HOME PREDICHE PROFEZIE LIBRI TRATTATI BIBBIA BIOGRAFIA VIDEO FOTOGALLERIA CONTATTI

La predica Adozione (Adozione #4) di William Marrion Branham è stata predicata il 60-0522E La durata è di: 2 ore .pdf La traduzione BBV
Scaricare:    .doc    .pdf (opuscolo)    .pdf   
Leggere il testo in italiano e in inglese simultaneamente
Leggere il testo soltanto in inglese

Adozione (Adozione #4)

1            Nostri preziosi amici, siamo felici di essere di ritorno, qui, in chiesa, questa sera. Fa un po’ caldo, perciò cercheremo di fare il più presto possibile, di entrare subito nel Messaggio. Innanzi tutto, abbiamo alcuni annunci da fare ed una speciale richiesta di preghiera. Ho avuto le vostre lettere, che mi sono state date laggiù, e c'è questa sorella che sospetta di avere un tumore al cervello. C'era un altro caso simile a Louisville; e c'è anche il fratello di un predicatore, il cui padre è stato colto da una crisi cardiaca. Ci sono molte, molte persone malate, oggi, nel mondo. Molti hanno chiamato e noi preghiamo per loro, certamente, con tutto il nostro cuore, che Dio possa aiutarci.

Solitamente, il mio ministero, al novantacinque per cento, è sempre di pregare per i malati, vedete, ma sono un po’ del parere… Prego ancora per i malati, non lo dimenticate. Ciò va sempre di pari passo. Ma, oh, se potessimo portare la chiesa a prendere la sua posizione ed a mettersi in ordine, in tal modo potremmo metterci veramente all'opera. Vedete? Dobbiamo organizzarci, vedete, e che tutto sia coordinato bene. C'è qualcos’altro che ha toccato il mio cuore, alcuni momenti fa. È stato quando un veterano… lo scoppio di una granata gli ha quasi staccato un braccio, gli ha quasi staccato una gamba… Non è là per ascoltare ciò che dico in questo momento. Ma è veramente una distinta persona, si chiama Roy Roberson, è uno degli amministratori della nostra chiesa, qui, ed un Cristiano, un uomo eccellente. È venuto là, dicendo: “Fratello Branham, non dimenticare il Presidente”. Ha aggiunto: “Ciò mi ha talmente rattristato, quando è sceso…”, l'aveva visto in televisione, è sceso dall'aereo, con le lacrime che gli colavano sulle guance e la bocca tutta storta. Sapete, era là con Roy e gli altri, sul campo di battaglia.

Poco importa se non siete d’accordo con lui sul piano politico, egli è tuttavia il nostro Presidente. Si, signore. Io non sono Democratico né Repubblicano. Sono Cristiano. Tuttavia, vi dico, avevo molta ammirazione per il presidente Dwight Eisenhower. Si, signore, a mio avviso, egli è stato veramente un uomo illustre. Se si fosse ricandidato e io avessi dovuto votare, avrei votato ancora per lui. È vero. Anche se avesse avuto cent’anni, poco importa, avrei votato ugualmente per lui, perché l'amo. Allora, pensiamo a lui, quando pregheremo questa sera. J. T., ho certamente apprezzato questa bella riunione che voi, tu e il fratello Willard, avete fatto questa settimana. Se fossi entrato, invece di restare fuori, voi avreste detto: “Bene, fratello Branham, tu conosci tale e tale cosa”. Tuttavia, è meglio che io resti fuori e vi ascolti. Vedete? Benissimo. Veramente eccellente.

Ho ricevuto delle offerte da alcune chiese, se mai foste interessati. Se adesso siete pronti ad esercitare l’ufficio di pastore, se avete ricevuto la vostra formazione, ed io credo sia così, e siete ben consolidati, ce n’è una nell'Oregon, alcune a Washington, in California, in Arizona e in differenti luoghi. Così, se volete prendere in carico una chiesa, o qualcosa, ebbene, qui stesso, sarebbe un buon punto di partenza.

Dovunque ci sono delle anime che gridano, perfino nelle riserve indiane e dovunque andiate. Dovete soltanto farcelo sapere, perché credo che, voi ragazzi, siate ancorati, ora. È vero. Amo vederli fare ciò.

C'è il fratello Ruddell, laggiù sulla strada. Devo andare nella sua chiesa, fra qualche giorno, per una riunione. Il fratello Ruddell deve tenere delle riunioni di risveglio. Io ricordo quando bisognava spingere sempre questo giovane uomo, dovunque, affinché non si frenasse e potesse predicare. Era talmente timido. Egli diceva: “Non sono proprio capace di parlare”. Dovreste sentirlo! Amen. Vedete? Non sapete ciò che potreste essere capaci di fare quando lasciate che lo Spirito Santo s’impossessi di voi. È vero.

C'è anche il fratello Graham Snelling ad Utica, e il fratello Junior Jackson, laggiù. Le consideriamo tutte come nostre piccole chiese sorelle, che sono con noi. Siamo tutti insieme. Non abbiamo nessun disaccordo in merito alle dottrine. Noi condividiamo le stesse speranze, le stesse ambizioni, le stesse dottrine. Stiamo fianco a fianco, condividiamo tutto. Non formiamo che una sola chiesa. E, ci piacerebbe vederli collocati un po’ ovunque; ne abbiamo alcune in Africa, alcune in India e dovunque nel paese. È così che vogliamo vederli, a diffondere ovunque la Notizia.

Ed io vedo questi giovani uomini che avanzano, come il fratello J. T. Parnell, qui, e il fratello Willard, e gli altri, là, mentre avanzano, dei giovani uomini, mentre io divento più anziano. Se ci sarà un domani, loro saranno gli uomini di domani. Non voglio che questo Messaggio muoia, non sia mai. Non lo può. Deve continuare a vivere. Ed io non credo che ci resti ancora molto tempo per portarlo.

Il piccolo bambino di cui si diceva che stesse per morire, vedo che lo hai avuto in chiesa, con te, sorella, tutto il giorno. Questo è molto bello. Ringraziamo il Signore per questo, che il Signore è benevolo, pieno di misericordia. Continuate semplicemente a credere ciò che vi è stato detto, proprio qui. Vedete? Tutto andrà bene.

Adesso, apprezzate l'insegnamento? Amate l'insegnamento? Oh, credo veramente che ci faccia bene. Ciò ci fa riposare un po’ dalla preghiera per i malati, dalle visioni e dalla guarigione divina. Naturalmente, questa sera, dopo la riunione, noi pregheremo ancora per i malati. Vogliamo farlo sempre, e battezzare tutti quelli che lo vogliono, in qualsiasi momento. Quanti si ricordano del tempo in cui partivo per fare a piedi l'ispezione delle linee d’alta tensione? Ebbene, facevo spesso il giro d’ispezione delle linee d’alta tensione, dovevo camminare per trenta miglia, [Circa 50 km - Ed.] in un giorno, nella foresta. Avevo delle linee da ispezionare, su una distanza di 280 miglia [Circa 450 km - Ed.]. Camminavo, laggiù, con la mia camicia in mano, e, oh, ero talmente stanco; camminando in queste giungle, ed i rovi che mi ferivano. Incontravo un vecchio agricoltore e mi sedevo sotto un albero per parlargli del battesimo nel nome del Signore Gesù. Mi diceva: “Ebbene, ho sempre voluto essere battezzato”.

Dicevo: “Il ruscello non è molto lontano”. Ed egli diceva…

Io ne ho portati molti laggiù, per battezzarli nel nome di Gesù. Poi riprendevo ad ispezionare la linea, a tutta velocità. È vero. Spesso avevo ancora i miei vecchi vestiti da lavoro, scendevo dal palo e battezzavo qualcuno. Stavo all'altezza del palo, a fare il mio lavoro… ho fatto anche il montatore di linee. Facevo il mio lavoro sul palo, con un uomo, al quale parlavo del Signore. Lui diceva: “Ebbene, Billy, uno di questi giorni verrò nella tua chiesa a farmi battezzare”.

2            Io dicevo: “Perché vuoi aspettare fino ad allora? Siamo proprio vicini al fiume; c’è abbondanza d’acqua, là”. Acchiappateli subito. Ciò è esatto. Questo è il momento di farlo. Filippo disse…

3            L'eunuco disse a Filippo: “Ecco dell'acqua, che cosa c'impedisce?” È esatto. Niente. Se siete pronti, è il momento di farlo. Non date al diavolo la possibilità di far scivolare qualcosa là dentro. Non rinviate a domani le cose che potreste fare oggi. Domani potrebbe non arrivare per voi. Mi ricordo di una volta in cui ho fatto ciò… ho imparato da questo, mi è stato di lezione. Un giorno avevo rinviato qualcosa che avrei dovuto fare, e l’indomani era troppo tardi.

4            Non voglio, realmente, adesso, trattenervi tutto questo tempo. Ma ciò mi entusiasma così tanto al punto da non rendermene conto. Mi sento talmente bene, quasi non mi controllo più.

5            Ora, chiniamo un istante i nostri capi prima di accostarci alla Parola.

6            Padre nostro celeste, Tu sei il Dio vivente che vive per sempre. Il sole che è appena tramontato, questo stesso sole, Daniele, Geremia, Adamo e Gesù l'hanno visto tramontare. E, questo è lo stesso mondo in cui essi hanno vissuto e camminato, e Tu sei sempre lo stesso Dio.

7            Questa sera, ci sono molte richieste. Un uomo che ha un tumore al cervello ed una sorella che teme la stessa cosa. Sei la sola speranza, Signore, che ci sia per un tale caso. Questo tumore è diventato maligno, non può essere fatto nulla per fermarlo. È completamente fuori dalla portata del medico. Ma, questa sera, noi partiamo con la nostra piccola fionda, andiamo a cercare questo agnello, per riportarlo all’ovile del Padre. Nel nome del Signore Gesù, mandiamo la nostra preghiera in direzione di questo leone, per ucciderlo, per uccidere questo tumore maligno e riportarlo in salvo all’ovile.

8            E, oh Dio, certamente questa sera noi pensiamo al nostro caro Presidente, Dwight Eisenhower. Egli ha condotto il paese, Signore, ha provato a farci evitare la guerra. Ha promesso che la guerra in Corea sarebbe stata conclusa, che avrebbe fatto, al riguardo, tutto ciò che fosse stato in suo potere. Ha promesso a queste madri di riportare i loro ragazzi. Tuttavia, egli ha detto: “In quanto al farlo, da me stesso non posso. Posso provare, ma Dio solo potrà farlo”. E Tu sei stato con lui, Signore, e adesso tutto è regolato. Perché non hanno visto ciò fin dall’inizio? Oh Dio, Ti prego di aiutarlo. Benedici quest’anima coraggiosa, Signore. Ti preghiamo di scegliere, per noi, il conduttore che deve succedergli. Che la Tua predestinata volontà sia fatta, Signore.

9            Tuttavia, Colui al quale portiamo tanto interesse questa sera, oltre gli affari nazionali, è quel grande e glorioso Essere che verrà a stabilire un Regno che non avrà fine, il Signore Gesù, il Figlio Tuo. In quel momento si ammucchieranno le armi, si suonerà la melodia per il cessate il fuoco e non ci saranno più guerre. Pianteranno delle viti e ne mangeranno il frutto. Costruiranno delle case e le abiteranno. E, allora, non ci saranno più preoccupazioni.

10         Benedicici adesso, mentre ci accostiamo alla Parola. E, Padre, Tu sai per quale motivo ci accostiamo alla Parola, prendendo questo passo della Scrittura. Questo è perché sento che Tu vuoi che lo si faccia, che è la Tua volontà divina, è secondo il Tuo ordine, questo è nel… è l'ordine del giorno di portare le persone a trovare la loro posizione, il loro posto, ed essere pronte per l'ora della battaglia. Come il nostro fratello diceva nella preghiera, che ti ha fatto non molto tempo fa: “Oh, Tu ci ammaestri da così tanto tempo, Signore”. Adesso, Padre, donaci i nostri gradi. Piazzaci nella posizione in cui dobbiamo operare, affinché possiamo occuparci degli affari del Padre. Perché lo chiediamo nel nome di Gesù, il Tuo Figliolo. Amen.

11         Questo pomeriggio, l’ho trascorso in modo abbastanza piacevole, a parlare con l'infermiera di un medico molto conosciuto, di Louisville. Avevano sentito parlare delle cose gloriose che il Signore ha fatto. Suo padre è un medico. Lei è venuta ed ha passato la maggior parte del pomeriggio seduta nel mio ufficio. È entrata, all’improvviso, per farmi visita. Una persona meravigliosa, abbastanza rigorosa, sapete, a priori, una vera Presbiteriana, piuttosto convinta. Ciò nondimeno, quando è ripartita, le lacrime gli colavano sulle guance. Oh, io… Dio ne ha dovunque, negli uffici dei medici, dalle infermiere. Io non credo che ci sia una sola infermiera dell'ospedale Norton a cui non abbia testimoniato dello Spirito Santo e chiesto se fosse stata battezzata nel nome di Gesù; non uno dei medici, con i quali sono entrato in contatto, da nessuna parte… niente. Vedete?

12         Parlate loro al riguardo. Non abbiamo molto tempo, fratello. Poco importa quanto ciò possa sembrare difficile, qui, aspettate finché sarete dall'altro lato, oltre l'ultimo respiro e vedrete. Allora, vorreste averlo fatto. Si, signore. Non aspettate fino a quell’ora; fatelo subito. Questa è l'ora. Oh, potrebbero essere in disaccordo, può darsi che si arrabbino un po’, che vi facciano delle storie, ma non intendono farlo, in realtà non ne hanno l’intenzione. Sono molto corretti. Quando si mettono a farvi delle storie, ricordatevi che loro non ne hanno l’intenzione. In realtà non ne hanno l’intenzione. È probabile che abbiano ricevuto semplicemente un insegnamento e che essi ci tengano, allora potete comprendere il loro punto di vista. Non disputate con loro, non litigate con nessuno, ma semplicemente amateli, in modo da poterli fare arrivare a Lui. E poi, pregate per loro.

13         Ebbene, penso che siamo arrivati fino al verso 9, non ne sono sicuro. Siamo ancora lontani dal capitolo 3, non è vero, amici? Oh, per me, è miele nella roccia! Abbiamo parlato, ora, ricordate, per riprendere ancora un po’ il contesto. Ed ora, fratello Neville, avvertimi, se non vedo l'ora avanzare, affinché possa pregare per i malati. Noi vogliamo prendere in considerazione ogni piccolo dettaglio, se è possibile. E, questa sera, vorrei che facessimo una chiamata all'altare. Termineremo con questo, così potrò essere in grado di leggere il resto.

14         Ma lo scopo di questo, è di vedere la vostra posizione in Cristo, di vedere che ciò non è qualcosa a cui siete arrivati come per caso, o qualcosa che avreste potuto avere… che meritavate da qualche parte, ma è ciò che Dio stesso ha fatto per voi. Questo non è perché eravate talmente buoni che siete andati in chiesa, una sera, e che un povero fratello vi ha condotto all'altare. Non si tratta di questo. Era Dio che, prima della fondazione del mondo, vi aveva predestinati alla Vita Eterna. Quando arriverete laggiù, quel giorno… non meraviglia che i ventiquattro anziani avevano tolto le loro corone, che tutti avevano tolto le loro corone e si erano prostrati con la faccia a terra. Non avevano assolutamente niente da dire, nessun predicatore, nessun anziano, né niente. Tutta la lode appartiene all'Agnello! È in Lui che Dio riunirà tutte le cose in quel giorno. Oh, se sapessimo e riconoscessimo Chi era quello, Chi essi hanno crocifisso. Adesso, il…

15         Inizieremo con il verso 8, per riprendere un po’ il contesto.

…che egli ha riversata abbondantemente su di noi dandoci ogni sorta di sapienza e d'intelligenza, facendoci conoscere il mistero della sua volontà…

16          “Il mistero della Sua volontà”. Vi ricordate come ci siamo soffermati su questo? Quanti erano qui, stamattina? Fatemi vedere. Noi abbiamo insistito su ciò: “Il mistero della Sua volontà”. Dunque, questa non è solo una piccola cosa, è un mistero. La volontà di Dio è un mistero. E ciascuno, uomo o donna, deve ricercare la volontà di Dio per sé; il mistero di Dio.

