HOME PREDICHE PROFEZIE LIBRI TRATTATI BIBBIA BIOGRAFIA VIDEO FOTOGALLERIA CONTATTI

La predica La posizione in Cristo (Adozione #3) di William Marrion Branham è stata predicata il 60-0522M La durata è di: 1 ora 58 minuti .pdf La traduzione BBV
Scaricare:    .doc    .pdf (opuscolo)    .pdf   
Leggere il testo in italiano e in inglese simultaneamente
Leggere il testo soltanto in inglese

La posizione in Cristo (Adozione #3)

1         …fratello Neville. Buongiorno al mio uditorio. Siamo molto felici di essere di ritorno per salutarvi di nuovo in questo nome Onnisufficiente del Signore Gesù. Spero che abbiate trascorso una settimana grandiosa, piena delle Sue lodi e delle Sue benedizioni.

2         Arrivando, stamattina, ho incontrato un ragazzino, laggiù, ed egli mi ha dato un quadretto con la figura dell'angelo custode che veglia su due bambini. Ed io non sapevo che fosse il piccolo Daulton, il ragazzo dei Daulton.

3         Qui, qualche settimana fa, circa due settimane fa, un padre, un padre Cristiano, aveva presentato una richiesta per la sua ragazza, un'adolescente che non era ancora una Cristiana. Mentre egli era nella fila di preghiera, lo Spirito Santo disse: “Io ti do la tua figliuola”. Ed eccola, è qui, stamattina, salvata e battezzata nel nome del Signore Gesù, seduta sul palco, esattamente come lo Spirito Santo aveva detto. E, gli altri bambini sono seduti là intorno. Io so che i Daulton sono una famiglia felice.

4         Vedo la piccola signora che ci ha fatto pregare per il suo bambino, domenica scorsa. Si pensava che stesse per morire. Vedo che è ancora con noi, stamattina; siamo veramente contenti di ciò, sorella. Pensavano che avesse una distrofia muscolare, ma non lo era. Così, ne siamo molto riconoscenti.

5         Vedo tutti i nostri buoni amici. Mi ricordo che quest’uomo, qui, una volta è venuto da me a Chatauqua; credo che fosse per un colloquio particolare. Io feci colazione con te, con tua moglie e i vostri bambini, oppure con te e la tua sposa, o anche con i bambini, si. [Un fratello dice: “A Middletown”. – Ed.] A Middletown, si, quel nome là mi sfugge, allora dico sempre Chatauqua. Si, signore. Molti dei miei buoni amici…

6         Fratello Charlie Cox e Sorella Nellie, qui, siete stati per me come una seconda famiglia, ed è come se foste i miei propri figli. Vado laggiù, è là che passo la maggior parte dei miei momenti di relax. Egli è il miglior cacciatore di scoiattoli del Kentucky, da quando sono in Indiana. E poi, in Indiana... e Charlie, ti dico, sono veramente ansioso, ho terribilmente voglia di andare ad afferrare un paio di pesci persici o spigole prima di iniziare, là. Sento realmente che, per me, ciò andrebbe benissimo.

7         Fratello Parnell… Armet, dalla Carolina del Sud e il fratello… Ebbene, ce ne sono così tanti qui, da diversi luoghi, che stamattina sono venuti a visitarci.

8         Sapete, qui, non abbiamo membri, nel vero senso della parola. Abbiamo semplicemente comunione gli uni con gli altri, mentre il sangue di Gesù Cristo, il Figlio di Dio, ci purifica da ogni iniquità.

9         Ora, noi stiamo avendo uno studio meraviglioso, semplicemente glorioso. E stiamo, almeno io, so che lo sto assaporando e so che è lo stesso anche per voi. Mi metto, talvolta, nel corso della giornata, a parlare o a leggere riguardo a questo argomento. Prendo forse due versetti e comincio ad andare nelle Scritture; improvvisamente, mi rendo conto che ho percorso già dalla Genesi fino all'Apocalisse, e così continuo.

10      Sapete, mi piacerebbe dedicare un periodo di tempo per prendere l'Epistola agli Ebrei ed avere… Ebbene, quando arriverà la stagione della caccia allo scoiattolo, diciamo, ad agosto o a settembre, sapete, vorrei poter fare uno studio ininterrotto finché sia il momento di partire oltreoceano; ogni sera, sull'Epistola agli Ebrei, o sul Libro dell'Esodo. In che modo Dio, nell'Esodo, portava fuori il Suo popolo dall’Egitto, il ché è una meravigliosa figura simbolica per noi che, ora, ci prepariamo per il nostro esodo. Questo è, oh, è qualcosa di così bello. Tutti i passi della Scrittura sono collegati, ed insieme essi formano un grande racconto. 

11      Adesso, stamattina, siamo ancora nell'Epistola agli… C'eravamo proposti di prendere i primi tre capitoli dell'Epistola agli Efesini. La Lettera di Paolo agli Efesini, a Efeso, mentre egli cercava di posizionare la chiesa. E, giusto prima di accostarlo, potremmo prendere ancora un istante o due per pregare, giusto prima di cominciare.

12      Oh, Signore, nostro Dio, veniamo alla Tua presenza, adesso; così indegni come siamo, sappiamo, tuttavia, che c'è il sangue di un Sacrificio che è là che aspetta, che ci purifica da ogni impurità e che ci fa apparire senza difetto e irreprensibili davanti al Padre. Non c'è nulla che possiamo fare per meritarlo. Tuttavia, poiché Gesù l'ha fatto per noi, noi ci inchiniamo umilmente davanti alla Sua presenza e al Suo nome e Ti chiediamo di mandare lo Spirito Santo in mezzo a noi, stamattina. Non sono un teologo e neppure so mettere in ordine le Scritture, ma sono solamente pieno di entusiasmo e riconoscente di sentire lo Spirito Santo manifestarsi attraverso il mio essere. Possa Egli benedirci tutti insieme, mentre noi leggeremo la Tua Parola scritta, e che Essa possa diventare in noi Vita Eterna. Concedilo, Padre. Lo chiediamo nel nome e per la causa di Gesù. Amen.

13      Adesso, potrei cominciare col dire che, se mi capitasse di dire qualcosa di sgradevole, che non si allinea completamente o forse è assolutamente errata rispetto al vostro insegnamento, o qualcosa con la quale non siete d’accordo, ho fiducia che lo Spirito Santo aggiusterà tutto ciò in un modo talmente conciliante, talmente dolce, che nessuno rimarrà offeso. Vedete? Ciò accadrà nell’amore e nella comunione fraterna, ed è con quell’intento che ciò viene fatto.

14      Tutto questo è cominciato dalla predicazione di domenica scorsa. Credo che sia stata la scorsa domenica mattina, “Il Re Rigettato”. Qualcuno ha già il nastro registrato? Penso che li abbiano, potete procurarveli, se volete, “Il Re Rigettato”.

15      Ancora solo qualche giorno e noi cominceremo a Middletown, nell'Ohio. Vorremmo che tutti quelli che prenderanno le loro vacanze, durante questo periodo, siano sicuri di venirci a trovare, là, perché ci aspettiamo di passare dei gloriosi momenti di comunione a Middletown, nell'Ohio. Credo che il presidente del comitato sia il dottor Sullivan. Ci saranno cinque sere di riunioni, dove predicherò, come oratore invitato, al Congresso Internazionale della Chiesa Interdenominazionale. E dopo, là, ci saranno le nostre proprie riunioni. Ciò è previsto fino al dodici, ma con l’accordo che potremmo forse continuare ancora un'altra settimana, tutto dipende dal modo in cui lo Spirito Santo ci guiderà. Noi tutti vogliamo essere condotti dallo Spirito; esattamente ciò che lo Spirito ci dice di fare, vogliamo farlo prontamente.

16      E, ricordiamoci che, mentre ubbidiamo allo Spirito, c'è una grande lezione che vogliamo apprendere, ed è di non avere mai fretta. Vedete, prendete il vostro tempo, abbiate fede. Se abbiamo chiesto qualcosa a Dio, ricordiamoci che Dio esaudisce le preghiere. Egli lo fa nel Suo tempo, nel modo migliore, fa cooperare ciò per il nostro bene. E, se non è così, allora cosa facciamo qui stamattina? Per quale motivo professiamo il Cristianesimo? Se Questa non è la Parola di Dio, dunque, se non è vera, allora siamo i più miserabili fra tutti gli uomini.

17      Sono così contento di unirmi, qui, di cuore, con un gran numero di persone, le quali sanno che, Questa, è la Parola infallibile di Dio. Ed Essa è la Verità, ogni Parola è la Verità, ogni Parola, ogni punto. E, per la grazia di Dio, ho avuto il privilegio di vedere il Paese nel quale un giorno andremo.

18      Le persone non sanno questo, vale a dire i momenti di depressione che accompagnano questo genere di ministero. Ero veramente depresso, ieri, ed ho detto a mia moglie: “Vorrei poter partire”.

Lei esclamò: “Perché dici questo, Bill?”

Risposi: “Oh, qui, ho dei problemi e altro”.

19      Allora, sembrava come se lo Spirito Santo mi dicesse: “Stai cercando di evitarli? Stai cercando di scansarli?” Vedete?

20       “No”, dissi: “Permettimi solamente di rimanere dritto ed affrontare tutto ciò”. Vedete?

21      È di gran lunga migliore. Sinceramente, veramente, lo dico come testimone oculare, giusto dopo questa vita, entriamo in un Paese che supera tutto ciò che si possa immaginare. E, se ci sono degli estranei, qui, spero che voi non… io prego Dio che non mi consideriate un fanatico. Ciò che desidero è di essere onesto e di dire la verità. A cosa mi gioverebbe dire qualcosa di errato, quando qui ce n’è così tanta di verità? Perché dovremmo dire qualcosa di errato al riguardo? Vedete? Questa è semplicemente la verità.

22      E, non meraviglia, credo sia Paolo che fu rapito fino al terzo Cielo, e vide cose delle quali, per lui, non era opportuno parlare. Un giorno, egli disse: "Le cose che occhio non ha vedute, e che orecchio non ha udite e che non son salite in cuor d'uomo, son quelle che Dio ha preparate per coloro che l'amano”.

23      Oh, è molto semplice, viviamo... noi viviamo, qui, in mezzo ad un mucchio di spazzatura, (questo è tutto!) una discarica piena di fumo che proviene dalle braci dell’immondizia. Anche se noi stessi non ne siamo contaminati, resta il fatto che viviamo in mezzo a ciò, al fumo che si libera dalle braci del peccato. Una delle cose più nauseabonde, a cui io possa pensare, è una vecchia città in cui vi sia una discarica che brucia. Vi siete mai passati vicino? Quell’odore orribile del fumo contaminato che sale da ogni genere di sporcizia. E, una sola boccata vi provoca il mal di stomaco.

24      Mi ricordo quando dovevo andare a New Albany, dall'altro lato della Diciottesima Strada, dove una volta c’era la vecchia discarica; ed io dovevo fare delle riscossioni e leggere i contatori. Io temevo quel giorno (quella era la Diciottesima Strada), quando dovevo passare da là sotto, dato che avrei respirato quell’odore orribile. Infatti, laggiù c’erano carcasse di topi, di cani, ed ogni altra cosa, sapete, tutto ciò ardeva e il fumo saliva da là.

25      Or dunque, ecco a cosa è paragonabile il meglio di questa vita! È tutto affumicato, l'odore del peccato si sente dappertutto, per così dire, spiritualmente parlando. Ma, oh, là dove il vento soffia liberamente, tutto è bellezza, pace, gioia e Vita Eterna; giusto dall'altro lato del fiume. Tuttavia, siamo in un combattimento, allora non bisogna distendersi semplicemente e dire: “Affrettiamoci ad arrivare là”; portiamo con noi tutto ciò che possiamo portare.

26      Ed ora, lo scopo di queste lezioni è di ancorare quelli che hanno già attraversato e sono nel Paese. L’obiettivo di questo studio dell'Epistola agli Efesini, è di posizionare la chiesa, nella sua posizione esatta in Cristo. È una figura simbolica dell’Antico Testamento e del Libro di Giosuè, dove Giosuè aveva fatto la divisione, abbiamo visto ciò domenica scorsa, ed aveva dato ad ognuno la sua parte nel paese. Ed egli l'aveva fatto per ispirazione.

27      Mosé aveva portato fuori il popolo, dall'Egitto, dall'aglio, dai porri, ed aveva dato loro un luogo che Dio aveva promesso quattrocento anni più tardi o, piuttosto, quattrocento anni prima, che Egli li avrebbe condotti in un luogo, un bel paese dove scorreva il latte ed il miele. E, Mosé condusse i figli d’Israele fino al paese, ma non li fece entrare.

28      E, Gesù, nello spirituale, al popolo che… Lo Spirito Santo ci è stato promesso fin dal principio. Gesù ci ha condotti fino alla promessa. Ma lo Spirito Santo è venuto, come Giosuè, per prendere il controllo e condurre, dirigere, e prendere possesso del paese o, piuttosto, prendere possesso della chiesa. Vediamo allora, essenzialmente, che nella nostra…

29      Ora, è qui che… magari le persone potrebbero pensare che io sia rude e che voglia mancare di riguardo ai fratelli. Non è così! Dio è il mio giudice, non si tratta di questo. Vedete? Cerco soltanto di attirare la vostra attenzione su qualcosa che è la verità. Vedete? Abbiamo scelto degli uomini come conduttori, invece di essere condotti dallo Spirito Santo. Abbiamo voluto che fosse l'uomo ad assegnarci la nostra parte e a guidarci; denominazioni come i Metodisti, i Battisti, i Presbiteriani, i Luterani, la Chiesa di Cristo, i Pentecostali e le diverse denominazioni… che fosse un'organizzazione a servirci come esempio, e noi seguiamo ciò. Tuttavia siamo…

30      Da nessuna parte nella Bibbia ci viene detto di fare una cosa simile. Non c’è un solo passo della Scrittura, in tutta la Bibbia di Dio, dove Egli abbia mai organizzato la chiesa, né parlato di un'organizzazione, non un solo posto nella Bibbia. Ma è sempre stato il contrario. Egli non vuole che ci conformiamo alle cose del mondo. Egli vuole che siamo differenti, separati.

31      Non voglio dire di essere “sciocchi”, come si sul dire. Intendo dire di essere un popolo chiamato fuori, oh, una nazione santa e benedetta, di condurre una vita irreprensibile, di agire e comportarsi esattamente come farebbe Lui, allor che opera in noi, perché siamo opera Sua, essendo stati creati in Cristo Gesù per le opere buone.

32      Dunque, mercoledì sera, molti di voi non erano qui, tuttavia, noi siamo entrati nel... credo sia il verso 3, oppure il... no, è il verso 5, in merito all’adozione, o il posizionamento del popolo, Dio che cerca di posizionare i Suoi.

