HOME PREDICHE PROFEZIE LIBRI TRATTATI BIBBIA BIOGRAFIA VIDEO FOTOGALLERIA CONTATTI

La predica Perché le persone sono così agitate? di William Marrion Branham è stata predicata il 56-0101 La durata è di: 1 ora 50 minuti .pdf La traduzione BBV
Scaricare:    .doc    .pdf (opuscolo)    .pdf   
Leggere il testo in italiano e in inglese simultaneamente
Leggere il testo soltanto in inglese

Perché le persone sono così agitate?

1                   Sono così felice, questa mattina, di essere al tabernacolo; un cordiale buon giorno a tutti voi. Speriamo che questo giorno ci abbia trovati ancora al sevizio del Signore.

2                   Quando, un momento fa, abbiamo alzato le nostre mani, quanti hanno potuto cantare: « Io sono così meravigliosamente salvato dal peccato» ? Certamente, ero così felice, sembrerebbe il 100%, ho potuto notare che, ovunque, tutte le mani erano alzate in aria: “Io sono così meravigliosamente salvato dal peccato. Gesù dimora così dolcemente dentro.» Oggi, sono così felice per voi al riguardo.

3                   Ed ora, credo che la sorella, qui, sulla lettiga, sia un po’ al sole. Forse lei vorrebbe essere spostata. Non so se ciò la infastidisce; ho notato che lei aveva pure la mano alzata: “Così meravigliosamente salvato dal peccato.Gesù dimora così dolcemente dentro.”

4                   Oh, non è meraviglioso, quando Gesù di Nazareth può entrare nei nostri cuori, benedirci e fare di noi ciò che dovremmo essere? Anni fa, solevamo cantare un piccolo coro: “Egli fa di me ciò che dovrei essere. La Sua grazia può purificarmi e rendermi libero...» (qualcosa così). Come è meraviglioso! Ora, giusto prima di iniziare l’insegnamento per la scuola domenicale… Era destino che stamane io venissi a insegnare per la scuola domenicale.

5                   Mi ha fatto sentire bene, entrando dalla porta posteriore, vederli deporre qui le offerte di Capodanno. Quello mi ha fatto ricordare quando, molto tempo fa, il tabernacolo era appena nato. Ed è proprio come ai vecchi tempi, quando ascoltiamo il pastore che benedice la gente, per gli anni a venire della loro vita, e ringrazia per quello che Dio ha meravigliosamente fatto per loro.

6                   Ora, credo che io debba riferire a questo tabernacolo i motivi per cui… e dovrà essere il primo luogo in cui farò questo annuncio, piuttosto che negli altri. Questo è dattilografato e pronto per essere spedito. Tuttavia, credo che dovrei menzionarlo, dato che è il nuovo anno; non perché è Capodanno, ma perché è una nuova svolta del tempo.

7                   Credo che noi viviamo in un tempo glorioso e meraviglioso, in cui le persone, che vivono in questo giorno, hanno la possibilità di vedere le ombre della venuta del Figlio di Dio. Io credo ora, con tutto il mio cuore, che il mondo stia per esplodere nel più grande risveglio che abbia mai conosciuto, oppure andrà nel caos più oscuro che si sia mai conosciuto nella storia.

8                   Ed è un gran tempo per la gente di prendere una decisione sul da farsi. Se, per caso, oggi, c’è qualcuno qui che non ha preso la decisione giusta per Cristo, confido che ciò accada questa mattina, che in un dato momento della riunione, il vostro cuore dica: “Si, Signore, questo è il giorno in cui prendo la mia decisione di servirTi per il resto della mia vita.”

9                   È un giorno meraviglioso. Sono sicuro che, sui nostri occhi, ci sia stato un velo, persino sui credenti, fino al punto da non riuscire a vedere ciò che accade intorno a noi. E, molte volte, le persone condotte dallo Spirito sono fraintese dalla gente del mondo, perché vivono una vita cosi strana e bizzarra, una vita totalmente arresa al Signore Gesù.

10              Ora, alcune settimane fa… avevo promesso al Signore… otto o circa dieci giorni fa, quando nel 1946 sono partito (quando ho lasciato il tabernacolo), che Lo avrei servito con tutto il mio cuore in queste campagne, sapendo che ci sarebbe stato un grosso problema, là fuori, a motivo… e ciò avrebbe incluso una gran quantità di denaro e via dicendo. Così, avendolo letto, sapevo che, solitamente, quegli uomini che il Signore benedice giusto un po’… ci sono all’incirca tre cose principali che solitamente conducono un servitore a uscire dalla carreggiata. Osservate quali sono: il denaro, le donne e la popolarità. E quelle tre cose… Ho notato nelle Scritture che fu il denaro per il profeta Balaam, il quale per una somma di denaro vendette i suoi doni per andare… quando Balak gli offrì così tanto denaro. Molti di voi sono familiari con questa storia.

11              Per Sansone fu Dalila, la donna che lo corteggiò sul suo grembo finché egli le rivelò i segreti del Signore.

12              E per Saul fu la popolarità. Egli era un profeta; la Bibbia dice che lui fu annoverato tra i profeti. E, a motivo della popolarità, egli voleva essere grande e al di sopra di ogni altro. Egli cadde a causa di questo.

13              Queste sono le tre cause principali, che ho visto nella Bibbia, che hanno indotto gli uomini a cadere. Ed io chiesi al nostro Padre celeste di farmi scansare sempre tali cose, specialmente queste tre cose principali, e di tenermi al riparo da ciò.

14              Io ho fatto una promessa a Dio, che non avrei mai chiesto denaro nelle riunioni. Ed ho fatto un patto con Lui: se fossi arrivato al punto in cui Egli non avesse supplito ai miei bisogni nelle riunioni, se non tramite il passare il piatto delle offerte… poiché sapevo che ci sarebbero volute decine di migliaia di dollari per fare delle grandi riunioni. E, dopo, Gli dissi che avrei cessato, avrei lasciato il campo e sarei ritornato a casa.

15              Questo Egli l’ha fatto miracolosamente, senza che alcuna volta si sia fatta pressione per avere denaro. Tre o quattro amministratori persero il loro lavoro per aver fatto un po’ di pressione per il denaro, cosa che io non avrei mai permesso. Io non credo in questo.

16              La gente, qui in città, potrebbe pensare… ebbene, il Signore ci ha dato una piccola casa lassù. Il denaro, per la sua costruzione, fu raccolto in una sera. Qualcuno potrebbe pensare: “Beh, lui è un multimilionario.” Io desidero soltanto che sappiate la verità. Vedete? Voi potreste avere un’opinione diversa. Io avrei potuto esserlo, ciò è esatto. Ma io… anche senza elemosinare, le persone vengono semplicemente e dicono: “Io ti do questo, fratello Branham,” ma io l’ho rifiutato, non lo voglio. Non voglio avere niente a che fare con questo. È sozzura. Voglio che la mia eredità sia lassù.

17              Sapendo che, giorno dopo giorno, i capelli sul mio capo diventano grigi; non sono più il giovanotto che ero quando iniziai a predicare, qui, ventitré anni fa. Vedete? Ed io so una cosa, non importa quanto abbiate di questo… Che profitto ne avrebbe un uomo se guadagnasse il mondo intero e dopo perdesse la sua anima?

18              Così, ho visto quella cosa maledetta. E, in questi ultimi giorni, dei predicatori e delle persone hanno telefonato per diversi drammi in famiglia e altro.

19               Una signora mi chiamò l’altra sera. Mi disse: “Non voglio dirti il mio nome. Mio marito è uno dei più famosi evangelisti sul campo, con un ministero di guarigione. L’ho sorpreso proprio mentre stava per commettere adulterio con una ragazza di diciotto anni; egli mi ha confessato che lo faceva da due anni.» E aggiunse: “Cosa devo fare, fratello Branham?” Io risposi: “Signora, non lo so.» Dissi: “Pregherò per il mio fratello, per la sua anima.”

20              Noi abbiamo cercato di evitare simili cose. Ed Egli mi ha miracolosamente assistito ed aiutato all’incirca fino alle due ultime riunioni. Soltanto nella mia ultima riunione in California… nelle due ultime riunioni mi sono indebitato per 15.000 dollari. Essi dissero: “Tu devi elemosinare, devi dirlo alla gente. Loro vogliono essere sollecitati.”

Io dissi: “Quella non è la promessa che ho fatto a Dio”.

Qualcuno disse: “Io lo sottoscriverò.”

Risposi: “Quella non è la promessa che ho fatto a Dio”.

21              Così, per mantenere la mia promessa, come avrei fatto con il mio prossimo, così l’ho fatto verso Dio. Io non volevo dirlo a mia moglie né al mio ragazzo, sulla strada verso casa (ritornavo dalla California), mi ero fermato per delle riunioni di evangelizzazione. Dissi: “Rientrerò, mi riposerò alcuni giorni e vedrò ciò che il Signore Gesù dirà; e se non c’è altro, andrò ad aiutare il fratello Neville nel suo ufficio di pastore, al tabernacolo.” Aggiunsi: “Io farò qualcosa, predicherò il Vangelo e andrò a lavorare come solevo fare, pattugliando le linee della Public Service Company, o qualcosa del genere; e predicherò. Gli lascerò la domenica mattina o la domenica sera e prenderò l’altra riunione; lui avrà il mercoledì e io avrò il martedì o qualcosa del genere.» Dissi: “Noi andremo avanti con le riunioni, mi troverò un impiego e andrò a lavorare.”

22              Io lo feci. Mi trovai un lavoro, lì, con il fratello Wood, traslocando case e altro. Andai semplicemente a lavorare; ebbi un impiego. Ciò fece male a mia moglie e a Billy. Loro dissero... Billy disse: “Papà, sono certo che stai sbagliando.”

23              Dissi: “No, io sto agendo in modo corretto, mantengo la mia promessa.» Gli dissi: “La mia promessa...» Non importa cosa sia, se un uomo non vale quanto la sua parola, io non voglio... non potreste dargli fiducia, perché lui non vale nulla. Vedete? Così, c’è una cosa che una persona deve sempre essere, ed è di essere onesto. Dite le cose in modo che possiate ritornare, dirlo un milione di volte e sarà la stessa cosa. Vedete? Siate semplicemente onesti. Non importa se è cattivo o se è buono, siate onesti. E se ciò è contro di voi, ditelo comunque; oppure rimanete in silenzio, non ditelo affatto.

24              Dunque, sento che, in quel modo, Dio benedirà un cuore onesto. E, conoscendo la posizione in cui mi trovo, per sconfiggere la malattia e le altre cose della gente, per pregare il Signore Gesù secondo la Sua divina Parola e la Sua chiamata, devo essere onesto di cuore per farlo, poiché il diavolo sa se voi lo siete oppure no. Egli non vi presterà attenzione. A me non importa quanto forte gridiate, né come cerchiate di apparire, lui non vi presterà attenzione. Proprio così. Ma Dio lo farà, se siete onesti.

25              Così, io dissi: “Glielo dirò quando arriverò in Arizona,” (dopo che lasciai la California). Io non ebbi il coraggio di farlo. Così, dopo… Dissi: “Lo farò nel Nuovo Messico,” e così via. Infine glielo dissi arrivando proprio quaggiù in Indiana. Or dunque, essi lo compresero piuttosto bene, ma Billy no. Egli disse: “Papà, credo che tu stia facendo un errore.”

26              Dunque, ritornai a casa stanco, esausto, indisposto e piangendo. Andai a letto, quella notte e, dopo che mia moglie si era addormentata, andai nella stanza, mi inginocchiai e dissi: “Caro Gesù, io non so cosa fare. Eccomi di nuovo laddove ho iniziato. Suppongo d’aver fallito.” Circa due ore dopo, Egli mi apparve e mi mostrò una visione. Una simile panoramica di gente non l’avevo mai vista. Nella visione parlavo a mia moglie.

27              Ora, voi che mi conoscete, sapete che non sono un fanatico. Io non dico queste cose, a meno che sia la verità. Questo è esatto. Ed io vidi questo, vidi il fratello Arganbright stare là. Andai da lui ed egli disse: “Fratello Billy, abbiamo distribuito tutti i biglietti di preghiera e, ora, è tutto pronto per la riunione. Abbiamo trovato il modo di farti entrare ed uscire.”

Io dissi: “Ti ringrazio, fratello Arganbright.”

Mi feci avanti, in modo da poter vedere più fratelli. C’era un altro fratello che predicava. Ed io dissi: “Chi è lui?”

Loro dissero: “L’hanno messo lassù.”

28              Dissi: “Chi sono loro?» Ed essi si girarono e andarono via. E quell’uomo fece… congedò l’uditorio e li lasciò andare. Io dissi: “Oh, lui non l’avrebbe dovuto fare, perché non c’è stata una chiamata all’altare.”

“Oh,” egli disse… Un altro prese la parola e disse: “Abbiamo raccolto l’offerta.”

Dissi: “Da quando, davanti a Cristo, l’offerta è più importante delle anime?” Vedete?

29              In quel momento l’Angelo del Signore mi portò via e mi condusse presso un corso d’acqua, veramente limpida. Era un’acqua dell’azzurro più bello e grandi pesci nuotavano in essa. Egli disse: “Io farò di te un pescatore.” E aggiunse: “Ora, getta, in acqua, la tua lenza con l’esca e, quando l’avrai fatto, tira lentamente la prima volta; la volta successiva, dai solo un piccolo strattone, non troppo forte; e la volta seguente, sistema il tuo amo per la presa.”

30              Io cominciai a gettare la mia lenza nell’acqua, tirai ed ognuno cominciò a rallegrarsi e a dire: “Questo è meraviglioso! Questo è meraviglioso!» Io ero tutto entusiasta e, la volta dopo, diedi uno strattone, tirai il pesce e tutto il resto fuori dall’acqua. Quello era un pesciolino insignificante, la sua dimensione era all’incirca quanto l’esca. La mia lenza era tutta aggrovigliata. Io stavo sistemando la mia lenza e l’uomo che parlava dietro di me venne a mettersi di fronte, vestito con abiti palestinesi e con un turbante in testa. Egli aveva una veste bianca. Disse: “Fratello Branham, questo è tutto.”