17         In che modo la scopriamo? A Paolo gli era stata rivelata. Egli disse che non si era consultato con carne e sangue, con nessun uomo. Non era andato in nessuna scuola, in nessun seminario. Non aveva avuto niente a che vedere con ciò. Ma egli… Ciò gli è stato rivelato da Gesù Cristo, che lo aveva incontrato sulla via di Damasco, in una Luce, simile ad una Colonna di fuoco; ed Egli lo chiamò. Lui se ne andò in Arabia e vi rimase tre anni. Oh, riesci ad immaginarti come sia stato quel tempo, fratello Egan? Per tre anni, Paolo rimase laggiù in Arabia, prese una casetta in affitto, da qualche parte, facendo avanti e indietro con tutti i vecchi rotoli. Essi non avevano quelli del Nuovo Testamento; fu Paolo che li scrisse, per la maggior parte. E, a partire da questi vecchi rotoli, egli scrisse che Dio, al principio, ci aveva predestinati alla Vita Eterna, che avrebbe mandato Gesù, affinché, tramite questo sacrificio, avessimo ogni diritto all'Albero della Vita. “Quelli che ha preconosciuti, li ha pure chiamati; e quelli che ha chiamati li ha già giustificati e glorificati”. Dio, fin dall'inizio del mondo, ci aveva predestinati ad essere i Suoi figli di adozione. Adesso, la creazione tutta intera geme, aspetta la manifestazione dei figli di Dio. Oh, mi immagino che Paolo abbia passato dei momenti meravigliosi. Avrei voluto essere là, con lui. Voi no?

18         Dunque, lui ha detto che “Egli ci ha fatto conoscere il mistero”. Qualche volta, con l'unzione dello Spirito Santo sopra di voi, cominciate a scorrere ciò e osservate come si sviluppa. Questo pomeriggio, ho avuto una trentina di minuti per studiare, giusto per dare un'occhiata alla mia lezione; forse no, diciamo la metà, quindici minuti. Mi sono messo a passare da un riferimento biblico all'altro, pensando: “Il mistero, come è misterioso!” E le Scritture mi hanno portato nell’Antico Testamento, poi indietro nel Nuovo Testamento; qualcosa si legava insieme, per vedere il mistero della Sua Venuta, il mistero della Sua volontà, il mistero di essere seduti insieme. Ricordate, non può essere insegnato in un seminario. È un mistero che è stato nascosto sin dalla fondazione del mondo, aspettando la manifestazione dei figli di Dio.

19         Ditemi, fratello mio, sorella mia: quando c’è mai stato un tempo in cui i figli di Dio dovevano essere manifestati, all'infuori di adesso, di questo tempo? C’è già stato un tempo, nella storia, in cui dovevano manifestarsi, al tempo della liberazione di tutta la natura? La natura, la natura stessa geme, aspetta il tempo della manifestazione. Ma, prima che l'espiazione fosse stata fatta, prima che lo Spirito Santo fosse stato sparso, prima di tutto l’Antico Testamento, durante tutto questo periodo, non si poteva avere una manifestazione. Si doveva aspettare questo tempo. Adesso, tutte le cose sono state portate, arrivano, prendono forma verso una pietra angolare, verso la manifestazione dei figli di Dio, mentre ritornano, e lo Spirito di Dio entrerà in questi uomini in un modo così perfetto, che il loro ministero sarà talmente simile a quello di Cristo, al punto di unirLo con la Sua Chiesa.

20         Quanti hanno mai studiato la storia delle piramidi? Penso che, forse, c'è una signora, qui, che ha alzato la mano. Molto bene.

21         Dio ha scritto tre Bibbie. Una di esse è stata lo Zodiaco, nei cieli, ciò è la prima Bibbia. L'uomo doveva alzare gli occhi per rendersi conto che Dio viene dall’alto. Seguite lo Zodiaco, l'avete mai studiato? Ciò specifica anche ogni epoca, fino all'epoca del Cancro. Specifica il principio, la nascita di Cristo. Qual è il primo segno dello Zodiaco? La Vergine. Qual è l'ultimo segno? Il Leone. La prima venuta e la seconda venuta di Cristo, tutto ciò è scritto là.

22         Poi, la Bibbia seguente, è stata scritta nella pietra, era chiamata piramide. Dio ha scritto nelle piramidi. Se le studiate… osservate l’antica storia e le guerre; sono state costruite prima della distruzione antidiluviana.

23         La terza è stata scritta sulla carta, la Bibbia, per questo mondo molto intelligente, molto intellettuale per il mondo a venire. Adesso, Dio ha percorso le epoche, e noi siamo, adesso, in quella del Leone. Siamo nel momento in cui la piramide deve essere incappucciata. Siamo nel Libro dell'Apocalisse, l'ultimo capitolo. La scienza dichiara che siamo a tre minuti dalla mezzanotte. Oh, pensate, noi siamo là.

24         E, notate, prendiamo, per esempio, la piramide, è facile. Ha una forma simile a quella del triangolo.

25         Quando eravamo qui, in basso, al principio, quando la chiesa era all’inizio, dopo la Riforma dell’epoca di Lutero, il semplice fatto, per un uomo, di dichiararsi Cristiano, diventava una questione di vita o di morte. Lo uccidevano, solamente per aver dichiarato di essere un Cristiano. Dunque, subire la persecuzione… In ogni epoca, in ogni periodo di tempo, c'è stata una persecuzione. “Tutti quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù saranno perseguitati”. Nell’epoca di Lutero, era terribile dire di essere un “Luterano”. Vi si considerava un fanatico e potevate essere messi a morte. Spesso, li facevano morire sul rogo, li bruciavano, e tutto il resto, perché essi erano Luterani.

26         Poi, la chiesa si è ristretta, come la piramide. Essa è passata in un’altra fase della grazia, che era la santificazione. L'epoca di Wesley, quando egli ha protestato contro la chiesa Anglicana, insegnando la santificazione. Anche il quel caso, vi era una minoranza, ed essi erano considerati un mucchio di fanatici.

27         Quanti, qui dentro, erano Metodisti, lo sono stati o sono stati in contatto con la chiesa Metodista? La metà di voi. Sapevate che la chiesa Metodista, ad un certo momento, ha quasi avuto lo Spirito Santo? Sono andato nelle chiese Metodiste ed io ho visto persone cadere per terra, ed essi gettavano loro dell'acqua in faccia e li sventagliavano con dei ventagli, per impedire che lo Spirito Santo venisse su di loro. Ciò è esatto. Dunque, questa è la verità. Nella regione delle colline del Kentucky, laggiù, noi avevamo dei Metodisti. Voi altri, qui, siete dei membri di chiese. Laggiù, avevamo dei Metodisti e dei Battisti. Andavamo ad inginocchiarsi all'altare, ci davamo delle pacche sulle spalle gli uni agli altri, finché si fosse ricevuto qualcosa. Si arrivava e, dopo, si conduceva una vita differente.

28         Ma voi, tutto ciò che fate è di farvi avanti e mettere il vostro nome sul registro, dicendo: “Sono Metodista”. Prendono una saliera e spruzzano un po’ d’acqua su di voi, e quello è tutto. Uscite e indossate shorts, vi truccate, andate alle corse dei cavalli, scommettete, giocate d’azzardo, alle “slot machine” e tutto il resto, e siete ugualmente dei buoni Metodisti. Vedete? Non sono dei Metodisti,  sono solamente dei membri di chiesa. È vero. I Battisti, la stessa cosa, i Presbiteriani e tutti gli altri, anche la stessa cosa.

29         Come diceva David duPlessis: “Dei nipoti, Dio non ha nipoti”. Dio non mai ha avuto nipoti. Lui ha dei figli, ma non nipoti. Ciò è esatto. E le persone… se voi aderite alla chiesa Metodista, alla chiesa Pentecostale o alla chiesa Battista perché vostra madre e vostro padre erano Pentecostali o Battisti, allora siete un nipote. Essi erano dei figli, voi siete nipoti. Vedete? Così, Dio non ha nulla di ciò. La chiesa ha molto di ciò, ma Dio non ne ha.

30         Adesso, notate bene, le cose sono andate in questo modo, e si è arrivati al punto che la chiesa è una minoranza. C'è stata l'epoca Pentecostale, ciò ha certamente raddrizzato molte cose. Allora cos’è accaduto? I Metodisti ed i Luterani sono stati lasciati tutti dietro.

31         Adesso, lo Spirito Santo ha continuato ad avanzare e si è allontanato dall'epoca Pentecostale. Che cosa hanno fatto? Hanno formato un'organizzazione, si son detti: “Siamo le Assemblee di Dio. Siamo gli unitari. Siamo i binitari. Siamo la chiesa di Dio. Siamo questo o quello. Se non siete un membro… non potrete andare in Cielo se non avete il vostro nome sul nostro registro”. Oh, che assurdità! A me non importa se siete Battista, Metodista, Presbiteriano, voi mettete il vostro nome nel Libro della Vita quando Dio lo mette là. Se siete stati predestinati alla Vita Eterna, Dio, in un modo o nell’altro vi chiamerà. Egli lo farà di sicuro. “Tutti quelli che il Padre mi ha dato verranno a Me”. Non importa a quale chiesa apparteniate, ciò non ha niente a che vedere. Ma la denominazione non farà mai niente per voi, potrebbe tuttavia ostacolarvi molto nella vostra marcia con Dio, ma non farà mai niente di più. Farà si che vi raduniate con un gruppo di credenti e di increduli. Naturalmente, troverete ciò ovunque andiate, erano così anche nel Cielo. Dunque, è nell'ordine delle cose. Tuttavia, il fatto è che voi avete gli occhi fissi sulla vostra denominazione. Fissate gli occhi su Gesù, è su Lui che dovete fissare gli occhi.

32         Ora, mentre arriviamo a… Credo che questa donna, qui, che aveva alzato la mano, sia una che abbia studiato le piramidi. Sapete, la piramide non è mai stata incappucciata. Non è così? Non ha mai avuto una pietra della vetta sulla sua cima. Loro non sono mai riusciti a trovarla. Non sanno ciò che sia potuto accadere. Perché? Perché la pietra della vetta non è stata posta sulla cima, la pietra angolare sulla sua cima? Perché Egli è stato rigettato quando è venuto. Egli è stato la Pietra rigettata. Ciò è esatto. Ma essa sarà incappucciata. Proprio così. E poi, le pietre che vanno ad adattarsi alla Pietra angolare, queste pietre dovranno essere talmente simili a questa Pietra, che si adatteranno là, in modo perfetto ed in ogni punto. La piramide è talmente perfetta che non si può far passare una lama di rasoio tra le pietre, là, dove esse si congiungono. Un splendido lavoro di muratura. Alcune di loro pesavano delle centinaia di tonnellate, là in alto, ed esse sono state collocate insieme in un modo assolutamente perfetto.

33         È in questo modo che Dio sta conducendo la Sua Chiesa. Noi siamo strettamente uniti, di un solo cuore e di un solo accordo. Ora, qualcuno dirà: “Ebbene, i Luterani, per l’addietro, non avevano niente”. Non dovete credete ciò. I Luterani saranno partecipi della risurrezione, tanto quanto gli altri. I Battisti, i Presbiteriani e tutti i figli di Dio faranno parte di questa risurrezione. Ecco il motivo per cui, oggi, le persone dicono: “Oh, ebbene, ci sarà un risveglio di così vasta portata che salverà cento milioni di Pentecostali. Saranno salvati tutti e ci sarà il Rapimento”. Voi siete in errore. Nel Rapimento, ce ne saranno delle centinaia di migliaia, è vero, ma saranno anche il prodotto di seimila anni di salvezza, dei seimila anni passati. L'uomo cammina nella Luce, nella misura in cui la Luce viene a lui. Egli attraversa i ponti quando essa arriva. Tuttavia, se La rifiuta, allora resta nelle tenebre. Ma se continua ad avanzare...

34         Adesso, notate, la venuta del Signore Gesù è talmente vicina, al punto che, lo Spirito, che aveva cominciato, qui, giusto con la giustificazione, poi la santificazione, il battesimo dello Spirito Santo, ed ora siamo nel tempo della venuta della Pietra della vetta. La chiesa deve essere così perfettamente simile a Cristo, al punto che Cristo e la chiesa possano unirsi, lo stesso Spirito. E se lo Spirito di Cristo è in voi, vi fa vivere la vita di Cristo, condurre la vita di Cristo, vi fa fare le opere di Cristo. “Chi crede in Me farà anch’egli le opere che faccio Io”. È Gesù che l'ha detto. Vedete? Adesso stiamo per avere… c'è un ministero che deve venire e che produrrà esattamente la vita di Cristo. Cosa identifica questo ministero? La Venuta del Signore.

35         Guardate ciò che accade oggi nel mondo, osservate ciò che dice Krusciov, e tutti questi altri grandi avvenimenti, questi grandi conflitti mondiali che potrebbero esplodere da un momento all'altro e, in un secondo, tutto potrebbe essere ridotto in polvere. È vero. E se ciò… sappiamo che questo è vicino. Ogni persona sensata, leggendo il giornale o ascoltando la radio, saprà che ciò è vicino. Ebbene, ricordate, Cristo viene a cercare la Sua Chiesa prima che ciò accada. Allora, quanto vicina è la venuta del Signore Gesù? Forse prima che termini questa riunione, stasera. Siamo al tempo della fine. Questo è certamente vero.

36         Osservate la chiesa, il suo progredire, in misura di come è avanzata. Non avete che da farvelo tornare in mente, voi storici che studiate la storia. Guardate la chiesa Luterana, sotto la giustificazione, quando era appena uscita dal cattolicesimo, guardatela avanzare. Poi, guardate Wesley che si è avvicinato un po’ di più, nella santificazione, addentrandosi un po’ di più nelle Scritture. Guardate cosa c’è stato nel mezzo, l’epoca di Wesley. Ciò che c'è stato dopo, è l'epoca Pentecostale. L'epoca Pentecostale con la restaurazione dei doni, dei doni spirituali. Dunque, guardate questa epoca che arriva adesso, prossima alla Pietra della vetta. Vedete ciò che intendo dire? La venuta del Signore, dove questo è manifestato. Dio e tutta la creazione aspettano che la chiesa trovi la sua posizione, il suo posto.

37         Il problema d’oggi… quasi tutti quelli che ho incontrato... Mi avevano portato fuori, con una sedia a rotelle; stavamo prendendo… Mi occorre sostenere un esame medico, sapete, per poter andare oltre oceano; voi che siete missionari e via dicendo, sapete ciò. Sostenevo il mio esame, ed essi mi hanno fatto uscire dalla stanza, là. Avevo bevuto questa specie di cosa che mi faceva pensare ad un impasto di farina o qualcosa del genere. Allora sono uscito di là, mi sono seduto, dovevo aspettare una mezz'ora per vedere se ciò sarebbe stato rigurgitato dal mio stomaco oppure no. Ho guardato nella sala e c'era una piccola donna che sembrava stesse per morire. Era talmente… aveva delle piccole gambe e dei piccoli piedi. Io mi avvicinavo, passando da una persona all’altra, avvicinandomi a poco a poco, finché arrivai dritto dove stava lei. La poveretta, aveva l'aria di essere morente. Allora mi sono avvicinato a lei, ed ho detto: “Mi scusi, signora”. Lei rispose: “Piacere di conoscerla”. Oh, era talmente malata! Dissi: “Cos’è che non va?”

38         Lei rispose: “Sono andata a Tucson a rendere visita a mia figlia. Mi sono ammalata, ed essi non riescono a trovare la causa del mio problema”.

39         Dissi: “C'è una cosa che vorrei chiederle. Sono un predicatore del Vangelo. Siete Cristiana? Siete pronta ad andare, se la vostra ora dovesse arrivare?”

Lei rispose: “Appartengo a tale e tale chiesa”.

40         Dissi: “Non è quella la domanda che le ho posto. Siete una Cristiana, ripiena dello Spirito di Dio e pronta ad andare nel momento in cui Egli la chiamerà?” Quella donna non sapeva neanche di cosa stessi parlando. Vedete? Oh, è una cosa pietosa da vedere, la condizione di questo mondo!

41         Dunque: “Facendoci conoscere il mistero della Sua volontà”, la venuta di… Lasciate che vi legga qualcosa. Stavo leggendo… Prendiamo “il mistero della Sua volontà”, adesso. Prendiamo un istante la Lettera agli Ebrei, credo sia il capitolo 7. Vorrei leggervi qualcosa che vi farà sentire molto bene, quando pensiamo che siamo seduti insieme nei luoghi Celesti. Ebrei capitolo 7.