33      E, quando Dio ne posiziona uno, allora, oh, tutta la chiesa vuole essere come quello, avere lo stesso genere di cose, fare la stessa cosa. Noi siamo tagliati in maniera diversa, siamo fatti in modo diverso; abbiamo una natura diversa e siamo posizionati in posizioni diverse, ciascuno per un lavoro diverso; forse uno è per un genere di lavoro più piccolo, e l'altro, per un lavoro più grande. Credo fosse Davide o uno dei profeti, non mi ricordo in questo momento, che diceva: “Preferirei essere uno zerbino nella Casa del Signore, piuttosto che abitare sotto le tende dei malvagi”.

34      Adesso ci fermeremo appena un secondo sull'adozione, nel verso 5, perché vogliamo continuare ad avanzare il più possibile. Ma, adesso, ricordatevi il tema, è interamente sul posizionamento. Quanti lo comprendono? Vorrei sentirvelo dire, in una sola parola. Posizionare [L'assemblea dice: “Posizionare!” -Ed.] il Corpo [“il Corpo”] di Gesù Cristo [“di Gesù Cristo”] nella sua posizione [“nella sua posizione”] in Cristo [“in Cristo”], dove è lo Spirito Santo [“dove è lo Spirito Santo”] che ci conduce [“che ci conduce”]. Ecco, adesso l’abbiamo. Vedete? Posizionati, è ciò che l'Epistola agli Efesini deve fare.

35      Osservate questo grande insegnante, Paolo. La prima cosa che egli fa è di eliminare ogni idea di caduta. Di eliminare definitivamente ogni idea del genere: “Io sono Cristiano oggi e domani sono spacciato; l'indomani Dio mi ha condannato ed il giorno seguente sono di ritorno”. Tutto ciò non ha senso! Ora questo è… Questa Epistola non è destinata ad un insegnamento evangelistico, a sermoni evangelistici. Non tratto queste cose quando sono sui campi di missione. Li porto alla chiesa; difatti, Paolo l'ha indirizzata ai santi, a quelli che sono chiamati e preservati, che sono riempiti e messi a parte, e sono nello Spirito Santo, già nel Paese di Canaan. Egli cerca di dire loro, innanzi tutto: sbarazzatevi dell'idea che sarete perduti, che andate a fare questo e avete paura di quello. Non abbiate paura di niente; perché egli cerca di dirvi dove siete, chi siete e qual è la vostra posizione.

36      Dunque, voi potreste fare delle cose sbagliate, ed ogni volta che voi fate qualcosa di errato, ne pagherete le conseguenze. Si, signore. Voi raccoglierete ciò che avrete seminato! Tuttavia, ciò non ha niente a che vedere con la vostra salvezza. Una volta che siete nati dallo Spirito di Dio, avete Vita Eterna, e non potete più morire, non più di quanto lo possa Dio. Siete una parte di Dio, siete un Suo figliuolo.

37      Io sono nato un Branham. Voi potreste darmi un altro nome, qualche altro nome, ciò non impedirà, minimamente, che io sia sempre un Branham. Io sono nato un Branham, sarò sempre un Branham. Un giorno potrei essere talmente sfigurato, tutto deformato a causa dell'artrite, potrei avere un incidente d’auto che mi faccia a pezzi al punto da sembrare un animale, tuttavia sarò sempre un Branham! Perché? C’è del sangue Branham dentro di me.

38      Ecco ciò che siete. E, finché Dio ha fatto di voi… Ora, ricordate, non parlo a quelli che sono fuori da Cristo. Parlo a quelli che sono in Cristo. Come entrate in Cristo? “Tramite un Spirito…” (maiuscolo S-p-i-r-i-t-o) ciò vuol dire: “Tramite uno Spirito Santo, noi tutti siamo battezzati in un Corpo”. Come vi entriamo? Tramite il battesimo in acqua? Sono veramente in disaccordo con voi Battisti e con voi della Chiesa di Cristo. Non è tramite il battesimo in acqua, assolutamente no! In 1. Corinzi 12, sta scritto: “Tramite uno Spirito, (lo Spirito Santo) siamo portati dentro questo Corpo”. E noi siamo talmente al sicuro come lo è quel Corpo. Dio l'ha promesso.

39      Come potrebbe Dio giudicarLo di nuovo, mentre Egli è andato al Calvario? È salito al Golgota, è stato picchiato, battuto, non poteva guarire, non poteva quasi pronunciare una parola. Perché tutto ciò? Lui portava su di Sé i peccati del mondo. Non perché fosse un peccatore, ma perché fu fatto peccato per me e per voi. Tutti i peccati del mondo, da Adamo fino alla Sua venuta, riposavano sulle Sue spalle. Dio non stava punendo Suo Figlio, puniva il peccato. Vedete come ciò era orribile? Lui stava facendo l'espiazione, stava facendo una via per sfuggire a tutte quelle cose che Dio, tramite la Sua prescienza, sapeva che sarebbero arrivate. Ce ne occuperemo fra pochi minuti.

40      Or dunque, quando siete… “Tramite uno Spirito noi tutti siamo battezzati in questo Corpo, un unico Corpo che è Cristo”, e noi siamo al sicuro per sempre.

41      Ora, ecco ciò che sembra provocare uno strano effetto, specialmente ai credenti Arminiani, i quali credono di dover far qualcosa, di dover avere qualche merito personale, oppure fare qualcosa per meritarlo. Come può esserlo tramite due cose allo stesso tempo? Questo è, o per la grazia, o per le opere, l’uno o l'altro. Non può essere tramite la stessa cosa, sono due cose diverse; deve essere per una sola cosa.

42      Io non riesco a vedere altro che la grazia di Dio. Sono fatto così. Ho sempre creduto nella grazia. Per me, tutto è grazia, da un'estremità all'altra, quello è tutto. Questo non è… anche durante la mia vita, quando ero un ragazzino, non vedevo altro che la grazia, la grazia. Essi dicevano: “Grattami la schiena ed io gratterò la tua”. Ebbene, è un’espressione terribile. Ma io non presto attenzione se mi grattate la schiena oppure no; se avete bisogno che vi si gratti la schiena, io ve la gratterò comunque. Vedete? La grazia. Si, signore. Vedete, la grazia opera per mezzo dell’amore. Se ne avete bisogno, poco importa se non abbiate mai fatto niente per me, che io non abbia niente a che vedere con voi, se ne avete bisogno, io lo farò ugualmente. La grazia! Perché ne avete bisogno!

43      Avevo bisogno di salvezza. Non c'era niente che potesse salvarmi. Non c'era niente che potessi fare per me, non potevo salvarmi, affatto. Ma avevo bisogno di salvezza, perché credevo che ci fosse un Dio. E, Dio, ha mandato il Suo Figliuolo in una carne simile a quella del peccato, affinché soffrisse al posto mio. È solo per grazia che sono stato salvato. Non c’era assolutamente niente che io potessi fare, o che aveste potuto fare, per salvare voi stessi. E, quelli che Egli ha preconosciuti prima della fondazione del mondo…

44      Ne abbiamo parlato mercoledì scorso. Ci siamo rappresentati Dio quando era Elah, Elohim ed abbiamo mostrato che esisteva da Sé stesso. Ma in Lui c'era di essere Padre, in Lui c'erano diversi attributi, come di essere un Salvatore e di essere un Guaritore. Tutto ciò era in Dio, e Dio esisteva da Sé stesso. Ma, dato che era un Salvatore, che era il Padre, Egli non aveva nessun angelo con Sé, non c'era niente con Lui. Non c’era altro che Lui solo. Egli esisteva da Sé stesso. Non esisteva altro che Dio.

45      Tuttavia, dato che era Dio, allora ci doveva essere qualcosa che Lo adorasse, perché Egli amava l'adorazione. Ed è per il Suo proprio Essere che ha creato delle creature, affinché Lo adorino. Ora, per un istante, accostiamolo di nuovo, solo un istante, non voglio rivederlo tutto, lo avrete registrato su nastro. Ciò nondimeno, poiché era Dio, Egli fece gli angeli, e gli angeli Lo adoravano. Gli angeli Lo adorano sempre. Ma, gli angeli, che sono nella presenza di Dio, hanno sei ali. Ne hanno due con cui si coprono la faccia, due con cui si coprono i piedi e due di cui si servono per volare, nella Sua presenza, gridando giorno e notte: “Santo, santo, santo è il Signore Dio Onnipotente”. Ecco ciò che dice la Scrittura. Essi Lo adoravano, qualcosa era stata creata per adorarLo.

46      Poi, dentro di Lui c'era l'attributo di essere un Salvatore. Come avrebbe mai potuto essere perduta una di queste creature, mentre non c'era nessun peccato né pensieri di peccato? Era impossibile. Allora, doveva essere creata qualcosa che potesse essere perduta, affinché Egli potesse essere un Salvatore. Dentro di Sé, Lui era un Guaritore. Credete che Egli sia un Salvatore? [L'assemblea dice: “Amen”. -Ed.] Credete che Egli sia un Guaritore? [“Amen”]. Or dunque, a cosa sarebbe valso se non ci fosse stato niente da salvare né da guarire? Vedete, ci doveva essere qualcosa creata in quel modo.

47      Dunque, Egli non l'ha creato così, ma ha dato all'uomo il libero arbitro: “Se scegli questo, vivrai, se scegli quello, morrai”. Ed ogni uomo che viene al mondo è posto ancora davanti alla stessa scelta. Dio, tramite la Sua prescienza, sapeva chi l’avrebbe accettato e chi no. Così Dio essendo…

48      La domanda mi è stata posta ieri, da un teologo che ha assistito alle riunioni o che ha ascoltato la registrazione su nastro, il quale disse: “Una domanda: in questo caso, Dio è onnipresente?” Poi aggiunse: “Potrebbe essere dovunque?”

49      Io risposi: “Egli non è onnipresente nel senso letterale della parola. Egli non può essere un Essere e dopo essere onnipresente. Se Egli fosse onnipresente, perché preghereste per ricevere lo Spirito Santo? Se Egli fosse onnipresente, riempirebbe ogni fessura, ogni angolo, ogni fenditura, ogni cellula, ogni fibra e tutto il resto”. Aggiunsi: «Perché, alla fine, è andato alla ricerca di Mosé, se Egli è onnipresente? Perché ha percorso il giardino di Eden in lungo e in largo, gridando: “Adamo, Adamo, dove sei?”, se Egli è onnipresente?»

50      Egli è onnipresente, per il fatto che è onnisciente. Egli sa tutto perché è infinito; è infinito e ciò lo rende onnipresente. Siccome è onnipresente, allora… siccome è infinito, allora, Egli è nei Cieli. Egli abita in un luogo, poiché è un Essere.

51      Ma, siccome è infinito, allora Egli conosce ogni cosa. Ogni volta che un moscerino batte gli occhi, Egli lo sa. Conosceva ogni calabrone, quando entra nel favo per cercare il suo miele. Egli conosce ogni passero che si è appollaiato su un albero. Conosce ogni pensiero che c'è nella vostra mente, perché Egli è infinito e onnisciente. Ciò vuol dire che Egli non è soltanto infinito, ma è onnisciente, sa tutto. Tuttavia, Egli è un Essere, Dio è un Essere, ed è da questo Essere che queste cose sono cominciate a manifestarsi.

52      Ed il peccato, come dicevo l'altra sera, non è una creazione. Niente è stato creato, se non la perfezione. Tutte le cose che Dio ha creato erano buone. Il peccato non è una creazione. Dicono: “Ebbene, ecco una creazione stessa del peccato”. Avete già sentito ciò. Ma è un errore. Il peccato… c’è un solo Creatore, ed è Dio. Dio non poteva creare il peccato, perché Lui è santo, e non c'è niente in Lui che possa creare ciò. Il peccato è una perversione, non una creazione, ma una perversione. Un adulterio è il giusto atto pervertito. Una menzogna è la verità raccontata in modo errato. Ogni peccato, ogni peccato è la giustizia pervertita.

53      Di conseguenza, ecco adesso Dio. Egli ha già manifestato Sé stesso, Egli è Dio. Si è già manifestato come Salvatore: gli uomini erano perduti ed Egli li ha salvati. Egli si è già manifestato come Guaritore. Ciò che le persone dicono che Lui sia, non cambia nulla. Egli è, ugualmente, proprio lo stesso. Egli è un Guaritore, è un Salvatore, è Dio, è Eterno. Ed Egli ha uno scopo e un… il Suo scopo era, al principio, di fare delle creature che Lo amassero e Lo adorassero.

54      Allora Egli ha fatto delle creature e queste creature sono cadute. E, dunque, Dio, siccome è infinito, ha percorso con lo sguardo il corso del tempo ed ha visto ogni uomo che sarebbe stato salvato. Ogni uomo… Egli l’ha saputo tramite la Sua prescienza. Di conseguenza, sapendo, tramite la Sua prescienza, chi sarebbe stato salvato e chi non lo sarebbe stato, era dunque in grado di predestinare. La parola, dopo tutto, non è così male.  É vero? Egli era in grado di predestinare, poiché sapeva chi sarebbe stato salvato e chi no. Perciò, per afferrare coloro che sarebbero stati salvati, Egli doveva provvedere una propiziazione per i loro peccati. Oh, se fosse possibile, vorremmo arrivare a ciò, è solo alcuni versi più avanti. Egli ci ha predestinati a Vita Eterna, perché sapeva chi avrebbe rinunciato a tutto; poco importa con quanta indifferenza i figli del mondo avrebbero considerato la cosa, non sarebbe cambiato nulla per loro, perché erano figli di Dio.

55      Egli li ha chiamati ed ha mandato Gesù, affinché il Suo sangue servisse da espiazione, il sangue dell’espiazione, per la propiziazione, o come accettazione, o purificazione. Un processo di purificazione che, continuamente… non solamente una volta in una riunione di risveglio, bensì sempre vivente, per intercedere, affinché il Cristiano resti puro giorno e notte. C'è il sangue di Gesù Cristo che fa si che siamo accettati, alla croce, laggiù, alla presenza di Dio, che ci purifica continuamente, giorno e notte, da ogni peccato. Noi siamo custoditi, al sicuro. Custoditi come? Per mezzo dello Spirito Santo, nel Corpo del Signore Gesù, al sicuro. «Chi ascolta le mie parole e crede a colui che mi ha mandato, ha vita eterna; e non viene in giudizio, ma è passato dalla morte alla vita». Non più giudizio! Il Cristiano non andrà mai in giudizio. Cristo vi è andato per lui. Il mio Avvocato ha preso il mio posto. Egli ha difeso la mia causa, della quale ero ignaro. Ha detto al Padre che io non ero degno, che ero ignaro. Ciò nondimeno, Egli mi ha amato, ha preso il mio posto, ha difeso la mia causa ed oggi sono libero! Si, signore. Ed Egli ha versato il Suo sangue, laggiù, come offerta per i nostri peccati.