Io dissi: “So di non averlo fatto in modo corretto.» Aggiunsi: “Ho dato uno strattone mentre non dovevo farlo.”

Egli disse: “Non aggrovigliare la tua lenza, in tempi come questi.”

Ed io risposi: “Ebbene, la dipanerò come meglio posso. Starò molto attento.”

31              Egli disse: “Ora, la prima volta che ti ho parlato, tu imponevi le mani alla gente e dicevi loro ciò che non andava. E nel secondo “Pull,” ebbene, quando l’hai esercitato, hai conosciuto i segreti dei loro cuori. Ed io ho fatto di te un veggente davanti alle persone. Ma tu hai cercato sempre di spiegarlo. Non avresti dovuto farlo.” E aggiunse: “Tu ne hai fatto una dimostrazione pubblica.»

Io dissi: “Sono molto dispiaciuto.”

32              Allora, Egli mi portò via ed io vidi una tenda immensa. Non avevo mai visto una simile tenda! Essa era gremita e attorniata dappertutto da gente. Ed io uscii verso... sembrava come se stessi al di sopra della gente, guardavo giù, dove avevo appena fatto una chiamata all’altare; centinaia e centinaia di persone stavano piangendo e rallegrandosi dopo che avevano accettato il Signore Gesù come loro Salvatore.

33              Io stavo osservando e, dopo, udii un uomo che si alzava in piedi e diceva: “Chiamate la fila di preghiera.” E, le persone, cominciarono ad allinearsi da questo lato, a sinistra e, mentre guardavo verso il palco, si formò una fila di preghiera che arrivava fin sulla strada. Notai, alla mia sinistra… sarebbe stata la mia destra, se fossi stato sul palco, una piccola costruzione in legno. Vidi quella Luce (della quale essi hanno scattato una foto, sapete, quella è sempre nelle riunioni). Vidi quella Luce che mi lasciava ed entrava in quella costruzione, entrava in quella costruzione e, una voce, mi disse: “Io ti incontrerò lì dentro, quello sarà il terzo Pull.”

Dissi: “Perché?”

Egli disse: “Ebbene, non sarà una dimostrazione pubblica, come l’altra.” Ed io tornai in me.

34              Ed ora, all’inizio di questo nuovo anno… ritorno al mio tabernacolo, da dove ho iniziato. Vedete? Torno al principio, da dove ho iniziato. Io sono molto riconoscente a Dio per queste cose.

35              Molti di voi sanno che, proprio prima di partire per l’altra crociata, circa otto o dieci anni fa... credo che siano circa dieci anni... ebbene, sono passati nove anni, queste cose furono dette esattamente come le riunioni dell’auditorio… (voi lo ricordate) come il fratello Lawson sarebbe vissuto esattamente tre anni e dopo sarebbe stato preso. Il fratello Ward avrebbe costruito un tabernacolo, in questa direzione, quaggiù, tutto in modo esatto. Voi veterani lo sapete. È successo proprio in questa maniera e così sarà per questo! Poiché è il “Cosi dice il Signore!” Voi lo saprete.

36              Ed ora, io credo che, da questo momento, avranno luogo le più grandi riunioni che io abbia mai tenuto per il Signore Gesù; è proprio davanti a me, ora, sarà in un prossimo futuro.

37              Così, sapete, mi sento molto felice, stamane, di presentarmi davanti a voi, questa è la prima volta che il messaggio è stato dato, proprio qui, tramite questo microfono, per la gente del tabernacolo. Ed ora, ciò sarà sui giornali, i giornali religiosi come la “Voce della Guarigione”, “L’Araldo della Sua Venuta” e, tutto questo, in pochi giorni. È già dattilografato e pronto per partire. Pregate per me e, un certo, glorioso giorno, quando tutto sarà passato, noi ci incontreremo intorno al Suo trono… che tempo avremo!

38              E, ricordate, non ci sono solo io, là fuori, nei servizi. Io ho solo un piccolo ruolo, ma ci siete anche voi, qui, che mi sostenete. Vedete? Credo che questo piccolo, vecchio tabernacolo si estenderà e, quello che il Signore farà, sarà meraviglioso. Benedetto sia il Signore! Ora, andiamo direttamente alla Parola. Ma, prima, lasciate che diamo solo una breve parola di ringraziamento al Signore Gesù.

39              Nostro Padre celeste, Ti siamo così riconoscenti, oggi, per il... che Tu sei qui, in questa epoca moderna, nell’epoca delle automobili, degli aeroplani, dei Jet, dei missili e di tutti i prodotti della scienza: il telefono, la televisione, le moderne armi atomiche e così via. Tu sei ancora il supremo, potente, onnipotente, onnisciente Dio che ha creato i cieli, la terra e modellato il cielo.

40              Dio, non possiamo spiegarlo. Non possiamo spiegarlo, né possiamo spiegare perché il cielo non ha una fine; come il mondo può ruotare intorno in modo così perfetto che, loro possono dire, con vent’anni d’anticipo, quando avverrà un’eclissi di sole, perché il Tuo meccanismo funziona perfettamente. Noi non possiamo produrre una macchina che sia così precisa.

41              Oh, ma il grande Jehovah, che mantiene questa terra qui nello spazio, è perfetto. E, noi, Ti amiamo, tutte le Tue azioni sono giuste e corrette. Noi ci sottomettiamo a Te questa mattina, all’inizio di questo nuovo anno, e chiediamo che Tu ci riempia tutti con lo Spirito Santo. Signore, attiraci più vicini a Te e possano le Tue braccia eterne cingerci e trattenerci, Signore, perché i tempi sono agitati e tetri, ma la Stella del Mattino ci conduce lungo la via. Noi vogliamo seguire, Signore. Io andrò dove Egli mi conduce. Per alcuni attraverso le acque, per altri attraverso le inondazioni, per altri ancora attraverso grandi prove, ma tutti attraverso il sangue.

42              Oh, Dio, guidaci per mezzo della Tua mano eterna, finché sia riportata la vittoria e Gesù ritorni sulla terra. Il peccato, la malattia e il dolore cesseranno e, noi, vivremo con Te questo glorioso Millennio. Noi aneliamo quel gran giorno. Vieni oggi e ungi la Tua Parola, Signore Gesù. Penetra in Essa. Circoncidi le labbra di colui che parla e i cuori di chi ascolta. Possa il seme cadere nei cuori, dove lo Spirito Santo lo seminerà, in modo da produrre il centuplo. Noi lo chiediamo nel nome di Gesù. Amen.

43              Ora, Dio vi benedica e vi aiuti mentre passiamo all’insegnamento della Parola. Se mi sarà possibile, cercherò di non trattenervi troppo a lungo per la lezione della scuola domenicale, perché subito dopo abbiamo il servizio di guarigioni e la preghiera per gli ammalati.

44              Il Signore Gesù è stato così buono verso di noi. Parlavo con il fratello Neville... Dimenticavo, credo che il fratello Cox era con noi quando, una volta, siamo andati a pregare per una piccola madre, quassù, a Charleston, morente nel letto, con le ultime speranze. Il cancro l’aveva divorata. Dio guarì meravigliosamente e miracolosamente quella piccola donna. Suo fratello è un predicatore, il piccolo Junior Cash; oggi egli è fuori a predicare il Vangelo e a pregare pure per gli ammalati. Egli ha appena avuto un gran risveglio a Henryville. Il fratello Neville mi stava giusto dicendo come è progredito il piccolo fratello Junior. Sono così felice di questo.

45              Vedete, gettate il vostro pane sulle acque, esso ritornerà a voi un certo giorno. Seminate la buona semenza e raccoglierete il buon raccolto. Se seminate la semenza sbagliata, raccoglierete le cose sbagliate. Voi non potete andare, allo stesso tempo, ad est e ad ovest. Voi andate per una via o per un’altra. Questa mattina, o vi volgete verso Dio con tutto quello che è in voi, aspettandoLo, oppure vi volgete in un’altra direzione. A volte, voi credete di procedere correttamente, mentre procedete male; tuttavia, non potete andare, allo stesso tempo, a destra e a sinistra. Quando uscite, se vi dirigete a sinistra, andrete a sinistra e uscirete a sinistra. Se vi dirigete a destra, uscirete a destra, non potete far altro che andare a destra. Potrebbe sembrare che procediate male, tuttavia, state procedendo in modo corretto.

46              Seguite la bussola, e la bussola è lo Spirito Santo. Il polo magnetico del nord mantiene la bussola esattamente in direzione nord. Non è meraviglioso che l’elettronica dell’aria...

47              Alcuni anni fa, ero vicino al Polo Nord, lì si vedono quelle aurore boreali infiammare il cielo; la notte nera è illuminata da bagliori gialli e verdi, così che è tanto chiaro, come in questa sala, per potersi spostare. Ed io pensavo che, da qualche parte, laggiù nell’America Centrale, quella bussola si girerà direttamente verso questo polo magnetico. Vi condurrà ogni volta verso nord. Quanto è glorioso avere un sistema magnetico nella gloria; ed ogni uomo che ha ricevuto una bussola per condurlo attraverso questa vita, sarà condotto verso Gesù Cristo, così certo come oggi siamo seduti in chiesa.

48              Ora, nella Sua meravigliosa Parola, il capitolo 19... vi chiedo scusa, è il capitolo 10° di Ebrei, verso 19. Desidero che ascoltiate attentamente mentre leggiamo.

19. Avendo dunque, fratelli, libertà di entrare nel luogo santissimo per mezzo del sangue di Gesù (Come è meraviglioso),

20. per quella via nuova e vivente che egli ha inaugurata per noi attraverso la cortina, vale a dire la sua carne,

21. e avendo noi un grande sacerdote sopra la casa di Dio,

22. avviciniamoci con cuore sincero e con piena certezza di fede, avendo i cuori aspersi di quell'aspersione che li purifica da una cattiva coscienza e il corpo lavato con acqua pura.

49              Possa il Signore Gesù concederci questo in risposta alla Parola. Amate la Parola? La fede viene da ciò che si ascolta, da ciò che si ascolta dalla Parola di Dio. Ora, giusto per il servizio di insegnamento, può darsi che, per i prossimi trenta o quaranta minuti... Andiamo direttamente nella Parola.

50              Dunque, la nostra fede non può riposare sul nulla. Un Cristiano deve avere un saldo luogo di riposo per la sua fede. E, sapete, il solo luogo dove un Cristiano, un vero Cristiano nato di nuovo, possa far riposare la sua fede, è sulla Parola immutabile di Dio. Essa non è costruita sulle sabbie mobili della teologia e delle dottrine umane, o sull'affiliazione ad una qualsiasi chiesa; ma un vero credente ha la sua fede ancorata saldamente, mentre si accosta alla Parola di Dio.

51              Ho raccontato da qualche parte, forse qui, che, alcune sere fa, avevo un desiderio così forte di predicare che predicai a mia moglie, a letto, fino a mezzanotte, dicendole semplicemente quanto Gesù era glorioso. Un testo era venuto nel mio cuore. Ciò ardeva così tanto in me, a tal punto da non poter riposare. Dissi: “Tesoro, desidero predicarti un momentino.” Lei si raddrizzò e mi fece la grazia di ascoltare.

52              Dissi che la fede del Cristiano è basata saldamente sul riposo. Ciò è esatto. Un Cristiano non è sballottato. Un Cristiano non corre da un posto all’altro. Un Cristiano non si agita, non si irrita e non si preoccupa. Un Cristiano si riposa. Tutto è terminato. Per il credente, tutto si è concluso al Calvario. Proprio così. Oh, la malattia e le delusioni possono venire, ma il Cristiano si riposa, sapendo che Dio è in grado di mantenere ciò che Egli ha compiuto. Sapendo che, non importa cosa sia questo o come possa sembrare, non c’è malattia, né dolore, né morte, né fame o alcunché che possa separarci dall’amore di Dio che è in Cristo Gesù. Noi siamo a riposo. La vecchia imbarcazione può oscillare come vuole; l’ancora tiene.

53              Una volta, passavo vicino ad un porto e vidi ciò. Stavamo viaggiando in aereo e volavamo a bassa quota. C’era una grande e vecchia imbarcazione, là. Le vele erano state abbassate, sapete. E, oh, che tempesta sul mare. Essa era sballottata! Io vedevo quella vecchia imbarcazione lì che dondolava avanti e indietro, mentre delle onde entravano ed altre passavano sotto. Dissi: “Mi chiedo il perché.» E qualcuno disse: “Essa ha un’ancora galleggiante, perciò l’imbarcazione non può affondare.” Aggiunse: “Essa può attraversare le onde ma non può affondare, poiché è ancorata.”

54              Dissi: “Oh, Dio sia lodato, noi abbiamo un’ancora.» Certe onde possiamo passarle di sopra, alcune possiamo passarle di sotto, ma senza preoccuparci se l’ancora tiene... Non è l’imbarcazione che tiene, è l’ancora che tiene. Non si tratta di ciò che sono io o di quel che sarò, né di quello che ero; si tratta di quello che Egli è ora, e di ciò che ha fatto per me e per te.

55              Non si tratta di ciò che posso fare io, si tratta di quello che Egli ha fatto. La mia fede non è ancorata in ciò che accadrà nelle riunioni a venire. La mia fede non riposa su qualche competenza che potrei avere, o sulla chiesa alla quale dovrei unirmi, o sulle persone con le quali dovrei associarmi. La mia fede è ancorata e riposa interamente sull’opera compiuta e già ricevuta del Signore Gesù.

56              Dio Lo ha giustificato risuscitandoLo dai morti. “Questo è il Mio diletto Figlio nel quale mi sono compiaciuto,” e Dio Lo ha risuscitato dai morti per la nostra giustificazione. Non meraviglia che il poeta disse:

Vivendo, Egli mi amò; morendo, mi salvò;

sepolto, portò via i miei peccati;

risuscitando, gratuitamente mi giustificò per sempre,

un giorno Egli verrà, O glorioso giorno!»