Questo Melchisedec… (Ora, osservate.)... re di Salem, era sacerdote del Dio altissimo…

42         Qual è il mistero, ora? Ecco il mistero, osservate questo. Chi è questa Persona che fa conoscere il mistero della Sua volontà, questo Melchisedek? Aspetto che tutti siano pronti, ce ne sono ancora che cercano nelle loro Bibbie. Ebrei, capitolo 7°, è Paolo che parla, lo stesso uomo che in Galati…

Infatti questo Melchisedek, re di Salem e sacerdote del Dio Altissimo andò incontro ad Abrahamo, mentre ritornava dalla sconfitta dei re e lo benedisse;

a lui Abrahamo diede anche la decima di ogni cosa. Il suo nome significa innanzitutto “re di giustizia”, e poi anche “re di Salem…” (Chi è questa Persona?), cioè “re di pace”.

Senza padre, senza madre, senza genealogia, senza principio di giorni né fine di vita…»

43         Chi era quest’Uomo? Chi era? Egli non ha mai avuto un padre, non ha mai avuto una madre, non ha mai avuto un principio, non c'è mai stato un momento in cui sia morto. Egli è andato incontro ad Abrahamo, quando ritornava dalla sconfitta dei re. Cosa stava facendo? Era andato a cercare Lot, il suo fratello perduto, per riportarlo. Ed egli ha ucciso i re, questi re che avevano ucciso, credo, dieci o quindici re, con i loro regni. Ma Abrahamo armò i suoi servitori e partì in suo aiuto. Egli divise la sua schiera di notte; vedete quando lo ha recuperato? La notte. Oh, fratello, noi stiamo operando, ora, in mezzo alle tenebre, la sola Luce che abbiamo è la Luce del Vangelo. Ma egli ha diviso la sua schiera, lo ha afferrato e l'ha riportato. E mentre ritornava, dopo che la battaglia era finita…

44         Prendiamo Genesi 14°, solo un istante, per avere un racconto più chiaro. Prendiamo nella Genesi, qui, il capitolo… credo sia il capitolo 14, Genesi 14. Si, prendiamo Genesi 14:18, per cominciare. Cominciamo un po’ prima di quello. Iniziamo, si, dal verso 18, Genesi 14:18: «Allora Melchisedek…» Bene, questo è Abrahamo che ritorna dalla sconfitta dei re. Ritornava, era sulla via di ritorno, riportava Lot, tutto il popolo e quello che era stato tolto. Tutto!

45         Come Davide che era andato a cercare… Cosa ha fatto Davide? Ha preso la sua piccola fionda, è partito, ed ha strappato l’agnellino dalla bocca del leone. Pensate, una fionda per andare a soccorrere un agnello. Chi al mondo avrebbe fatto una cosa simile? Ditemi quale uomo, qui, farebbe una cosa simile, alzate la mano. Vi dirò subito che siete nell'errore. Non mi avete visto alzare la mia. No, quasi non andrei da lui con delle munizioni calibro “.30-06”. Ma egli lo inseguì con una fionda, una specie di piccolo pezzo di cuoio con due estremità di spago, che faceva roteare. Difatti… quando Golia si è messo a sfidarli, lui ha inseguito Golia, dicendo: “Il Dio del Cielo mi ha permesso di liberare un agnello dalla bocca di un leone, dalla bocca di un orso”. Sapeva che non era la fionda. Era la potenza di Dio che era stata con lui. Era Lui che aveva riportato quell’agnello.

46         Ed è ciò che diciamo oggi. Dio ha dei Davide, qua e là, (si, signore) che nutrono le pecore del Padre. Ed ogni tanto appare un tumore oppure un cancro o qualcosa, e il medico non può far nulla. Ciò non fermerà questo Davide, egli partirà in soccorso di quella persona, con la sua piccola fionda di: “Tutto quello che chiederete nel Mio nome, vi sarà dato”. Poco importa se i medici si metteranno a ridere e tutti gli altri si burleranno di lui, andrà comunque al suo soccorso, riportando questa pecora all’ovile. Si, signore. “È un figlio di Dio, togli la tua zampa da lui!” Ha abbattuto il leone, il leone si è rialzato, lui l'ha afferrato per la criniera e l'ha ucciso; un giovane rossiccio, fragile, che pesava probabilmente 35 o 40 kg.

47         Ora, osservate. Melchisedek, Re di Salem, che vuol dire Re di pace, e in effetti, Salem, era dall'altro lato della collina. Il Re di Gerusalemme, ecco chi era Lui. Ecco precisamente chi era Questo: il Re di Gerusalemme. Gerusalemme, all’inizio si chiamava Salem, che vuol dire pace; prima di chiamarsi Gerusalemme. Egli era il Re di Gerusalemme. Era il Re di giustizia, il Re di pace, il Re di Salem. Non aveva padre, non aveva madre, non ha avuto un principio di giorni né fine di vita, era senza genealogia. Oh, oh, oh! Chi è questa Persona? OsservateLo. Dopo che la battaglia è finita, dopo che la vittoria è stata ottenuta, osservate ciò che Egli ha detto: «Allora Melchisedek...» il versetto 18, del capitolo 14 della Genesi.

«Allora Melchisedek, re di Salem, portò pane e vino. Egli era sacerdote del Dio Altissimo.

E benedisse Abramo, dicendo: “Benedetto sia Abramo dal Dio Altissimo, padrone dei cieli e della terra!

E benedetto sia il Dio Altissimo, che ti ha dato nelle mani i tuoi nemici!”. E Abramo gli diede la decima di ogni cosa».

48         Leggiamo un po’ più avanti.

Poi il re di Sodoma disse ad Abramo: “Dammi le persone, e prendi i beni per te”.

Ma Abramo rispose al re di Sodoma: “Ho alzato la mia mano all'Eterno, il Dio Altissimo, padrone dei cieli e della terra…”» (Ascoltate ciò che gli ha detto in due parole, come glielo ha fatto sapere.)

Ma Abramo rispose al re di Sodoma: «Ho alzato la mia mano all'Eterno, il Dio Altissimo, padrone dei cieli e della terra,

che non avrei preso niente di ciò che ti appartiene, neppure un filo o un legaccio dei calzari, perché tu non abbia a dire: “Io ho arricchito Abramo”.

Non prenderò nulla per me ad eccezione di ciò che hanno mangiato i giovani…»

49         Notate, questo Melchisedek, non appena è andato incontro ad Abrahamo, quando questi ritornava dalla sconfitta dei re... Il mistero di Dio ora viene fatto conoscere! Chi era Lui? Non riescono a trovare niente su Lui, dal lato della storia, poiché Egli non ha avuto padre, non ha avuto madre, non ha mai avuto principio, non ha mai avuto fine di vita; allora chiunque Egli sia, è sempre in vita. Non ha mai avuto principio, allora Egli non poteva essere altro se non El, Elah, Elohim; Colui che esiste da Sé stesso, che vive da Sé, il Dio Onnipotente.

50         Gesù ha avuto un Padre, ha avuto una madre; Gesù ha avuto un principio di giorni ed una fine di vita terrestre. Ma quest’Uomo non ha avuto padre né madre, (amen), né padre né madre. Gesù ha avuto entrambi, Padre e madre. Quest’Uomo non ha avuto padre né madre. Amen. E cosa ha fatto, dopo che la battaglia era finita, dopo che Abrahamo aveva preso la sua posizione?

51         Dopo che la chiesa prende la sua posizione, siamo chiamati ad essere dei figli di adozione, tramite lo Spirito Santo. E, quando ogni uomo prenderà la sua posizione, in ciò che Dio l'ha chiamato a fare, e che terrà duro, fino alla fine della strada, partendo al ricerca dei perduti…

52         Innanzi tutto, Paolo toglie ogni timore. Or dunque: “Se siete chiamati, se questa non è solo un'infatuazione intellettuale suscitata da una qualsiasi teologia; se siete nati veramente dallo Spirito, allora Dio vi ha predestinati prima della fondazione del mondo. Ha messo il vostro nome nel Libro della Vita dell'Agnello e adesso ci riuniamo per sedere nei luoghi Celesti in Cristo Gesù. Un popolo santo, una nazione santa, un popolo speciale, un sacerdozio reale, che offre a Dio dei sacrifici spirituali, vale a dire il frutto delle nostre labbra che lodano il Suo nome”.

53         Le persone vengono qui e dicono: “Quelle persone sono pazze”. Certo esse lo sono: la sapienza di Dio è pazzia per l'uomo e la sapienza dell'uomo è una follia per Dio. Sono opposte una all'altra.

54         Ma una chiesa realmente ripiena dello Spirito, piena della potenza di Dio, che siede nei luoghi Celesti, offrendo dei sacrifici spirituali, delle lodi a Dio, con lo Spirito Santo che agisce in mezzo alle persone, discernendo il peccato e denunciando le cose che sono false in mezzo a loro, per metterli in ordine, appianando e livellando… Per che cosa? Nella Presenza di Dio, c'è sempre questo Sacrificio sanguinante.

55         Adesso, se ricordate, ne abbiamo parlato stamattina. Non siete stati salvati tramite il sangue, siete tenuti in salvo dal sangue. Ma siete stati salvati per grazia, per mezzo della fede, credendo ciò. Dio ha bussato alla porta del vostro cuore, perché vi ha predestinati. Voi avete alzato gli occhi, l'avete creduto e accettato. Adesso, il sangue fa l’espiazione per i vostri peccati. Ricordate, ho detto: Dio non condanna il peccatore perché pecca. Egli è un peccatore da tutto principio. Condanna il Cristiano perché pecca. E dopo, dato che Egli l'ha condannato, Cristo ha preso su di Sé la nostra condanna. Non vi è dunque alcuna condanna per coloro che sono in Cristo Gesù, i quali non camminano secondo la carne ma secondo lo Spirito. E se fate qualcosa di sbagliato, ciò non viene fatto volontariamente. Voi non peccate volontariamente. Un uomo che pecca volontariamente, che esce per andare a peccare volontariamente, non è mai entrato ancora in questo Corpo. Ma, una volta che un uomo è là, è morto, e la sua vita è nascosta in Dio, tramite Cristo, sigillato dallo Spirito Santo, ed il diavolo non può neanche trovarlo, lui è talmente lontano all'interno. Dovrebbe uscire da lì prima che il diavolo possa acchiapparlo. Poiché siete morti!

56         Dite ad un morto che egli è un ipocrita e guardate ciò che accade. Dategli una pedata sul fianco e dite: “Tu, vecchio ipocrita!” Lui non dirà una parola. È vero. Resterà semplicemente disteso là.

57         Ed un uomo che è morto in Cristo, potete chiamarlo ipocrita o in qualsiasi modo vogliate, lui non reagirà, si ritirerà, se mai, da qualche parte e pregherà per voi.  Ciò è esatto. Tuttavia, oh, alcuni di loro sono molto viventi. Ecco ciò che penso: siamo tenuti a seppellire dei morti. Quelli che sono morti in Cristo, li seppelliamo nell'acqua. Spesso seppelliamo delle persone che sono viventi; troppa cattiveria e dispute, ce ne sono troppe in chiesa. Solo che noi, non possiamo separare ciò, ma Dio lo fa. Egli conosce il Suo popolo. Conosce le Sue pecore. Conosce ogni voce. Conosce i Suoi figliuoli. Egli sa chi può chiamare, sa chi è predestinato. Sa a chi ha dato queste cose, attraverso le quali si fa conoscere. Dio può fidarsi dei Suoi figliuoli, su ciò che devono fare, sapendo che lo faranno esattamente.

58         Credete che Dio fa questo? Ebbene, un giorno Satana disse a Giobbe o, piuttosto, disse a Dio: “Si, Tu hai un servitore”.

59         Dio disse: “Non c'è nessuno come lui sulla terra. È un uomo perfetto”. Egli aveva fiducia in lui.

60         Satana replicò: “Oh si, ma lui ha una vita facile. Lasciamelo per un momento, ed io farò si che lui Ti maledica in faccia”.

61         Egli disse: “Eccolo in tuo potere, ma non togliergli la vita”. Vedete? Ed egli fece di tutto tranne che togliergli la vita.

62         Ma, oh, Giobbe, invece di… cosa ha fatto? Ha maledetto Dio, quando Egli ha preso i suoi figli, quando gli sono state fatte tutte queste cose cattive, ed ogni altra cosa? Giobbe non ha posto delle domande. Si è prostrato con la faccia a terra ed ha adorato. Alleluia! Ha detto: “Il Signore ha dato e il Signore ha tolto. Sia benedetto il nome del Signore!” Ecco.

63         Dio sapeva quanta fiducia poteva riporre in Giobbe. Dio sa quanta fiducia può avere in voi. Egli sa quanta fiducia può avere in me. Ma ciò di cui parliamo ora, è di posizionare quel figlio.

64         Adesso, una volta che la Bibbia… Una volta che la battaglia è terminata, che tutto è finito, allora, cosa facciamo in seguito? Cosa facciamo dopo che la battaglia è finita? Sapete cosa facciamo? Noi incontriamo Melchisedek. Prendiamo Matteo 16:16, velocemente, per vedere se questo è esatto oppure no. Matteo capitolo 16°, il verso 16. Sono abbastanza sicuro che ciò è esatto, Matteo 16:16. Matteo 16… No, non è quello, ciò non potrebbe essere così vicino, 26:26. Oh, 16, qui, parla a Simon Pietro; scusatemi, non volevo dire ciò. 26:26, perché, ciò che cerco, là, è l'ultima cena. Matteo capitolo 26, verso 26. Ora l'abbiamo, ci siamo, l'ultima cena.

Ora, mentre mangiavano, Gesù prese il pane e lo benedisse, lo ruppe e lo diede ai discepoli e disse: “Prendete, mangiate; questo è il mio corpo”.

Poi prese il calice e rese grazie, e lo diede loro dicendo: “Bevetene tutti,

perché questo è il mio sangue, il sangue del nuovo patto che è sparso per molti per il perdono dei peccati…”. (p-e-c-c-a-t-i, dei peccati, i cristiani che commettono degli errori.)

65         Benissimo, ma ascoltate il verso 29.

...Ed io vi dico, che da ora in poi io non berrò più di questo frutto della vigna fino a quel giorno in cui io lo berrò nuovo con voi nel regno del Padre mio.

66         Cos’è? La stessa cosa che ha fatto Melchisedek, dopo che Abrahamo aveva preso la sua posizione. Aveva disposto i suoi uomini in ordine e vinto la battaglia. Egli era ritornato e Melchisedek gli andò incontro con del pane e del vino. Dopo che la battaglia sarà finita, allora mangeremo la Cena delle Nozze col Signore Gesù, nel nuovo mondo. Oh, benedetto sia il nome del Signore. Molto bene.

67         «Il mistero della sua volontà secondo il suo beneplacito...» adesso torniamo di nuovo in Efesini, verso 9, «che egli aveva determinato in se stesso. Per raccogliere nella dispensazione del compimento dei tempi…»

68         Vi ricordate di ciò, lo abbiamo appena visto. Efesini, capitolo 1, verso 10.

Per raccogliere nella dispensazione del compimento dei tempi…

69         Ora, abbiamo appreso che la pienezza del tempo aspetta che cosa? La pienezza di tutti i tempi, il tempo in cui il peccato, la morte e la malattia cesseranno, così come tutte le perversioni, quelle cose che il diavolo ha pervertito, e il tempo stesso cesserà. Osservate.

per raccogliere nella dispensazione del compimento dei tempi sotto un sol capo, in Cristo, tutte le cose, tanto quelle che sono nei cieli come quelle che sono sulla terra.

70         “Raccogliere in Cristo tutte le cose”. Come dicevo stamattina, tutte le piccole pepite che troviamo, queste piccole cose così gloriose, voi potete lucidarle nella Genesi, nell'Esodo, nel Levitico e continuando così, alla fine, nell'Apocalisse, esse mostreranno Gesù. Prendete Giuseppe, Abrahamo, Isacco, Giacobbe o Davide, prendete ognuna di queste pepite, di questi uomini di Dio, e vedrete Gesù Cristo, manifestato in ciascuno di loro. “Raccogliere in Cristo Gesù tutte le cose”.

71         Adesso, andiamo un po’ più avanti, il verso 11.

In lui siamo anche stati scelti per un'eredità…

72         Oh, “un'eredità”. Qualcuno deve lasciarvi qualcosa, affinché voi la ereditiate. È ciò esatto? Un'eredità! Quale eredità abbiamo? Quale eredità è questa che avevo? Io non ne avevo alcuna. Ma Dio mi ha lasciato un'eredità, quando ha messo il mio nome nel Libro della Vita dell'Agnello, prima della fondazione del mondo.

73         Oh, voi dite: “Ora, aspetta un istante, fratello, è Gesù che ha fatto ciò, quando è morto per te”. No, mai. Gesù è venuto a pagare il prezzo di questa eredità, per me. Leggete ciò che viene subito dopo, il rigo successivo.