56      Vi ricordate, lo scorso mercoledì sera, nessun Cristiano… I cristiani peccano, ma un peccatore non può peccare. Un peccatore non pecca, perché egli è un peccatore. È semplicemente un peccatore, tanto per cominciare, questo è tutto. Prendiamo il dorso di questo libro, è nero, in quale proporzione è nero? È tutto nero. Non c'è sopra alcuna parte di bianco, è nero. Voi dite: “Questa parte qui”. No, non lo è, è tutto nero. Un peccatore è così. È condannato già in partenza. Ebbene, voi dite: “E se commette adulterio? Se violenta una donna? Se gioca d’azzardo? Se spara a qualcuno?” Quello non è affare nostro, non è affare nostro, abbiamo delle leggi, qui, che se ne occupano. Non siamo dei riformatori, siamo predicatori del Vangelo. Non lo condanniamo per quello che ha fatto, non lo condanniamo perché ha commesso adulterio. Noi lo condanniamo perché è un peccatore! Se fosse un Cristiano, non lo farebbe. Ciò è esatto. Se fosse cambiato, non lo farebbe. Il motivo per cui fa quelle cose è perché è un peccatore.

57      Ecco dove i legalisti perdono il loro punto d’appoggio. Si, signore. Fratello, lascia che te lo dica: “Non è tramite le opere, ma è per grazia che siamo salvati, e ciò è per mezzo della fede”. Si, signore. Or dunque, io non condanno i fratelli legalisti, sono i miei fratelli. Essi saranno là, proprio come tutti gli altri, perché Dio ha predestinato la Sua Chiesa ad essere là. Tuttavia, il fatto è che voi tenete la gente in uno stato di lacerazione continua, ed essi non sanno nulla. “Oggi, ebbene, forse se io…” Fate dunque sapere loro che, finché hanno il desiderio delle cose del mondo, già in partenza non vi sono.

58      Se sono fedele a mia moglie, non è perché penso che lei divorzierebbe da me. Sono fedele alla mia sposa, perché l'amo. È una posizione legale che abbiamo preso, perché ci amiamo. Innanzi tutto, prima che ciò potesse accadere, ci doveva essere amore. Io la amo. Sebbene creda che lei mi perdonerebbe se facessi qualcosa di male, resta il fatto che non lo farei ugualmente. Io la amo.

59      È la stessa cosa con Cristo. Se io vivessi… ho cinquant’anni, se vivessi fino novanta o a cento anni, mi resterebbero ancora cinquant'anni per predicare, ed anche se non predicassi più una sola volta e andassi a sedermi sul bordo del fiume, sarei salvato in ogni caso. Dio mi ha salvato mediante la Sua grazia, non ho nessun merito, non c'è nulla che avrei potuto fare, che ho potuto fare, né altro. Io predico perché Lo amo e amo il Suo popolo. Ed è ciò che mi fa sapere che sono passato dalla morte alla vita, perché li amo e vado alla loro ricerca. Poco importa in che condizione si trovino, io vado in ogni caso alla loro ricerca. Andate a cercarli ugualmente, riportateli a tutti i costi. Se i predicatori non sono d’accordo e gli altri non sono d’accordo, se le denominazioni non sono d’accordo, ciò non mi ferma. C'è qualcosa! Ciò non Lo ha fermato! È arrivato nel mezzo dell'incredulità, ciò non Lo ha fermato, ha continuato comunque ad avanzare. È ciò che facciamo, noi andiamo a cercarli e li recuperiamo ugualmente. Non importa come, raggiungeteli, afferrateli e tratteneteli con tutte le vostre forze. Non sapete chi siano. Salvateli. È per amore che lo fate. Non perché sono obbligato a farlo, ma perché io amo, perché voi amate.

60      Voi dite: “Dovrei andare a mettere in ordine una certa situazione con quella donna, ma, ti dico subito, penso che dovrei farlo perché vado in chiesa”. No, siete voi che, innanzi tutto, dovreste mettervi in ordine. Vedete? Vedete? Se non avete l'amore di Dio nel vostro cuore, qualcosa vi fa sapere che avete torto, andate allora a metterlo in ordine con Dio. Poi andrete a sistemare la situazione con il vostro prossimo.

61      È ciò che Gesù ha insegnato. Egli ha detto: “Se vieni all'altare e ti ricordi che hai qualcosa contro un tuo vicino o contro tuo fratello, va' prima a sistemare la cosa con lui”.

62      Adesso, nelle epoche a venire… Mercoledì sera, abbiamo visto “le manifestazioni”. Ne parleremo ancora stamattina, riguardo “la manifestazione dei figli di Dio”. Là, Dio sta aspettando. E poi, alla fine del tempo, quando staremo tutti davanti a Lui… Gli angeli non erano perduti. Loro non sapranno apprezzare le benedizioni come noi, non sono mai stati perduti. Ma io, un peccatore, so da dove vengo, so da quale pietra sono stato tagliato. Voi sapete da dove siete stati tagliati. Allora, una volta ritrovati, noi possiamo stare davanti a Dio. Oh, che giorno sarà quello!

63      Dunque, l’adozione, il posizionamento... Ora, Dio, nella Sua bontà, dovrebbe operare questo. Adesso, se riesco a mostrarvi questo, allora inizieremo dal verso 5, che voglio leggere.

avendoci predestinati ad essere adottati come suoi figli per mezzo di Gesù Cristo secondo il beneplacito della sua volontà,…

64      È il beneplacito di Dio fare la Sua volontà: l'adozione, il posizionamento. Ora, cosa fa Egli? Posiziona la Sua Chiesa. Innanzi tutto, ha chiamato la Sua Chiesa: i Metodisti, i Presbiteriani, i Luterani, i Battisti, Egli li chiama. Poi cosa ha fatto? Ha mandato lo Spirito Santo, ed ha dato loro il battesimo dello Spirito Santo.

65      Voi Pentecostali, vorrei che faceste uscire questo dal vostro cuore. Pentecoste non è una denominazione. Pentecoste è un'esperienza. È lo Spirito Santo. Non è un'organizzazione. Non potete organizzare lo Spirito Santo. Egli non lo permetterà. Ebbene, voi avete un'organizzazione alla quale date quel nome, ma lo Spirito Santo si ritira e vi lascia là, proprio dove siete, mentre Egli continua ad avanzare. Vedete? Pentecoste non è un'organizzazione. Pentecoste è un'esperienza.

66      E dunque, Dio ha dato la Nuova Nascita ai Suoi figli, tramite il battesimo dello Spirito Santo. Essi vi sono andati vicino, quando si sono purificati attraverso i Nazareni e i Pellegrini della Santità. Poi hanno fatto l'esperienza della Pentecoste, del battesimo dello Spirito Santo, della restaurazione dei doni. Sono andati avanti parlando in lingue ed interpretandole, ed hanno ricevuto doni di guarigione e di miracoli; dei segni e dei prodigi hanno cominciato ad accompagnarli. Adesso sono dei figli, sono figli di Dio. Loro sono posizionati in Cristo, sono diventati figli tramite una nascita. E, la Nuova Nascita e la conversione stessa, è lo Spirito Santo.

67      Voi non siete ancora convertiti prima di aver ricevuto lo Spirito Santo. È ciò che dice la Scrittura. Gesù lo disse a Pietro. Chiedete a chiunque, leggete la Scrittura. Lui era stato giustificato credendo al Signore Gesù, era diventato un discepolo, un apostolo. Gesù gli diede le chiavi del Regno. E, in Giovanni 17:17, Egli li santificò e diede loro potenza, li mandò a cacciare i demoni e altro, li santificò. "Santificali, Padre, nella Tua Verità. La Tua Parola è la Verità. Per loro santifico Me stesso”.

68      Ecco una delle più dolci parole che abbia mai sentito. “Padre, per loro santifico Me stesso”. Sapete che Egli aveva il diritto di avere una casa? Era un essere umano. Sapete che aveva il diritto di avere una moglie? Era un uomo. Aveva il diritto di avere tutte queste cose, ma disse: "Padre, per loro santifico Me stesso. Santifico Me stesso”.

69      Ieri, parlavo ad un giovane predicatore; andrò a predicare nella sua chiesa per alcune sere, laggiù sulla strada principale. Mi informavo a proposito di una certa cosa, ed egli mi disse: “Si, fratello Branham, ma la maggior parte della mia assemblea non lo crede”.

Dissi: “È la maggior parte di loro legalista?”

70      “Si”. Il fratello non crede ciò. Tuttavia, disse: “Per loro!” Oh, avevo voglia di saltargli al collo. “Per loro (vedete?), per loro santifico Me stesso”.

71      Oh, Gesù stava formando dodici uomini, affinché questi dodici uomini potessero portare il Vangelo al mondo. Ed Egli disse: “Per loro santifico Me stesso”. Fatelo per il vostro vicino, per qualcun altro. Non fate della vostra libertà un manto, disse Paolo, ma santificatevi! Comportatevi nel vicinato come un vero Cristiano dovrebbe fare. Nei vostri rapporti siate… se incontrate il vostro nemico, santificatevi per lui, non sapete ciò che potreste fare.

72      Dunque, il posizionamento di un figlio. Prima di ogni cosa, dopo che il figlio era arrivato, allora era un figlio, ma poi, abbiamo visto che era la sua condotta che lo metteva nella posizione di essere adottato, vale a dire se si comportava come si deve oppure no.

73      E questo è il Pentecostale… Ora, permettetemi di mostrarvi che Pentecoste non è una denominazione. Quanti Battisti ci sono, qui, che erano Battisti e che hanno ricevuto lo Spirito Santo? Fatemi vedere la vostra mano. Vedete? Quanti Metodisti ci sono, qui, che hanno ricevuto lo Spirito Santo? Alzate la vostra mano. Quanti Nazareni, qui, hanno ricevuto lo Spirito Santo? Alzate la vostra mano. Di Presbiteriani che hanno ricevuto lo Spirito Santo? Vedete? Di Luterani? Di altre denominazioni che non facevano affatto parte della Pentecoste, ma facevano semplicemente parte di una denominazione e che hanno ricevuto lo Spirito Santo? Alzate la mano. Vedete? Or dunque, Pentecoste non è una denominazione, è un’esperienza.

74      Dunque, Dio vi ha fatto entrare nel Corpo di Cristo. Ora, cosa fa Egli? Dopo che avete avuto le vostre prove, che vi siete santificati con la vostra buona condotta, che ubbidite allo Spirito Santo, senza tener conto di ciò che il mondo possa dire…

75      Devo ribadirlo con forza, (vedete?) perché non intendo essere duro. Ve ne prego, veramente, non intendo esserlo. Vedete? Non pensate che io sia duro. Non voglio esserlo. Ciò che mi infastidisce è quando predico alle persone questa Verità che è stata mandata da Dio, ed essi si girano e continuano a fare esattamente la stessa cosa, e affermano di avere lo Spirito Santo. Ciò quasi vi devasta. Vedete? Di che si tratta? Essi ritornano subito alla stessa cosa, esattamente come i figli d’Israele, volevano avere un re, affinché questo re potesse dominare su di loro e farli agire come gli Amorrei, gli Amalechiti e i Filistei.

76      Lo sapete, signore, che è sbagliato indossare dei pantaloni? Lo sapete? Sapete che è sbagliato tagliare le ciocche dei vostri capelli? Lo sai, signore, che è sbagliato continuare a fumare e ad agire come fai tu? Lo sai che sbagli se non ti comporti da marito a casa tua? Tua moglie ha un accesso d’ira e ti mette alla porta, e tu dici: “Si, tesoro mio, sii benedetta, tornerò subito”. Pensate che voi… Come potete occuparvi della Casa di Dio se non siete in grado di dirigere la vostra propria casa? Ciò è esatto. Lo sai, sorella, che tuo marito non è solo tuo marito, ma è anche il tuo capo? Dio l'ha detto. Difatti, il marito non è stato sedotto, ma è la donna che è stata sedotta. E voi, predicatori, che continuate a nominare donne pastori e predicatrici nelle vostre chiese, mentre sapete che la Parola di Dio lo condanna.

77      Voi usate continuamente il nome di “Padre, Figlio e Spirito Santo” per battezzare, mentre, nella Bibbia, non c'è alcuna Scrittura che lo sostenga. Vorrei che un arcivescovo o qualcun altro mi mostrasse un punto dove qualcuno, nella Bibbia, sia mai stato battezzato nel nome del “Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”. Vorrei che qualcuno mi mostrasse dove una persona sia stata battezzata diversamente che nel nome di Gesù. Quelli di Giovanni non erano battezzati… si erano fatti battezzare, credendo che Egli stesse per venire, ma non sapevano chi fosse. Tuttavia, non appena riconobbero ciò, essi dovettero farsi ribattezzare nel nome di Gesù Cristo. Io vorrei che qualcuno… ho chiesto alle Assemblee di Dio, agli altri predicatori, ai Battisti, ai Presbiteriani e ad ogni altro. Essi rifiutano di parlarne. Io vorrei vedere la Scrittura.

78      E dopo, sono io il “fanatico”, eh? Dopo, sono “pazzo”, ho perso la ragione, sono “matto”, solo perché cerco di dirvi la Verità? Ora, ve lo dico francamente, fratelli. Se un uomo si dà a Dio, bisogna che si dia interamente. Vi mettete da parte, voi siete una creatura diversa.

79      Ci sono molto chiamati, ma pochi eletti. Si, ci sono molte persone che vengono chiamate; si ha una chiamata nel cuore: “Si, credo che Dio mi ama. Io lo credo”.

80      Ma, fratello, ciò nonostante, sarete, tutti, così tanto perduti come gli altri. Difatti, si presenteranno in quel giorno, dicendo: “Signore, ho cacciato i demoni nel Tuo nome. Ho fatto tutto il resto nel Tuo nome. Ho tenuto dei servizi di guarigione. Ho predicato il Vangelo. Ho cacciato i demoni”.

81      E Gesù dirà: “Allontanatevi da qui, non vi ho mai conosciuti, ipocriti. È colui che fa la Volontà del Padre Mio”. Perché le persone non lo vedono? Ora, so che quello ci fa male ed io non intendo ferirvi. Non intendo essere in quel modo. Tuttavia, fratello, io...