57              Sui mari in tempesta, il Cristiano riposa con quella speranza. Certo, le tempeste si alzano con ogni sorta di difficoltà, ma noi siamo ancorati. Quello è tutto. Non affonderà mai, non può affondare.

58              Ora, nel corso della mia vita ho notato molti Cristiani avere alti e bassi. Mi sono meravigliato di ciò. E, al posto di predicare un testo come questo, nelle altre chiese dove mi reco, ho pensato fosse meglio portarlo alla mia gente, qui, al tabernacolo, avendo come tema: « PERCHÉ LE PERSONE SONO COSÌ AGITATE?»

59              Ci sono persone che sembrano essere molto religiose, che sembrano avere un desiderio così profondo e che ogni giorno cercano e ricercano Dio, ma non arrivano mai ad una soluzione per la quale potrebbero essere stabili e ancorati in Cristo. E questo l'ho appreso con l’esperienza, è la categoria degli intellettuali.

60              Ora, dato che parliamo di questo, ci sono due diversi tipi di Cristianesimo. Ciò sembra strano, ma non dovrei dire due tipi; direi due fasi differenti, sarebbe una parola migliore da usare. Non due tipi, due fasi; lo stesso Cristianesimo, ma due fasi di questo. Ed una di esse è una concezione intellettuale o cerebrale di ciò che Dio ha detto nella Sua Parola e di Gesù Cristo, per mezzo della conoscenza. L'altra è un'esperienza vissuta che Dio ha dato all'uomo nel suo cuore.

61              Gli uni sono intellettualmente affamati. Si rallegrano con Dio, ma la loro gioia non dura. Gli altri sembrano avere sempre la vittoria. Non c’è nulla che li disturbi. Loro sono così saldi e ancorati per quanto lo si possa essere. Non ci sono prove, né tempeste che li possano infastidire. Sembra, piuttosto, che abbiano qualcosa in loro, e le persone che si professano Cristiane e cercano di vivere per Dio, ammirano quel genere di Cristiani. Ed io, spesso, mi sono domandato: “Signore, cosa hanno queste persone che gli altri bramano così tanto e, tuttavia, sembra che manchino di ottenerlo?”

62              Ed io so che questa è la grande domanda nei cuori di tutti noi che abbiamo servito Cristo. Io non ho ancora visto nessuno, tranne che siano venuti una volta a Lui, per i quali la vita non sembrerebbe più corretta, se, in seguito, accadesse loro di lasciare Cristo.

63              Ieri, discutevo con un piccolo uomo di colore che mi parlava di un predicatore che si era tirato indietro, aveva strappato i testi delle sue predicazioni e li aveva gettati nella pattumiera, dicendo: « Ho finito con tutto questo.» La domenica successiva, prese una cassa di birra, si sedette in un posto e la bevve. Un paio di settimane dopo, lui era disteso sul letto di morte.

64              Se avessi tempo vorrei spiegarvi questo, come ciò opera nella Bibbia, ma sarebbe fuori testo. Quello è un altro tema: come ha fatto Satana ad entrare e a prendere quella persona? Dio ha dovuto portare a casa il suo figliolo. Ecco tutto ciò che poteva accadere.

65              Ma, adesso, vediamo questa fame che hanno le persone e, tuttavia, sono incapaci di soddisfarla. E, molti dei nostri insegnanti, nelle scuole, hanno portato molta teologia, dicendo alle persone: « Ebbene, questo è per il fatto che non avete gridato, perché non avete parlato in lingue o perché non avete questo genere di doni.» Ora, non ho niente da dire contro tali cose ma, nel complesso, si può notare che, queste persone, quando gridano, parlano in lingue o esprimono qualche altra emozione, non sembrano tuttavia essere quelle persone che dovrebbero essere. Ora, noi sappiamo che quello è vero. Ed io stesso, spesso, mi sono chiesto, cosa si potrebbe fare per una persona in quello stato d’animo. Così, sebbene sia così semplice nella Parola di Dio, noi cercheremo di spiegarlo. Ed ora, per fare questo, dopo che vediamo la parte intellettuale della mente e dell’anima, che è nel cuore…

66              Ora, voi avete in realtà due diverse facoltà mentali. Una di esse è nella vostra testa, tramite il vostro cervello, e l’altra, che è chiamata anima, agisce nel vostro cuore, il vostro spirito e la vostra anima. Dunque, esse, molto spesso, sono in disaccordo. Quando la testa sembra dire qualcosa, l’anima si domanda se ciò sia giusto. Ma quando ciò entra nell’anima, la testa sembra che faccia un passo indietro.

67              Ci sono state cose che vi sono accadute, che voi sapevate che stavano per accadere, tuttavia non riuscivate a spiegarvi il perché. E non c’era un motivo, voi non riuscivate a spiegarvelo, tuttavia, l’avete semplicemente accettato ed è accaduto proprio in quel modo. Ecco quando qualcosa accade quaggiù.

68              Nel corso delle grandi campagne, ho notato molte persone che venivano verso di me e dicevano: «Oh! Ho tutta la fede, fratello Branham!» Intellettualmente, hanno ragione qui, ma non è là nel loro cuore. Se fosse così, non verrebbero sul palco affinché si preghi per loro, in modo da aiutare la loro fede, se avessero fede.

69              Ora, questa mattina dobbiamo ritornare indietro e prendere un modello per esporvi questa immagine, come a bambini, ed io desidero che facciate molta attenzione. Io credo nell’utilizzo dei modelli, specialmente per la gente; è più facile per loro comprendere, quando viene illustrato. È bello insegnare ai bambini e tutti noi siamo dei bambini. Noi siamo semplicemente adolescenti in Dio. Chi oserebbe dire qui: “Io sono un adulto, cresciuto in Dio”? Noi non lo siamo, siamo soltanto dei piccoli bambini in Dio. Ciò è esatto.

70              Dunque, vogliamo cercare di portare questo in un punto dove possiamo vedere esattamente ciò che Dio fa. Così, ritorniamo ora indietro nell’Antico Testamento, per avere un quadro di questo, e prenderemo come esempio i figli d’Israele.

71              Quando essi attraversarono il Mar Rosso e, mentre si dirigevano verso la Terra Promessa, Dio, per la Sua sovrana grazia, faceva piovere, ogni notte, la manna dal cielo. E, le persone, andavano, prendevano questa manna e facevano del pane, delle focacce o altro. Mangiavano questo pane che li sosteneva fisicamente durante il viaggio. E noi scopriamo che, molte volte, se loro lasciavano la manna un po’ più a lungo sul terreno, essa si scioglieva, spariva. Proprio come la brina o qualcosa così sul terreno, essa non durava.

72              Ora, noi vediamo che quella stessa cosa accade nel Cristianesimo. Molte persone, prima delle nove, hanno fame. Voi avete, nel campo, molte… che dirò? Molte stelle nel campo. Molte persone vanno alla riunione e si rallegrano, giubilano e lodano il Signore mentre lo Spirito di Dio scende; ogni condanna ha lasciato i loro cuori. E, appena uno o due giorni, dopo il risveglio, essi si ritrovano, di nuovo, nelle loro vecchie abitudini. Tuttavia, avevano mangiato la manna.

73              Molte persone vengono a Cristo... Non è stato mai possibile, nel mondo Pentecostale, di fare vedere alla gente Pentecostale questa verità fondamentale. È così difficile perché, ogni chiesa, ha la sua dottrina ed essi ascoltano ogni giorno il loro pastore, e l’evangelista dirà qualcosa. Essi dicono: “Oh, bene, io ce l’ho, che differenza fa?» Tuttavia essi mancano di arrivare a questa verità.

74              Ora, spesso, ho detto, e lo faccio tuttora, credo in questa grande fede... o meglio, in questa fondamentale verità che Gesù ha espresso: “Chi ascolta la Mia Parola e crede in Colui che mi ha mandato, ha vita eterna e non verrà in giudizio, ma è passato dalla morte alla vita.» Comprendete?

75               “Chi ascolta la Mia Parola.» Oh, vorrei far penetrare questo in ogni cuore! San Giovanni 5:24 « Chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha vita eterna; e non viene in giudizio, ma è passato dalla morte alla vita.» Questa è la Sua Parola.

76              Cosa dovete fare? Credere, ascoltare. La fede viene da ciò che si ascolta e, ciò che si ascolta, viene dalla Parola; credere, applicarlo e riposare. Comprendete? La Parola dice così, ascoltatela. Il vostro cuore dice così, credetelo. E tutto il vostro essere riposerà in questo. Ciò è compiuto.

77              La fede viene da ciò che si ascolta. Gesù proferì la Parola: “Chi ascolta la Mia Parola e crede in Colui che mi ha mandato, ha vita eterna (che non termina mai, esiste sempre).” Non è meraviglioso? Una vita che esiste per sempre e non perirà mai; ma è già passato dalla morte alla vita, è passato dalla separazione alla presenza eterna. Amen!

78              Quando eri un estraneo davanti a Dio… hai cessato di esserlo; ora, tu sei un figlio. Dalla morte alla vita, dalle tenebre alla luce, dalla mortalità all’immortalità, dalla corruzione all’incorruttibilità, dalla preoccupazione alla gioia, dalla morte alla vita, e riposando totalmente sul “Così dice il Signore.” Non sui sentimenti, sulle emozioni mentali, sulla teoria o su qualcosa di sconosciuto che qualcuno vi ha detto e che non ha delle basi; su qualcuno che dice: “Bene, vieni e unisciti alla nostra chiesa e ciò sarà sufficiente.” Ma è sulla Parola di Dio che l’anima dell’uomo si riposa saldamente. Dio ha detto così. Ciò lo sistema, lo rende reale.

79              Ora, passiamo rapidamente al secondo punto. Cos’è che fa uscire queste persone nel campo a mangiare la manna e che, in seguito, prima che scenda la sera, rende molti di loro affamati? La gente va alle riunioni. Molti accendono la radio, ascoltano un buon sermone e si rallegrano. Molti di loro vanno in chiesa, ascoltano un buon sermone e ritornano a casa rallegrandosi. Ma cos’è allora quella cosa che, in seguito, viene e toglie tutto ciò da voi, al sorgere della minima difficoltà? Certamente, se voi ascoltate la Parola e la vostra anima si rallegra in Essa, è lo Spirito Santo che voi mangiate.

80              Vedete, sono convinto che voi crediate nella Vita eterna. Credo che, quando accettate il Signore Gesù, ricevete Vita eterna, quando credete. Dopo, credo che, per mezzo di uno Spirito, siete, in seguito, battezzati nel corpo dei credenti. (Noi ci arriveremo fra qualche minuto, se Dio vuole). Voi credete alla vita.

81              Paolo, dopo aver attraversato le regioni superiori del paese, giunse ad Efeso e vi trovò alcuni discepoli, ai quali disse: « Riceveste lo Spirito Santo quando credeste?»

82              Vedete, la vostra fede vi ancora in Cristo. Quello è il lato intellettuale. Voi lo credete, l’accettate e dite che è giusto. Voi riconoscete che è la verità, siete un Cristiano. Credendo questo, voi avete ricevuto Vita eterna, siete entrati presso Dio. Siete nel campo. La manna cade e voi la mangiate.

83              Avete notato quella cosa strana? C’era una moltitudine di persone d’ogni genere che mangiava la stessa manna. Peccatori che non accettano il Signore Gesù, possono tuttavia rallegrarsi vedendo manifestarsi un miracolo di Dio, la guarigione dei malati; possono provare gioia vedendo delle persone agire rettamente; possono aprire i loro cuori e provare gioia nel sentire un sermone predicato sotto l'unzione. Ed è lo stesso tipo di manna che il Cristiano mangia. Comprendete?

84              Ora, ricordatevi sempre della mia dottrina, qui al tabernacolo: voi dovete seguire Dio nel tre, perché Egli è reso perfetto in questo.

85              Dunque, ci chiediamo il perché. Scopriamo, allora, che questa manna svaniva. Essa arrivava sul terreno e, dopo, svaniva. In seguito, ritornava e, dopo, svaniva, ogni giorno. Alle nove, una parte non c’èra già più.

86              Ho incontrato delle persone che stavano in piedi nella chiesa e si rallegravano; ed io li ho visti uscire dalla chiesa; e può darsi che il lunedì o il martedì, uno di loro vivesse comportandosi male, in modo sconveniente per un Cristiano. E l'uomo o la donna, chiunque fosse, si rigirava, vi stringeva la mano e diceva: « Non voglio fare queste cose.» Vi sentite dispiaciuti per loro.

87              Si sono viste delle persone accettare la guarigione divina e dire: « Oh! Sì, vedo. Questo è nella Parola. Oh! Grazie, Signore! Io lo credo.” Ed essi andavano bene per alcuni giorni, ma, quando il primo piccolo temporale colpiva, ecco che ricadevano. Voi l'avete notato, ed è vero; le persone non possono farci niente. Allora, di cosa si tratta? Chi provoca queste cose?

88              Ora, notate. Dunque, noi vediamo che questa manna, quando cadeva, Dio la faceva cadere per dare la vita ai figli d’Israele, durante il loro viaggio. Poi, Dio disse a Mosé e ad Aaronne di fabbricare un grande vaso d’oro, di riempirlo di manna e di metterlo nel Luogo Santo... o meglio, nel Luogo Santissimo, accanto all’arca. Questa manna doveva essere messa accanto all’arca; e là, essa non mancò mai, non invecchiò mai, non perse mai la sua dolcezza. Lì dentro, essa rimase sempre buona.

89              Avete mai incontrato una persona che è stata là, all’interno, che ha assaggiato e che vive di questa manna? Voi potete incontrarla il lunedì, il martedì, il mercoledì, il giovedì, il venerdì, il sabato o la domenica; in un giorno nuvoloso, in un giorno soleggiato, in un giorno nebbioso, che le cose vadano bene o che vadano male, è sempre dolce, sempre pieno d’amore, non parla né agisce mai male. Egli vive sotto la gloria di Dio. Non ha mai fame. Non ha bisogno di andare in chiesa per essere edificato. Egli è semplicemente sempre pieno di Dio.