In lui siamo anche stati scelti per un'eredità, essendo predestinati secondo il proponimento di colui che opera tutte le cose secondo il consiglio della sua volontà,…

74         Dio, prima della fondazione del mondo, come abbiamo visto durante la nostra lezione, con voi, qui… abbiamo visto che Dio esisteva da Sé, che in Lui c'era amore. Era in Lui di essere Dio; ma non c'era niente per adorarLo. In Lui c’era di essere un Padre; c’era… Era solo. Era in Lui di essere un Salvatore; ma non c'era niente di perduto. Era in Lui di essere un Guaritore. Questi sono i Suoi attributi. Ma là, non c'era niente. Allora, il Suo proprio Essere, il Suo buon consiglio, ha prodotto queste cose, per poter, tramite un solo Uomo, Gesù Cristo, riunire di nuovo tutto. Oh! “Ciò che occhio non ha visto né orecchio…” Non meraviglia che sia una cosa misteriosa.

75         Guardate: “Ci ha predestinati a ricevere questa eredità”. Se sono il vero erede di qualcosa, se Dio bussa alla porta del mio cuore e dice: “William Branham, ti ho chiamato molto tempo fa, prima della fondazione del mondo, a predicare il Vangelo”. Io ho un'eredità, un'eredità, la Vita Eterna. Ora, Dio ha mandato Gesù, affinché, tramite Lui, questa eredità diventasse una realtà per me, perché non c'era niente che io potessi fare per ereditarla. Era in bianco, era valida; non c’è nulla che io possa fare. Ma, quando i tempi furono compiuti, Dio, nel momento in cui ha considerato che fosse bene farlo, ha mandato Gesù, l'Agnello, immolato fin dalla fondazione del mondo. Il Suo sangue è stato versato, affinché io possa entrare in possesso della mia eredità. Di essere che cosa, quale eredità? La posizione di figlio, di essere un figlio di Dio.

76         Ed ora, questo può essere duro da mandare giù. Tuttavia, sapevate che gli uomini che sono dei figli di Dio sono piccoli dèi? Quanti hanno mai saputo ciò? Quanti sanno che Gesù l'ha detto? La Bibbia, Gesù ha detto: “La vostra stessa legge non dice che siete dèi? E se voi chiamate dèi…” Del resto Dio aveva detto, in Genesi 2°, che essi erano dèi, poiché erano… avevano piena autorità sul dominio del mondo. Egli gli aveva dato il dominio su ogni cosa. E lui ha perso la sua posizione di dio, ha perso la sua posizione di figlio, ha perso il suo dominio e Satana ha preso il controllo. Tuttavia, fratello, noi aspettiamo la manifestazione dei figli di Dio che torneranno, riprenderanno il controllo. Aspettiamo la pienezza dei tempi, quando la piramide arriverà alla sua cima, quando i figli di Dio saranno manifestati pienamente, quando la potenza di Dio uscirà (alleluia) e toglierà a Satana tutti i poteri che ha. Si, signore, spetta a lui.

77         Egli è il Logos che è uscito da Dio; è vero, era il Figlio di Dio. Poi, Egli ha fatto dell'uomo un piccolo dio. Ed Egli ha detto: “Se chiamano quelli a cui la Parola di Dio è venuta, i profeti… se chiamano dèi quelli ai quali la Parola di Dio è venuta...” E Dio stesso l'ha detto, che essi erano dèi. Egli ha detto a Mosé: “Ho fatto di te un dio e d’Aaronne il tuo profeta”. Amen. Agisco forse da fanatico religioso, ma non lo sono. Oh, quando i vostri occhi possono aprirsi per vedere quelle cose. Bene. Egli ha fatto dell'uomo un dio, un dio nel suo dominio. Ed il suo dominio si estende da un mare all'altro, da una riva all'altra. Egli ne ha il controllo.

78         E quando Gesù è venuto, siccome era Dio, l’Unico che sia senza peccato, Egli l'ha dimostrato. Quando i venti hanno soffiato, Egli ha detto: “Tacete, calmatevi!” Amen. E, all'albero, là, ha detto: “Nessuno mangerà del tuo frutto”.

79         «In verità, ve lo dico, a voi che siete dei piccoli dèi. Se dite a questo monte: “Togliti di là”, e non dubitate nel vostro cuore, ma credete che ciò che avete detto avverrà, allora potete avere ciò che avete detto».

80         Ritornate alla Genesi, all'originale, che ne è? Adesso il mondo e la natura sospirano, gemono, è tutto in uno stato di agitazione. Per che cosa? Per la manifestazione dei figli di Dio, quando i veri figli, i figli nati, i figli riempiti, parleranno e la loro parola sarà sostenuta. Credo che, in questo momento, siamo alla soglia di ciò. Si, signore. Dire a questo monte… e sia così.

81          “Fratello, desidero tale e tale cosa, che una certa cosa sia fatta. Sono un credente in Gesù Cristo”.

82          “Te la do nel nome del Signore Gesù Cristo”. Amen. Ecco una manifestazione.

83          “Oh, fratello, i miei raccolti si stanno danneggiando, laggiù. Non ho avuto pioggia”.

84          “Ti manderò la pioggia nel nome del Signore”. Ed ecco che Dio benedice il tuo raccolto”. Oh, aspettando, gemendo, tutta la natura aspetta la manifestazione dei figli di Dio. Dio l'aveva decretato al principio, aveva dato all'uomo il dominio.

85         Egli l'ha dato a Gesù Cristo, e Gesù l'ha dato nel Suo nome, con questa certezza: “Chiedete tutto ciò che vorrete, nel Mio nome, al Padre, ed Io lo farò”. Oh, Fratello Palmer! Aspettando la manifestazione dei figli di Dio, la posizione, la chiesa…

86         Come dicevo, l'Epistola agli Efesini è il Libro di Giosuè, in cui Giosuè posiziona il popolo, là, dove spetta loro. Dunque, ma se non volessero restare tranquilli, se egli mettesse Efraim qui, e questi andasse nel campo di Manasse, e lui ritornasse e facesse delle storie e si innervosisse, come farebbero ad andare d’accordo? Mentre uno dice: “Io sono Battista, sono Metodista, sono Pentecostale, sono unitario, sono binitario, sono tale e tale cosa”.

87         Come arriverete a farlo? Tenetevi tranquilli! Dio vuole posizionare la Sua Chiesa, i figli e le figlie di Dio. Oh, Dio, fammi vivere abbastanza per vederlo, è la mia preghiera. È talmente vicino, sembra che potrei quasi toccarlo con le mie mani. È proprio vicino. Ecco ciò che ho aspettato con impazienza, aspetto di vedere il momento in cui si camminerà nella strada, e vedendo un uomo disteso là, storpio sin dalla nascita: “Io non ho argento né oro…” Oh, aspettando la manifestazione dei figli di Dio, alleluia, quando Dio si farà conoscere, quando essi fermeranno la malattia, quando bloccheranno il cancro e le malattie.

88         Pensate che il cancro sia qualcosa? La Bibbia dice che verrà un tempo dove agli uomini marcirà la carne mentre stanno in piedi e le poiane si nutriranno delle loro carcasse prima ancora che essi muoiano. Il cancro è un mal di denti rispetto a ciò che sta per venire. Ma, ricordatevi, è stato vietato, in quel giorno, a questa cosa orribile di toccare coloro che avevano il Suggello di Dio. Ecco ciò che ci sforziamo di fare adesso: di entrare e di essere posizionati nel Regno di Dio, prima che questi orribili flagelli possano colpire. Oh, come è bello. La dispensazione del tempo, la pienezza del tempo, l'eredità.

In lui siamo anche stati scelti per un'eredità, essendo predestinati...

89         Come c’è stata data la nostra eredità, tramite cosa? Per predestinazione. La predestinazione è la prescienza. Come sapeva Dio che poteva fidarsi di voi come predicatore? Tramite la Sua prescienza. “Non dipende dunque né da chi vuole né da chi corre, ma da Dio che fa misericordia”. Ciò è esatto, la predestinazione. Egli sapeva quel che c'era in voi. Sapeva quel che c'era in voi prima ancora che veniste sulla terra. Sapeva quel che c’era in voi prima che ci fosse una terra sulla quale potevate venire. Quello è Lui. Quello è il Dio infinito che è infinito. Noi siamo limitati, non possiamo pensare che in modo limitato.

90         Ciò ha significato così tanto per me, dopo che mi è accaduto. Non so. Quando penso che mi sono trovato laggiù per alcuni istanti di gioia e che mi dicevo: “Non c'è domani”. Non c'era ieri. Non c’è malattia, non c'è dispiacere. Non c'è un po’ di felicità e poi molta felicità; è tutta felicità. Oh, quando mi sono trovato là ed ho detto: “Cos’è questo?”

91         La Voce ha risposto: “Questo è l'amore perfetto e tutti quelli che hai amato e tutti quelli che ti hanno amato sono ora qui con te”.

92         “E tu ci presenterai al Signore Gesù quando Egli verrà, come trofei del tuo ministero”. Ho visto queste bellissime donne, erano tutte là a stringermi tra le loro braccia e ad esclamare: “Mio prezioso, benamato fratello!” Ho visto questi uomini, coi capelli arruffati, qui, sulla nuca, accorrevano, mi stringevano nelle loro braccia, dicendo: “Nostro fratello benamato!” Mi son detto: “Cosa vuol dire questo?” Egli disse: “È la tua gente”.

93         Dissi: “La mia gente? Non possono esserci altrettanti Branham, ce ne sono dei milioni”.

94         Egli disse: “Sono i tuoi convertiti!” Alleluia! “Sono i tuoi convertiti. Sono quelli che…” Aggiunse: “Vedi quella che sta laggiù?” La donna più bella che abbia mai visto. Disse: «Aveva più di novant'anni quando l'hai condotta a Dio. Non stupisce che lei esclami: “Mio benamato fratello”. Aggiunse: “Lei non sarà mai più vecchia, ciò appartiene al passato. È nello splendore della gioventù. Lei è qui. Non deve bere un sorso d’acqua fresca, non ne ha bisogno. Non deve distendersi per dormire, perché non è mai stanca. Non c'è domani, né ieri, né niente. Siamo nell'eternità, ora. Ma, un giorno glorioso, il Figlio di Dio verrà e tu sarà giudicato secondo la Parola che avrai predicata loro”. Oh, fratello! Io dissi: “Paolo dovrà presentare il suo gruppo?”

“Si, signore”.

95         Dissi: “L'ho predicata esattamente come Paolo l'aveva annunciata. Non ho mai deviato da Essa, non ho mai accettato dei credi di chiese, né altro. Sono rimasto allo stesso modo”.

96         Ed essi hanno esclamato tutti all’unisono: “Lo sappiamo! Noi riposiamo con questa certezza”. Dissero: “Tu ci presenterai a Lui e dopo ritorneremo tutti sulla terra per vivere per sempre”. Oh!

97         In quel momento, ho cominciato a ritornare. Ho guardato, ero disteso là, sul letto, ho visto il mio corpo, qui, che diventa vecchio e rugoso, deformato, affetto da malattie e afflitto; mi sono visto le mani dietro la testa, ed ho pensato: “Oh, dovrò ritornare ancora là dentro?”

98         Ed io continuavo a sentire questa Voce: “Continua ad avanzare! Continua ad avanzare!”

99         Ho detto: “Signore, ho sempre creduto nella guarigione divina, continuerò a crederci. Ma mi affretterò a guadagnare delle anime, perciò aiutami. Ne farò entrare così tanti laggiù… Lasciami in vita, Signore, e ne farò entrare un altro milione là, se soltanto mi lascerai vivere”.

100      Il loro colore, il loro credo, la loro nazionalità, ciò che sono, non fa differenza per me, sono tutti uno quando arrivano laggiù, e queste vecchie linee di demarcazione spariscono. Oh, vedevo queste donne, erano così belle; non ne avevo mai viste… con dei lunghi capelli che scendevano loro fin sotto la schiena e delle gonne molto lunghe. Erano a piedi nudi. Vedevo gli uomini, i capelli arruffati sulla nuca, con dei capelli rossi, dei capelli neri, di differenti colori. Ed essi mi abbracciavano. Potevo sentirli. Sentivo le loro mani. Dio è il mio Giudice, come questo Libro sacro che è aperto. Potevo sentirli, proprio come posso sentire le mie mani sul mio viso. Essi mi abbracciavano, e non c'era nessuna sensazione con le donne, come avverrebbe adesso. Poco importa quanto siate santi, chi siate, quale genere di predicatore siate, che facciate il prete o qualunque cosa sia, nessun uomo può lasciarsi abbracciare da una donna senza che ci sia una sensazione umana. È l'esatta verità. Ma, fratello, una volta che passate dall'altro lato, questo non è così laggiù. Oh! Questo è talmente… oh, c’è… È impossibile. È tutto amore. Ciascuno è veramente un fratello, ciascuna è veramente una sorella. Non c'è morte, né dispiacere, né gelosia, né niente, niente può entrare là. È solo perfezione. È questo il motivo per cui mi sto sforzando. È per questo che sono posizionato.

101      Ho detto: “Oh, Signore, è per questo che sono qui, in chiesa, cercando di mettere la chiesa in ordine”. Dicendovi, fratello e sorella, che c’è solo una cosa che può entrare là, è l'amore perfetto. Non perché siete fedeli al Tabernacolo Branham, alla chiesa Metodista o alla chiesa Battista. Questo va bene, voi dovreste esserlo. Ma, oh, amici, voi dovete… Non perché avete parlato in lingue, danzato nello Spirito, cacciato dei demoni o spostato delle montagne tramite la fede. Tutto ciò va benissimo, difatti, va bene, tuttavia impedisce, a meno che questo vero amore perfetto è all'interno. Era là che… [Spazio vuoto sul nastro. -Ed.]

...In lui siamo anche stati scelti per un'eredità… (Siamo eredi di cosa? Della Vita Eterna) ...essendo predestinati...

102      Come? Tutti comprendono ciò? Siete voi che avete invocato Dio? No, è Dio che vi ha chiamati. Nessun uomo ha mai cercato Dio. È Dio che cerca l'uomo. Gesù ha detto: “Nessuno può venire a Me, se il Padre Mio prima non lo attira”. Vedete, è nella natura dell'uomo di fuggire da Dio. E, direte, ora…

103      Ma questo è ciò che mi infastidisce: predicarvi di non continuare a restare nella stessa condizione di prima; cambiate, adesso! Ascoltatemi, mentre dico: COSÌ DICE IL SIGNORE. Non mi sono mai dato questo nome, no. Ma voi mi chiamate vostro profeta, o un profeta. Il mondo crede ciò, intorno al mondo, milioni e milioni di persone. Ho parlato direttamente e indirettamente a dieci o dodici milioni di persone, o più. Ho avuto delle decine di migliaia di visioni, dei segni e dei prodigi, e non una sola volta ciò ha fallito. Ed è vero. Egli mi ha predetto delle cose che non sono mai fallite, si sono avverate proprio in modo preciso. Sarei pronto a portare con me qualsiasi uomo in giudizio riguardo a questo argomento. È vero. Non pretendo di essere un profeta, tuttavia ascoltatemi.

104      Così dice il Signore, vi occorrerà avere l'amore perfetto per entrare in quel luogo, perché è tutto ciò che c'era là. Poco importa quante dimostrazioni religiose, quante buone opere avete fatto o tutto ciò che abbiate potuto fare. Ciò non conterà nulla in quel giorno. Bisognerà avere l'amore perfetto. Allora, qualunque cosa facciate, mettete tutto il resto da parte, finché siate talmente riempiti dell'amore di Dio, al punto da poter amare quelli che vi odiano.

105      Sono semplicemente, come dicevo stamattina, sono fatto… la mia intera natura è la grazia. Molte persone dicono: “Grattami la schiena ed io la gratterò a te. Si, fa' qualcosa per me ed io farò qualcosa per te”. Quella non è la grazia. La grazia è: se avete prurito alla schiena, ve la gratterò ugualmente, sia che mi grattiate la mia oppure no. Se mi schiaffeggiate e dite: “Ho prurito alla schiena, essa ha bisogno di essere grattata”. Io ve la gratterò. Vedete? Ecco, fate qualcosa. Non credo alle opere. Credo che le opere siano l’amore. Le opere sono la manifestazione che mostra che la grazia è stata applicata. Non sono fedele a mia moglie perché credo che lei divorzierebbe da me se non lo fossi. Io gli sono fedele perché l'amo.