82      Mi sembra che siamo al tempo della fine, e Dio sta adottando, sta posizionando, nella Chiesa, nel Corpo di Cristo, i Suoi. Ora, Egli non ne metterà molti là, posso dirvelo subito. Voi dite: “Oh, ebbene, ce ne sarà un così gran numero!” Sì, ma è già da seimila anni che Egli li tira fuori. Ricordate, la risurrezione avrà luogo e noi saremo presi su con loro. Non ce ne saranno che alcuni. Vedete? Esaminate in fretta ciò che è per la vostra salvezza. Esaminatevi per vedere ciò che non va. Vedete? Per vedere ciò che c'è esattamente. Lo so che questo è duro a sentire, ma, fratello, è la Verità. È la Verità di Dio. L’adozione…

83      Dovremmo essere talmente infiammati per Dio, dovremmo essere all'opera giorno e notte. Niente dovrebbe fermarci, e noi dovremmo essere così gentili, così amabili e talmente simili a Cristo nella nostra vita. Ciò richiede la vita di ogni giorno. Gesù ha detto: “Considerate come crescono i gigli del campo, lavorano e filano; eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, fu vestito come uno di loro”. Salomone era vestito con sontuosi abiti di seta, ricamati e altro, ma non era di questo che Egli parlava. Affinché un giglio possa crescere, deve faticare giorno e notte. Perché volete arrivare fin qui e rischiare? Se il giusto è appena salvato, dove finirà il peccatore (quello è l’incredulo) e l'empio (l'uomo che ode la Parola ma che rifiuta di camminarVi)? Dunque, cosa faremo? Vedete? Ora, quello…

84      Questa è la nostra chiesa. Ci sono forse quattro o cinque estranei tra noi. Ma questa è la chiesa, vi sto dando un insegnamento. Ciò viene registrato sui nastri. Voglio che le persone che ascolteranno i nastri registrati si ricordino che questo è indirizzato alla mia chiesa. Quando sono là fuori, tra la gente, cerco di essere abbastanza gentiluomo nel parlare con loro, rimanendo, più o meno, dove posso coccolarli nelle loro piccole idee da lattanti. Ma quando si tratta di dichiarare veramente la Verità, dichiariamola.

85      L'adozione, il posizionamento! Dove sono essi? Mostratemi dove sono. Dio chiama i Suoi figli, li mette da parte, per la manifestazione. Loro non hanno bisogno di dire una parola al riguardo. Voi vedete che è accaduto qualcosa. Egli posiziona il Suo figliuolo e lo mette in ordine esattamente con le stesse cose. Egli ha tanta autorità, la sua parola ha altrettanto valore come quella di un arcangelo, e ancora di più. Il figlio veniva adottato, collocato in un luogo elevato, lo si conduceva là, gli si metteva un vestito nuovo, di un colore nuovo. Il padre teneva una cerimonia e diceva: “Questo è mio figlio, d'ora in poi è lui che governa. È lui che dirige. È a capo di tutta la mia eredità. Tutto ciò che possiedo appartiene a lui”. Ciò è esatto.

86      Poi, potremmo riprendere ancora Elah, Elah, Elohim, Elohim, (vedete?), dove Egli esisteva da Sé. E ritornare poi a Jehovah che ha creato qualcosa; Egli ha dato all'uomo autorità sulla terra. Che cosa aspettiamo? Le manifestazioni. La terra geme. Andiamo a leggerlo. Bene.

…avendoci predestinati ad essere adottati come suoi figli per mezzo di Gesù Cristo secondo il beneplacito della sua volontà,

a lode della gloria della sua grazia,…

87      Cos’è la Sua grazia? Molto tempo addietro, quando Egli non era ancora un Padre; la Sua grazia, il Suo amore, fece un figlio per Sé, affinché potessimo essere predestinati ad essere adottati come figli, a lode della gloria della sua grazia. Vedete?

...mediante la quale egli ci ha grandemente favoriti nell'amato suo (la Persona), che è Cristo.

Ci ha accettati, come? Tramite Lui. Come entriamo in Lui? Mediante uno Spirito, siamo tutti battezzati in Lui. Ascoltate.

…in cui abbiamo la redenzione per mezzo del suo sangue, il perdono dei peccati.

88      Come potete predicare la predestinazione di Dio, preordinata e stabilita, senza che ci sia da qualche parte un'espiazione per il peccato? Perché dunque? Ogni giorno fate un errore, ogni giorno fate qualcosa di male. Solamente se siete nati di nuovo, uomo o una donna che siate, non appena fate questo errore, Dio sa che siete dispiaciuti al riguardo. Potreste stare alla presenza del presidente Roosevelt, o di chiunque altro, e dire: “Ho sbagliato; che Dio mi perdoni per avere fatto questa cosa”. Perché? È là che il sangue dell'espiazione…

89      Notate, è “p-e-c-c-a-t-i”. Un peccatore è un peccatore, non commette peccati. Ma la chiesa commette dei peccati, fa degli errori, ha cattivi pensieri, una cattiva impressione, si fa degli scrupoli, vacilla come un bambino che fa dei passi cercando di imparare a camminare. Egli non sa ancora camminare come si deve, perché è solo un ragazzino. Ma c'è una Mano che ci raggiunge, ci afferra e ci sostiene, dicendoci: “Fai questo passo in questo modo, figliolo”. Lui non ci tira su e ci sculaccia perché abbiamo fatto un errore; non ci picchia a morte perché proviamo a camminare. Lui ci ama, come noi amiamo i nostri figli.

90      Un vero papà non picchia il suo bambino, se cade per terra provando a camminare. Lo raggiunge, con mano forte lo rialza, gli prende entrambe le mani e gli dice: “Ecco il modo in cui devi fare, figliolo. Cammina in questo modo”.

91      È così che Dio fa con la Sua Chiesa! Raggiunge il Suo figliolo, lo prende nelle Sue braccia, lo rialza e gli dice: “Cammina in questo modo. Ascolta, non dirlo così, dillo in questo modo. Ebbene, a me non importa ciò che dice la chiesa, ciò che dice questo, ciò che dice quello. Tu dillo in questo modo. Dillo così; è così! Se la Mia Parola lo predica, tu rimani con Essa, cammina con Essa. Rimani con Essa! Poco importa ciò che tutti gli altri possano dire, tu rimani con Essa. Cammina in questo modo. È così che devi fare i tuoi passi”.

92      I nostri peccati; un amore che ha espiato i nostri peccati, altrimenti non avremmo mai avuto alcuna possibilità. Potremmo ancorarci veramente a queste Parole!

secondo le ricchezze della sua grazia, che egli ha fatto abbondare...

93      Cosa vuol dire “abbondare?” ...che egli ha fatto abbondare... (un gran mucchio d’essa)

...che egli ha fatto abbondare verso di noi con ogni sapienza e intelligenza...

94      L’intelligenza; tutta la sapienza che Egli ha sparso abbondantemente su noi. Tutta la sapienza, non quella del mondo. La sapienza del mondo è follia per Lui, e la sapienza di Dio è follia per il mondo. Ciò è come il giorno e la notte, uno non può essere d’accordo con l'altro. Ma quando il sole comincia ad alzarsi e spunta il giorno, allora la notte si disperde in tutti gli angoli. Allo stesso modo, quando la Luce del Vangelo comincia a penetrare, le cose del mondo cominciano a sparire. Cosa accade? Egli spande abbondantemente la Luce del Sole sui Suoi figli che camminano nello Spirito, condotti dallo Spirito di Dio, abbondando nella Sua grazia con ogni intelligenza e sapienza, con intendimento e perspicacia per sapere in che modo camminare. Se vedete che ciò è sbagliato, allora state attenti a ciò che fate. Se è sbagliato, state attenti persino a come vi accostate. Prudenti! Osservatelo da vicino, assicuratevi bene di sapere come accostarlo: “Prudenti come serpenti e semplici come colombe”. È ciò che Gesù ha detto.

95      Oh, queste sono delle pepite, amici! Potremmo restarvi giorni e giorni. Sono delle cose meravigliose, non è vero? Intelligenza, sapienza, che Egli ha sparso abbondantemente su di noi, che ha riversato! Non ce ne ha dato una cucchiaiata, ma ha preso una grossa pala ed ha continuato a lanciarla così. Ha sparso abbondantemente su noi la sapienza ed anche l’intelligenza della Sua grazia! Oh, stupenda grazia! Come è dolce il suono.

…che egli ha fatto abbondare verso di noi con ogni sapienza e intelligenza,

facendoci conoscere il mistero della sua volontà…

96      A chi parla Egli? Alle denominazioni? Ve ne prego, fratelli miei, non pensate che io sminuisca la vostra denominazione, non lo faccio. Sto cercando di dirvi che era sbagliata già in partenza. Gesù ha detto: “Andate a predicare il Vangelo”; e noi siamo andati a formare delle denominazioni. È per questo motivo che non l'abbiamo, camminiamo secondo la sapienza dell'uomo. Se Calvino potesse risuscitare!

97      Dunque, non molto tempo fa mi trovavo presso la tomba di un grande uomo, di un grande riformatore. Ed io pensavo: “Che grande uomo è stato!” Certo! Ebbene, era John Wesley. Ed io mi son detto: “Se oggi John Wesley potesse uscire da questa tomba e vedere la condizione della sua chiesa, egli avrebbe vergogna del suo nome”. John Wesley era un uomo pio, un tizzone strappato dal fuoco, come egli diceva. John Wesley era un uomo santo che credeva in Dio e che Lo seguiva passo dopo passo. Tuttavia, dopo la morte di John, essi dissero: “Faremo una chiesa in onore di John, così avremo una chiesa che chiameremo Metodista, a motivo del suo metodo, della santificazione, come seconda opera della grazia”.

98      Dunque, essi fecero una chiesa, e questi uomini di chiesa, oggi, rinnegano tutto ciò che John Wesley rappresentava. John Wesley predicava la guarigione divina, credeva al battesimo dello Spirito. John Wesley credeva nella restaurazione completa dei doni. John Wesley, Martin Lutero e molti di questi grandi uomini parlavano in lingue ed interpretavano. E, oggi, se parlaste in lingue in una chiesa Metodista o in una chiesa Luterana, essi vi metterebbero alla porta. Che cosa accade? Proprio nel tempo in cui dovremmo essere posizionati come figli, che cosa accade? Essi hanno adottato qualcos’altro, perché non conoscono il mistero di Dio. Ed essi non lo conosceranno mai per mezzo di un seminario!

99      Lasciate che vi legga qualcosa. Siete d’accordo? Bene. Prendiamo dunque… ho annotato qualcosa qui. Vediamo il modo di cui Paolo… Ora, si tratta qui di colui che ha insegnato questo stesso messaggio. Prendiamo Atti 9:5, giusto per un istante.

Saulo intanto, spirando ancora minacce e... (Oh, questo piccolo Ebreo dal naso adunco e con un temperamento forte) ...strage contro i discepoli del Signore, si recò dal sommo sacerdote,

e gli chiese lettere per le sinagoghe di Damasco affinché, se avesse trovato alcun...

100   “Andrò alla loro ricerca! Se soltanto riesco a trovarli, oh! Vedrete cosa faro loro! (Vedete?) Se soltanto riesco a trovarli!” Ma egli era predestinato!

101   Chi vi dice che quel contrabbandiere, laggiù, non sia predestinato alla Vita? Chi vi dice che quella prostituta, laggiù, alla quale non vorreste neanche rivolgere la parola, chi vi dice che una piccola stretta di mano ed un invito a venire in chiesa non farebbe di lei una santa di Dio, laggiù nella Gloria? Chi vi dice che lei non lo sia? È ciò che noi non sappiamo, ma è il nostro dovere. Come un pescatore che ha gettato la sua rete in mare e, dopo averla ritirata, essa ha portato delle rane, dei pesci, delle lucertole, dei ragni d’acqua e tutto il resto; ma lì dentro c’erano anche dei pesci. Lui non lo sapeva, ha gettato soltanto la rete. Ed è ciò che noi facciamo. Osservate Paolo.

...gli chiese lettere per le sinagoghe di Damasco affinché, se avesse trovato alcun seguace della Via, uomini o donne, li potesse condurre legati a Gerusalemme (Fratello, lui era veramente spietato).

Or avvenne che, mentre era in cammino e si avvicinava a Damasco, all'improvviso una luce dal cielo gli folgorò d'intorno.

102   Un sacerdote arriva dalla strada, il dottor F. F. Jones, e questi gli dice: “Ti occorre un'esperienza di seminario, adesso, ragazzo mio, in seguito penso che Dio potrebbe usarti”. Non sarebbe terribile guardare la Scrittura e leggere qualcosa del genere? Ebbene, ciò ha tanto senso che… Non lo dico per scherzare. Ciò esprime… ciò ha tanto senso per quel che noi facciamo oggi. “Sai, tua madre era una brava donna, credo che tu potresti essere un buon predicatore”. Guardate cos’è accaduto.

Or avvenne che, mentre era in cammino e si avvicinava a Damasco, all'improvviso una luce dal cielo gli folgorò d'intorno… (Uh! c’è il soprannaturale sin dall’inizio) …una luce dal cielo gli folgorò d'intorno.

E, caduto a terra, udì una voce che gli diceva: “Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?”.

Ed egli disse: “Chi sei, Signore?”. E il Signore disse. “Io sono Gesù, che tu perseguiti; ti è duro recalcitrare contro i pungoli”.

Allora egli, tutto tremante e spaventato, disse: “Signore, che vuoi ch’io faccia?”. E il Signore: “Alzati ed entra nella città, e ti sarà detto ciò che devi fare”.

103   Or gli uomini che viaggiavano con lui, continuarono la strada, ed essi trovarono un uomo, Anania, laggiù, che aveva avuto una visione. È tutto soprannaturale! E, il vecchio Saulo, questa specie di cattivo personaggio… Anania aveva avuto una visione a casa sua. Lui era un profeta, era a casa sua e, mentre pregava, aveva avuto una visione. Il Signore gli aveva parlato, dicendo: “C'è un uomo laggiù che scende la strada, è cieco come un pipistrello, si chiama Saulo, lui è Saulo di Tarso”.

104   Lui disse: “Signore, ho sentito dire molte cose. Non mandarmi, sono un piccolo uomo. Non mandarmi dietro di lui”.

105   Egli replicò: “Ma, ecco, è in cammino, gli ho mostrato una visione. Gli sono apparso nella Colonna di fuoco. L'ho reso completamente cieco. Ho dovuto renderlo cieco e demolirlo, prima che, di lui, arrivassi a farne qualcosa. Vedi, ho dovuto sbarazzarlo di tutta la sua teologia. Sai, lui era un uomo illustre in una di quelle chiese laggiù”. Aveva ogni tipo di laurea, non aveva bisogno di perfezionare alcunché. Tuttavia, Egli disse: “Ciò che ho dovuto fare, è stato di tirare fuori tutto ciò da lui”.