90              Le persone vanno in chiesa, vi stringono la mano, sorridono e vi chiamano fratello. Fuori dalla chiesa, vanno a tramare un affare che non è dei più corretti, per trarne un profitto personale. Non voglio dire che ci siano simili persone, qui, al tabernacolo, ma semplicemente che ciò esiste. Ci sono delle cose che le persone fanno, e ciò li rende diverse. La minima cosa riporterà questo vecchio temperamento, questo egoismo. Ed essi apriranno un orecchio per sentire dei pettegolezzi o fare qualcosa del genere. Queste persone non sono mai entrate qui, in questo posto.

91              Loro sono all’esterno. Mangiano veramente la stessa manna. Sono stati portati nel campo ed è là che... nel campo, sul campo, è là che le persone hanno ricevuto la manna. Ed essi sono là e, questa manna che mangiano, è la stessa che, questo uomo, mangia qui. Entrambi hanno lo stesso pastore. Entrambi leggono la stessa Bibbia. Tuttavia, uno rimane costantemente fedele ed umile e l'altro ha i suoi alti e bassi; va così, dentro e fuori. Entrambi mangiano la stessa manna, ma uno è entrato e l’altro è ancora fuori. Tutti e due credono nella Vita eterna, ma uno è battezzato con lo Spirito Santo, nel Regno di Dio, e l'altro è fuori che mangia la stessa manna.

92              E, alcune persone ci hanno detto: « Bisogna gridare per entrare qui. Bisogna parlare in lingue per entrare qui. Bisogna fare tutte queste cose.» Ma vediamo che, queste cose, non funzionano.

93              Ho visto delle persone gridare che non era... mi fa pena pensarci... non ho motivo di giudicare; o meglio, non dovrei farlo. Ho visto delle persone che gridavano e vivevano ogni genere di vita. Ho visto delle persone danzare nello Spirito su e giù lungo le sale, poi uscire e condurre una vita spaventosa. Ho visto entrambi, uomini e donne fare ciò. Ho visto degli uomini e delle donne che danzavano nello Spirito, parlavano in lingue, giubilavano e, tuttavia, avevano un carattere indescrivibile.

94              C'è qualcosa che non va. E, tuttavia, si rallegrano delle benedizioni di Dio. Credono, hanno fede in ciò; ma è solamente in questo cortile esterno. Questo non è mai entrato nel cortile interno. Non sono mai passati da qui a lì.

95              Ecco di cosa si tratta, oggi, con le chiese. Spero che lo vediate. Oh! Ciò mi rallegra, quando posso vederlo in anticipo e notare che la nostra ancora tiene dietro il velo.

96              La Bibbia dice: « A chi vince io darò una pietruzza bianca e un nome nuovo che nessuno conosce, se non colui che lo riceve» .

97              Poco importa ciò che le persone dicono, voi lo sapete quando siete stati portati dietro il velo interiore. Nessuno potrebbe dissuadervi. Questo non avviene perché vi siete uniti alla chiesa o perché avete fatto questo o quello, ma qualcosa vi dice che avete una pietruzza nel cuore, non una pietra dura, ma una pietruzza tenera. Questa pietruzza rende il vostro cuore tenero, anziché duro.

98              In Ezechiele, nei tempi antichi, quando le Leggi furono messe nel Tabernacolo, nell'arca, le Leggi di Dio... Ezechiele parlò di un'altra epoca. Adesso, le persone... Ci sono oggi due categorie di persone, le stesse categorie che cercano di far qualcosa per salvare se stessi. Ognuno dice: « Andrò in chiesa tutte le domeniche» . Questo va benissimo. « Voglio essere religioso» . Questo va molto bene. Ciò è sempre sotto la Legge, ma l'altro... Andando in chiesa ed essendo buono, non è qualcosa che fate da voi stessi, è qualcosa in voi che lo fa: lo Spirito Santo nel vostro cuore.

99              Ora, notate, in questo cortile interiore… Le persone che vivono qui, all'interno, sembrano essere sempre sazie ed in buona forma. Ezechiele disse: « Scriverò di nuovo le Mie leggi e le metterò nei loro cuori”. Ora, nell'arca, la Legge era scritta sulla pietra e, l'arca, rappresenta il cuore; così: « Io metterò la Mia nuova Legge nei loro cuori» , nell'arca.

100         Il cuore è la dimora di Dio. Nell’Antico Testamento, Dio dimorava nella Sua gloria, sopra l'arca e il cuore è l'arca. Dio non dimora nella testa, ma nel cuore. Dio non è conosciuto tramite teologia, non è conosciuto per mezzo di una concezione intellettuale; Dio è conosciuto dall'esperienza all’antica della santificazione e della nuova nascita che avviene nel cuore dell’uomo.

101         Tuttavia, uomini e donne, vivono una vita corretta ed amano Dio secondo un concetto intellettuale, ma il vero rifugio è nel cuore, nascosto con Cristo. E, quando Cristo, lo Spirito Santo, viene nel vostro cuore, Egli è in voi con il vostro temperamento, ed Egli vive la Sua propria Vita, secondo la Sua propria volontà, attraverso di voi. Alleluia!

102         Io lo so che ciò sembra enorme, ma è vero! Siete così sottomessi che, Cristo, esprime quel genere di parole che pronuncerebbe, pensa attraverso di voi il genere di pensieri che avrebbe ed Egli fa attraverso di voi le stesse opere che farebbe. Siete sottomessi e a riposo. Che meraviglioso quadro di un Cristiano consacrato: sottomesso. Cristo che agisce attraverso di lui!

103         Paolo disse: « Per me il vivere è Cristo e il morire un guadagno. Non sono più io che vivo ma è Cristo che vive in me!» Cristo vivente nell'anima di una persona che si è arresa. Cristo parla attraverso le labbra, pensa attraverso la mente, vede attraverso l'occhio, agisce attraverso il temperamento. Alleluia!

104         Allora, le cose del mondo sono passate. Come potrebbe ogni cosa non essere altro che dolce e piacevole, del continuo? Cristo ha preso il controllo. Amen! Comprendete ciò? Ecco cos’è, è Cristo in voi. Cristo in voi.

105         Voi dite: « Beh, vedi, credo che sia la verità, fratello Branham» . Ciò è giusto, è qui, ma non è venuto qua. Se è così, allora tutta la vostra persona è Cristo. Il vostro atteggiamento, i vostri desideri, la vostra brama, tutto il vostro essere è Cristo: sottomesso, a riposo, ogni cosa perfetta! Poco importa se ciò sembra cupo o nero, rimane tuttavia lo stesso. Cristo è in voi.

106         Egli parla al peccatore con la voce con la quale gli parlerebbe, parla ad una prostituita con la voce con la quale le parlerebbe, pensa attraverso il vostro spirito i pensieri... Egli parla al vostro cuore come se fosse qui sulla terra. Non siete più voi stessi, vi siete arresi.

107         Aaronne andava, una volta l’anno, in questo Luogo Santo. L'assemblea lo guardava. Egli era vestito in modo corretto, doveva essere unto in modo corretto, doveva camminare in modo corretto. Benedetto sia il Signore! Vestito in modo corretto, camminando in modo corretto, unto in modo corretto. Aveva una campanella e una melagrana sul suo abito e, quando avanzava, queste facevano sentire: « Santo, santo, santo è il Signore.»

108         Egli teneva davanti a sé un recipiente con del sangue, il sangue dell'agnello, il sangue dell'espiazione. Egli era unto con la rosa di Saron e l'unzione colava dalla sua barba, fino al bordo del suo vestito. Entrava nel cortile interiore, alla presenza di Dio e, quando era là, il velo ricadeva dietro di lui ed era rinchiuso! Era nascosto dal mondo esterno. Dio sia lodato! C'è un luogo nascosto, un luogo di dimora!

109         Noi possiamo camminare nella presenza di Dio ed essere nascosti dalle cose di questo mondo. Non li sentiamo più. Questo è insonorizzato. Alleluia! Insonorizzato! Il mondo è all'esterno, ansimante ed in agguato ma, voi, siete all'interno, alla presenza del Dio eterno, mangiando di questa manna che durerà degli anni, centinaia di anni. Non è mai contaminata, né diminuisce.

110         E, quando un uomo penetra, una volta, presso Dio, il velo cade dietro di lui, chiudendo il passaggio alle cose del mondo; è nella presenza di Dio, mangiando la manna.

111         Non meraviglia che, a mezzogiorno, alle nove o in qualsiasi momento, egli viva nella presenza del Re! Amen! Non meraviglia che ogni giorno è bello per lui! Guardate dove sta. Ha trovato il luogo segreto. Egli è andato dietro il velo. Le porte sono chiuse dietro di lui. Non vede niente del mondo. Queste porte sono insonorizzate dalle pelli di pecora e di capra. E, questo, è insonorizzato dal battesimo dello Spirito Santo che nasconde l'uomo in Cristo e, là, diventa una nuova creatura. Cammina così davanti a Lui, giorno dopo giorno.

112         Quale magnifica immagine del credente nella presenza di Dio! Tutte le cose, allora, sono sue, tutte le cose che sono state date a Cristo. Tutto ciò che Dio era, l'ha riversato in Cristo. Tutto ciò che Cristo era, l'ha riversato nella Chiesa. « In quel giorno, conoscerete che Io sono nel Padre, che il Padre è in Me ed Io in voi» . Oh! Il privilegio che potrebbe avere il credente, se potesse soltanto accettarlo. Voi dite: « Fratello Branham, tu ci hai presentato un'immagine, qui, ma come ci arrivi?» Quella è la cosa seguente.

“Come entriamo là, fratello Branham?»

Ecco come vengono, seguendo il modello.

« Oh! Io sono un Cristiano, fratello Branham. Sono stato salvato, sono stato battezzato, mi rallegro nelle benedizioni di Dio!» Siete nel cortile esterno. Dite: « Certi giorni, ho i miei alti e bassi, le mie preoccupazioni, le mie agitazioni e le mie difficoltà. Vorrei poter vivere una vita vittoriosa» . Ebbene, voi dovete uscire dal cortile ed entrare.

113         Ora, qual’era la prima cosa? Il cortile rappresentava la giustificazione. L'esterno, era dove il popolo entrava, tutti quelli d'Israele. Nessun’altro, tranne che un israelita circonciso, poteva entrare in quei cortili, poiché li avrebbe contaminati. Ricordate quando Paolo portò Timoteo al Tempio, e quelli dissero: « Hanno contaminato questo luogo santo, portandovi un Gentile» ? Nei cortili devono esserci assolutamente delle persone giustificate; uomini e donne rigenerate che hanno accettato Dio, nei quali dimora la Vita. Devono essere in quel modo per stare nel cortile.

114         In seguito, venivano verso il primo altare ed è in questo primo altare che essi bruciavano il sacrificio, dove il Signore li incontrava e accordava loro il perdono dei peccati e la purificazione di tutte le loro iniquità. L'altare di bronzo, dove si bruciava l'animale ed il suo sangue, era il secondo cortile.

115         Ed ora, dopo che essi lasciavano questo secondo cortile, la santificazione, entravano in questa vita consacrata; entravano nella presenza di Dio. Ed è mentre stavano là che ricevevano tutte queste cose gloriose. E, noi, abbiamo qui una figura meravigliosa, la quale mostra che, se qualche cosa morta sarebbe entrata, avrebbe vissuto di nuovo. Avevate mai pensato a ciò? Essi presero la verga d’Aaronne e la deposero in questo Luogo Santo. E, quando lo fecero, in una notte, essa germogliò, produsse dei fiori e maturò delle mandorle. Questo nello spazio di una notte. Pensate a ciò! Nella presenza di Dio! Questa vecchia, verga morta che stava là, nella presenza di Dio, in una notte, germogliò, produsse dei fiori e maturò delle mandorle. Cos’era dunque questo? Che genere di verga era questa? Era una verga di mandorlo. È da là che egli l’aveva presa; il bastone veniva da un mandorlo.

116         E, voi, siete simili ad un bastone, siete stati presi dal ramo dell'umanità, un figlio che Dio ha creato al principio. Potete essere decaduti, morti, lontani da Dio; ma, in quella creazione, siete stati creati per essere figli di Dio. Potete vantarvi, essere rispettati ed onorati, qui, nei cortili. Ma se arrivate ad entrare in questo luogo glorioso e vi tenete nascosti con Dio, produrrete ciò che siete tenuti a fare.

117         Prendete un peccatore morto, lontano da Dio, senza speranza, senza Cristo e mettetelo nella presenza di Dio, là, in questo grande e glorioso Tabernacolo, egli produrrà il frutto dello Spirito Santo: l'amore, la gioia, la pace e la pazienza.

118         La verga morta germogliò. Quando germogliò, dovette ricevere del refrigerio; dovette essere rinfrescata. Poi, dopo essere stata rinfrescata, essa doveva essere... liberò un odore, un profumo, proveniente dal fiore. E la cosa seguente, che produsse, fu un frutto.

119         Ed ogni Cristiano viene, allo stesso modo, quando entra nella presenza di Dio. Innanzitutto, deve essere rinfrescato. Lo Spirito Santo deve impossessarsi di un uomo, rinnovarlo e fare di lui un'altra persona. Lo Spirito Santo penetra proprio come un rinfrescante.

120         Lo Spirito Santo viene nella quiete dell'ora. Sapete, uscite una mattina, veramente presto, quando la rugiada è sul suolo. La rugiada cade, solitamente, proprio prima dell'aurora, talvolta durante la notte, dopo che l'agitazione ed il trambusto del mondo sono andati a coricarsi, dopo che tutto si è addormentato. Siete mai usciti di mattina presto? Uscite presto e vedrete quanto tutto è fresco, proprio fresco, la mattina presto. Perché? La vecchia terra è stata nascosta per un momento ed è stata rinfrescata.