106      Non predico il Vangelo perché penso che andrei all’inferno se non lo facessi. Predico il Vangelo perché io amo Lui. Certamente. Pensate che attraverserei i mari in tempesta, con gli aerei che scendono in picchiata e risalgono, ed i lampi che brillano dovunque, ed ogni altra cosa. E, da un minuto all’altro sentire nell'aereo, dovunque, tutti che gridano, e gli “Ave Maria” che si sentono su tutto l’aereo, ed ogni altra cosa? Le persone che vengono sballottate nella loro cintura di sicurezza ed il pilota che annuncia: “Ci resta abbastanza benzina ancora per quindici minuti, ed io non so dove siamo”. Pensate che io farei ciò, solo per il piacere di farlo? Pensate che tornerei laggiù, nella giungla, dove dei soldati tedeschi dovevano cingermi così, con le loro braccia, tutte le sere, per farmi entrare ed uscire dalla riunione, finché lo Spirito Santo cominciasse a compiere dei miracoli? Alcuni comunisti mi spiavano con dei telescopi per osservazione notturna, per spararmi addosso ad un miglio di distanza [1 miglio = 1,609 km.]. Pensate che farei ciò, giusto per il piacere di farlo? Questo avviene perché c’è qualcosa in me che ama; loro sono degli esseri umani per i quali Cristo è morto. Paolo disse: “Sono pronto, non solo ad andare a Gerusalemme, ma vado là per essere crocifisso. Vado là a morire. Vado là a morire per la causa del Signore”. È qualcosa, è un amore che vi costringe, che vi spinge. Ecco l'esatta verità.

107      Se avessi predicato il Vangelo per denaro, se fosse stato così, stasera non sarei con ventimila dollari di debiti, non sarei indebitato così. No, signore. Perché mi sarei conservato alcuni di quei milioni che mi sono stati dati. Un uomo, un solo uomo, mi ha mandato degli agenti della FBI [Federal Bureau of Investigation: Ufficio Investigativo Federale. - Ed.] con un assegno di un milione e cinquecento dollari. Ed io ho detto: “Riprendetevelo”. Questo non è per denaro! Non è il denaro. Non predico il Vangelo per denaro. Non è per quello!

108      108.  È per amore. Ciò che voglio è, quando sarò dall'altro lato dell’ultimo respiro, laggiù, il che potrebbe essere fra cinque minuti, potrebbe essere fra due ore o fra cinquant'anni, non so quando questo sarà, ma quando accadrà che arriverò laggiù, voglio vedervi nello splendore della gioventù, accorrere, gridando: “Mio benamato fratello! Fratello mio!” Ecco cosa c'è nel mio cuore. È per quello. Non cerco di essere in disaccordo con voi per essere diverso, ma cerco di mettervi sulla diritta strada. È questa la via da percorrere per entrare là. Non la vostra chiesa, non la vostra denominazione, ma la vostra nascita in Cristo. Oh!

In lui siamo anche stati scelti per un'eredità, essendo predestinati secondo il proponimento di colui che opera tutte le cose secondo il consiglio della sua volontà,…

109      Ascoltate. Termineremo in pochi minuti. Ascoltate attentamente, ora, prima di concludere.

affinché fossimo a lode della sua gloria, noi che prima abbiamo sperato in Cristo.

110      Ora, osservate questo, attentamente. Indossate la vostra giacca, la giacca del Vangelo. Aprite bene le vostre orecchie, ascoltate attentamente. Sono nel verso 13.

In lui anche voi, dopo aver udita… (La fede viene dall’ascolto della Parola di...) [L’assemblea dice: “Dio”. - Ed.] ...dopo aver udita la parola della verità...

111      111.  Cos’è la Verità? La Parola di Dio. È ciò esatto? Giovanni 17:17, per voi che annotate le Scritture, Gesù ha detto: “Santificali, Padre, nella Verità. La Tua Parola è la Verità”.

...dopo aver udita la parola della verità, l'evangelo della vostra salvezza...

112      Qual’era la salvezza di cui lui provava a parlare loro? Predestinati prima del fondazione del mondo, (non è vero?), ad essere dei figli di adozione, predestinati alla Vita Eterna. Adesso, dopo che entrate nella Vita Eterna, dopo che siete stati salvati, santificati, riempiti con lo Spirito Santo, siete dei figli. Adesso Dio vuole posizionarvi, oh, affinché possiate operare per il Suo Regno e per la Sua gloria. 

113      Ecco il Vangelo. Innanzi tutto ascoltare la Parola: “Ravvedetevi e siate battezzati nel nome di Gesù Cristo per la remissione dei peccati”. Essere sbarazzati di tutti i vostri peccati, di invocare il nome del Signore Gesù Cristo, in vista del Paese promesso. La promessa è per tutti i viaggiatori che sono per strada. Se questa sera siete partiti da casa come peccatore, dicendovi: “Andrò al Tabernacolo Branham”, Dio vi da questa possibilità, stasera. C'è una sola cosa che vi separa dal Paese promesso. Cos’è il  Paese promesso? Lo Spirito Santo. Ciò che separava Giosuè dal paese promesso, era il Giordano. Completamente esatto.

114      Mosé, il quale era una figura simbolica di Cristo, ha condotto i figlioli fino alla terra promessa, però Mosé non ha fatto entrare, allora, i figlioli nella terra promessa. È Giosuè che li ha fatti entrare e che ha fatto la divisione del paese. Gesù ha pagato il prezzo, li ha condotti fino allo Spirito Santo. Dio ha fatto scendere lo Spirito Santo, ed è Lui che ha messo la chiesa in ordine, in posizione, ogni uomo, riempiendolo della presenza del Suo Essere. Vedete ciò che intendo dire? Tutti in Gesù Cristo; Dio ha predestinato ciò, la chiamata di questo Vangelo!

115      Paolo, in Galati 1:8, ha detto: “Se un Angelo venisse a predicarvi qualcos’altro, che sia anatema. La Verità, il Vangelo. Adesso, ascoltate attentamente mentre continuiamo la nostra lettura, finiamo il versetto.

13.  ...l'evangelo della vostra salvezza, e aver creduto… (Ascoltate bene) ...siete stati sigillati con lo Spirito Santo della promessa...

116      Negli ultimi giorni, la Bibbia dice… Ora, osservate! Negli ultimi giorni ci saranno due categorie di persone. Una di esse avrà il Suggello di Dio e l'altra il marchio della bestia. È ciò esatto? Quanti lo sanno? Ebbene, se il Suggello di Dio è lo Spirito Santo, allora, senza lo Spirito Santo si ha il marchio della bestia. E la Bibbia dice che i due spiriti sarebbero stati così vicini da sedurre, se fosse possibile, anche gli eletti. Questo non avverrà mai, poiché essi sono stati eletti a Vita Eterna. Vedete?

117      La chiesa, come si sa… dieci vergini sono uscite per incontrare il Signore, tutte santificate, tutte sante, ognuna di loro era santificata. Cinque di esse erano indolenti ed hanno lasciato spegnere le loro lampade. Cinque avevano dell'olio nelle loro lampade. “Ecco, arriva lo Sposo!” E le cinque che avevano l'olio nelle loro lampade sono entrate nella Cena delle Nozze. E le altre furono lasciate fuori, dove c'erano lacrime, gemiti e stridor di denti. Siate pronti, perché non sapete in quale momento il Signore verrà. Abbiate… Che cosa rappresenta l'olio, nella Bibbia? Lo Spirito Santo.

118      Adesso, chiedo a voi, oggi, fratelli Avventisti del Settimo Giorno, che dite che il settimo giorno è il Suggello di Dio, di portarmi un solo verso della Scrittura per provarlo. La Bibbia dice che il Suggello di Dio è lo Spirito Santo. Osservate questo. Guardate, il verso 13, adesso.

13.  ...e aver creduto, siete stati sigillati con lo Spirito Santo della promessa.

119      Prendete Efesini 4:30, credo sia questo. Vediamo se, prendendo 4:30, vediamo se non è la stessa cosa. Efesini capitolo 4, verso 30. Si, ecco, 4:30.

E non contristate lo Spirito Santo di Dio, col quale siete stati sigillati per il giorno della redenzione.

120      Quanto tempo? Quando ricevete realmente lo Spirito Santo, per quanto tempo Egli rimane là? Fino alle prossime riunioni di risveglio, fino a che la nonna incroci la vostra strada, finché il padrone vi rimproveri aspramente? Fino al giorno della vostra redenzione! Alleluia!

121      Dopo che siete morti, dopo che avete attraversato e siete in questo Paese, là, quando siete laggiù coi vostri cari, siete sempre riempiti con lo Spirito Santo. La Scrittura… Siete esattamente come adesso, tranne che avete… che siete passati in un altro corpo. Avete semplicemente  cambiato casa. Questa qui era troppo vecchia, non riuscivate più ad inchiodare le assi al soffitto, le capriate erano marce. Ciò è esatto. Così, vi siete semplicemente sbarazzati della vecchia, l’avete lasciata marcire e avete traslocato in una nuova casa. È ciò esatto? “Difatti, se questa tenda che è la nostra dimora terrena viene disfatta, ne abbiamo una che ci aspetta”.

122      Vi ricordate che l'altro giorno ne abbiamo parlato? Quando uno bambino si sta formando nel grembo della madre e i suoi piccoli muscoli si agitano, hanno dei soprassalti e via dicendo. Tuttavia, appena la madre partorisce e il bambino viene al mondo, la prima cosa che arriva è un corpo spirituale, che è là per ricevere questo piccolo corpo naturale. Forse il medico gli da una sculacciata o qualcosa che possa scuoterlo e “wha, wha, wha”. Immediatamente andrà al seno della madre, e “um, um”, sposterà la sua testolina dall'alto in basso sul seno di sua madre, per far montare il latte nei canali lattiferi.

123      Un vitellino, appena partorito dalla madre, starà, dopo pochi minuti, sulle sue piccole ginocchia. Cosa farà? Andrà subito verso sua madre, si aggrapperà a lei e comincerà a scuotere, dall'alto in basso, la sua testolina, così, per avere il suo latte. Alleluia! Si, signore.

124      Quando questo corpo naturale entra nel mondo, c'è un corpo spirituale che lo aspetta.

125      E quando questo corpo naturale è messo sotto terra, alleluia, ce n’è un altro che aspetta laggiù! Da un corpo noi passiamo semplicemente nell'altro, cambiamo i nostri luoghi di dimora. Questo corpo mortale deve rivestire l'immortalità, questo corpo spirituale… questo corpo corruttibile deve rivestire l'incorruttibilità. Questo vecchio corpo rugoso, deformato, arcuato… ma ciò non cambierà affatto la sua apparenza, ciò che voglio dire è che una volta arrivati laggiù, avrete sempre lo stesso spirito.

126      Lasciate che vi dia qualcosa che sembra un po’ complicata, ma è la Bibbia. E dopo, ve ne darò un’altra che vi schiarirà tutto. Guardate bene questo. Quando il vecchio Saul, il re, quella volta in cui, questa specie di predicatore denominazionale, che superava tutti di una testa, era laggiù. Egli aveva paura, non sapeva nulla del soprannaturale. Ci fu bisogno di Davide, che aveva liberato l’agnello dalle fauci del leone, per uccidere Golia. Osservatelo. Si era talmente allontanato da Dio che aveva cominciato ad odiare questo predicatore esaltato. E, al posto di dargli il suo appoggio, per provare ad aiutarlo, si era girato contro di lui. Ecco la descrizione esatta: si è rivolto contro di lui.

127      Quanti erano qui, quando sono partito per il mio primo viaggio ed ho predicato su “Davide, che aveva ucciso Golia?” Alcuni dei veterani. Eccomi adesso sul punto di ripartire. Voi ricordate questo, avete visto ciò che è appena arrivato, domenica scorsa? Stiamo entrando in un'altra fase. La seconda campagna di Davide, la seconda fase del suo ministero. È esattamente giusto. Dopo egli divenne re d'Israele. Notate, in questo momento il ministero sta arrivando ad una fase più importante, diventa più importante. Per Davide è stato nella stessa maniera. Ora, notate questo: quando egli è arrivato là, Davide, oh… quando Dio aveva mandato Davide laggiù, per uccidere il leone, notate, per uccidere l'orso e poi per uccidere il Filisteo. Ora, ad un certo momento, Dio ha lasciato che un cattivo spirito s’impossessasse del vecchio Saul. Ed ora, per fare cosa? Per odiare Davide. Ed io credo…

128      Dunque, questi nastri... Ora, ascoltate, fratelli, voi che ascoltate questi nastri registrati, se non siete d’accordo con me, scusatemi. Vedete, io vi amo. Vi incontrerò, ad ogni modo, laggiù, vedete, perché se siete uomini di Dio io vi incontrerò comunque. Ma vorrei dire questo, ecco il motivo: è semplicemente perché Saul vide che Davide aveva qualcosa che lui non aveva. Allora, che cosa accadde?

129      Un giovane rossiccio, la Bibbia dice che egli era rossiccio. Non era un ragazzo proprio bello;  “rossiccio”, era un giovane di bassa statura e spalle cadenti. Egli andò laggiù e Saul… Ebbene, indossò l'armatura di Saul. Immagino che lo scudo gli arrivasse fino ai piedi. Ed egli disse: “Sbarazzatemi di ciò”. Benissimo. Forse gli aveva dato un dottorato in filosofia, in diritto o qualcosa del genere, sapete. Ed egli disse: “Non conosco niente di queste cose, non ci sono abituato. Lasciami prendere questa, so ciò che faccio con essa”. Si, signore. Lui prese la sua fionda.

130      Ed esse resero Davide [Saul. - Ed.] furioso, difatti, le ragazze — le chiese, le chiese — cantavano: “Saul ha ucciso forse le sue migliaia, ma Davide ha ucciso le sue decine di migliaia”.

131      Allora egli divenne geloso: “Questo affare del nome di Gesù, non vale niente”. Proprio così. E Dio che gli fece? Dio mandò un cattivo spirito su di lui, affinché egli odiasse Davide. Difatti egli odiò Davide senza ragione.

132      Davide avrebbe potuto torcergli il collo in diverse occasioni. Avrebbe potuto farlo, ma lasciò semplicemente cadere la cosa. Non disse nulla. Certamente che avrebbe potuto farlo. Una notte, andò a tagliare il lembo del suo mantello e, ritornando, disse: “Guarda ciò, vedi?” Si, signore, avrebbe potuto farlo, ma lo lasciò semplicemente tranquillo. Avrebbe potuto causare una divisione nella sua assemblea, disperdere le persone e formare la sua propria organizzazione, se l'avesse voluto. Tuttavia non lo fece, lasciò, semplicemente, andare Saul. Lasciate che sia Dio a combattere. Si, signore.

133      Allora, siccome egli proseguiva e la campagna volgeva al termine, ciò continuava, questo cattivo spirito faceva si che Saul non arrivasse a ricevere una risposta da parte di Dio. Dopo un certo tempo, egli… Lo Spirito del Signore si era ritirato da lui. Ed il vecchio Samuele, quello che avevano rigettato, colui che era realmente la Voce di Dio per essi, che aveva detto loro, persino prima che essi avessero voluto agire come il mondo…

134      Perché la chiesa vuole agire come il mondo? Perché i Pentecostali, i Metodisti, i Battisti e i Presbiteriani che sono stati battezzati e hanno avuto l'esperienza dello Spirito Santo, vogliono agire come il mondo? Perché fanno ciò? Io non lo so. Non riesco a comprenderlo. Voi dite: “Ebbene, è così divertente giocare a poker, giusto un po’ per divertirsi, solo un’apertura al buio di una piccola somma”, [Apertura al buio: termine usato nel gioco del poker. - Ed.] o come voi lo chiamate. È un peccato. Non dovreste avere quelle cose in casa vostra. “Beh, non c'è nulla di male nel prendere un bicchierino di birra. Ne abbiamo presi solamente alcuni. Io e mia moglie, ne prendiamo alcuni il pomeriggio”. Sappiate, tanto per cominciare, che poi saranno i vostri figli a prenderne alcuni. Certamente.

135      E voi donne, uhm, il diavolo ha fatto… È ciò che ha fatto al principio, ed egli ha fatto certamente di voi sorelle un bersaglio. Se egli lo fa, è semplicemente perché sa ciò che può compiere. Egli può sedurre una donna mille volte più rapidamente di un uomo. Lo so che ciò ferisce i vostri sentimenti, ma è la verità. Proprio così. È ciò che ha fatto nel giardino dell’Eden. Lui può fare… Ebbene, lei era onesta, era sincera, ma è stata sedotta. “Adamo non è stato sedotto”, dice la Bibbia. Non è stato sedotto, ma lei è stata sedotta. Dunque, lui può sedurla. E, tuttavia, i pastori non esitano ad ordinare delle donne predicatrici, a metterle a capo delle assemblee, benché questa Bibbia condanni ciò, dalla Genesi all'Apocalisse. Voi dite: “Ebbene, questo è in ordine. È tutto in ordine. Loro hanno… Possono predicare tanto quanto gli altri”. Io lo so, è vero.