106   Era quella la cosa da fare. Non si trattava di dargli qualcosa in più, ma di tirarla fuori da lui. Credo che, oggi, risieda là il problema, con molti dei nostri membri del clero; bisogna tirare fuori ciò da voi, affinché Dio possa mettervi lo Spirito Santo. Tirarlo fuori! Là, diceva che egli…

107   Egli disse: “Signore, ma questo è un uomo terribile”.

108   Egli replicò: “Ma, ecco, lui prega. Adesso, scendi lungo una certa strada fino ad arrivare ad una fontana. Passa questa fontana, che si trova a sinistra, e prosegui. Ci sarà una casa bianca, va’ là e bussa alla porta. Lui è disteso là, giusto nell'anticamera, non sono riusciti a portarlo più lontano. Imponigli le mani, conducilo al fiume di Damasco e battezzalo nel nome di Gesù. Difatti, ti dirò ciò che sto per fare: lui dovrà soffrire molte cose per Me, perché è il Mio messaggero per i Gentili”. Amen.

109   “Ebbene, ora aspetta un momento, Signore! Ma quale scuola gli dovrei consigliare?” Vi dirò cosa faremo, leggiamo in Galati e vediamo di scoprirlo. È giusto il capitolo seguente, proprio dietro. Prendiamo Galati 1, cominciando dal verso 10, e vediamo in quale scuola Paolo sia andato, in quale seminario, e quali erano le mani che gli furono imposte, e, oh, tutto ciò che è accaduto. Galati, capitolo 1. Per non prendere troppo tempo, cominciamo con la sua conversione, al verso 10.

Vado forse cercando il favore degli uomini, o quello di Dio? Oppure cerco di piacere agli uomini? Se cercassi ancora di piacere agli uomini, non sarei servo di Cristo.

110   Oh! Permettetemi di dire qualcosa, giusto prima di questo. Galati 1, prendete il verso 8. Quanti sanno che è stato Paolo a fare ribattezzare quelle persone, là, nel nome di Gesù, in Atti 19°? Certo. Prendiamo giusto un po’ più sopra, qui, il verso 8.

Ma anche se noi o un angelo dal cielo vi annunziasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo annunziato, sia anatema.

111   Paolo, da dove hai avuto questo Vangelo? Il verso 9.

Come abbiamo già detto, lo ripeto di nuovo anche adesso: se qualcuno vi annunzia un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anatema.

112   Che sia un arcangelo, che sia un vescovo, che sia un sovrintendente generale, che sia il dottor Tal dei tali, chiunque egli sia, se non predica il battesimo in acqua nel nome di Gesù Cristo, il battesimo dello Spirito Santo, se non predica la restaurazione dei doni, la venuta di Cristo, tutte queste cose, che sia anatema! Se cerca di prendere una parte di questa Parola, qui, e dice che era per un'altra epoca, ed aggiunge qualche nuova assurda idea che gli è stata insegnata in un seminario, che sia anatema!

113   Continuiamo a leggere, per vedere come Paolo l'ha ricevuto, vedere come… ciò che sto cercando di dirvi stamattina.

Vado forse cercando il favore degli uomini, o quello di Dio? Oppure cerco di piacere agli uomini? Se cercassi ancora di piacere agli uomini, non sarei servo di Cristo.

114   Come posso aspettarmi qualcosa, come può un uomo che ama Dio e, soprattutto un predicatore, aspettarsi qualcos’altro se non di essere odiato dagli uomini? Gli uomini vi odieranno. Ebbene, Gesù ha detto: “Se essi hanno chiamato, il Maestro di casa… Io sono il Maestro, il più grande fra tutti voi. Sono Quello che può fare più miracoli e compiere più cose, con lo Spirito Santo, di tutti voi, perché ho tutta la pienezza in Me. E, se essi Mi hanno chiamato Belzebù, a quanto più forte ragione vi chiameranno così?” Tuttavia, Egli ha aggiunto: “Non vi preoccupate di ciò che direte, perché non sarete voi a parlare, sarà il Padre che dimora in voi che parlerà in quel momento. Rimanete semplicemente con la Parola”. Ed Egli, quando ha finito di scrivere il Libro, ha detto: “Chiunque toglierà una sola Parola da questo Libro o vi aggiungerà una sola parola, similmente, a lui, sarà tolto dal Libro della Vita”. Dio ci aiuti a rimanere con Essa.

115   Adesso, il verso seguente, lasciate che legga velocemente.

Vi dichiaro... (Ciò vuol dire che vi ritroverete in giudizio con questo.) ...Vi dichiaro, fratelli, che il vangelo da me annunziato non è opera d'uomo... (“Ebbene, io non sono né Metodista, né Battista, né Presbiteriano, né Pentecostale; questo non era opera d'uomo).

Perché io stesso non l'ho ricevuto né l'ho imparato da un uomo...

116   “Io non l'ho ricevuto da un uomo, in nessun seminario, da nessun dottore, da nessun teologo, da nessuna scuola d’istruzione. Non l'ho mai ricevuto in quel modo. Non l'ho mai insegnato così. Io non l’ho trovato né mi è mai pervenuto in quel modo. Allora, come ti è pervenuto, Paolo?

...né l'ho imparato da un uomo, ma l'ho ricevuto per rivelazione di Gesù Cristo.

117   «Quando Cristo si è rivelato a me, mi ha rivelato che Egli era il Figlio di Dio, quando questa Colonna di fuoco è scesa su me quel giorno, ho detto: “Chi sei Tu, Signore?” Egli ha risposto: “Io sono Gesù”».

118   Adesso, osservate! Vi mostrerò ciò che gli accadde. Dunque, proprio ora, se un uomo ricevesse un'esperienza, loro vorrebbero fargli apprendere il greco in dieci anni, poi altri dieci anni per fargli apprendere qualcos’altro, e dopo tutto ciò, egli sarebbe finito. Osservate.

...non l'ho ricevuto né l'ho imparato da un uomo, ma l'ho ricevuto per rivelazione di Gesù Cristo.

Infatti voi avete udito quale sia stata la mia condotta nel passato, quand'ero nel giudaismo…

119   “Ero un gran dottore, oh! Avevo tutto ciò che occorreva”. Lui era stato ammaestrato da Gamaliele, il più grande insegnante che c'era nel paese. Quanti sanno che Gamaliele era uno dei più illustri insegnati? Si, signore. “La mia religione giudaica, oh! la conoscevo a memoria; sapevo tutto ciò, come recitare il Credo degli Apostoli e tutte queste cose, vedete. Sapevo recitare tutte le preghiere del mattino e benedire le persone”. Vedete?

...come perseguitavo a oltranza la chiesa di Dio, e la devastavo; (come provavo a fermare questa banda di esaltati! Vedete? Vedete?)

e mi distinguevo nel giudaismo...

120   “Ero un uomo importante. Oh! veramente, mi distinguevo, mostravo loro che potevo schiacciarli, perché avevo ucciso Stefano e fatto un mucchio di altre cose. Vedete, ecco ciò che ho fatto!” Come egli perseguitava ad oltranza…

...e mi distinguevo nel giudaismo più di molti coetanei tra i miei connazionali, perché ero estremamente zelante nelle tradizioni dei miei padri.

121   Adesso, ricordate, non per la Parola di Dio, ma per “la tradizione dei padri”, la tradizione della chiesa, in altre parole. “Immagino che ero Metodista fino al midollo, che ero Battista fino al midollo, che ero Pentecostale fino al midollo”. Ah sì? Io, voglio essere di Dio fino al midollo. Si, è così. Vedete? Bene.

...nelle tradizioni dei miei padri.

Ma quando Iddio… (Oh, oh, Paolo, eccoti venire.) …che mi aveva appartato fin dal seno di mia madre… (che mi aveva fatto nascere in questo mondo), ...e m'ha chiamato mediante la sua grazia,

si compiacque di rivelare in me il suo Figliuolo...

122   Che ne dite? “Lo Spirito Santo in me! È piaciuto a Dio di prendermi, Egli che mi aveva appartato fin dal grembo, e di darmi il Figlio (che è lo Spirito Santo nella forma di Spirito), affinché si rivelasse in me”. Oh! Credo di aver voglia di gridare un po’.

123   Guarda, lascia che te lo dica, fratello. Quando piacque a Dio! Oh, alleluia! Quando piacque a Dio! Un padre ubriacone. Una madre… Dio ti benedica, mamma, non dico nulla contro di te, — ma una madre che non sapeva di Dio più di quanto un coniglio sappia delle sue racchette da neve. Ed un padre che si ritrovava ubriaco, disteso sulla strada. Ed io non avevo neppure le scarpe per andare a scuola, dei lunghi capelli che mi ricoprivano la nuca, e tutti, qui, in Indiana, mi detestavano perché venivo dal Kentucky. E, come, oh, come era disgustoso a vedere. Ma piacque a Dio! Amen! Piacque a Dio che mi aveva appartato fin dal seno di mia madre, di rivelare in me il Suo Figliolo, facendo di me un ministro della Parola, che si atterrebbe strettamente ad Essa, con il quale mostrerebbe visioni, segni, prodigi e miracoli. E, oh!

124   Vedete ciò che stava dicendo? Piacque a Dio di fare ciò! Come? Ascoltate attentamente. Prendete ora il verso 16. 

…di rivelare in me suo Figlio, affinché l'annunziassi fra i gentili, io non mi consultai subito con la chiesa. [“con carne e sangue” - Ed.]

125   «Non sono andato da nessun vescovo per chiedergli cosa fare. Non mi sono consultato con carne e sangue, né con alcuna organizzazione, né cos’altro. Non ho mai avuto nulla a che fare con loro. Non mi sono mai consultato con carne e sangue. Non sono salito neanche a Gerusalemme, da tutti i grandi e santi sacerdoti, i santi padri e tutti questi, per dir loro: “Adesso, sapete, ho avuto una visione, che cosa devo fare al riguardo? Ho visto in visione il benedetto Signore Gesù”. Essi avrebbero detto: “Esci fuori da qui, tu… Cos’è che… Specie di esaltato! Vediamo, che cosa ti è accaduto?”» No, avevano già tutti i loro titoli.

126   E, Paolo, ha detto qui, posso mostrarvelo nella Scrittura, che egli aveva dimenticato tutte le cose che aveva imparate, le considerava inutili, al fine di conoscere Cristo. Oh!

…né salii a Gerusalemme da quelli che erano stati apostoli prima di me, ma me ne andai in Arabia e ritornai di nuovo a Damasco.

Poi, dopo tre anni, salii a Gerusalemme per andare a vedere Pietro e rimasi con lui quindici giorni.

127   E continuando a leggere, scopriamo che lui e l'apostolo Pietro non si erano mai visti prima, l’uno non aveva mai conosciuto né visto l’altro, ma quando si sono ritrovati insieme, hanno predicato lo stesso Vangelo. Dio ha una scuola. Si!

128   Qui, c’era Pietro, che stando in piedi, il giorno di Pentecoste, disse: «Ravvedetevi e ciascuno di voi sia battezzato nel nome di Gesù Cristo per il perdono dei peccati, e voi riceverete il dono dello Spirito Santo».

129   Filippo disse: “Oh, come è glorioso! Anch’io devo fare qualcosa. Ho ricevuto una chiamata per andare in Samaria”. Andò lì e si mise a testimoniare sulla strada. Improvvisamente arrivò una persona malata, gli impose le mani, ed ecco che si mise a saltare ed a balzare, dicendo: “Gloria a Dio, eccolo!” Egli cominciò ad avere una riunione gloriosa. Disse: “Voi tutti avete bisogno dello Spirito Santo”. Aggiunse: “Ciò che dovete fare, è di essere battezzati nel nome di Gesù”.  Allora li portò tutti laggiù e li battezzò nel nome di Gesù. Disse: “Vieni, Pietro, imponi loro le mani, adesso”. Ed essi ricevettero lo Spirito Santo. Pietro, laggiù, in casa di Cornelio, sperimentò la stessa cosa.

130   Paolo non l'aveva mai visto né aveva mai sentito parlare di lui. Tuttavia, avendo attraversato le contrade più alte di Efeso, incontrò alcuni discepoli. Egli incontrò un predicatore Battista, era Apollo, un avvocato convertito, un uomo intelligente, brillante, che si serviva del Vecchio Testamento per provare che Gesù era il Figlio di Dio. Si, signore. Lui era un uomo intelligente. Ed essi giubilavano, erano nella gioia. La Bibbia dice così. Leggete i capitoli 18 e 19 degli Atti e vedrete se questo non è esatto. Erano nella gioia, danzavano nello Spirito e correvano dovunque, sapete. Paolo disse: “Ma avete ricevuto lo Spirito Santo dopo che avete creduto?”

131   E voi, fratelli Battisti, che provate a fare ingoiare ciò alle persone, dicendo loro che il testo greco originale dice: “Avete ricevuto lo Spirito Santo da o quando avete creduto?” Vi sfido a portarmi il testo greco! Ho il testo greco originale in mio possesso. Ho anche l'aramaico e l'ebraico. In ciascuno d’essi, sta scritto: “Avete ricevuto lo Spirito Santo dopo che avete creduto?”

132   È per fede che siete salvati, è per la vostra fede in Dio. Il sangue vi mantiene puri dal peccato, perché agisce come sacrificio. Il sangue non vi salva, il sangue vi mantiene puri. Come siete salvati, come dite? È per fede che siete salvati, e questo è per la prescienza di Dio che vi ha chiamati. Voi siete salvati, ed il sangue fa l'espiazione, vi mantiene continuamente puri. E poi, per mezzo di un solo Spirito siete battezzati nello Spirito Santo, nella comunione con i credenti e nella comunione con lo Spirito Santo, per essere condotti dallo Spirito, compiendo dei segni e dei prodigi.

133   Aspettando, continuando ad avanzare, aspettando qualcosa, vi arriveremo fra un po’, lo spero in ogni caso. (È a quest’ora che vi avevo chiesto di farmi un cenno, non è così?) L’ho notato per caso. Ancora una o due parole, giusto ancora un po’.

134   Quanto tempo dura, questa salvezza, quanto tempo? Quale genere di salvezza è questa? Da una chiesa all'altra? Prendiamo Ebrei 9:11, solo un minuto, giusto per vedere quanto tempo dura, prenderemo soltanto alcuni minuti. Prendiamo l'Epistola agli Ebrei e vediamo quanto dura questa salvezza e di che genere di salvezza si tratta. Leggiamo adesso, Ebrei 9:11.

Ma Cristo, essendo venuto come sommo sacerdote dei beni futuri, attraverso un tabernacolo più grande e più perfetto non fatto da mano d'uomo… (Ora, questo è Paolo, lo stesso insegnante, vedete?), cioè non di questa creazione,

è entrato una volta… (Quante volte? Una volta.) …per sempre nel luogo santissimo, non con sangue di capri e di vitelli, ma con il proprio sangue. Così ci ha acquistato… (la salvezza per una settimana, la salvezza fino al prossimo risveglio? Che genere?) …una redenzione eterna.

135   La parola “eterna”, che cosa significa? In Cristo, dopo che ho creduto… Nessuno può chiamare Gesù “il Cristo”, se non per lo Spirito Santo. È per questo che ci sono tre categorie di persone: gli increduli, i sedicenti credenti e i credenti. Ma quelli che hanno creduto alla Vita Eterna, sono entrati nei cortili.