121         Vi siete mai trovati in presenza di un uomo o di una donna che si sono nascosti lontano dal mondo? È rinfrescante parlare con loro. Si sono rinfrescati. Cominciano a venire alla vita.

122         Siete mai entrati, di buon’ora, in un giardino di rose, o lungo le strade, qui, veramente presto, quando la rugiada è sul suolo? Avete mai sentito l'odore del caprifoglio, etc., dei fiori della robinia? Avete mai... Questo è esattamente come un Cristiano che si è nascosto con Dio nella tranquillità della notte o altrove. Apparirà, il giorno seguente, riempito di freschezza. Una vita profumata, un luogo piacevole dove stare. Qualcuno a cui amate parlare, qualcuno che vi può incoraggiare, qualcuno sul quale avete fiducia.

123         La vostra vicina, laggiù… quanto amate parlare con lei! Vedete, ecco la freschezza. Il profumo. E, la cosa che ciò produce, poi, è del frutto. Ed, ovunque lo Spirito Santo vada, pianta sempre il Seme di Dio e produce del frutto. Un’altra cosa gloriosa di questo luogo, quando vi entrate, è che potete avere fiducia. Potete credere.

124         Stamattina c’è una donna, qui, distesa su una barella, in una condizione seria. Ebbene, se Dio non la tocca, ella morrà. Lei è d’età avanzata, è una vecchia mamma dai capelli grigi, porta degli occhiali. Ha un aspetto molto pio. [Parte vuota sul nastro. - Ed]

… la sua mano, alcuni minuti fa, entrando, le ho detto qualche parola. Adesso, è distesa qui. I suoi medici, forse hanno fatto tutto quel che era in loro potere, ma non possono fare nulla di più. Cadendo, si è fatta male ad una caviglia e alle costole; mi ha parlato di una complicazione, di ciò che non andava con lei e le ho detto delle cose che ella stessa non sapeva. Tuttavia, lei è distesa là, in questo stato. Ebbene, mentre è così sofferente, cosa possiamo fare per lei, se non di portarla nella benedetta presenza dello Spirito Santo, rinfrescante e sufficiente a tutto, che può toglierle la sua mancanza di freschezza? Il medico, per quanto bravo possa essere, ha cercato, forse, di dirle che egli non può fare niente di più, ma noi la conduciamo in questo luogo!

125         Ebbene, quando siete vecchi e i vostri giorni sono quasi finiti... Ciò non significò nulla per Abrahamo, quando venne nella presenza di Dio, all'età di cento anni. Egli piacque a Dio e non considerò che il suo corpo era come morto; era nella presenza di Jehovah che gli diede la promessa.

126         Sì, questa signora anziana su questa sedia, sta morendo di cancro (certa di dover morire. Non le resta altro che la morte). Se soltanto la potessimo condurre...

127         Nessuno fece entrare Aaronne. Aaronne entrò lì perché fu invitato ad entrare, perché ciò gli fu detto da Jehovah. Aveva il diritto di entrare. Quando Gesù morì al Calvario, Egli squarciò il velo dall'alto in basso. Non diede solamente al sommo sacerdote il diritto di entrare nel Luogo Santissimo, ma a ciascuno di quelli che si accostano a Dio. Lei ne ha il diritto! La signora qui, morente, ne ha il diritto!

128         La Signora Weaver è seduta, qui, da qualche parte. Qualche anno fa, lei era morente, consumata dal cancro, le sue braccia erano scarne. Tuttavia, aveva diritto all'albero della Vita. Aveva il diritto d’entrare al di là del velo. Mentre dovevo tenerla per impedirle di vacillare, l'ho battezzata in acqua, proprio qui. Oggi lei è in vita, perché aveva un diritto. L'ha accettato. L'ha creduto.

129         Ed io credo che, da qualche parte, in fondo alla sala… ho visto il signor Morgan. La signora Morgan è, forse, laggiù. Si era seduta anche qui, su questa sedia, e bisognava sostenerla; stava morendo di cancro; non c'erano speranze per lei. Ma la fede viene da ciò che si ascolta, da ciò che si ascolta dalla Parola! E noi l'abbiamo fatta uscire da questa condizione “stantia” [Mancanza di freschezza. - Ed.]. Suo marito, che è presente, mi disse che la portarono dal medico; ed egli disse che il cancro avvolgeva i suoi intestini a tal punto che ciò somigliava alle radici di un albero. Tutte le speranze erano volate via ma, lo Spirito Santo, la portò nella presenza rinfrescante. La portò al di là del velo e fece cadere la tenda dietro di lei. Non vi preoccupate di ciò che il medico dice. Importa poco ciò che ognuno dice. Il velo cadde ed escluse ogni incredulo. Lei stese il braccio verso il vaso d’oro di Dio e disse: « Per le Sue lividure io sono stata guarita» ; e cominciò a mangiare. Il mattino seguente, ce n’era ancora da mangiare. Il giorno dopo ce n’era sempre da mangiare.

130         Proprio così, non aspettate finché cada di nuovo o fino al prossimo risveglio, è eterna, posta là, aspettando. E lei mangiò, ancora, dallo stesso vaso di manna.

131         Che cos’era? Farla entrare nel refrigerio, far si che il velo cada intorno a lei, in modo che non possa ascoltare più ciò che il mondo dice, ma soltanto ciò che Dio dice.

132         Entrate per mezzo del Sangue, entrate tramite l'unzione. Unti, camminate diritto; vivete rettamente; tenete la testa diritta finché entrate in questi cortili. Non dico che un uomo deve fare questo o quello; non è il modo o come siete battezzati che importa, o la chiesa alla quale appartenete; Dio, per la grazia sovrana, da' lo Spirito Santo a chi vuole.

133         Ecco perché queste persone oggi... Erano tutti turbati davanti a Dio. Dio, per grazia, diede loro lo Spirito Santo e quello è il motivo per il quale vivono nel posto in cui vivono. Sono consacrati, amano il Signore, credono e vivono ogni giorno nella Sua presenza. Importa poco ciò che va o viene, sia che il fiume sale o che le nuvole siano basse, non importa cosa sia, essi continuano a vivere nella presenza del Re. Cos’è?

« Oh! Non siete stati guariti, è soltanto un'illusione!»

134         Il velo è caduto; essi persino non lo sentono. Sono là dentro e vengono alla Vita. Amen! Producendo gemme. Parlate loro un momentino e vedrete che c'è un profumo di santità. La loro conversazione è condita di sale, non parlano del loro vicino, né provano a fare storie a proposito di qualcosa che è stata fatta in questo o in quel modo, ma la loro conversazione riguarda Cristo e la Sua gloria. È là che si riposano, producendo freschezza, spargendo il profumo della nuova vita, fiorendo e producendo del frutto ogni giorno. Certuni dicono: « Sapete, so che è stata guarita; so che è stato guarito; allora, perché non posso essere guarito anch’io?» Certamente, lo potete, fratello; la sola cosa da fare è di ricevere l'unzione dello Spirito Santo. « Cos’è, fratello Branham?»

135         Prendete Dio in base alla Sua Parola poiché, per fede, siete salvati e ciò è per grazia, non per le opere! Non per emozione mentale, non per entusiasmo, non parlando in lingue, non per le grida, niente! Per fede entrate nella presenza di Dio e dite: « Signore Dio, vengo, appoggiandomi unicamente sulla Tua Parola. Ed io credo in Te» .

Voi dite: « Fratello Branham, non credi nel gridare e nel parlare in lingue?»

136         Sì, signore! Ma voi mettete l'aratro davanti ai buoi! Innanzitutto, venite a Cristo! Lasciate semplicemente che lo Spirito Santo prenda il controllo su di voi. Cominciate a mangiare della manna. È buona oggi, sarà buona domani, è sempre buona, ogni giorno.

137         Desidero farvi notare un’altra cosa, riguardo a questo. La particolarità della luce nella quale il credente cammina, quando è in Cristo… la sua particolarità. Adesso, i tre cortili. L'uomo giustificato, qui fuori, marcia alla luce del giorno. Talvolta, ha dei giorni cupi. Afferrate? Oh! Spero che lo vediate. Dio vi benedica. Certi giorni sono cupi; certi giorni, non sapete se vale veramente la pena di servire Dio oppure no. Voi camminate nel cortile esterno. Certamente, mangiate la manna; certamente, siete un credente; certamente, avete la Vita eterna; certamente, se morite, andrete in cielo. Ciò è vero, ma che genere di vita vivete? Ogni giorno, uscite qui e dite: « Oh! Oggi sono andato in collera! Ho detto loro ciò che pensavo! Ho imprecato contro di loro! Non ho potuto evitarlo! Che Dio mi perdoni» . Certamente, Lui lo farà. Voi siete un Suo figliolo. Tuttavia, che genere di vita vivete?

138         Non detestate vivere questo genere di vita? Con gli alti e bassi, giorno e notte con questi turbamenti e altro? Retrogradi, poi di nuovo in chiesa; retrogradi, poi di nuovo in chiesa; questo, quello; chiedendo perdono per questo. Quest’altra persona continua a fiorire, senza problemi.

139         Vedete in che genere di vita camminate? È secondo il tempo che fa. Ciò reca luce all’esterno, un giorno cupo, nebbioso o una via di mezzo. Poi, un giorno soleggiato, uno cupo, poi uno nebbioso ed una nuvola davanti al sole. Ecco il modo in cui vive ogni uomo rigenerato e giustificato. Proprio così. Quella è tutta la luce di cui dispone per camminare e cammina con quella. Egli dice: « Sono venuto a Cristo, fratello Branham. Mi sono unito alla chiesa, ho messo il mio nome sul registro. Cerco di vivere al meglio delle mie possibilità» .

140         Ebbene, benedetto sia il tuo cuore, fratello. Apprezzo ciò. Dio apprezza ciò. Se tu credi... “Chi ascolta le Mie Parole e crede in Colui che mi ha mandato, ha vita Eterna» . Sei mio fratello, io ti amo. « Oh, fratello Branham, ho i miei alti e bassi… Oh, sono la persona più miserabile. Devo lottare ogni giorno» . Oh, si, fratello, perché è là che cammini. Ciò va benissimo. Dopo, tu dici: « Desidero andare un po’ più in profondità» .

141         Ebbene, entra nel cortile. Dunque, cosa c'è là dentro? Ci sono sette candelabri d’oro vicino al Luogo Santo e ciò reca luce. I candelabri danno luce. Quello è per l'uomo che smette di bere, smette di fumare, smette di mentire, smette di rubare, che tratta correttamente il suo vicino, è buono verso la propria moglie, o lei è buona verso il proprio marito… è allo stesso modo: uomo o donna; il credente. È entrato in un luogo dove ha perso tutta la sua cattiveria; ciò avviene tramite il Sangue, con la santificazione. È chiamato ad una vita nuova ed entra là.

142         Non ha bisogno di camminare tramite la luce che si trova là fuori; ha una luce migliore. Cammina alla luce dei sette candelabri d’oro, che bruciano l'olio d’oliva e, l'olio d’oliva, rappresentava lo Spirito Santo. Il fuoco era il battesimo che, battezzando… o, meglio, potete essere battezzati con lo Spirito Santo stando là. Tuttavia, non siete ancora nascosti. Non siete dietro il velo.

143         Eccolo. Cammina in questi sette candelabri d’oro. Là c’è molta luce, molta luce, là dentro. Ma ci sono dei giorni in cui, queste luci, si affievoliscono. Ci sono dei giorni in cui queste lampade fumano e la luce non è così buona. Ci sono dei momenti dove queste luci devono essere riaccese e dovete chiederne un po’ in prestito al vicino, per accendere le candele, una dopo l’altra. Questa non è ancora una buona luce. Siamo riconoscenti al riguardo, ma questa non è ancora la buona luce. Oh! Fratello! Vedete? Non è ancora la buona luce.

144         Voi dite: « Fratello, ho parlato in lingue… ho gridato.» Bene, meraviglioso, ma lasciate che vi dica qualcos’altro. Molto bene, egli cammina in questa luce. È una luce artificiale. Non è la luce del sole, della luna o delle stelle. Quando la notte viene, l'uomo che è nei cortili della giustificazione, ha una luce molto debole, giusto quella delle stelle, forse di una pallida luna, davanti alla quale passano molte nuvole. Egli è in una situazione terribile.

145         Tuttavia, l'uomo che è qui all’altare si tiene consacrato e dice: « Signore, io vivrò accanto a Te, sono il diacono della chiesa o qualcos’altro. Sarò buono col mio vicino. Cercherò di fare del mio meglio per provare a migliorarmi, Signore.» Ebbene, lui vive una vita migliore. La sua luce si spegne raramente, ma le lampade fumano e deve servirsi di una di esse per accendere le altre.

146         Ma, l'uomo che oltrepassa ed entra, si trova allora al riparo dal mondo, quando il velo ricade intorno a lui. Rimane sotto il luogo dove le ali dei cherubini si incontrano, sotto la grande Gloria della Shekinah. Non si indebolisce mai. Essa non si affievolisce né si spegne mai. E, l'uomo, che vive nella presenza di Dio, sotto il velo, vive nella Gloria della Shekina. Poco importa se infuriano le tempeste, che ci siano delle nuvole, che la luna e le stelle non brillino! Se i candelabri si spengono, ciò non ha importanza! Lui vive nella Gloria della Shekinah di Dio, sotto la potenza dello Spirito Santo.

147         Essa non si è spenta in una notte, non si è spenta... È una specie di luce mistica, un tipo di luce dal tenero splendore. Ed il credente, a riposo, cammina dentro il velo. La Gloria della Shekinah, vicino al vaso di manna, dove egli mangia ogni giorno, non si spegne mai. Lui mangia la manna.

148         Oh, egli non ha alcuna preoccupazione al mondo. Ogni cosa è stata presa a carico. Dio è al di sopra di lui, all'ascolto della sua lode e rispondendo alla sua preghiera. E non solo, ma lui vive nella presenza stessa del Re.Dio nella Gloria della Shekinah.