136      È come una volta, qualcuno si era messo a parlare in lingue, ed io ho continuato semplicemente a predicare. E quando sono uscito… Una donna aveva detto a mio figlio: “Ho un messaggio da dare, domani sera”, disse: “quando tuo padre sarà sulla piattaforma”. Lui esclamò: “Ma, un messaggio… cosa intenti dire?”

137      E quella sera, quando è giunto il momento di andare a fare la chiamata all'altare, lei, si è aggiustata i capelli, ha tirato su le calze e via dicendo, si è preparata e, con un salto, si è ritrovata nella navata, si è messa a saltare su e giù, parlando in lingue e profetizzando. Io ho continuato semplicemente a predicare, a fare la mia chiamata all'altare. Ebbene, non ho rispettato tutto ciò, non era in ordine. E, dunque, la Bibbia dice che “lo Spirito dei profeti è sottomesso al profeta”. Dio sta parlando sulla piattaforma, lasciateLo parlare. Paolo disse: “Se qualcuno ha una rivelazione, si taccia, finché l'altro abbia finito”. Ciò è esatto.

138      Dunque, quando sono uscito, queste persone hanno detto… c'era tutto un gruppo di persone che diceva: “Hai contristato lo Spirito Santo, questa sera”. Ho risposto: “Come? Cosa ho fatto?”

139      Dicevano: “Ebbene, quando la sorella ha dato quel messaggio, alleluia, ha detto che…” “Ma”, ho replicato: “Io stavo predicando. Lei non ha rispettato l'ordine”.

140       “Oh”, hanno detto: “Ciò era fresco, veniva direttamente dal Trono. Questo era più fresco di ciò che stavi predicando”. Uhm!

141      Adesso, ve lo dico con rispetto, ciò mostra l’uno o l’altro: o della pazzia o una mancanza di rispetto, o che si è stati ammaestrati da un analfabeta, qualcuno che di Dio non sa più di quanto un coniglio sappia delle sue racchette da neve. Ora, non dico ciò per fare un commento risibile, perché questo non è un luogo per scherzare. Ma questa è l'esatta verità. Si dovrebbe sapere bene che Dio non è un Dio di disordine. Lui è un Dio di pace. Loro non conoscono la Bibbia. Tutto ciò che sanno fare è di saltare su e giù, parlare in lingue e dire: “Ho lo Spirito Santo. Alleluia!”

142      Sono stato in Africa ed ho visto degli stregoni e altri che parlavano, cinquemila alla volta; saltavano su e giù, col sangue su tutto il viso, parlando in lingue e bevendo del sangue da un teschio umano; invocavano il diavolo e parlavano in lingue.

143      Tuttavia, il parlare in lingue è un dono di Dio, ma non è la prova infallibile che si ha lo Spirito Santo. Ve lo dico subito. Io credo che tutti i santi ispirati parlino in lingue; credo che un uomo, ad un certo momento, possa essere talmente ispirato, vicino a Dio, da parlare in lingue. Lo credo. Ma non credo che sia un segno che avete lo Spirito Santo. Si, signore. Credo che, a volte, quando si ha la fede, una persona si possa avvicinare e andare ad imporre le mani ad un bambino che ha un cancro, quando cinquanta predicatori avevano pregato per lui, ed egli sarà guarito perché quella madre ha fede nella guarigione del bambino. Dio gliel’ha data, lei è un membro del Corpo di Cristo. Si, signore. Lo credo. L'ho visto arrivare, ed io so che è vero. Tuttavia, il punto è che bisogna mettere la chiesa in ordine, metterla in ordine affinché possiamo operare.

144      Ora, finiamo il resto del versetto, qui, prima di andare.

...avete ricevuto il suggello dello Spirito Santo che era stato promesso...

145       “Il suggello!” Cos’è il suggello? Il suggello, che cos’è? Un suggello è… Innanzi tutto, indica che un'opera è stata portata a termine, un'opera conclusa. Poi, ciò che indica è la proprietà. Ed in seguito, ciò che mostra è la sicurezza, che è custodita.

146      Per esempio, una volta lavoravo per la società delle ferrovie della Pennsylvania. Lavoravo con mio padre per le ferrovie. Noi caricavamo i vagoni e mettevamo dentro, in questa industria conserviera, delle scatole di conserva. Le posavamo qui, in alto, qua, in basso, e le altre da questo lato. Tuttavia, prima che questo vagone potesse essere sigillato, occorreva che passasse l’ispettore; ed egli spingeva qui, dava un colpo su questa, scuoteva quella. “Ah! Disapprovo ciò! Saranno tutte danneggiate prima ancora di arrivare laggiù. Disapprovo ciò! Portatele fuori. Ricominciate”. L’ispettore disapprovava il vagone.

147      Lo Spirito Santo è l'ispettore. Egli vi scuote un po’ e voi fate rumore di ferraglia. Credi tutta la Parola di Dio? “Non credo a questo affare del nome di Gesù”. Disapprovo ciò. Fate rumore di ferraglia. Vedete? “Non credo alla guarigione divina, né a niente di simile”. Fate ancora rumore di ferraglia. Portateli fuori. Credi che Gesù Cristo è lo stesso ieri…? “Beh, in un certo senso”. Fate rumore di ferraglia. Cacciatelo fuori, non è ancora pronto. Si, signore.

148      Fratello, quando sei pronto a dire: “Amen…” Hai ricevuto lo Spirito Santo? “Amen!” Tutto è stato condotto a termine? “Amen”. Allora, cosa fa l'ispettore? Tutto è caricato come si deve, saldamente, è riempito del Vangelo. Oh, ogni Parola di Dio è buona. Ogni cosa è perfetta. “Credo ogni Parola. Amen! Amen! Amen!” Credi che Dio guarisce ancora? “Amen”. Credi che Gesù è lo stesso ieri, oggi e in eterno? “Amen”. Credi che lo Spirito Santo è proprio così reale come Lo è sempre stato? “Amen”. Credi che lo stesso Spirito che è sceso su Paolo scende su noi? “Amen”. Credi che ha su noi gli stessi effetti che ha avuto su essi? “Amen”. Oh, ciò comincia ad essere ben saldo, ora. Vedete, ciò comincia ad essere ben saldo. Si è pronti a chiudere la porta. Bene.

149      Poi l'ispettore chiude la porta. Cosa fa? Mette un sigillo sopra. Allora va a prendere quelle specie di pinze e l’aggeggio che c'è là, e va a mettere il suo sigillo là sopra. Fareste meglio a non spezzarlo. Se la destinazione di questo vagone è Boston, ciò non può essere spezzato. Sarebbe un reato punito con la prigione spezzare questo sigillo, prima che arrivi a Boston. Un uomo che ne ha l'autorità può aprire quel sigillo e nessun altro. Ciò è esatto. È la proprietà di tale e tale compagnia ferroviaria. È il loro sigillo. È la loro garanzia che quel vagone è stato caricato, che quel vagone è pronto. Esso appartiene a loro. Non potrebbero mettere il sigillo della “B & O” sul vagone della Pennsylvania. Voi dovete essere sigillati, e quando questo è sigillato…

150      E quando il Cristiano è caricato col Vangelo, ripieno della bontà di Dio, con tutte le buone cose di Dio riposte in lui, con un cuore aperto, pronto ad operare, disposto ad essere posizionato, a fare tutto quello che lo Spirito Santo gli dirà di fare, che è passato dalla morte alla Vita, santificato di tutte le cose del mondo, che cammina nella Luce secondo come Essa viene a lui, che continua ad avanzare, allora è pronto. Allora Dio chiude la porta del mondo dietro di lui, fa sbattere i due battenti e lo sigilla con lo Spirito Santo della promessa. Alleluia! Per quanto tempo? Fino alla destinazione. Non andate sulla ferrovia ad aprirlo, per guardare ancora se tutto va bene. Ciò va bene, dovete solamente lasciarlo tranquillo. L'ispettore ha fatto già la Sua ispezione. Per quanto tempo siete sigillati? Fino al giorno della vostra redenzione. Ecco per quanto tempo siete sigillati.

151      “Ebbene, quando muori… allora, fratello Branham, che ne è di ciò, dopo che tu sei morto, hai detto che ce l’hai ancora?” L'avete per sempre. Dove comincia la Vita? All'altare. In quel momento vedete ogni piccola ombra. Ciò è l'ombra, il Suggello dello Spirito Santo. Poi, è un’ombra dell’ombra di un’ombra, come dicevo l'altro giorno. Tuttavia, quando voi morite, attraversate queste ombre, senza fermarvi, finché arrivavate all'umidità. Dall'umidità passate ad una piccola sorgente che cola debolmente; da una sorgente ad un ruscello; da un ruscello ad un fiume; da un fiume ad un oceano dell'amore di Dio. Vedete? Siete sempre la stessa persona.

152      Osservate: il vecchio Saul, questo vecchio retrogrado, non riusciva ad entrare in contatto con Dio e, tuttavia, non era perduto. Certamente no. Lui era un profeta, ma si era semplicemente allontanato da Dio. È per questo motivo, fratelli, che io ho detto che voi non siete perduti. E, dunque, ricordate, lui era semplicemente uscito dalla volontà di Dio e, dunque, ben presto si è trovato in disaccordo. Bene, forse non avrei dovuto dirlo. In ogni caso, bene, metto gioia nel mio uditorio questa sera. E, dunque, sappiate, prima di tutto, oh, egli andò a consultare l'Urim e Thummim.

153      Sapete cos’era questo Urim e Thummim? Era il pettorale, l'efod che indossava Aaronne. E ciò è sempre stato così, Dio è sempre stato un Dio soprannaturale che risponde in modo soprannaturale. E, quando un profeta profetizzava, se le luci mistiche non brillavano sull'Urim e Thummim, lui era nell’errore. Quando un sognatore raccontava un sogno, se le luci non brillavano su questo Urim e Thummim, importava poco che il sogno avesse una buona parvenza, era falso. Ciò è esatto.

154      A me non importa quanti dottorati possiate avere e quanto grande possa essere la vostra organizzazione, quando profetizzate o predicate, se ciò non concorda con questa Parola, siete nell'errore, fratello. È questo l'Urim e Thummim di Dio. Quando dite che voi non siete stati predestinati prima della fondazione del mondo, la luce non brilla, perché la Bibbia dice che lo siete stati. Quando dite che dovete essere battezzati nel nome di “Padre, Figlio e Spirito Santo”, la luce non brilla, perché non c’è nessuno nella Bibbia che sia mai stato battezzato così; solamente nel nome del Signore Gesù. La luce non brilla, allora c’è qualcosa che non va da qualche parte.

155      Dunque, l'Urim e Thummim non voleva dare una risposta al vecchio Saul, ed egli non arrivava neppure ad avere un sogno. Si era talmente allontanato che non arrivava neanche ad avere un sogno. Allora, sapete ciò che fece? Andò da una maga, da questa vecchia maga, questa vecchia strega, laggiù. Ed egli disse: “Puoi praticare la divinazione?”

156      Lei rispose: “Si, ma Saul ha detto che avrebbe messo a morte tutti coloro che avrebbero praticato la divinazione”.

157      Egli replicò: “Ti proteggerò”. Lui si era vestito come un soldato di fanteria. Disse: “Pratica la divinazione per me e fa salire dal regno dei morti, che sono dall'altro lato…” Ora, ascoltate questo: “Evoca lo spirito del profeta Samuele”.

158      Lei si mise a praticare la divinazione. E, in quel momento, cadde con la faccia a terra, dicendo: “Vedo degli dèi che salgono”. Vedete, era una pagana, “dèi”, due o tre, come Padre, Figlio e Spirito Santo, o qualcosa del genere, sapete. Disse: “Vedo degli dèi che salgono”.

159      Lui disse: “Descrivimelo. Come appare? A chi somiglia?”

160      Lei rispose: “È magro ed ha un mantello sulle spalle”. Non era affatto cambiato.

161      Lui esclamò: “È Samuele. Portalo in questa stanza, qui davanti a me”.

162      E, osservate, quando Samuele arrivò davanti a Saul, disse: “Perché mi hai fatto venire, dato che sei diventato un nemico di Dio?” Osservate: non solo era sempre Samuele, ma aveva ancora lo spirito di profezia. Osate dire che ciò è falso? Che qualcuno lo dica. È la Verità! Era sempre un profeta. Difatti, profetizzò e disse: “Domani, la battaglia andrà male per te, tu ed i tuoi figli cadrete in battaglia e, domani, a quest’ora, sarete con me”. È ciò esatto? Era sempre un profeta! Ebbene, voi dite: “Oh, ma è una maga che ha fatto ciò”.

163      Molto bene, vi citerò un caso dove c’era Uno che non era una maga. Una volta, Gesù prese con Sé Pietro, Giacomo e Giovanni e salì sul monte della Trasfigurazione, in cima alla montagna. E Gesù… Dio stava posizionando Suo Figlio; come ho provato… ciò di cui parlavo l'altra sera, il posizionamento di un figlio. E, in quel momento, essi guardarono e videro che Mosé ed Elia erano là. Parlavano e conversavano. Non erano delle piccole bandiere bianche, o, piuttosto, delle piccole nuvole bianche che fluttuavano nell’aria, ma erano degli uomini che parlavano. Mosé era stato seppellito ottocento anni prima in una tomba non contrassegnata ed Elia era ritornato a Casa in un carro, cinquecento anni prima. Ma entrambi erano là, ancora viventi, così viventi come sempre. Stavano là, parlando con Lui, prima che andasse al Calvario. Alleluia! “Suggellati fino al giorno della nostra redenzione!”

164      Mi affretterò, poi termineremo, perché è tardi, e pregheremo per i malati. Forse ancora cinque minuti. Il verso 14… leggerò di nuovo il verso 13, affinché si abbia un contesto.

In lui anche voi, dopo aver udita la parola della verità, l'evangelo della vostra salvezza…

165      Adesso, ricordate, quale salvezza avevano? Essi erano cristiani di Efeso. Ora, osservate, avete notato i Corinzi? Lui doveva sempre dir loro: “Quando vengo in mezzo a voi, uno ha un parlare in lingue, l'altro ha un parlare in lingue, l'altro ha un salmo, l'altro ha una profezia, l'altro ha…” Vedete, non poteva insegnare niente ad essi, perché desideravano sempre questo, quello o quell’altro. Queste persone avevano le stesse cose ma, da essi, ciò era in ordine. Egli non ha mai insegnato niente di simile ai Corinzi, non poteva, la chiesa non era in ordine, non poteva insegnare ciò. Ma, a queste persone, poteva insegnare la cosa reale.

…della vostra salvezza, e aver creduto, siete stati sigillati con lo Spirito Santo della promessa;

il quale è la garanzia… (Oh, non posso tralasciare ciò.)  …della nostra eredità, in vista della piena redenzione dell'acquistata proprietà a lode della sua gloria.

166      Cos’è lo Spirito Santo? Bene, poi leggerò velocemente il resto, se sarete pazienti con me fin là. Dove eravamo noi, l'altra sera, fratello Mike? Laggiù, dove erano tutti felici, oh, dove non c’era altro che pace; quello era l'amore perfetto. Ora, ad ogni passo, in questa direzione, voi scendete un po’, scendete un po’. Ad ogni passo che fate, vi avvicinate di alcuni centimetri. E, sulla terra, ciò che si ha, è allora un'ombra dell'ombra di un’ombra. Ora, ciò è la quantità di Spirito Santo che avete in voi. Quello è l'amore. Ma, oh, avete sete di qualcosa.

167      Oh, non è che le persone, per esempio gli anziani, le persone anziane… Come vorrei ritrovare i miei quindici anni, i miei vent'anni! Oh, darei qualsiasi cosa. Che bene mi farebbe? Potrei avere quindici anni e, tuttavia, morire questa sera. C’è incertezza. Diciamo che avete quindici anni, questa sera: chi vi dice che vostra madre sarà viva quando arriverete a casa? Chi vi dice che arriverete a casa? Chi vi dice che sarete in vita domani, anche se avete dodici anni e siete in perfetta salute? Potreste essere uccisi in un incidente, morire improvvisamente, potrebbe accadervi qualsiasi cosa. C’è incertezza. Vedete? Non c'è niente, qui, che sia certo. Ma anelate quello. Che cos’è? È ciò che c'è Lassù che ve lo fa bramare.

168      Dunque, entrate in questo ed allora avete la Vita Eterna. Ebbene, cosa accade? È il “pegno”.

169      Cos’è un pegno, un acconto dato per qualcosa? Se io venissi da voi, per acquistare un'automobile, e dicessi: “Quanto costa quest’automobile?”