136   Prendete il vecchio tabernacolo, qual’era la prima cosa che facevano? Essi entravano nei cortili, i Gentili. Poi, c'era l'altare di bronzo, dove si lavava il sacrificio, nel catino d’oro. Poi, si uccideva il sacrificio e si faceva l'aspersione del sangue sull'altare. E dopo, una volta l’anno, Aaronne, unto, (oh, con che cosa?) con il profumo della rosa di Saron, un olio prezioso che aveva un profumo, lo si versava sul suo capo e scendeva fino al bordo della sua veste. Osservate, una volta l’anno, quest’uomo doveva andare dentro il velo, là, portando davanti a sé il sangue per il Propiziatorio. Un anno, egli era entrato col suo bastone e l'aveva dimenticato là. Quando sono tornati a cercarlo, aveva già messo le gemme e prodotto dei fiori. Un vecchio bastone che, forse, aveva avuto con sé nel deserto per quarant'anni, era rimasto, là, nel Luogo Santo! Osservate, quando portavano il sangue, il sangue del Patto, bisognava che lui fosse unto. Ed egli indossava delle vesti con delle campanelle, una melagrana ed una campanella. E quest’uomo doveva camminare in modo che, ogni volta che spostava la gamba, che si spostava in questo modo, per fare un passo, esse avrebbero prodotto un suono: “Santo, santo, santo è il Signore. Santo, santo, santo è il Signore. Santo, santo, santo è il Signore”. Oh!

137   Di cosa sto parlando? Ascolta questo, tabernacolo Branham! Avete avuto la vostra opportunità. Una volta che un uomo è stato unto con lo Spirito Santo, per essere adottato nella famiglia di Dio, per essere posizionato dal Padre e messo al Suo servizio, qui, con uno scopo da raggiungere in questa vita, o a ciò per cui Dio l'ha chiamato, il suo camminare deve essere: “Santo, santo, santo è il Signore. Santo, santo, santo!”

“Oh, devi allontanarti da questo ed essere…” Santo, santo, santo è il Signore.

“Oh, devi credere questo, tutto ciò che l'anziano ha detto”.

138   Ma: “Santo, santo, santo è il Signore”. Che la Sua Parola sia prima di ogni cosa, che sia tutto per voi, riposta e ben stabile nel vostro cuore! Il vostro camminare deve essere nella Parola. “Santo, santo, santo è il Signore”.

139   “Oh, se accettassi solamente di venire qui! Ti dirò ciò che faremo, ci organizzeremo, ti prenderemo nella nostra organizzazione, sarai un uomo importante”.

140    “Santo, santo, santo è il Signore. Santo, santo, santo è il Signore”, continuate ad avanzare. Ciò che la gente possa dire, quello non cambia nulla!

141   “Ritira questi nastri registrati! Fai questo, fai questo, fai quello, fai quello e quell’altro”.

142   “Santo, santo, santo è il Signore”. Abbiate i vostri occhi fissi sul Calvario e niente vi fermerà! Il modo stesso in cui camminate, la vostra vita… camminate sulla Strada del Re, unti con il prezioso Olio dell'unzione, vi avvicinate al Luogo Santissimo. Amen. Bene.

143   Paolo disse che non aveva ricevuto questo da un uomo. Ora, ciò che lui dice, ritornando in Galati, alla nostra lezione: “Avendoci fatto conoscere il mistero della sua volontà”. Cos’è la Sua volontà? “Facendoci conoscere i misteri della Sua volontà”. Per voi che annotate, è il verso 9. Mi affretterò a esprimere ciò, perché stiamo facendo tardi.

144   Oh, ogni Parola è talmente… Oh, ogni Parola è una pepita. Voi potete prenderLa semplicemente e continuare a lucidarla. Potete scavare, potete prendere giusto una Parola di là, portarla in Genesi e lucidarla, portarla in Esodo e lucidarla ancora; potete portarla in Levitico e lucidarla ancora, e quando arrivate all'Apocalisse, tutto ciò è Gesù! Amen. Potete lucidarla quanto volete, questa sarà Gesù quando arriverete all’Apocalisse. Difatti, Egli ha detto: “Io sono Colui che è, che era e che viene. Sono la Radice e la Progenie di Davide, la Stella del Mattino. Sono l’Alfa e l’Omega. Ciò vuol dire la A e la Z nell'alfabeto greco. “Io sono dall’A alla Z. IO SONO. Sono tutto in tutti!” Ciò è esatto. “Sono Colui che era vivente, che fu morto e che è vivente nei secoli dei secoli. Io tengo le chiavi della morte e dell'Ades”. Oh! Ogni pepita che voi raccogliete, qui, e che vi mettete a lucidare, lucidandola, ritroverete Gesù.

145   Ora, prenderemo ancora un po’ di tempo e dopo ci fermeremo. Si. Allora, cosa aspettiamo? Perché siete qui alla riunione? Qual’è lo scopo? Per che cosa geme il mondo? Perché la bomba atomica è sospesa laggiù, perché le molecole e gli atomi? E, oh, di cosa si tratta?

146   Prendete Romani, il capitolo 8°, giusto un istante. Cos’è che si aspetta? Cos’è tutta questa attesa? Che ora è? Romani, il capitolo 8°, e cominciamo a leggere il verso… oh, direi, il verso 18… cominciamo con il verso 19, e leggeremo proprio qui, affinché sia realmente piacevole. Ciò è esatto. Lo so dove volete arrivare, là. Bene. Romani, il capitolo 8, credo che sia esatto. Si, signore. Il capitolo 8°, e cominciamo qui con il verso 18. Iniziamo dal verso 14.

Poiché tutti quelli che sono condotti dallo Spirito di Dio sono figli di Dio. (Ciò è esatto.)

Voi infatti non avete ricevuto uno spirito di schiavitù per cadere nuovamente nella paura...

147   “Oh, mi chiedo se potrò resistere. Oh, se posso soltanto resistere! Resistere, affatto!” Non si tratta di sapere se io ho resistito, ma se Egli ha resistito. Io sono in Lui adesso, vedete.

148   Dunque, voi dite: “Ebbene, se sono in Lui…” Adesso, voi Presbiteriani, dite: “Ah, noi abbiamo sempre creduto ciò”. Ma la vostra vita prova che non lo siete, se non conducete il genere di vita che Egli ha condotto e non credete lo stesso Vangelo che Egli ha predicato.

149   Voi dite: “Ah…”, i Battisti dicono: “Certo, io credo alla sicurezza eterna”. E poi uscite, fumate il sigaro, andate a ballare, le donne si tagliano i capelli, si truccano il viso e si comportano come non so cosa? I vostri frutti provano che non credete. Quando dico: “Credete nella guarigione divina?”

“Oh, il dottor Jones ha detto che era così, che era per un’epoca passata”.

150   Ebbene, voi ipocriti! Che vi accade? Poveri figlioli illusi. Siete talmente lontani dal Vangelo al punto da far pietà. Siete stati trascinati su una strada fangosa, verso una discarica che brucia. Non vedete ciò che Egli ha detto, qui? Che ogni spirito che confessa che Gesù non sia venuto in carne, proprio ora, proviene da un cattivo spirito. La Bibbia dice che Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno. Ciò che Egli ha detto allora, Egli lo dice pure adesso e sarà così per sempre. Ascoltate bene.

Voi infatti non avete ricevuto uno spirito di schiavitù per cadere nuovamente nella paura, ma avete ricevuto lo Spirito di... [L’assemblea dice: “Adozione” - Ed.]

151   Dunque, dopo che siete stati adottati, bene, dopo che siete stati adottati, che siete stati posizionati, in quel momento, dopo che la cerimonia è stata pronunciata, comprendete che siete stati piazzati correttamente nel Corpo. Siete un figlio, certamente, una figlia, quando siete nati di nuovo, voi siete… quella è la vostra nascita. Ma adesso siete posizionati.

Voi infatti non avete ricevuto uno spirito di schiavitù per cadere nuovamente nella paura, ma avete ricevuto lo Spirito di adozione per il quale gridiamo: «Abba, Padre»

 (Il che significa: “Mio Dio”. Benissimo.)

Lo Spirito stesso rende testimonianza al nostro spirito che noi siamo figli di Dio.

152   Come avviene? Voi dite: “Gloria a Dio! Alleluia! Ciò non mi disturba; sono un figlio di Dio”, e poi uscite per fare le cose che fate? Lo Spirito di Dio farà le opere di Dio.

153   Gesù ha detto: «Chi crede in me farà anch'egli le opere che faccio io; e ne farà di maggiori». Vedete? Vedete?

154   Se questo tralcio di vite, germogliando, ha prodotto un grappolo d’uva, e quello che è germogliato accanto ha prodotto delle zucche, c'è qualcosa che non va. Vedete? È una chiesa che è stata innestata, è una vite che è stata innestata, è una persona che è stata innestata. Se una persona fa parte di una denominazione, è un membro d’essa, si definisce Cristiano, ma non ha lo Spirito Santo né la potenza di Dio e tutte queste cose…

155   Adesso, se uscite e vi comportate come questo mucchio di… per il semplice fatto che avete parlato in lingue. Io ho visto dei demoni parlare in lingue. Si, signore. Ne ho visti danzare nello spirito, lanciare delle grida, con la schiuma alla bocca e tutto il resto. Io ho visto ciò. Non è di questo che parlo. Parlo dello Spirito di Dio.

Lo Spirito stesso rende testimonianza al nostro spirito che noi siamo figli di Dio.

E se siamo figli, siamo anche eredi, eredi di Dio e coeredi di Cristo, se pure soffriamo con lui per essere anche con lui glorificati. Io ritengo infatti che le sofferenze…

156   Ascoltate questo. Oh, è realmente meraviglioso!

Io ritengo infatti che le sofferenze del tempo presente non sono affatto da eguagliarsi alla gloria che sarà manifestata in noi. (In noi).

Infatti il desiderio intenso della creazione…

157   C'è un richiamo, qui, una nota a margine, è “creazione”, dal greco.

…il desiderio intenso della creazione aspetta con bramosia la manifestazione dei figli di Dio..»

158   Tutto è nell'attesa di che cosa? Che cosa aspetta tutta la creazione? La manifestazione dei figli di Dio. Aspetta che la chiesa prenda la sua posizione. Chi era il figlio di Dio, quando Adamo… dov’era il suo dominio? Sulla terra. Aveva il suo dominio sulla terra. È esatto? Non era Elah, Elah, Elohim, in quel momento, era Jehovah. Vedete? Questo vuol dire: “Io sono Dio e ne ho creati di più piccoli che sono sottoposti a Me. Ed Io ha dato loro un dominio. Ed il loro dominio, sul quale hanno autorità, è sulla terra”. L'uomo aveva il dominio sulla terra. E, tutta la creazione aspetta che i figli di Dio siano manifestati.

Aspettiamo la venuta del Millennio, di quel beato giorno,

Quando il nostro Signore verrà a prendere la Sua Sposa che Lo aspetta;

Oh, la terra grida, sospira per questo giorno di liberazione;

Quando il nostro Salvatore ritornerà sulla terra.

159   È ciò esatto? Nell'attesa, Dio prova a posizionare la Sua chiesa, affinché possa manifestare Sé stesso. Ne prende uno attraverso il quale Egli possa agire così, dicendo: “Ecco il Mio Spirito che scorre liberamente. Eccolo. Ecco, ecco, Io posso agire qui”. Ne prende un altro qui e lo posiziona: “Io posso piazzarlo”. L’adozione, il posizionamento, la manifestazione, portarlo qui e fargli una cerimonia, visitarlo con un angelo, dirgli qualcosa. Ma, se ha detto la verità… Ma, se sta solamente inventando qualcosa, ciò non funzionerà. No, no, non funzionerà, ne abbiamo avuto molti così. Ma io parlo della manifestazione dei figli di Dio, quando è Dio che si manifesta e manda qualcuno. E, dopo, egli va avanti e ciò che dice è la Verità. Ciò che egli fa è la Verità. Ciò che fa, manifesta Cristo. Come lo giudicate? Dal modo in cui egli si attiene alla Parola, rigorosamente alla Parola. Vedete, è da ciò che voi riconoscete ogni uomo, dal modo in cui si attiene alla Parola. “Se non parlano secondo la Parola, non c'è Vita in essi”, dice la Bibbia. Vedete? Lasciateli.

160   Leggiamo adesso, poi dovremo fermarci, perché il tempo fila via. Molto bene, il verso 10, o piuttosto il verso 9.

Facendoci conoscere il mistero della sua volontà… (per adottarci), …secondo il suo beneplacito che egli aveva determinato in se stesso…

161   Lui stesso aveva determinato questo, prima della fondazione del mondo. Quanti lo comprendono? Vedete?

…per raccogliere nella dispensazione…

162   Oh, eccoci un’altra volta! Vedete? Oh, non ci fermiamo questa volta. Vedete?

…nella dispensazione del compimento dei tempi...

163   Credete nelle dispensazioni? La Bibbia dice così: "nella dispensazione del compimento dei tempi..." Cos’è la pienezza del tempo? C'è stata la dispensazione di… ebbene, c'è stata la dispensazione della legge Mosaica. C'è stata la dispensazione di Giovanni il Battista. C'è stata la dispensazione di Cristo. C'è stata la dispensazione dell'organizzazione delle chiese. C'è stata la dispensazione dell’effusione dello Spirito Santo. Ora c’è la dispensazione dell’adozione, ciò che il mondo aspetta, gemendo. “E quando i tempi saranno compiuti, nella dispensazione della pienezza dei tempi…” Cos’è questa pienezza dei tempi? È quando i morti risuscitano, quando la malattia cessa, quando tutta la terra smette di gemere. “Nella dispensazione del compimento dei tempi…” Osservate questo.

…per raccogliere nella dispensazione del compimento dei tempi sotto un sol capo, in Cristo…

164   Non siete felici? Come lo farà Egli? Riunire insieme tutte le cose in Chi? [L’assemblea dice: “Cristo” - Ed.] Come entrate in Cristo? [“tramite uno Spirito" - Ed.] Tramite uno Spirito noi tutti siamo battezzati in [“un Corpo” - Ed.] un Corpo. E, questo Corpo è il Corpo di Chi? ["di Cristo" - Ed.] Già giudicato, Egli ha preso il nostro giudizio. Allora cosa siamo? “Quando vedrò il [“sangue” -Ed.] sangue, passerò oltre”. Ogni volta che Egli guarda il Corpo, Esso è posto là, sanguinante. Ed io, sono in questo Corpo, per che cosa? Per lo Spirito Santo. Egli passa oltre. Oh.