149         Ogni volta che spunta qualcosa così, ciò non potrebbe raggiungerlo. Egli non lo sentirebbe. Non potrebbe sentirlo. I gemiti del mondo sono all'esterno.

150         Se mai vieni a Cristo, amico mio, in un luogo dove il mondo è morto; là dove... che i vostri bambini siano così, che vostra madre sia così, che il vostro papà abbia parlato in questo modo o che il vostro pastore abbia detto ciò, che il medico abbia detto questo o quello, tu neanche lo senti. Vivi solamente nella Gloria della Shekinah, cammini e vivi nella presenza del Re. Ogni giorno è dolce alla tua anima. Tutto è buono! Tutto è buono! Niente può farti del male. Oh! Che luogo!

151         Oh, penso a questo breve cantico:

Ho attraversato il velo squarciato,

Alleluia al Suo Nome;

Io vivo nella presenza del Re.

Vivo...

… attraversato il velo squarciato,

Dove la gloria non si spegne mai;

Vivo nella presenza del Re.

Cammino nella luce, splendida luce;

Essa viene dove le gocce di rugiada

Della misericordia sono luminose;

Brilla intorno a noi, giorno e notte,

Gesù, la Luce del mondo.

152         Dagli di nascondersi

E dammi di perdere il mio « io» e di trovarlo in Te, Signore.

Che tutto il mio « io» sia crocifisso…

Che i miei vicini raccontino pettegolezzi; che questo, quello o quell’altro spariscano. Io vado in chiesa per uno scopo, che è di restare nella Tua presenza. Sono entrato là, Signore, ed io non ho alcun desiderio di ripartire. Confiderò nella Tua Parola, in ciò che Tu dici. Ecco dove voglio essere. Lascia cadere i veli intorno a me, Signore, affinché non possa vedere che Gesù Cristo e vivere, camminare e morire in Lui! Ecco, è questo.

153         Sul monte della Trasfigurazione, quando Gesù fu trasfigurato davanti agli apostoli, quando essi alzarono gli occhi, videro soltanto Gesù. Dissero di aver visto là soltanto Gesù. Oh, Dio! Nascondimi in questo luogo! Nascondimi in questo luogo dove i veli cadranno e non vedrò altro che Gesù, Lui stesso.

154         Io non voglio sentire le stravaganze del mondo. Non mi importa se essi hanno bombe atomiche, se hanno un aereo a reazione, se le nuove Chevrolet sembrano più belle delle Buick; ciò non ha importanza! La cosa essenziale è che io cammini e viva con Cristo, ogni giorno... che i veli cadano tutt’intorno, che io sia in Lui ed Egli in me.

155         Se le tempeste infuriano, la mia ancora tiene dietro il velo. Non posso dirvi perché, in questo giorno, abbiamo molte tempeste sui mari, ma sono riconoscente per l'ancora che tiene fermamente dietro il velo. Quando il battello oscilla e sembra che ogni movimento dovesse farlo affondare, tuttavia, la mia ancora è dietro il velo. Sono ancorato dietro il velo.

Sono ancorato in Gesù,

Sfiderò le tempeste della vita,

Sono ancorato in Gesù,

Non temo né vento né onde,

Sono ancorato in Gesù

Perché Egli ha il potere di salvare,

Sono ancorato nella Roccia dei secoli.

156         Che Dio ci aiuti, questa mattina, ad entrare in questa Vita interiore. Cessate di restare fuori dove siete sballottati da ogni vento di dottrina, da ogni piccola cosa che sopraggiunge. Non sapete che la Bibbia dice come, negli ultimi giorni, verranno uomini che saranno simili ad angeli di luce? Come essi prenderanno... Ed i ministri del diavolo sono degli angeli di luce. Non vi rendete conto che Eva cercava una nuova luce quando il diavolo le parlò e che, a causa di ciò, lei si è resa responsabile di ogni cimitero, responsabile di ogni ospedale psichiatrico, responsabile di ogni riformatorio, responsabile di ogni morte, di ogni dispiacere, di ogni bambino morente di fame, di ogni mamma morente? Cercava qualcosa di nuovo. Aspettava di trovare qualcosa di nuovo.

157         Oh, Dio, riprendimi nella Gloria della Shekinah! Prendimi dietro il velo con Te! Sono soddisfatto con Gesù. Signore, fammi perdere il mio « io» per trovarlo in Te. Lasciami penetrare il velo interiore dove tutte le urla del mondo…

158         La Bibbia ha detto che, negli ultimi giorni, sarebbe venuta una carestia sulla terra, non solo di pane e di acqua, ma di udire la vera Parola di Dio; e le persone andranno dall'est all'ovest, ovunque, per cercare di trovarLa. Quest’ora è qui! Quest’ora è arrivata, in cui gli uomini si alzano come dei e vogliono essere glorificati! Dove le persone dicono: « Oh! Il dottor Tal dei tali ed il grande Tal dei tali!»

159         Il vecchio Paolo disse: « Temo una cosa, ed è che voi cerchiate di adorare me al posto delle cose che io predico. Non sono mai venuto a voi con parole persuasive di sapienza umana, ma nella potenza di risurrezione di Gesù Cristo; affinché le vostre speranze fossero fondate su ciò.» Oggi, è un giorno orribile, le persone sono disseminate in ogni luogo.

160         Qualche settimana fa, ero in un luogo nel quale era stata innalzata una grande tenda, (non è per criticare, che Dio mi perdoni) ed un uomo diceva di poter cacciare i demoni (questo non lo metto in dubito), ma i demoni non sono cacciati da una vita crudele e indifferente! L'arma più potente che ci sia al mondo, è l'amore!

161         L’altra sera ero con una piccola signora, il cui marito aveva intenzione di lasciarla per sposare un'altra donna. Una coppia considerata per bene. Io la guardai.

Lei disse: « Ebbene, me ne andrò, fratello Branham.»

Dissi: « Sorella, non farlo.”

Lei disse: « Oh! Mio marito… il suo ministero sarà rovinato. Cosa posso fare? Andrò a New York per trovarmi un lavoro.»

Dissi: « Sorella, non farlo, non farlo.»

« Cosa posso fare, Fratello Branham?»

Risposi: “Va’ da lui.”

Lei aggiunse: « Ebbene, ho trovato la foto di questa signora e l’ho strappata, ed ho fatto questo e quello.»

162         Io stavo là e dissi: « Capisco» , ma, aggiunsi: « Va’ da lui; mettigli le braccia intorno e digli: « Caro, non importa ciò che hai fatto, ti amo ancora.» Ciò lo sistemerà.» Proprio così.

163         Un giovane è venuto da me, non molto tempo fa. Lui era un Pentecostale. Aveva visto troppe di queste riunioni. Ed egli va… Sua moglie è una fervente Luterana.

Lei disse: « Ebbene, penso che siete andati tutti laggiù, ieri sera, e avete gridato.» Aggiunse: « Penso che, ieri sera, parlavate tutti in lingue e avete fatto tutte queste cose.»

164         Lui si alzò e disse: « Oh, Dio! Caccia il diavolo fuori da lei! Caccia il diavolo fuori da lei!» Quasi un caso di divorzio. Un uomo, un uomo eccellente.

165         Egli venne da me e disse: « Fratello Branham, suppongo che divorzieremo.» Aggiunse: “Non riesco a fare uscire quel demone da lei.”

166         Dissi: “Fratello, stai agendo in modo errato.» Aggiunsi: « Quando lei comincia a fare così, di’: « Molto bene, cara, che il tuo cuore sia benedetto, tesoro!» Sii realmente gentile con lei. Vedi di fare tutto ciò che puoi per lei.»

Lui disse: “Fratello Branham, ebbene, come arriverò mai a cacciare il diavolo fuori da lei?»

Risposi: “Fa’ come ti dico e continua a pregare nel tuo cuore.» Vedete? Aggiunsi: « Dio si occuperà del resto.» Egli mi telefonò, due o tre settimane dopo, per dirmi: “Il mio focolare è rivoluzionato. Mia moglie è una persona diversa.”

167         Dissi: « Cosa è più potente: gridare, irritarsi, battere i piedi o mettere le tue braccia intorno a lei, con amore?» Dio è Amore. Dio ha tanto amato il mondo…

Da quando per la fede, ho visto il fiotto

Che usciva dalle Tue ferite,

L'amore redentore è stato il mio tema,

E lo sarà fino alla mia morte.

Proprio così.

168         Un uomo mi chiamò e disse: « Questa donna ha tre demoni. Uno di essi si chiama Jeff, l'altro si chiama Seth.» Ed egli non menzionò l'ultimo. E delle centinaia, centinaia e centinaia di persone intelligenti, sedute là, sostenevano quella riunione. Lui disse: “Uno di essi è verde, l'altro blu e l'ultimo è rosa.»

169         Pensai: « Oh, Dio! Oh, Dio! È così falso! Non lasciare che ciò accada, Dio! Queste persone che hanno fatto tanti sforzi per provare a raggiungere il Regno di Dio, si riuniscono a centinaia per ascoltare simili sciocchezze!» Sapete perché? Non sono mai state al di là del velo. Certamente. Se loro fossero state là, avrebbero un’opinione diversa. “Le Mie pecore conoscono la Mia voce. Non seguiranno un estraneo.» Sì, signore.

170         Voi potreste passare per ogni tipo di emozione, condurvi in ogni maniera ed invocare il nome della religione. I pagani fanno la stessa cosa. Ma datemi una vita consacrata, che è morta ed è risuscitata in Cristo Gesù, che vive nella Gloria della Shekinah, circondata dall'amore di Dio; ecco la persona che, io credo, sarà là.

171         Mettimi sotto il velo, sotto il Sangue del Signore Gesù. Prendete tutti i vostri doni che trovate nella Scrittura. Il diavolo può imitare ciascuno d’essi, ma non può imitare l'amore, perché l'amore è autentico. Il diavolo non può amare. Quella è una cosa che non può fare. E quando voi arrivate al punto d’amarvi gli uni gli altri e, dove tutto il mondo è morto... Se amate Dio...

172         Ultimamente, parlavo ad una donna che mi ingiuriava in modo indescrivibile. Era sul punto di darmi, quasi, una sferzata. Ero seduto con un altro uomo. Lei disse: « Se passate di qua, chiamo la polizia!»

Dissi: « Ebbene, cara sorella, ero solamente... siamo dei Cristiani, non dovremmo fare ciò.»

Disse: « Dei Cristiani? Non esiste una cosa simile!» Proprio con cattiveria. Lei ingiuriava terribilmente.

Dissi: « Ma, signora, c'è... non credete in Gesù Cristo?»

Lei rispose: « Oh! Io credo in Lui, ma non nelle persone.»

173         Allora dissi: « Non potete credere in Lui senza credere nel Suo popolo. Non lo potete fare.» Oh! Non smetteva di maledirmi. Uscii dall'automobile e dissi: « Sorella, desideriamo soltanto passare di qua, andrà tutto bene.» Aggiunsi: « Non l'avrei fatto per nulla al mondo. Io lavoro qui.»

Lei disse: « È così che agiscono le persone come voi. Credete di poter calpestare noi vecchi.»

174         Dissi: “No, no, no.» Aggiunsi: “Se non volete che lo facciamo, va bene, ma non so come faremo ad uscire con l'automobile da qua. Siamo entrati perché suo marito ci ha detto che potevamo farlo.”

“Non m’importa di ciò che lui ha detto. Voi non lo farete.”

Ed io: « Ebbene, siamo entrati qui…»

Lei disse: « Ora, non potete uscire, passando da questo cortile.»

175         Dissi: “Signora, vede quel fango? Ebbene, non potremo spostarci più di tre metri da dove ci troviamo adesso, né da quell’erba e da quelle rocce laggiù.»

Lei rispose: « È un affare vostro, ma se attraversate di qua e ve ne andate, andrò a chiamare la polizia.»

176         Dissi: « È un vostro diritto e mi dispiace di non essere venuto da lei dopo aver visto vostro marito.» Aggiunsi: « Sono dispiaciuto di ciò.»

177         E lei… Oh, era furiosa, sbuffava, agitava il suo pugno davanti alla mia faccia e via dicendo. Ero seduto là con una vecchia tuta. Dissi: « Ebbene, sono veramente dispiaciuto di averla disturbata. Non l'avrei fatto per nulla al mondo, sorella. Ho vergogna di me stesso.» Aggiunsi: « Vostro marito ha detto che andava bene, che era tutto in ordine.”

Lei rispose: « Voi giovani credete di poter calpestare noi vecchi.»

178         Dissi: « Probabilmente è ciò che succede spesso nel vicinato. Tuttavia, sorella, noi siamo Cristiani.» Aggiunsi: « Io non vivo qui. Lavoro qui solamente per aiutare un fratello.»

Lei disse: « Lavorate qui? Cosa fate qui?”

Risposi: “Sono un predicatore, un reverendo.”

Lei mi guardò dall'alto in basso. Disse: « Un reverendo?»

Dissi: « Sì, signora.»

Lei continuò: « Cosa fate qui?»

Risposi: « Cerco di fare una buona azione per aiutare qualcuno.»

« Come vi chiamate?»

Dissi: « Mi chiamo Branham.»

Lei chiese: « Siete il fratello Branham?»

Risposi: « Sì.»

179         Lei disse: « Scusatemi.» E le sue labbra cominciarono a tremare. Lei iniziò a piangere. Disse: « Sono una Metodista retrograda. Ho vergogna d’aver agito così.»

Dissi: « Dio vi benedica, sorella. Ritornate in chiesa, volete farlo? Servite il Signore Gesù.»

180         Vedete, se foste saltati in aria, scagliandovi contro di lei, dicendole che ne avevate il diritto etc., e che voi... vedete ciò che avreste fatto? Bastano solo alcune parole d’amore che scendono nel cuore. Fratello, facciamo entrare le persone dietro il velo. Proprio così.

181         Volete conoscere un piccolo segreto? È così che domo le bestie selvagge, è così che domo le malattie: è tramite l'amore. L'amore di Dio ci costringe a fare tali cose. Venite dietro il velo. Non volete farlo oggi, mentre chiniamo i nostri capi, per un momento di preghiera?