170      Voi direste: “Questa automobile, fratello Branham, vi costerà tremila dollari”.

“Quanto bisogna versare di acconto?”

“Ebbene, datemi cinquecento dollari, ed essa sarà vostra”.

171       “Molto bene, ecco i cinquecento dollari. Vi porterò il resto fra qualche tempo, appena mi sarà possibile. Custoditemi l'automobile”. Vi do cinquecento dollari. È il pegno. È ciò esatto?

172      Adesso, ritenete bene ciò, è il “pegno”, è “l’acconto”.

…avete ricevuto il sigillo dello Spirito Santo che era stato promesso,

il quale è (Questo Sigillo, lo Spirito Santo che è stato promesso, che cos’è?) e il pegno della nostra eredità fino alla piena redenzione di quelli che Dio si è acquistati...

173      Che cos’è? È l'acconto. E, fratello, oh, se questo è l'acconto, che sarà quando arriveremo tutti laggiù? Che sarà? Se questo, questo è… Se ciò ci procura tanta gioia in questo momento, ci rende talmente felici che… Ho visto degli uomini di novant'anni arrivare…

174      Una sera, ho visto un vecchio predicatore alzarsi. È arrivato e ha detto… è venuto sulla piattaforma. Ho chiesto: “Quell’uomo anziano sta andando a predicare?”

175      Egli ha esclamato: “Ebbene, il Signore sia benedetto”. Un anziano uomo di colore che indossava una specie di redingote [Redingote: soprabito maschile. –Ed.] da predicatore.

176      Ho detto: “Perché non hanno lasciato predicare alcuni dei giovani predicatori? Come potrà predicare quest’uomo anziano?”

177      Egli ha detto: “Ebbene, oggi ho sentito predicare i fratelli, tutto il giorno, su ciò che Gesù ha fatto sulla terra. Io vi dirò ciò che Egli ha fatto in Cielo”. Ha aggiunto: “Prenderò il mio argomento di questa sera in Giobbe 7:27, quando, molto tempo fa, prima della fondazione del mondo, Egli disse che le stelle del mattino cantavano insieme e i figli di Dio mandavano grida di gioia”. Ha cominciato così, dicendo: “Sapete, è accaduto qualcosa, laggiù”. Ed egli si è messo a descrivere ciò che era accaduto nel Cielo. L'ha descritto, abbassando l'arcobaleno orizzontale fino alla seconda Venuta. Pressappoco allo stesso momento, lo Spirito Santo è sceso su di lui. Ora, essi avevano dovuto accompagnare quell’anziana persona. Egli aveva, forse, novantacinque anni. Era così, tutto curvato, con appena una piccola corona di capelli, sapete, così. È arrivato là ed ha iniziato a predicare, dicendo: “Evviva! Alleluia! Gloria!” Si è messo a saltare in aria così. Ha detto: “Oh, non avete abbastanza posto, qui, per predicare”. Saltando su e giù, correndo con tutte le sue forze. E, questo è solamente il pegno. Oh!

178      Cosa fa lo Spirito Santo? Oh, ecco un buon passo. Lasciate che legga il primo verso del capitolo seguente. Posso? Siete d’accordo? Dite: “Amen”. [L'assemblea dice: "Amen!" - Ed.] Molto bene, rapidamente il primo versetto del capitolo 2. Ascoltate.

Egli ha vivificato anche voi, che eravate morti nei falli e nei peccati…

179       “Vi ha vivificati”. Che cosa vuole dire “vivificati”? “Resi viventi”. Eravate quasi morti ma Egli vi ha vivificati, semplicemente tramite il pegno, l'acconto. Che ne sarà quando riceverete realmente tutti i dividendi? Oh! Non meraviglia che Paolo, quando fu preso nel terzo Cielo, abbia detto: «Le cose che occhio non ha visto e che orecchio non ha udito e che non sono salite in cuor d'uomo, sono quelle che Dio ha preparato per quelli che lo amano». Che sarà? Parlate di gioia ineffabile e gloriosa! Voi che eravate morti nei vostri peccati e nelle vostre trasgressioni, vi ha vivificati insieme, tramite l'ombra dell'ombra di un ombra. Cosa sarà quando passerete dall'ombra di un’ombra all'ombra e poi dall'ombra al ruscello; dal ruscello al fiume; dal fiume all'oceano?

180      E poi che sarà, quando sarete laggiù, nella redenzione, con un corpo tutto nuovo, di nuovo un giovane uomo, o una giovane donna, per non morire mai più? E voi guarderete in basso, sulla terra, e penserete: “Mi piacerebbe mangiare dell’uva e bere della buona acqua fresca, ma, sapete, qui, non ne ho bisogno”. Ma un giorno, Gesù verrà e questo corpo angelico, questa teofania dove abito… Non verremo più dal grembo di una donna, non sarà più il prodotto di un desiderio sessuale. Ma, giacché Egli è nato senza che ci sia stato desiderio sessuale, io risusciterò senza di esso. Allora, un giorno, Egli parlerà, i morti in Cristo risusciteranno e questo corpo, nel quale abitavo un giorno, risusciterà, sarà un corpo glorificato. Ed io camminerò, parlerò, vivrò e mi rallegrerò. Alleluia! Vivrò per tutta l’eternità a venire, tramite Gesù Cristo, il nostro Signore. Ecco, fratello, questo è il Vangelo!

181       “Perciò anch’io…”, Paolo sta dicendo loro ciò che egli è. Leggerò il resto e poi pregheremo per i malati. “Fino alla piena redenzione; questo è un pegno, fino alla piena redenzione, a lode della Sua gloria”.

15.  Perciò anch'io, avendo udito parlare della vostra fede... (Ho sentito dire che avete creduto queste cose, ho sentito dire che avete creduto veramente alla predestinazione, alla Vita Eterna, alla salvezza e via dicendo) …nel Signore Gesù e del vostro amore per tutti i santi,

16.  non smetto mai di rendere grazie per voi, ricordandovi nelle mie preghiere,

17.  affinché il Dio del nostro Signore Gesù Cristo, il Padre della gloria, vi dia uno spirito di sapienza e di rivelazione perché possiate conoscerlo pienamente… (che continui a rivelarsi a voi, costantemente, che cresciate di grazia in grazia, di potenza in potenza, di gloria in gloria. Non indietreggiando, ma di gloria in gloria, avanzando costantemente. Io continuerò a pregare per voi.) …

18.  egli illumini gli occhi del vostro cuore…

182      Sapete, nella Bibbia è detto che eravate ciechi senza saperlo. Ma qui, Paolo dice: “Pregherò affinché gli occhi del vostro cuore…” Ecco di cosa parla. Voi guardate coi vostri occhi ma vedete col vostro cuore. Lo sapete. Bene. “Affinché il Dio della gloria...” Vediamo un po’, il verso 18.

…egli illumini gli occhi del vostro cuore, affinché sappiate a quale speranza vi ha chiamati, qual è la ricchezza della gloria della sua eredità che vi riserva tra i santi,

e qual è verso di noi, che crediamo, l'immensità della sua potenza. (Dicono che la potenza se ne sia andata? La potenza non è ancora arrivata.) Questa potente efficacia della sua forza...

“Voi che avete creduto nell’immensità della Sua potenza, la mia preghiera è che Dio versi la Sua potenza su di voi”. Vedete?

…egli l'ha mostrata in Cristo, quando lo risuscitò dai morti e lo fece sedere alla propria destra nel cielo,

al di sopra di ogni principato, autorità, potenza, signoria e di ogni altro nome che si nomina…

183      Oh. No, meglio di no, potremmo di sicuro passare il resto della serata su ciò.

...ogni altro nome che si nomina non solo in questo mondo, ma anche in quello futuro.

184      Cos’è ciò, ogni nome…? Quale nome porterà ogni persona? [L'assemblea dice: “Gesù”. - Ed.] L’intero Cielo porta il nome di Gesù. L’intera Chiesa porta il nome di Gesù. Tutto porta il nome di Gesù, perché è il solo nome che Dio abbia mai avuto. Egli è chiamato Jehovah, Jehovah-Jireh, il Signore ha provveduto un sacrificio; Jehovah-Rafah, il Signore che ti guarisce; Jehovah-Nissi, il Signore nostra bandiera, Jehovah… i diversi attributi di Jehovah. Egli è chiamato la Stella del Mattino, è chiamato Padre, è chiamato Figlio, è chiamato Spirito Santo. Egli è chiamato Alfa e Omega, il Principio e la Fine. Egli è chiamato il Germoglio. Oh, è chiamato con ogni genere di titoli, ma possiede un solo nome.

185      Ecco di che si tratta in Matteo, quando Egli ha detto: “Andate dunque, ammaestrate tutti i popoli, battezzandoli nel nome”, non nei nomi, “nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”. Padre, non è un nome; Figlio, non è un nome; Spirito Santo, non è un nome. È un titolo che si riferisce ad un nome. È il nome di tre attributi che appartengono ad un solo Dio. Qual’era il Suo nome? L'angelo disse: “Gli porrai nome…” [L’assemblea dice: “Gesù”. – Ed.], “perché Egli salverà il Suo popolo dai loro peccati”. È per questo motivo che nella Bibbia tutti battezzavano così. È in questo modo che San’Agostino ha battezzato il re d'Inghilterra, circa centocinquanta, duecento anni dopo la morte di Cristo: nel nome di Gesù Cristo. Molto bene.

…al di sopra di ogni principato, potestà, potenza, signoria e di ogni nome che si nomina non solo in questa età, ma anche in quella futura,

ponendo ogni cosa sotto i suoi piedi, e lo ha dato per capo sopra ogni cosa alla chiesa, che è il suo corpo…

186      Ora, se il mio corpo ha autorità su ogni cosa, allora ciò che è il mio corpo, questo è ciò che sono io. Non è vero? È ciò che sono io, è così che voi mi conoscete. È ciò esatto? Ebbene, allora, tutto ciò che Dio era, Egli l'ha riversato in Gesù, perché era corporalmente la pienezza della Deità. Non è vero? E tutto ciò che Gesù era, l'ha riversato nella chiesa. “Queste cose che faccio Io, le farete pure voi. Ne farete anche di più grandi, perché Io vado al Padre”.

…che è il suo corpo, il compimento di colui che compie ogni cosa in tutti.

187      Oh, amo veramente ciò! Amo veramente ciò! L'altro giorno, leggevo un libro nel quale si descriveva il mio viaggio in Africa, quando sono andato per esercitare il mio ministero. Non l'avevo mai letto prima. Quanti hanno mai letto questo libro: «Un Profeta Visita l’Africa»? Guardavo un piccolo ragazzo indiano. Quanti hanno visto quella foto?

188      Ho sentito un certo evangelista che prega per i malati da una quindicina d’anni o più, che diceva: “In tutta la mia vita non ho mai visto avverarsi un miracolo”. Diceva: “Ho visto delle persone, che dicevano di soffrire di mal di testa, essere guarite. Ho visto delle persone, che dicevano di avere mal di stomaco, essere guarite e così via. Ma un miracolo, qualcosa che avrebbe creato e prodotto qualcosa…”

189      Mi son detto che questo giovane avrebbe dovuto essere laggiù, per vedere ciò. Una delle gambe di quel piccolo indiano era pressappoco grossa così. L'altra era normale, una gamba normale di un essere umano. E, se voi notate, il suo apparecchio ortopedico, la sua scarpa era sollevata di circa quattordici o quindici pollici [35 o 37 cm. -Ed.]. C'era una placca di metallo sotto. La sua scarpa era montata su due lunghi supporti. Egli ha camminato dritto fin dove mi trovavo. L’avevano fatto salire sulla piattaforma. Lui aveva due stampelle. La sua grossa scarpa di ferro la lasciava ricadere pesantemente. Ho guardato la sua gamba: era pressappoco grossa così.

190      Ora, quelle persone, sono musulmane. Vi ricordate che, domenica scorsa, vi ho letto ciò che i giornali avevano scritto? Ho anche l'articolo qui, dell'Africa, si. Me l’ha mandato un missionario, il fratello Stricker, che ritornava da laggiù. C’è l'articolo su Billy Graham, quando ha fatto retromarcia, là. Esattamente. Lasciano che i musulmani lo costringano a riprendere il mare. Di cosa si tratta? I missionari abbandonano il campo. A che serve rimanere più a lungo? Loro sono semplicemente battuti.

191      Io amo Billy Graham, credo che sia un formidabile uomo di Dio. Ma Billy Graham avrebbe dovuto rispondergli, dicendo: “Aspetta un istante…” Se alcuni di questi formali Battisti l'avessero lasciato fare, credo che egli l'avrebbe fatto. Credo che Billy Graham sia un uomo di Dio. Ma se avesse detto: “Aspetta un istante! Io sono un ministro del Vangelo. Tu credi all’Antico Testamento e hai detto che Gesù era soltanto un uomo. Ti sfido ad affrontarmi in un dibattito”. Io non credo che si debbano accettare le sfide del diavolo, no, signore, ma l'avrei sfidato e avrei detto: “Lascia che tu ed io abbiamo un incontro. Io sono un dottore in teologia”. Billy Graham è un dottore in teologia. “Ti sfido ad affrontarmi su questo argomento ed io ti proverò che Gesù era il Cristo. Ora, per quel che concerne la guarigione divina, non possiedo quei doni, ma ci sono dei fratelli, da noi, che li possiedono. Adesso, se volete riunire le persone laggiù, vado chiamare uno di loro, Oral Roberts o qualcun altro, qualcuno che abbia un grande ministero, che sarebbe veramente efficace”. E laggiù, allora, si sarebbe visto ciò che sarebbe successo. Poi avrebbe detto: “Il Cristianesimo non è ciò che pensate”.

192      Ma, adesso, tutti sono delusi, perché egli li ha piantati e se ne è andato. Naturalmente, non credo che si debba lasciare che il diavolo vi lanci una sfida. Io gli ho risposto pure duramente e l'ho piantato là. Proprio così. Ma quando si arriva al punto in cui… Billy avrebbe potuto far si che i musulmani si sentissero come della malerba. Avrebbe potuto prendere la Bibbia, prendere Isaia 9:6 e dire: «Di chi parlava egli: “Un Fanciullo ci è nato, un Figlio ci è stato dato”? Chi era quest’Uomo? Di chi parlava? Chi era questo Profeta, questo Messia che doveva venire? Mostratemi dove Egli si sia manifestato in Maometto. “Egli è stato trafitto per i nostri peccati, schiacciato per le nostre iniquità, il castigo per cui abbiamo la pace è su di lui, e per le sue lividure noi siamo stati guariti”. Mostratemi ciò in Maometto. Quando Egli gridò “Mio Dio, Mio Dio, perché mi hai abbandonato? Hanno forato le Mie mani e i Miei piedi”, e così via. Mostratemelo con la vostra stessa parola, col vostro testamento». Ebbene, egli avrebbe dato una tale batosta a questo musulmano al punto che questi non avrebbe saputo più dove si trovasse. È esatto.

193      Ma quando il giornale ha dovuto fare il voltafaccia… è ciò che mi ha fatto male, che mi ha dato un colpo al cuore. Diceva, là: “Benché Billy abbia dovuto fare retromarcia… abbia fatto retromarcia, come possono dichiarare i musulmani che ciò è falso, mentre con il reverendo William Branham, quando era a Durban, in Sud Africa, hanno avuto luogo dei miracoli incontestati, uno dopo l'altro, tramite la potenza divina e che, ad un dato momento, diecimila musulmani sono caduti sulla loro faccia ed hanno dato la loro vita a Gesù Cristo?” Assolutamente! Loro sono informati. Questi fondamentalisti, sono informati. Non venite a dirmi il contrario.

194      Una volta, uno di essi venne a Gesù, dicendo: “Maestro!” Sapete, era un fariseo. Disse: “Sappiamo che sei un dottore venuto da Dio. Noi lo sappiamo. Lo sappiamo perché nessuno può fare le cose che Tu fai se Dio non è con lui. Comprendiamo ciò. Lo sappiamo. Ma non possiamo confessarlo, vedi, perché se lo confessassimo, ebbene, ci metterebbero fuori dalla nostra chiesa. Vedi, perderemmo il nostro prestigio”. Ed allora, Gesù disse… cominciò a dirgli che doveva nascere di nuovo.

195      Ritornando a questo ragazzo musulmano, quando era là… ecco la sua foto. La macchina fotografica non prenderà una menzogna. Lui era là, una gamba era più corta dell’altra, circa quattordici pollici [35 cm. – Ed.]. Stava in piedi con la sua scarpa di ferro. Gli dissi: “Parli inglese?”

196       “No, signore”. Non parlava Inglese.