…per raccogliere nella dispensazione del compimento dei tempi sotto un sol capo, in Cristo, tutte le cose, tanto quelle che sono nei cieli…

165   Adesso, se volete parlare di un nome, andiamoci subito, ne parleremo per un momento. Ogni famiglia nel cielo da chi prende nome? [L’assemblea dice “Gesù Cristo”. - Ed.] Ogni famiglia sulla terra da chi prende nome? [“Gesù Cristo” - Ed.]

166   Ci sono delle donne eccellenti, qui, delle vere signore. Tuttavia, c'è una sola signora Branham, la signora William Branham, e questa è mia moglie. È lei che ritorna a casa con me. Vedete, tutte le altre, vi ritornano con i loro mariti.

167   C’è solo una gloriosa Chiesa vivente del Dio vivente. Essa porta il Suo nome ed è riempita del Suo Spirito. Ciò è esatto.

168   Io non condanno le buone opere, non condanno i loro ospedali e le buone cose che fanno. Trovo che sia meraviglioso, che siano delle benedizioni di Dio verso questa povera umanità sofferente. Non condanno tutte queste altre cose che fanno. Sono eccellenti, vanno proprio bene. E, le loro grandi organizzazioni, ed i milioni di dollari, preferisco certamente vedere ciò piuttosto che dei contrabbandieri di bevande alcoliche all'angolo della strada. Certamente onoro questi uomini, in quanto predicatori, che stanno sul pulpito.

169   Ma per quanto riguarda il riunire ogni cosa, alla fine della dispensazione, per quello, bisognerà aspettare la manifestazione dei figli di Dio, in questa dispensazione, allorché Egli riunirà tutto, tutto quello che sarà stato portato in Cristo. Cos’è Cristo? Quanti… Come entriamo in Lui? 1. Corinzi 12: “Tramite uno Spirito, noi tutti siamo battezzati in un Corpo, che è il Corpo di Cristo, e abbiamo parte a tutti i doni ed a tutte le buone cose che Egli possiede”. È ciò esatto? E tutta la terra che geme e sospira, aspetta la manifestazione, il momento in cui Cristo e la Sua Chiesa si uniranno.

…per raccogliere nella dispensazione del compimento dei tempi sotto un sol capo, in Cristo, tutte le cose, tanto quelle che sono nei cieli come quelle che sono sulla terra.

In lui siamo anche stati scelti per un'eredità…

170   Oh, fratello Neville, scusami per aver preso tutto questo tempo. Io… Questa parola “eredità”. Oh, Dio. Io so che… è mio Fratello consanguineo. Spero di non essere pazzo, non credo di esserlo. Ma, oh! Una, che cosa? “Un'eredità”. Abbiamo ottenuto un'eredità. Qualcuno vi ha lasciato qualcosa. Dio, prima della fondazione del mondo, vi ha lasciato qualcosa. Un nome scritto nel Libro, affinché, quando l'Agnello sarebbe stato immolato, voi foste identificati con Lui. Oh! Serbiamolo per stasera. Continuiamo a leggere ancora un po’. Come arriveremo al capitolo 3, questa sera? Non abbiamo visto che quattro o cinque versetti di quello. Bene, termineremo ugualmente. Dovrò contentarmi di leggerlo soltanto, nulla più.

In lui siamo anche stati scelti per un'eredità, essendo…

171   Che cosa? Come riceviamo questa eredità? Come l'abbiamo ricevuta? Perché abbiamo camminato rettamente? Come abbiamo ricevuto questa eredità? Perché eravamo predestinati. Amen. Fratelli miei Arminiani, so che è veramente duro a sentire. Il mio scopo non è di ferirvi, tuttavia mi fa talmente bene sapere che… Voi l'avete, l'avete, fratelli, si, ma non lo vedete. L'avete ugualmente. Vedete? Tutto va bene per voi, vedete, tutto va bene. Vedete? Ma… oh, ma è così piacevole immergervi lo sguardo. È come ciò che il fratello Neville diceva una volta, a proposito della galleria commerciale: “Trovatevi uno sgabello e fate il giro per vedere ciò che avete”. Si, signore. Ecco a cosa somiglia questo. Il Santo Spirito di Dio è il nostro sgabello, ci dice ciò che abbiamo. Vedete?

172   Vedete, un'eredità. Oh! Che genere di eredità?

...essendo predestinati secondo il proponimento di colui che opera tutte le cose secondo il consiglio della sua volontà…

173   Quando era… Prima che fosse Padre, prima che fosse Dio, prima che Egli fosse un Salvatore, prima che fosse un Guaritore, prima di tutto questo, Egli ha predestinato, ha messo il nome dell'Agnello nel Libro, ha percorso con lo sguardo il corso del tempo, tramite la Sua prescienza, ed Egli ha visto il vostro nome e l'ha messo pure nel Libro. Cos’è questo? Dunque, dopo un certo tempo, noi veniamo al mondo, nasciamo da genitori peccatori; camminiamo su questa terra, sapete. Improvvisamente, come per questo Giudeo dal naso adunco, Paolo, sapete, che stava eseguendo il suo compito e, all'improvviso, Qualcosa disse: “Ehi! ehi! ehi! ehi! ehi!” Tu dici: “Oh, Abba, Padre!”

174   Ed ecco che stiamo per arrivare. Vedete? Ci ha predestinati a ricevere, in Lui, la nostra eredità, che c'era stata predestinata. Noi l’abbiamo ereditata prima della fondazione del mondo. Vedete? Oh! Secondo il Suo proposito, per compiere il Suo buon volere, esattamente, di essere un Dio ed un Salvatore.

In lui anche voi, dopo aver udita la parola della verità…

175   E Chi è la Verità? Gesù è la Verità, la Verità del Vangelo. Quale Vangelo? C’è solo un Vangelo. In Galati 1°, sta scritto: “Anche se un angelo vi annunciasse un altro vangelo, che sia anatema”. Questo è il Vangelo, il Vangelo della vostra salvezza, non ce n’è un altro.  “Non vi è sotto il cielo nessun altro nome che sia stato dato, per mezzo del quale voi dobbiate essere salvati”. Ma, nel nome di chi? [L’assemblea dice: “Il Signore Gesù Cristo” -Ed.] Oh!

In lui... dopo che avete creduto, siete stati sigillati…»

176   Oh, “dopo che avete creduto”. Come possiamo contentarci di dare solo una rapida occhiata a questo, fratelli? Serbiamolo per questa sera, che ne dite? Oh! Non posso proprio andare oltre. Serbiamolo per questa sera. Non posso tralasciare questa parola “sigillati”, il modo in cui si ci entra. Vedete?

177   Un'eredità per predestinazione. Ho ereditato qualcosa. Quale eredità? Doveva esserci qualcuno che mi lasciasse un'eredità. Ebbene, voi dite: “Gesù ti ha lasciato un'eredità”. Perdonatemi, Gesù non mi ha mai lasciato un’eredità, Gesù non vi ha mai lasciato un’eredità; Lui è sceso a pagare solamente il prezzo della vostra eredità, a trasmettervi la vostra eredità. Ma il vostro nome era stato messo nel Libro della Vita dell’Agnello prima della fondazione del mondo. È Dio che vi ha dato la vostra eredità. La vostra eredità vi era già da prima. Gesù è venuto solamente… ecco il modo in cui molti cercano di spiegarlo: Dio che dice: “Ebbene, ci sono molte persone che sono perdute. Non se ne salverà neanche uno. Allora farò scendere Gesù, e forse Egli… qualcuno se ne dispiacerà, saprà ciò che ho fatto e sarà salvato”. Oh, misericordia! Non gestirei neanche il mio ufficio così, e tuttavia ci sono volte in cui lo gestisco realmente male. Vedete? Io non farei in quel modo. E Dio, allora?

178   Dio, tramite la Sua prescienza, ha visto precisamente chi sarebbe stato salvato e chi non lo sarebbe stato. Egli ha mandato Gesù per salvare quelli che aveva già eletto. Paolo non ha detto, cinque versi prima, che eravamo stati eletti in Lui prima che vi fosse persino un mondo? Ecco la nostra eredità. Dio ci ha eletti, ed Egli ha mandato Gesù per pagare il prezzo. Affinché, cosa? Ha versato il Suo sangue, affinché nessun peccato ci sia imputato. Niente di ciò che fate. Ma se voi…

179   «Se pecchiamo volontariamente dopo aver ricevuto la conoscenza della verità, non rimane più alcun sacrificio per i peccati».

180   Ora, ecco che voi ritornate e dite: “Che ne è allora di ciò, fratello Branham?”

181   Tuttavia, ricordate: “Chi ha ricevuto la conoscenza della Verità”. Essi non hanno mai ricevuto la Verità, hanno ricevuto solamente la conoscenza d’Essa. Vedete? È impossibile per quelli che sono stati una volta illuminati, che sono stati resi partecipi dello Spirito Santo e che hanno gustato la potenza della buona Parola. Sono come questi credenti di frontiera, laggiù. Tante persone mi hanno scritto su questo argomento.

182   Questi credenti di frontiera, sono andati fin là. Giosuè e Caleb sono, invece, arrivati fin laggiù. Perché? Adesso, chiameremo Spirito Santo questo paese laggiù. Essi, sono qui, o qui davanti, diciamo che questo è lo Spirito Santo, ed essi sono laggiù. Vedete? Ecco dov’è la promessa, è là. Ebbene, dissero: «”Se mandassero dieci spie, una per ogni tribù, noi, le tribù, potremmo sapere qual’è la nostra eredità, dove tutti noi saremo piazzati”. “Allora manderò delle spie”».

183   Essi arrivarono laggiù: “Oh!  Potrebbero in seguito trattarci da esaltati. No, no, non possiamo farlo”. Vedete?

184   Giosuè e Caleb si son detti: “Andiamo a vedere che aspetto ha”. Allora sono venuti da questo lato ed hanno dato un’occhiata. Oh, sono arrivati là, hanno tagliato un grosso grappolo d’uva e sono tornati. Essi hanno detto: “Oh! È buona, è veramente buona!” “Ecco, assaggiatela: è veramente buona!”

185   “Oh, è buona, ma, oh, guardate questi grandi… Oh, non possiamo farcela. Opporci a tutte queste grandi denominazioni, a tutte queste grandi cose? Oh, che peccato, non possiamo farcela. No, signore!” Ed essi cominciarono a dire: “Oh, torniamocene alle pentole di carne d'Egitto. Avremmo fatto meglio a restarcene laggiù. Non possiamo farcela, questa strada è troppo stretta. Oh, non si può fare questo, non si può fare quello”.

186   Il vecchio Caleb disse: “Restate tranquilli, voi tutti!” Giosuè aggiunse: “Tacete, voi tutti! Lasciatemi parlare”.

187   “Oh, ahimè, non ce la possiamo fare, ahimè, ahimè! Oh, non si potrebbe… Ebbene, se dovessi rinunciare alle mie partite a carte, fratello Branham, se dovessi lasciarmi crescere i capelli come una vecchia donna, non saprei proprio cosa fare. Se dovessi togliermi i miei piccoli shorts, io, oh, non potrei, sai. E, se dovessi smettere di fumare il mio sigaro, se dovessi fare questo...” Misero esempio deliberato… Si. “Non posso veramente farlo”.

188   Giosuè disse: “Oh, è bello laggiù. Alleluia! Noi possiamo impossessarcene”. Di cosa si trattava? Loro guardavano alle grandi città fortificate, mentre Giosuè e Caleb guardavano alla promessa che Dio aveva fatto. Chiunque voi siate, restate con la Parola. Attenetevi alla Parola!

189   Ebbene, Pietro disse: «Ravvedetevi e ciascuno di voi sia battezzato nel nome di Gesù Cristo per il perdono dei peccati… poiché la promessa è per voi (quale Paese promesso) e per i vostri figli e per tutti coloro che sono lontani, per quanti il Signore Dio nostro ne chiamerà».

190   Non vi offendete, ve ne prego, mentre finisco con questo. Vedete? Voi Pellegrini della Santità e Nazareni, siete arrivati fino alla santificazione, vi siete avvicinati fin qui, fino al punto in cui potevate vedere le uve, poi avete fatto dietrofront e siete tornati indietro. Vedete cos’è accaduto? È quello il problema, voi non siete mai entrati nel Paese. Mostratemi un solo Nazareno o un solo Pellegrino della Santità, o uno solo di quelli che sono sul campo, oggi, che hanno delle grandi campagne di guarigione, dove avvengono segni e prodigi. Mostratemene uno solo. Voi vi siete adattati all'Egitto, siete tornati alle pentole d’aglio. Vi siete fermati a Kadesh-Barnea. Ciò è esatto.

191   Osservate, lasciate che vi mostri un punto in Ebrei capitolo 6. “Perché è impossibile per quelli che sono stati una volta illuminati”, (voi sapevate già al riguardo. Se non lo sapevate, lo sapete adesso. Vedete?) “sono stati fatti partecipi e hanno gustato i doni celesti...”

192   Gustato... Vedete? Le persone vanno in chiesa, si siedono là e dicono: “Sapete, è probabile che essi abbiano ragione. È probabile che questo sia vero. Potrebbe essere così, però, devo dirvi, oh, bisogna avere molta fede per farlo”.

193   “Hanno gustato i doni celesti e tenuto per profano il sangue del Patto, con il quale erano stati santificati...”

194   Per esempio, un predicatore… sua madre lo manda da qualche parte. Lui dice: “Mi sento chiamato a diventare servitore del Signore”.

195   “Molto bene. Prima d’ogni cosa, devo mettermi a fare il bucato, tesoro; io ti manderò in qualche scuola”. La peggiore cosa che lei abbia mai fatto. Ciò è esatto. Essi toglieranno da lui tutto ciò che Dio cerca di mettergli dentro. Ora, osservate.

196   “Infatti, se noi pecchiamo volontariamente, volontariamente dopo aver ricevuto la conoscenza della verità (la conoscenza: averlo visto nella Scrittura e sapere che la Bibbia dice che Egli è lo stesso ieri, oggi e in eterno)... di vedere ciò, la conoscenza della Verità. Di vederLa e poi allontanarci e considerare profano il sangue del Patto”.

197   Un uomo dice: “Oh, si, io credo in Dio”. Molto bene, voi fate il primo passo.

198   “Certamente, io credo alla santificazione”. Benissimo, siete alla frontiera, siete arrivati fin qui, siete pronti a ricevere lo Spirito Santo. Tuttavia, voi osservate e dite: “Accidenti, non mi sento proprio sicuro. Se dovessi agire in quel modo, sai… Non lo so. Sapete come chiamano queste persone là? Non so se potrei farlo oppure no. No, credo che andrò semplicemente avanti e mi unirò…” Vedete?