(Se la sorella vuole venire al piano.)

182         Padre nostro Celeste, Ti ringraziamo oggi per l'amore di Dio che è stato sparso nei nostri cuori, per mezzo dello Spirito Santo. Osservando che, ora, il nostro tempo avanza, vorremmo, Padre, che ogni persona che si trova, adesso, nella presenza divina, entri dietro il velo.

183         Ci sono qui dei giovani e delle giovani donne, degli anziani, dei giovani… proprio dei ragazzini, degli adolescenti. Ti preghiamo questa mattina, Padre, di portare con Te ciascuno di loro dietro il velo, di nasconderli in Te, in Cristo, finché siano nati di nuovo e la speranza della gloria, la speranza di Dio, riposi su di loro. E, quando sopraggiungeranno le prove del nemico, saranno così lontane, fuori dal velo, che neanche le sentiranno; essi vedranno soltanto Gesù, vivente nella Gloria della Shekinah, vivente nelle Sue benedizioni, dove questa aureola di Luce, che è nel tabernacolo, adesso... possa dimorare in ogni cuore, Padre. Possa essere considerata diversamente, non in maniera intellettuale, o come qualcosa che si guarda su una foto, o persino che si vede con l’occhio naturale. Possa entrare nel loro cuore, Signore, e rimanervi, e che essi vivano in questa presenza di Dio che produrrà, ogni giorno, una vita fruttuosa e benedetta per il Signore Gesù. Vorresti concederlo, Padre?»

Mentre abbiamo i nostri capi chini, la nostra sorella darà un accordo di questo al piano, o, piuttosto, lo suonerà.

C'è una fonte ripiena di sangue.

(Quella è la via per entrare. Venite all'altare, essa vi conduce nella Gloria della Shekinah.)

Tratto dalle vene dell’Emanuele;

I peccatori, immersi in questo fiotto,

Perdono ogni traccia della loro colpevolezza.

184         Adesso, ci sarebbe qualcuno, qui, stamattina, che ha preso, nel suo cuore, una decisione per Cristo? Dite: « Oh, Dio! Ho preso la mia decisione. Non voglio vivere più questa vita con alti e bassi. Vengo a Te, ora. Appoggiandomi sul Sangue versato, sulla Tua Parola, vengo proprio ora e lo accetto. Alzerò la mano verso di Te, Signore, Dio, per mostrare che lo farò sin da oggi.»

185         Dio ti benedica, sorella. Ciò è buono. Dio ti benedica. Dio ti benedica. Dio ti benedica, fratello. Ciò va bene. Ora, Dio ti benedica, fratello, ti vedo qui. Dio ti benedica, sorella. Ebbene, Lui vi vede. Dio ti benedica, fratello mio.

186         « Oggi, io vengo. Signore, sono stanco di vivere alla luce della candela. Sono stanco di vivere alla luce delle stelle, della luna e del sole. Voglio la Gloria della Shekinah, Signore, che non si affievolisce quando viene l'oscurità.» (Dio ti benedica, sorella).

« Da oggi in poi...» Dio ti benedica, piccola signora; Dio ti benedica, sorella, Dio ti benedica, mamma; Dio ti benedica, ragazzino; ciò va bene. « Sin da oggi, Signore, Dio, farò ogni cosa. Vengo a Te, non puoi cacciarmi fuori, perché Tu hai promesso che non l’avresti fatto. Ed io vengo, adesso, l'accetto, adesso, lo crederò.» Dio ti benedica, sorella. “Vivrò nella Gloria della Shekinah. Quando le vecchie inquietudini ed altro… le preoccupazioni spunteranno e che ogni cosa proverà a scuotermi, di portarmi a fare questo, pensare male di questo, fare male quello e dire questo; resterò ancorato semplicemente dietro il velo e guarderò alla Gloria della Shekinah. E sin da ora vivrò soltanto con Te.»

187         Ce ne è ancora uno prima di pregare? Dio ti benedica, signora; tu, tu e tu, Dio vi benedica. Si, una o due dozzine di mani si sono alzate. Molto bene.

188         Adesso, semplicemente... vi dirò ciò che desidero che facciate. Ora, sappiamo d’avere la consuetudine che tutti vengano intorno all'altare per pregare; ciò va bene. Ciò iniziò a farsi nella chiesa Metodista, all’incirca nel diciassettesimo secolo. Nella Bibbia, essi non lo hanno mai fatto. Nella Bibbia, ciò che essi avevano, era che tutti quelli che credevano erano salvati.

189         Ora, voglio che restiate seduti dove siete. Desidero che chiniate il vostro capo con me. Mentre prego, voglio che preghiate e diciate al Signore: « Signore...» Adesso, dimenticate tutte le preoccupazioni del mondo e chi è seduto accanto a voi. Questa potrebbe essere l'ultima volta che avete l’opportunità di entrare nel Regno di Dio. Ed io prego Dio di aprirvi oggi le porte della grazia e che questo sia il momento. Adesso, pregheremo, mentre abbiamo i capi chini.

190         Nostro Padre Celeste, Ti portiamo... Adesso che il seme è stato sparso dal palco, Signore, e che lo Spirito Santo l'ha fatto cadere, qui, nei cuori di cinquanta, sessanta o più persone, che hanno alzato la mano e hanno detto: « Per questo, adesso, veniamo a Te» . Concedi, Padre, che le porte del loro cuore si spalanchino. Sono stati... Molti di loro, Padre, hanno già la Vita eterna. Essi vivranno per sempre. Sarà così, poiché Tu l'hai detto. È quello il motivo per il quale i pensieri che formuliamo sono così positivi. Deve essere così. Tu l'hai detto.

191         Ora, Padre, Ti preghiamo, nel Nome di Gesù, di portarli in una comunione più stretta. Loro sono stati sballottati. Satana li percuote. Possono sentire i gemiti ed i lamenti del diavolo che li spinge sempre a fare le cose sbagliate, a dire cose sbagliate e ad ascoltare di tutto. Padre, noi preghiamo affinché, oggi, il velo cada tra essi ed il mondo, e che siano nascosti in Cristo per non vagare più; per restare proprio là, nella Sua gloria, ogni giorno, leggendo la Bibbia, lodandoLo… mansueti, umili, tranquilli, dei Cristiani ripieni dello Spirito. Concedilo, Signore. Ora, noi li raccomandiamo e li affidiamo a Te. Nel nome del Signore Gesù Cristo e per la Sua gloria. Amen.

C'è una fonte ripiena di sangue.

Tratto dalle vene dell’Emanuele;

I peccatori, immersi in questo fiotto,

Perdono ogni traccia della loro colpevolezza;

192         Fra un istante, avremo il servizio di guarigione. Desidero, ora, che ogni cuore stia attento. Quanti sentono che, oggi... da oggi in poi, per la grazia di Dio (se non l’avete già fatto, credete sin da ora), camminerete nella presenza di Dio, camminerete diritto con la giusta unzione?

193         Cosa sarebbe la giusta unzione? Secondo la Parola: l'amore, la pace, la gioia… è quella l'unzione. Camminare così, finché Dio alza il velo, mi prende all'interno e mi isola dal mondo che mi circonda.

194         Volete farlo? Alzate la mano. Per la grazia di Dio, lo farete? Grazie, che Dio vi benedica. Fatelo, amici. Ve lo dico. Ciò batterà ogni emozione, ogni dono o qualsiasi altra cosa che potreste ricercare, se semplicemente trovate Cristo così nel vostro cuore. Ecco ciò che mi ha aiutato.

195         Ho tenuto mio padre nelle mie braccia, ho visto i suoi capelli ricadere, ed egli mi ha guardato; è andato ad incontrare Dio. Ho visto mio fratello là, lottando, le vene tagliate, il collo spezzato ed il sangue che colava dalla sua bocca. Io ho guardato mia moglie e lei ha detto: « Ti incontrerò laggiù, dall'altro lato, Billy.»

196         Il giorno seguente, ho posto la mano sulla mia bambina, vedendo la sua piccola gamba tremare. Ho detto: « Sia benedetto il tuo piccolo cuore, Sharon. Papà ti incontrerà dall'altro lato.» La mia ancora tenne. Vedete? Ciò non è basato su emozioni. Su niente che io abbia sentito, né... È ciò che Dio ha detto al riguardo. Io l'ho creduto.

197         Oggi, dopo i miei ventitré anni di ministero, essa tiene proprio così saldamente, se non di più. Si avvolge progressivamente intorno alla Croce, perché mi attira sempre più vicino ad essa. Vedete? Che Dio accordi a ciascuno di voi l'esperienza di vivere una vita intima e consacrata.

198         Vedete, ascoltate attentamente, ora, prima che termini con questo. Non si tratta della benedizione che ricevete né per il fatto che gridate e glorificate Dio. Queste cose sono buone. Voi mangiate la manna, ma non si tratta di questo. Questa mattina, non è di questo che io parlo. Non si tratta se vi siete alzati e parlato in lingue, se avete gridato o se avete corso attraverso la sala. Non è quello. Non parlo di questo. Io parlo di questa Vita nascosta in Cristo, dove tutto il tempo, giorno e notte, vivete semplicemente in Lui. È di ciò che io parlo.

199         Ora, Egli è qui. Vorrei essere un guaritore, stamattina. Se lo fossi, guarirei la gente ammalata. Io non posso guarire i malati, sono soltanto un uomo. Ma il Guaritore, Lui stesso è qui, il Signore Gesù. Adesso, se io... La Bibbia dice: “La preghiera fervente del giusto ha una grande efficacia. La preghiera fervente del giusto ha una grande efficacia.”

200         Vedete, Elia era un uomo sottoposto alle nostre stesse passioni. Pregò intensamente che non piovesse e non piovve per tre anni e sei mesi. Pregò, poi, di nuovo con fervore e, il cielo diede la pioggia. La preghiera cambia le cose. Io non posso cambiarle. Voi non potete cambiarle. È la preghiera che le cambia.

201         Dio disse, una volta, ad un uomo, che stava per morire, che doveva mettere la sua casa in ordine. Mandò il profeta a dirglielo. E, l'uomo, si girò verso il muro e incominciò a piangere, chiedendo a Dio di poter vivere ancora quindici anni. E, Dio, cambiò il corso delle cose dandogli ancora quindici anni. Cos’è questo? La preghiera.

202         Adesso, cambiamo argomento, giusto per alcuni minuti. Io non sono spesso con voi. Spero di essere di nuovo qui domenica prossima, se il Signore vuole. Ma, volevo, stamattina... Quando sono venuto, mia moglie ha detto: « Stai per andare? Sei rauco e via dicendo.»

Ho detto: « L’ho promesso; vado lo stesso.» Vedete?

203         Guardate, voglio dirvi qualcosa. Adesso, so che la preghiera... È la prima volta che prego così, per i malati, da quando qualcosa mi è stata affidata, come voi sapete, e Dio sa che è vero. Vedete... pregare per i malati. Questo non sarà in pubblico, come di consueto. Ebbene, nella chiesa, durante le riunioni, sarà così, ma parlo di un’altra categoria nella quale entriamo ora. Ma, questo, lo so: ho fiducia. L'ho osservato da sempre.

204         Adesso, se... oggi sarei pronto a cambiare posto con un uomo che predica il Vangelo, se fosse la volontà di Dio, per me, di essere un predicatore. Non valgo tanto come predicatore, perché non sono istruito, non conosco molto della Parola, etc. Così, non posso predicare, ma il mio compito è di pregare per i malati. Ed io, ho notato nelle riunioni, in diversi luoghi, ciò che la preghiera fa esattamente.

205         Quanti ricevono la « Christian Life» [Vita Cristiana. - Ed.], la rivista « Christian Life”? Avete notato all’interno, l'articolo sorprendente di quel medico di Chicago o, credo, di Wheaton, Illinois? Gli è stato chiesto: « Credete nella guarigione divina? C’è una cosa simile?”

206         Egli disse: « Adesso, mi avete posto una domanda. La guarigione divina; cosa intendete dire, i miracoli o la guarigione?» Lui rispose: « La guarigione, certamente. Voi pregate per i malati e i malati sono guariti. Allora c’è un miracolo, quando la malattia sparisce, proprio davanti a voi.» Aggiunse: l’uno e l’altro, credo certamente in questo. Tuttavia, disse: “Queste sette dove non si menziona il sangue, come per esempio gli Unitari e gli Scientisti, etc., non sono d’accordo con questo. Ma, il Sangue di Gesù Cristo guarirà in ogni tempo.» Ora, quello era un medico. Vedete? Loro conoscono ciò.

207         Dunque, Dio ne stabilisce alcuni, nella chiesa, per pregare per i malati. Dio ne stabilisce alcuni per insegnare nella chiesa e altri per fare differenti cose. È ciò esatto? Egli lo fa. E, accanto a questo, talvolta, Egli dà differenti doni alle persone. Ciò non ha niente a che vedere con la salvezza della vostra anima. Ma, in questo, sapendo che Egli mi ha chiamato per pregare per i malati, desidero soltanto... per la vostra fiducia... e Dio sa, nel mio cuore, che non lo intendo dire in maniera personale. Tuttavia, lasciate che vi mostri qualcosa. Guardate ciò che è accaduto nel paese. Rappresentatevi ciò nella vostra mente per alcuni minuti.

208         Guardate ciò che è accaduto qui, l'altro giorno. Avete sentito tutti parlare di questa vecchia madre opossum, laggiù nella boscaglia; è uscita tutta ferita, morsa dai cani o qualcosa così. E, perché Jehovah Dio ha voluto (per una cosa che non ha nemmeno un’anima, un’ignara vecchia madre opossum), portarla davanti alla mia porta, ed io, così stupido, non l’ho capito? Essa è rimasta là per ventiquattro ore. Io, ero seduto, nella mia camera, ed Egli disse: « Come una signora, è rimasta là per ventiquattro ore affinché tu pregassi per lei, aspettando il suo turno, e tu non l'hai ancora fatto.» La piccola Rebecca era là, nella camera. Sono uscito e ho detto: « Padre celeste, perdonami. Non sapevo questo. Dunque, Ti prego di guarire questa opossum.»