L’interprete disse: “Lui non parla Inglese”.

“Da quanto tempo sei in questo stato?”

L’interprete glielo chiese. “Sin dalla nascita”.

“Non puoi muovere affatto la tua gamba?”

“No, signore”.

“Credi in Gesù Cristo?”

Rispose: “Sono un musulmano”.

Dissi: “Accetterai Gesù Cristo se Egli ti guarisce?”

197       “Accetterò Gesù Cristo come mio Salvatore, se Egli potrà guarirmi”.

198       “Se Egli ti guarisce e quella gamba diventa come l'altra, Lo accetterai?”

“Si”.

199      Pensai: “Oh Dio, cosa farai?” Questa è la cosa successiva. Tutte le risposte sono state date. Fratello Mike, è questa la sensazione. Ho aspettato un minuto per vedere ciò che Egli avrebbe detto. Ho guardato e, là, ho visto il ragazzo che camminava accanto alle pareti. Dissi: “Quanti di voi musulmani, siete pronti ad accettarLo? Ecco un ragazzo musulmano, guardatelo mentre lo mettono in piedi”. Aggiunsi: “Voi medici, volete esaminarlo? Lui è là”. Oh, sapete dove siete, in quel momento. Vedete? Sapete dove state. Nessuno… Lui era là.

200      Dissi: “Cammina fin qui, figliolo”. Essi lo presero ed egli venne. Esclamai: “Si direbbe che sia dodici, quattordici pollici più corta. Pressappoco così”.

“Si”.

201      Dissi: “Ma Gesù Cristo, il Figlio di Dio, può guarirti. Voi musulmani, crederete e accetterete Lui come vostro personale Salvatore?”

202      Delle migliaia di mani nere si alzarono in aria, un po' dovunque. “Oh, Signore, è l'ora adesso”. Dissi: “Padre celeste, se mai hai risposto, rispondimi ora; questo è per la Tua Gloria, è per Te”. Ti prego di guarire questo ragazzo”. Ho pregato per lui, semplicemente così.

203      Dissi: “Togliti la scarpa”. L'interprete mi guardò in modo molto strano. Dissi: “Togliti la scarpa”. Lui la slacciò. Questo perché avevo visto già in visione ciò che stava per accadere. Lui la tolse. Quando l'ha riportata ed ha camminato fino a me, là, le sue due gambe erano completamente normali. Dissi: “Vuoi camminare qui, in lungo e in largo?”

204      Egli si mise a piangere. Camminava in lungo e in largo, non sapendo cosa fare. Camminava così, dicendo: “Oh, Allah! Allah!”

Dissi: “Gesù! Gesù!” Oh, “O Gesù! Gesù!”, allora. “Gesù! Gesù!”, così. Dissi: “Ci sono delle domande? Delle domande?”

205      Julius Stadsklev, quanti lo conoscono? Il fratello Stadsklev, è venuto qui in chiesa? È appena andato in Germania. Disse: “Un istante, fratello Branham, solo un istante. Fa’ venire un fotografo in fretta”. “Posso scattargli una foto?” Dissi: “Fai pure”.

206      “Cammina fin qui, mettiti qui con la tua scarpa”. Lui si mise così e si è scattata la foto del ragazzo, là, con le sue due gambe che erano proprio così normali e dritte come potevano esserlo. C'era la sua vecchia scarpa ed il suo vecchio apparecchio ortopedico.

207      Dissi: “Quanti di voi, musulmani, rigetterete, ora, Maometto, come profeta, crederete che Gesù è il Figlio di Dio e Lo accetterete come vostro personale Salvatore?” Diecimila mani si alzarono. Alleluia! Essi non vogliono…

208      Essi provano a far tacere la cosa, perché siamo degli “esaltati”, come ci chiamano. Vedete? Ma Dio opera ugualmente. Sta posizionando la Sua Chiesa. Egli fa infinitamente al di là di tutto ciò che potremmo fare o pensare. Egli è Dio, questa sera, come Lo è sempre stato.

209      Così, miei piccoli amici, permettetemi di dirvi qualcosa di seguito. Miei cari, voi gente preziosa, che siete qui in questo paese, come gli altri che sono nei paesi dove ascoltano i nastri registrati, oltremare ed ovunque voi siate: non abbiate paura. Va tutto bene. Dio, nostro Padre, sapeva, prima della fondazione del mondo, tutto ciò che sarebbe accaduto. Tutto opera come previsto. Lo amate? Tenete il vostro cuore retto.

210      E, ricordate, quando questo soffio passerà, da questa vita, voi gente anziana, o voi giovani, voi madri, quando vedrete i vostri bambini… questa bambina che è morta prima di avere otto o cinque giorni, sarà una bellissima giovane donna quando la vedrete. Quel vecchio nonno che era tutto curvato, che a stento riusciva a vedere dove andava, quando lo vedrai, nonna, lui sarà un giovane di bell’aspetto, di circa vent'anni, nello splendore della gioventù. Ed egli sarà per sempre così. Potrai toccargli la mano, stringergli la mano. Lo abbraccerai, ma lui non sarà il tuo “maritino”, sarà tuo “fratello”. Oh! Sarà più che un “maritino”. Pensi di averlo amato? Certo che lo hai amato. Ma ciò era “fileo”; aspettate finché avrete l'agapao. Aspettate finché arrivi questo vero amore divino e, allora, vedrete cos’è. Qui, è come una vecchia discarica fumante. Non c'è niente di buono, ciò non vale niente. La sola cosa che vi consiglio di fare adesso, è questo, miei amici…

211      Un po’ più tardi, io… Uno di questi giorni, vi piacerebbe che io continuassi, per vedere gli altri due capitoli? Il Signore… devo riposarmi un po’ prima di Chatauqua. Ora, non posso predicare queste cose in quelle riunioni, ci sono troppe credenze diverse. Vedete? Questo è solo per la chiesa. Vedete? Non posso predicare… Ma qui ho il diritto di predicare tutto ciò che voglio. Questo è il mio tabernacolo. Vedete? Io sto parlando a voi. Bene, credo che quelle persone siano salvate. Si, signore, lo credo realmente. Ma, oh, quanto è meglio camminare quando si sa dove si cammina. Questo è molto meglio, sapere ciò che si fa, vedete, al posto di avanzare a tentoni, brancolando. Teniamoci dunque in piedi, nella Luce, e camminiamo nella Luce, sapendo in quale direzione si è diretti. È vero. Che il Signore sia con voi.

212      Se ciascuno di voi, che ora siete qui, non è stato posizionato… È probabile che siate soltanto una casalinga. Ebbene, voi dite: “Fratello Branham, non ho mai fatto nulla in vita mia. Non sono un predicatore”. Ebbene, forse Dio ti ha fatto nascere qui affinché allevi una famiglia e, forse, da questa famiglia verrà fuori un'altra famiglia e un bambino di questa famiglia sarà un predicatore che manderà un milione di anime a Cristo. Voi dovevate essere qui. Siete qui per uno scopo. Sapevate ciò?

213      Ebbene, voi dite: “Non ho mai fatto altro che passare l'erpice in queste vecchie zolle di terra. Ed io ricominciavo ogni sera, non sapendo come fare per supplire ai bisogni dei miei bambini. Guardavo questi poveri piccoli che non avevano scarpe. Restavo seduto là, a piangere. Sono riuscito ad avere un vecchio calesse, e mamma ed io andavamo in chiesa”. Non preoccuparti, fratello. Continua semplicemente ad amarLo. Egli ha un scopo per te. Resta esattamente come sei, continua semplicemente ad andare avanti. Vedi? Forse non predicherai mai un sermone, ma potresti essere il bisnonno di qualcuno che lo farà.

214      Sapevate che Dio ha attribuito a, (vediamo un po’, ora, come si chiamava?) Levi, di avere pagato la decima mentre era nei lombi di Abrahamo, quando Melchisedek gli è andato incontro? Quanti lo sanno? E, vediamo un po’. Abrahamo generò Isacco; Isacco generò Giacobbe; Giacobbe generò Levi; vale a dire: padre, nonno, bisnonno. Quando era nei lombi, nel seme del suo bisnonno, la Bibbia gli ha attribuito di aver pagato le decime a Melchisedek. Oh, fratello mio.

215      Un giovane inglese che si era convertito, laggiù, una sera, in Inghilterra, diceva: “Sono così felice! Sono così felice!”

216      Si, così felice di sapere che è la verità! E, un giorno glorioso, non so quando sarà quel giorno… ma se era una visione… non posso dire di essere stato qui. Ricordate, non dimenticate mai questo, e quelli che hanno i nastri registrati facciano la stessa cosa. Se ho avuto una visione o se sono stato trasportato nello Spirito, non lo so. Ma era reale, così come tengo il mio fratello Neville, proprio così reale. Ed io potevo guardare e parlare a queste persone. E, là, c'era la mia prima moglie, la quale non ha esclamato: “Marito mio", ma: “Mio caro fratello”. C'era là una ragazza con la quale uscivo, anni fa.

217      Forse ci sono dei suoi parenti seduti qui, Alice Lewis di Utica; una ragazza proprio molto perbene, una Cristiana. Si è sposata uno po’ tardi ed è morta partorendo il suo primo bambino. Alice Lewis. Io andai a vederla nella camera mortuaria. Ero appena ritornato a casa ed avevo appreso che lei era morta. Andai laggiù. Non c’era nessuno nel locale; dissi: “C’è una signora qui…” Il suo nome era Emmerke. Aveva sposato un bravo Cristiano e lei stessa era una brava Cristiana. Sono andato dovunque con questa ragazza, in ogni genere di posti e via dicendo. Eravamo solo dei ragazzi, di diciotto, diciannove anni. Una brava Cristiana. Non ho mai conosciuto niente di lei se non il vero Cristianesimo. Ed io ero un peccatore, ma uscivo con lei. E, suo marito era un Cristiano nato di nuovo, un vero uomo. Ed io non sapevo… sapevo che era morta, l'avevo visto sul giornale. Andai laggiù, essi mi avevano detto… Andai laggiù, da “Coot”, e chiesi: “Avete una signora Emmerke?” Lui rispose: “Billy, lei è proprio là, in quella stanza”.

218      Entrai e mi avvicinai alla bara. Pensai: “Alice, sono stato nelle prigioni sotterranee più oscure, sono andato sulle strade più buie. Tu ed io, abbiamo camminato insieme sulle strade e lungo il fiume. Una volta, quando c’erano quei vecchi «battelli teatro», sedevamo là, ad ascoltare l'organo a vapore. Passeggiavamo per le vie, tu eri veramente una signora! Quanto ringrazio Dio per la tua vita. Riposa, mia cara sorella, riposa nella pace di Dio”.

219      L'altra notte, nella visione, lei è venuta correndo verso di me, dicendo: “Mio benedetto fratello”, e mi ha abbracciato. Oh, oh, fratello, sorella, ciò mi ha cambiato. Io non potrò mai più essere lo stesso. È così reale! È proprio così reale come sto guardando voi. Dunque, non c'è nessun timore. Io potrei morire prima che la notte sia passata.

220      Voglio allevare il mio bambino, Giuseppe, là in fondo. Voglio vederlo dietro il pulpito, quando potrò prendere questa Bibbia… quando arriverà il momento in cui vedrò Giuseppe dietro il pulpito, in procinto di predicare, come un giovane uomo ripieno dello Spirito Santo, unto, con lo Spirito di Dio sopra di lui. Ed io credo che lui sarà un profeta. Quel giorno, quando l'ho visto, sei anni prima della sua nascita… Ricordate che vi dissi che lui doveva arrivare? Ricordate come l'ho chiamato, là, vicino l'altare, senza sapere ciò che stavo dicendo? Mentre consacravo dei bambini, ho detto: “Giuseppe, tu sei un profeta”.

221      L'altro giorno, era nel cortile, ed egli è entrato e mi ha detto: “Papà, Gesù ha una mano come la tua?” Ed io ho detto: “Ebbene, si, figliolo. Perché?”

222      Egli ha replicato: “Mi ero seduto sulla mia bicicletta e aspettavo che Sara”, (la sua sorellina), “arrivasse da scuola”. Si era seduto là. Non gli permetto di andare sulla strada; si era seduto così. Ed egli ha detto: “Ho guardato in alto e, quando ho guardato, c'era una mano come la tua, con una manica bianca, che stava sopra di me”. Ed egli ha aggiunto: “Poi, è salita”. Ha detto: “Era la mano di Gesù che saliva?” Ho guardato sua madre ed ella mi ha guardato. Siamo andati dalla signora Wood. Si è seduta qui, da qualche parte. Lo abbiamo interrogato, domanda dopo domanda, in tutti i modi possibili. Era una visione. Lui l’ha vista. Quando vedrò il giorno in cui il piccolo Giuseppe starà… Spero di vivere abbastanza per vederlo sposato, se Gesù tarda.

223      Sono un uomo anziano, ho dei peli grigi, qui, attorno al collo. Ho mandato… Voglio mandare ancora due o tre milioni di anime a Cristo, se posso. Sono determinato a predicare il Vangelo ad ogni angolo della terra. Si, signore. Con l'aiuto di Dio, lo farò. Allora, quando vedrò quel momento arrivare, fratello Mike…

224      Posso vedere il momento… Mamma, Meda, è così che la chiamo, la mia amata… vedete, lei è… diventiamo anziani, vedo i suoi capelli che diventano grigi, vedo che decliniamo e ci spegniamo.

225      Sono così riconoscente per Rebecca. Il suo professore di musica mi diceva, l'altra sera: “Oh! Se continua così, fratello Branham, è difficile dire dove potrebbe arrivare”. Vedete, progredisce nella musica. Voglio Sara all'organo, Rebecca al pianoforte e Giuseppe sul pulpito.

226      Quando vedrò ciò arrivare, che io e mamma entreremo barcollando; appoggiato al mio vecchio bastone, una sera, scenderò lungo la strada. Guardando nella sala, vedrò mio figlio tenersi là, unto con lo Spirito Santo, in procinto di predicare questo stesso Vangelo. Voglio prendere questo vecchio Libro e dire: “Figliolo, eccolo, è tuo. Tieniti a ciò, non fare compromessi su una sola Parola. Restagli fedele, tesoro. Non importa chi è contro di te, chi è contro… Dio sarà per te. Predica ogni Parola esattamente come è scritta là. Papà ti rivedrà dall'altra parte del fiume”. Metterò il mio braccio intorno a lei, a mia moglie, e attraverseremo il Giordano.

227      Nell’attesa, oh, Dio, permettimi di restare sul campo, fedelmente! Lascia che io… Qualunque sia il prezzo, ciò non importa, o quanto… questo che faccio, quello o l’altro. Permettimi di restare leale e fedele alla Parola del Dio vivente, affinché quando verrà quel giorno, e passerò dall’altro lato, possa io guardare laggiù e dire: “Eccovi. Oh, il mio prezioso amico, il mio prezioso fratello, la mia preziosa sorella”.

228      Giovane predicatore, va sul campo, resta al posto che ti compete. Tutti i giovani predicatori e via dicendo, non rimanete seduti, non rimanete seduti a non fare niente. Uscite, andate a guadagnare un'anima. Fate qualcosa! Andate, mettetevi all'opera. Non fermarti, giovane predicatore, laggiù. Dio benedica il tuo cuore.

229      Guardandolo, mi rivedo quando avevo pressappoco questa età, suppongo, o forse ero un po’ più giovane di lui. Avevo solo vent'anni e qualcosa, quando ho posto la pietra angolare, là. Mi ricordo che, all'epoca, portavo una giacca blu ed un pantalone bianco, e là ho posto questa pietra angolare, circa 31 anni fa. Vedete che età avevo? Ero solo un ragazzo. Mi sono tenuto là, ho posto la pietra angolare. Non ho fatto compromessi su una sola Parola. Sono rimasto fedele, esattamente come quando ho posto questa pietra angolare. La mia testimonianza è là, all'interno, l'avevo scritta sul risguardo della Bibbia; ho staccato ciò e l'ho messa nella pietra angolare, ed è ancora là. Possa essere scritta nel Cielo, sulle pagine della Parola eterna di Dio. Che io possa restare fedele fino alla fine. Chiniamo ora i nostri capi, solo un istante, per pregare.

230      Mentre concludiamo questa serata, che conclude questi… questo capitolo, non è giusto sia così; bisognerebbe portarvi il successivo, dove egli posiziona la Chiesa. Ve lo mostrerò uno di questi giorni, se Dio vuole. Devo prendere un po’ di riposo, adesso, prima che vada a Chatauqua, laggiù, per un’altra grande riunione, e poi, da là, partirò per andare in Oklahoma.

IN ALTO