, come lo facciamo per voi stamattina, ed ora, non si trova più alcuna traccia del cancro! Lui e sua moglie sono da molto tempo nei campi del Vangelo, forse da prima che io nascessi! [Il fratello Kidd risponde: “Da cinquantacinque anni”. -Ed.] Avete sentito? Da cinquantacinque anni! Prima che io venissi al mondo, loro predicavano già il Vangelo. Ed eccolo qui guarito ora, all'età di settantacinque anni… no, di ottantun anni! [Il fratello Kidd dice qualcosa a fratello Branham –Ed.] Mi sta dicendo che ha appena tenuto una serie di riunioni di risveglio di due settimane, dove ha predicato ogni sera. Guarito dal cancro ad ottantuno anni!

302         Molto bene, sorella, è il tuo turno adesso. Credete? (Avanti, soldati Cristiani!) Bene, sorella, a tutti voi che siete qui: cosa vogliamo fare? È il Così dice il Signore! Perché sei di nuovo qui, Satana? Tu hai perduto la battaglia. Stiamo passando il Giordano! Stiamo per entrare nella Terra Promessa. Cos’è ciò? Cos’è questa montagna che stanno erigendo davanti a noi? Tu che ti ergi così davanti a noi, diventerai una pianura. Perché? Perché l’abbatteremo con la nostra Spada a due tagli. È vero. Molto bene.

Avanti, soldati Cristiani, andiamo marciando alla guerra,

Con la croce di Cristo, avanti a noi!

Cristo, il maestro supremo, ci conduce contro il nemico; (con la Sua Parola)

Nel pieno della battaglia, vedi le sue insegne avanzare!

Avanti, soldati Cristiani, andiamo marciando alla guerra,

Con la croce di Cristo, avanti a noi!

303         Alleluia! Che cosa facevano quando Israele andava in guerra, chi marciava davanti? Erano i cantori! Cosa c'era poi? L'Arca! E il popolo veniva dopo. Molto bene. Credete adesso? Cantiamo: “Avanti, soldati Cristiani!” Cacciamo tutti i dubbi che sono in noi. Ci alziamo e andiamo marciando alla guerra. Alziamoci tutti in piedi, adesso!

Avanti, soldati Cristiani, andiamo marciando alla guerra,

Con la croce di Cristo, avanti a noi!

Cristo, il maestro supremo, ci conduce contro il nemico; (come lo sconfiggiamo? Con la Parola!)

Nel pieno della battaglia, vedi le sue insegne avanzare!

Avanti, soldati Cristiani, andiamo marciando alla guerra,

Con la croce di Cristo, avanti a noi!

Noi non siamo divisi, tutti siamo un sol corpo,

Uniti nella speranza e nella dottrina, uniti nella carità!

304         Che tutti quelli che credono dicano: amen! [L'assemblea risponde: “Amen!” -Ed.] Alleluia! Lo credete? Siamo vincitori. Dov’è il nostro nemico? Sotto i nostri piedi! Siete pronti? Risuscitati in Cristo! Adesso sorella, tutto è finito! Lo credi? Puoi ritornare a casa, adesso. Ti senti bene? Lei dice che si sente bene adesso, che va tutto bene. Quanto di voi si sentono bene adesso? Quando si misero a gridare, le mura caddero (amen!), ed essi si impossessarono della città. Amen! Amen! Credete in Lui?

305         Non dimenticate la riunione di questa sera. Il fratello Neville sarà qui, stasera, e vi porterà il suo messaggio. Domenica prossima, se il Signore vuole, sarò qui. Adesso, mentre lasciamo questa sala, andiamocene cantando: “Avanti, Soldati Cristiani!” E da oggi in poi, abbiate sempre questa Spada in mano e non rimettetela più sul fodero! Teniamola fuori! Vinciamo la battaglia! Sono partiti quali vincitori e per vincere. Bene! Cantiamo ancora una volta questa prima strofa.

Avanti, soldati Cristiani, andiamo marciando alla guerra,

Con la croce di Cristo, avanti a noi!

Cristo, il maestro supremo, ci conduce contro il nemico;

Nel pieno della battaglia, vedi le sue insegne avanzare!

Avanti, soldati Cristiani, andiamo marciando alla guerra,

Con la croce di Cristo, avanti a noi!

IN ALTO