199   E, sapete ciò che accade? Egli ha detto: “È impossibile che loro possano mai entrare”. Per il loro peccato, hanno lasciato passare il loro giorno di grazia. La Bibbia lo dice. So che è duro a sentire, ma la Bibbia dice: “Hanno gustato i doni celesti e hanno considerato profano il sangue del Patto…”

200   Essi dicono: “Credo alla santificazione, ad una vita buona, pura e santa”.

201   Certamente, ma voi, quando avete visto il battesimo dello Spirito Santo, il battesimo e tutte queste altre cose nella Bibbia… e poi cosa avete fatto? Avete considerato profano il sangue del Patto con il quale siete stati santificati. Ma cos’è che vi aveva fatto salire fin là? Cos’è che ti ha custodito e impedito di essere un meschino peccatore? Cos’è che ha tolto il peccato della vostra vita, la sigaretta, l'alcol, le donne e le cose che non dovevano esserci? Cos’è che ha fatto ciò? Il sangue del Patto! Siete poi venuti abbastanza vicino da gustare le uve dell'altro Paese e vi siete vergognati del Vangelo, temendo la vostra denominazione! Possa Dio avere pietà! Si, signore. “Considerato profano il sangue del Patto ed oltraggiato le opere della grazia. È impossibile che costui possa mai entrare nel Paese”.

202   Che cosa è accaduto? Vi pongo la domanda. Ora, io, sono un tipologista [Persona che analizza i simboli. -Ed], ed ogni uomo che conosce la Bibbia è un tipologista. È mai entrato nella Terra Promessa uno solo di quegli uomini? Neanche uno. Chi ce l’ha fatta ad entrare? Quelli che erano andati per primi, sono ritornati dicendo: “Noi possiamo impossessarcene, possiamo ricevere lo Spirito Santo, perché Dio l'ha detto!” Pietro ha detto, il giorno di Pentecoste, che se io mi fossi pentito e fossi stato battezzato nel nome di Gesù Cristo, avrei ricevuto lo Spirito Santo, poiché la promessa è per me. Sono pronto a farlo. Mi appartiene, la promessa mi appartiene”. Comprendete? Adesso la promessa mi appartiene. La ricevo, mi appartiene. Certo. Loro sono stati gli unici.

203   “Oh”, voi dite: “Ma, fratello Branham, alla risurrezione…” Non ci saranno. “Ah, no?” No, signore. Gesù l’ha detto.

204   Essi dicevano: “Tu pretendi di essere grande quanto Mosé, e hai detto che avevi visto Abrahamo”. Ed egli aggiunse: “Mentre Abrahamo è morto! Ebbene, non hai più di cinquant’anni e dici di aver visto Abrahamo?”

205   Egli disse: “Prima che Abrahamo fosse, IO SONO”. Oh! L’IO SONO, il Dio eterno, sempre presente, non ieri, non domani: “IO SONO”. Vedete? Il Dio sempre presente, Elohim, “IO SONO”. Allora presero… Volevano ucciderlo, in quel momento.

206   Egli disse: “Ebbene, i nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto per quarant'anni. Dio ha fatto scendere direttamente del pane dal Cielo e li ha nutriti. Essi andavano in chiesa e sono stati dei buoni membri di chiesa per quarant'anni. La mia vecchia mamma è morta in questa chiesa”, e tutto il resto. “I miei padri hanno mangiato la manna nel deserto per quarant'anni”.

207   E Gesù disse: “Ed essi sono morti tutti”. “Morti”, ciò vuol dire "la separazione eterna”. "Sono morti tutti. Ma Io vi dico che sono il Pane della Vita che è sceso dal Cielo, da Dio. Se un uomo mangia di questo Pane, dello Spirito, ha la Vita Eterna, ed egli non può perire. Ed Io lo risusciterò nell'ultimo giorno”. Oh, fratello, non è meraviglioso?

Non è Lui meraviglioso, meraviglioso, meraviglioso?

Gesù, il nostro Signore non è meraviglioso?

L'ho visto, l’ho sentito,

Ciò che è testimoniato nella Parola di Dio

Gesù, il nostro Signore non è meraviglioso?

208   Non è vero? Vediamo il Suo Spirito di discernimento che si muove in mezzo a noi. Lo vediamo compiere dei miracoli, dei segni e dei prodigi. Noi l’ascoltiamo, ciò è scritto, preso direttamente dalla Parola, qui, e voi vedete la conferma diretta, là. Oh!

L'ho visto, l’ho sentito,

Ciò che è testimoniato nella Parola di Dio

Gesù, il nostro Signore non è meraviglioso?

209   Ancora due o tre minuti e ci sarà un servizio di battesimi in acqua, qui. E, adesso, per quelli che devono essere battezzati, che le donne vadano da questo lato e gli uomini di qua, da questo lato. Dunque, gli uomini, alla mia sinistra, di qua, da questo lato qui. E, le donne, da questo lato. Ci sono delle sorelle che vi aspettano là con i vestiti appropriati. E, se c’è un uomo o una donna, qui, stamattina, e siete convinti, credete alla Parola di Dio e credete che Dio mantenga la Sua promessa, che se un uomo si pente completamente di tutto il suo peccato… In questo momento, il sangue non ha ancora fatto nulla. No, è solamente la vostra fede in Dio. Dio chiama, Egli [Il fratello Branham soffia nel microfono: “Whoosh, whoosh, whoosh!” –Ed.] chiama semplicemente. È ciò che accade in questo momento. [“Whoosh, whoosh!”] "Non sono mai stato battezzato”. [“Whoosh, whoosh!”] “Ebbene, se potessi soltanto cominciare ad agire diversamente”. [“Whoosh!”] Si tratta di questo: cominciate e, poi, voi agirete diversamente, dopo essere partiti. Vedete? Dovete fare dietrofront e partire. Vedete? Voi dite: “Beh, non l'avevo mai visto in quel modo”.

210   Ebbene, caro fratello, vorrei che mi mostrassi un solo passo della Scrittura dove qualcuno… è ciò che propongo in trent'anni di ministero, intorno al mondo, davanti a dei vescovi e così via, dove una sola persona sia mai stata battezzata diversamente che nel nome di Gesù Cristo. E tutti quelli che non erano stati battezzati nel nome di Gesù, dovevano venire e farsi ribattezzare in quel nome.

211   Dio ha avuto soltanto un nome, ed il Suo nome è Gesù. Era Suo Figlio, Egli ha preso il nome di Suo Figlio. Dio! Ora, Gesù, nel corpo era un uomo. Ciò, noi lo sappiamo. Era il Figlio di Dio che era stato adombrato. Ora, noi non crediamo ad un'unità come quella di cui parlano le persone che dicono che Dio è come il vostro dito. Crediamo che ci siano attributi di Dio, tre attributi di Dio in cui Egli si è manifestato. Ma c'è un solo Dio. Vedete? Ciò è esatto. Non crediamo… Crediamo in una… Lasciate che lo esprima così: crediamo che Dio sia esistito in tre funzioni. Egli ha avuto una funzione sulla terra, ad un dato momento.

212   Adesso, voi donne, andate da questo lato, e voi uomini, andate da questo lato, quelli che devono prepararsi. Essi si preparano, ora, per il servizio di battesimi.

213   Dunque, Dio ha avuto tre funzioni. Una si chiamava la Paternità, o la dispensazione del Padre; l'altra era la condizione di Figlio, e l'altra si chiamava lo Spirito Santo. Ora, in quale dispensazione il Padre opera oggi? [L'assemblea dice: “Lo Spirito Santo”. -Ed.] Lo Spirito Santo. Cos’era Egli nei giorni passati? [“Gesù”.] Gesù. Cosa è stato nei giorni anteriori a quello? [“Il Padre”.] Ma si trattava di un solo Dio. È ciò esatto? Egli è Padre, Figlio e Spirito Santo. Questi tre, queste tre funzioni di un solo Dio. Un solo Dio!

214   Tuttavia, Padre non è un nome, è ciò esatto? Vorrei porvi una domanda. Ora, voglio citarvi Matteo 28:19, dove Gesù ha detto: “Andate dunque, e fate discepoli di tutti i popoli, battezzandoli nel nome” (N-o-m-e), “nel nome del Padre…”

215   Adesso voglio vedere se conoscete bene la Scrittura. Ditemelo quando io devio. Ed Egli disse loro: “Andate in tutto il mondo, predicate il Vangelo ad ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi non avrà creduto sarà condannato. Questi sono i segni che accompagneranno coloro che avranno creduto: nel nome mio scacceranno i demoni; (è quello vero?) parleranno in lingue nuove; prenderanno in mano dei serpenti”. Ora, vi citerò Matteo…

216   Ascoltate adesso. Chiedo a qualsiasi storico, ora, questo è registrato, ciò va in tutto il mondo. Chiedo a qualsiasi storico di venire e portarmi un passo della Scrittura, un testo della Scrittura o una prova storica, una citazione presa dalla storia che indicherebbe che un Protestante, o che qualcuno sia mai stato battezzato nel nome di “Padre, Figlio e Spirito Santo”, prima che la chiesa Cattolica lo decretasse al concilio di Nicea. Adesso, questo è registrato, ciò va nel mondo intero, le registrazioni sono tradotte in trentasette differenti lingue. Sono anche pronto a farvi attraversare l'oceano a mie spese. Ciò è esatto. “Padre, Figlio e Spirito Santo”, è un falso dogma Cattolico, una falsità, non è un battesimo Cristiano. Esatto! Lutero ha preso ciò dalla chiesa Cattolica, col catechismo, e Wesley l'ha adottato, e ciò ha continuato. Ma questo è il giorno della manifestazione dei figli di Dio, dove i misteri che erano stati nascosti sin dalla fondazione del mondo devono essere rivelati. Questa è l’ora. Certamente.

217   Ricordate, nella Bibbia, non c’è mai stata una sola persona che sia stata battezzata nel nome di “Padre, Figlio e Spirito Santo”. Durante i trecento anni che hanno seguito la morte dell'ultimo apostolo, nessuno è mai stato battezzato nel nome di “Padre, Figlio e Spirito Santo”. Ho letto entrambi, i “Padri Pre-Niceani ed il Concilio di Nicea”; è là che hanno organizzato ciò che chiamano la “Chiesa Cristiana Universale”, ed essi ne hanno fatto un'organizzazione e l'hanno imposta a tutti. Era la chiesa Cattolica. La parola “cattolico” significa “universale”, una chiesa Cristiana, universale, mondiale, una sola chiesa che coprisse il mondo. Essi l’hanno imposto alla gente. È là che hanno adottato… hanno tolto Venere per mettere Maria. Hanno tolto Paolo o, piuttosto, Giove per mettere Paolo. È ancora nel paganesimo! Esatto. La chiesa Cattolica, è di là che è uscita, e cinquecento anni dopo…

218   In questo momento, a Louisville, è in proiezione il film “Ben Hur”. Non molto tempo fa hanno proiettato “I Dieci Comandamenti”. Mi piacerebbe, se fosse possibile, che essi ne mettessero in scena uno sui 1500 anni di epoche oscure. Vorrei che lo allestissero. 1500 anni di persecuzione pagana, quando essi lo imponevano a tutti e li uccidevano, li massacravano e li impiccavano. Essi legavano loro un bue ad una mano, ed un bue all'altra mano e li obbligavano a baciare il crocifisso, altrimenti facevano avanzare il bue in un senso o nell'altro. Sono stato in Svizzera, ed ho messo la mia mano dietro quei montanti, là dove essi li piazzavano, e tagliavano loro la lingua, li trattavano da stregoni e tutto il resto. È realmente così. Esatto!

219   Ed è quello stesso spirito che esiste oggi. È soltanto la legge che gli impedisce di manifestarsi. Aspettate che riceva la sua libertà. La Bibbia l'ha detto. Aspettate soltanto che mostri i suoi colori, che ne abbia la possibilità. Egli potrebbe essere eletto molto presto, per quanto io sappia. Vedete? Ciò verrà, ciò verrà. Non c'è alcun mezzo per impedirlo, deve venire. Ciò è esatto. Deve venire, sta per arrivare. Allora, quando verrà, fate bene attenzione. Ma, fratello, ciò che ti occorre sapere è questo: io so in Chi ho creduto. Amen! Continuiamo a marciare. Vedete? Ecco.

220   Una volta, ne parlai allo scrittore della Bibbia Lamsa, quando lui guardò e vide questo vecchio segno di Dio (esattamente quello, esattamente), con i tre piccoli punti. Dissi: “Cosa sono questi?”

Egli rispose: “È Dio nei tre attributi”.

Allora replicai: “Come Padre, Figlio e Spirito Santo?”

Mi guardò e rispose: “Credi ciò?”

Ed io: “Si, signore”.

221   Egli disse: “Quando ho visto operare questo discernimento, l'altra sera, ho pensato che tu fossi un profeta del Signore”. Ed aggiunge: “Che Dio ti benedica”. Mise il suo braccio intorno alle mie spalle e disse: “Adesso, lo so. Gli americani, non lo sanno, non sanno niente. Essi cercano di prendere un Libro orientale per farne un Libro occidentale. Non conoscono neanche la loro Bibbia. Non c’è altro nome sotto al cielo, nessun altro nome, perché tutti quelli che sono stati battezzati, sono stati battezzati nel nome di Gesù Cristo. Non esiste una tale cosa come tre persone in un solo Dio”. Ed egli — questo è il fratello Lamsa, il dottor Lamsa, il traduttore della Bibbia Lamsa, il quale è un amico intimo di Eisenhower e di tutti i grandi diplomatici del mondo, ed ogni altra cosa — mi cinse con le sue braccia e disse: “Un giorno ti spareranno a causa di ciò. Ma”, aggiunse: “Ricorda che tutte queste persone muoiono per una causa”.

222   Vorrei essere come il vecchio Pietro, quando era là, in prigione. C'era un giovane uomo laggiù, molto inquieto. Ed egli disse: “Oh, che cosa c'è?”

Lui rispose: “Lo sai che sarai giustiziato?”

Pietro disse: “Si”.

Lui replicò: “Ma, morirai oggi”.

Pietro disse: “Si”.

Questi gli chiese: “Ma, essi… Non hai paura?”

Lui rispose: “No”.

Il giovane replicò: “Devi essere uno di quelli che chiamano cristiani”.

Pietro rispose: “Si”.

E il giovane gli chiese: “Che cosa ti è accaduto?”

223   Ed egli glielo raccontò. Si sedette e gli raccontò ciò che era accaduto. Alla fine del suo racconto gli disse: «Potevo essere liberato, stamattina. Sarei potuto andare ad unirmi ad una denominazione qualsiasi e avrei continuato a vivere. Vedi? Potevo essere libero. Tuttavia, stavo per passare la porta della città, ed ho visto Qualcuno che arrivava, che entrava. Sapevo Chi Egli fosse. Ho detto: “Signore, dove vai?” Lui ha risposto: “Torno per essere crocifisso di nuovo”».

Dunque, Pietro disse: “Così, sono ritornato”.

Proprio in quel momento, fu detto: “Chi si chiama Simon Pietro?”

Ed egli rispose: “Eccomi!”

IN ALTO