209         È tutto ciò che ho detto. E, la vecchia madre opossum, si è alzata, ha raccolto i suoi piccoli, mi ha guardato, come per dire: « Grazie, signore.» Senza nemmeno zoppicare, è uscita dal cancello ed è scesa lungo la strada. Vedete? Un’ignara vecchia madre opossum. Certamente! Dio la condusse là. Lo credete?

210         Egli, come condusse Bosworth? Oh! Guardate semplicemente nella nazione, le centinaia... tramite sogni e visioni, come tutto ciò è accaduto. Dunque, ciò mi ricorda questo: che Egli mi incontrò là, quando si tenne al mio fianco e disse: « Tu sei nato in questo mondo per pregare per i malati.» Aggiunse: « Quando inizierà il tuo ministero, spazzerà il mondo.» Ed è stato così! Guardate le campagne di guarigione, milioni di persone intorno al mondo sono adesso guarite. Non potevo prendere tutto questo carico. Certamente no. Ma, ho iniziato, per la grazia di Dio, e ciò ha raggiunto il mondo intero, questo grande risveglio.

211         L'altra sera, mi ero seduto... (Ho quasi terminato). Non l'altra sera, alcuni mesi fa, con un gruppo di predicatori, riuniti in una campagna di guarigione. Ciascuno di loro doveva raccontare un'esperienza personale. Non sapevano che io ero là. Ero seduto in questo grande stadio, il collo del mio capotto rialzato così, il mio parrucchino sulla testa, con un paio di occhiali neri; stavo semplicemente là ad ascoltare. Uno di loro salì sul palco e disse: « Ebbene, il mio ministero era praticamente finito. Non sapevo cosa fare.» Aggiunse: « Un piccolo e umile uomo è venuto: il fratello Branham. Ciò mi ha dato un colpo per ripartire.»

212         L'altro salì e disse: « Ebbene, come per il fratello che ha testimoniato, così è stato per me.» Disse: “Ero pastore di una piccola chiesa e, una sera, sono ritornato a casa.» Aggiunse: « Tutto è cominciato là.»

213         Ero seduto là, piangevo e piangevo. Mi sono alzato e sono uscito dall’edificio. Non potevo resistere più. Vedete? (Egli ha detto questo.) Ho pensato: « Oh, Dio! È esattamente ciò che hai detto che sarebbe avvenuto, esattamente”.

214         Ebbene, eccomi, questa mattina, amici miei. Sono un misero servitore del Signore. Sono talmente mancante nei Suoi confronti che ho vergogna di me stesso. Mi sento persino indegno di servire i Suoi cari figlioli ammalati. Tuttavia, io non guardo ai miei meriti, perché non ne ho. Guardo a ciò che è la Sua grazia. Vedete? È ciò che Egli è per me e cosa io sono per Lui. Io sono un Suo figliolo. Egli è il mio Signore. Se le mie mani non sono pure, le Sue lo sono, e non sono le mie che io utilizzo. Cerco soltanto di abbandonarmi a Lui, affinché Egli possa operare attraverso di me. Sono molto felice di essere vissuto dietro questo velo, dove le cose del mondo... Quando essi hanno detto: « Tu non puoi farlo. Ebbene, sei pazzo. C'è qualcosa che non va con il predicatore Branham. Guardatelo. Ebbene, è impazzito.»

215         Quando ho avuto quella riunione di predicatori, laggiù, all'ospedale ebraico, e questo gruppo di uomini si è seduto là… Quando provarono a dirmi: « Ebbene, perderai il senno. Non puoi fare ciò! Pregherai per i re?

Dissi: “È ciò che Lui ha detto.”

216         Non faceva nessuna differenza ciò che essi dicevano. È stato fatto comunque, Dio l'ha fatto. Egli non ha guardato alla mia ignoranza. La mia ignoranza non avrebbe mai potuto produrre ciò, ma non era la mia ignoranza, era la Sua grazia. Era Colui che l'ha fatto.

217         Ed è soltanto su questa grazia che io confido, questa mattina, mentre vado a pregare per questa donna morente e per altri. Non solo... Voi siete pure servitori di Dio. La preghiera… la fervente preghiera… la congregazione in preghiera… Ecco, questa mattina, una donna stesa sulla barella. Ci sono altre persone morenti, sedute qui.

218         C'è certamente una qualità, un dono. Questo non è messo più in discussione dal mondo, dopo dieci anni. Potete venire su questo palco e, in presenza di Dio, non potreste nascondere la vostra vita, se doveste farlo. Egli vi direbbe esattamente ciò che siete e ciò che avete fatto. Voi sapete che è la verità, ma non è quello che guarisce. Non è quello che guarisce. È la preghiera della fede che salva l’ammalato. È la preghiera che salva il malato. Certamente. Adesso, ciò che vogliamo fare è di pregare per i malati. Dunque, io desidero vedervi come si deve. Penso: « Che ne sarebbe se fosse mia madre distesa qui? Che sarebbe se...» Forse è la madre di qualcuno. E, se questa seduta là al fondo fosse mia moglie o qualcun altro che è ammalato? Sarò sincero. Pregherò.

219         C'è una donna che è entrata, camminando, adesso, la signora Roof, lei era stata portata su una barella, come questa donna morente di cancro. Proprio qui a Jeffersonville, dove la riunione aveva luogo alla scuola secondaria, lei era morente di cancro. Ed eccola, da allora non ha avuto più disturbi. È ritornata a casa ed è stata guarita. Non è meraviglioso? Adesso, vorrei che la sorella suonasse: « Il grande Medico è ora vicino, il compassionevole Gesù.»

220         Ora, desidero che tutti quelli che rimarranno per il seguito della riunione, restino tranquilli un momento. Preghiamo. Chiamerò la linea di preghiera fra un istante.

221         Innanzitutto, credo che scenderò a pregare per questa donna sulla barella, affinché possiamo avere spazio. Desidero che teniate i vostri capi chini. Voglio che ciascuno preghi sinceramente, adesso.

222         Ora, sorella, qui sulla barella, la mamma… parlo a te, adesso. Desidero che abbiate fede, ora, e che crediate. Desidero che crediate con tutto il vostro cuore. Preghiamo tutti, con riverenza, se lo volete. Chiamerò... ritornerò sul palco dopo che avremo pregato per questa signora, poi lasceremo che le persone la portino fuori o la mettano di lato. Desidero, innanzitutto, pregare per lei, affinché possa liberare il passaggio. Possiamo pregare adesso?

223         Padre nostro celeste, sì, c'è un grande Medico. C'è del balsamo in Galaad. E, qui, distesi su una barella o seduti da qualche parte, c’è il Tuo popolo che soffre questa mattina. In questo mondo buio e tenebroso nel quale viviamo. Oh, Dio eterno, benedetto del Padre, Ti preghiamo di stendere oggi la Tua grazia su queste persone, e che ciascuno di loro sia guarito. Possano entrare vicino alla manna adesso. Tu hai aperto la porta, questa mattina, affinché possa venire chiunque lo desideri.

224         Il muro di separazione è stato abbattuto, in modo che Ebrei, Gentili, Greci, schiavi e uomini liberi possano entrare per la stessa porta, la porta dell'ovile. Tu sei la Porta, e noi veniamo attraverso Gesù, oh, Dio, per ricevere queste benedizioni. Gesù, il Cristo, il Figlio di Dio. Vengo a pregare per i malati. Vuoi Tu guarirli, oggi, Signore?

225         Ti ringraziamo per il nostro caro fratello Neville, per il suo lavoro valoroso di pastore nella chiesa, qui; per tutto ciò che ha fatto e per il modo in cui ha adempiuto il suo dovere, al suo posto, come un vero servitore. Possa Dio benedirlo insieme alla moglie ed ai suoi bambini. Signore, possano i suoi ragazzini crescere per essere degli uomini come papà. Concedilo, Padre.

226         Oh, Dio, sii vicino a noi, adesso, mentre, con tutto il cuore, vado a pregare per gli ammalati. Ti prego di essere con me, Padre, dammi la fede e togli ogni dubbio dalla mia mente affinché, quando ogni persona verrà, la mia mente non sia incredula, ma che il mio cuore possa emanare la fede. Concedilo, Signore, che la fede nel mio cuore possa scartare, cacciare i ragionamenti e avere fede. Possa ciascuno essere guarito. Concedilo, Padre.

227         Ora, mentre abbiamo i nostri capi chini, andrò a pregare per la sorella. Rimanete tutti in preghiera, adesso.

[Il fratello Branham si allontana dal microfono per pregare per la signora ammalata. - Ed.]

...ma Dio ha toccato il suo corpo e l'ha ristabilita interamente. Eccola camminare glorificando Dio. Voi che desiderate che si preghi, salite da questo lato mentre ora preghiamo.

228         Mentre la signora era distesa là, ho chiesto... Lei mi ha detto come era caduta e ciò che le era successo alla caviglia e alle costole. Ho detto: « Oh, Dio! Se vuoi confermarmi questo, stamane, farò la stessa cosa che Tu mi hai detto di fare quando ero qui, fa' alzare questa donna e falla camminare attraverso la sala.» E, subito dopo aver pregato per lei, ella si è alzata, hanno portato via la barella, ed ecco la donna che cammina.

229         Il Signore Gesù è qui, miei cari fratelli e sorelle. Io non posso guarirvi, ma siete sul punto di vedere, credo, uno dei più grandi risvegli avuti in questa nazione. Proprio così. So, semplicemente, che qualcosa è in preparazione, adesso.

230         Mentre passate, adesso, affinché si preghi per voi, che ciascuno nella sala rimanga in preghiera, mentre la nostra sorella suona. Il fratello Neville ed io pregheremo ed imporremo le mani sui malati mentre passano, da questo lato, ritornando al loro posto.

231         Certe persone, hanno un’idea sbagliata di cosa sia l'unzione. Avete mai pensato a questo? Quando la più grande unzione è stata data a qualcuno… cosa hanno fatto quando hanno avuto l'unzione? La più grande unzione che sia mai stata data a qualcuno, fu con Gesù Cristo. Noi abbiamo lo Spirito con misura. Lui l'aveva senza misura.

232         Un giorno, Lui è entrato nel Tempio, ha preso il Rotolo e l’ha letto. Ha detto: « Lo Spirito di Dio è su di Me, perché Mi ha unto per annunciare l’anno di grazia... per confortare i cuori spezzati, guarire i malati e dare la vista ai ciechi.»

233         Adesso, se una simile unzione, profetizzata ottocento anni prima che arrivasse, era su di Lui, qui, con questo tipo di unzione, la piena benedizione e l'unzione del Signore su di Lui, crederemmo... avremmo voglia di correre attraverso la sala, di gridare e giubilare; ma la Bibbia dice: « Egli posò il Rotolo e si sedette, e delle parole piene di grazia uscirono dalla Sua bocca.» Ecco ciò che Egli fece sotto l'unzione.

234         L'unzione non è un’emozione. L'unzione è il potere supremo sotto controllo; sapendo esattamente cosa e come. Ed è quello che c'è qui.

235         Ora, è probabile che non lo comprendiate mentre venite qui. Potreste non essere in grado di afferrarlo. Tuttavia, ecco ciò che richiedo dalla vostra fede: venite, credete ciò che vi ho detto e osservate ciò che accade. Vedete? Credete semplicemente ciò che è stato detto e osservate ciò che accade. L'unzione del Signore è nel tempio… il tabernacolo, questa mattina. Amen! Preghiamo, adesso, mentre noi continuiamo.

[Il fratello Branham prega per i bisognosi. - Ed.]

236         Padre nostro celeste, la sorella che è venuta un momento fa all'altare si è sentita condotta a cantare questo cantico. Tu le hai parlato. Lei è in ginocchio, prega come Anna nel Tempio. Dalle il desiderio del suo cuore, Dio caro! Noi Ti amiamo, Padre. Ti chiediamo di perdonare... dalle le cose che lei domanda, mentre è in ginocchio, infranta e in lacrime, sapendo che non è un segreto quello che Tu puoi fare, perché sei Dio, ed ogni potere Ti è stato dato in cielo e sulla terra. Così, possa Tu asciugare le sue lacrime, adesso. Confortala con le Tue mani che portano le cicatrici dei chiodi, e dille: « Figliola, la tua fede ti salva!» Possa andarsene in pace ed essere sanata. Qualunque cosa lei desideri, oggi, concedilo, Padre, perché noi chiediamo questo per amore di Gesù.

237         Amate il Signore? Non è Egli meraviglioso! Abbiamo trascorso dei momenti gloriosi, qui, questa mattina, in questa comunione. Avete sentito la Sua presenza? Giusto qualcosa intorno a voi che diceva: « Ebbene, Io sono con te, non temere. La piccola barca non può essere sballottata, né subire danno.»

238         Come vi sentite, mamma? Bene. Molto bene. La signora che era sulla barella ha detto che si sente bene, adesso. Non siamo riconoscenti per questo? Il nostro Signore Gesù... Lei ritornerà per stare con noi e prendere posto in chiesa, rallegrandosi e lodando Dio. È ciò esatto?

239         Credo che, domenica prossima, avremo ogni genere di persone che vorranno testimoniare, in merito a ciò che è accaduto oggi. Lo credete?

240         Adesso, cosa facciamo? Rimaniamo nella gloria, camminiamo nella luce, camminiamo passo dopo passo con Lui, tenendo costantemente la Sua mano eterna… le benedizioni eterne di Dio rimarranno con voi. Sapendo con certezza che, Dio, non prometterà nulla che non possa fare. Vedete?

241         Abrahamo, quando divenne vecchio, non si preoccupò della sua età; sapeva che Dio era in grado di fare ciò che aveva detto. Non è meraviglioso? Ebbene, adesso, Dio non muore. Dio vive di eternità in eternità.

242         Avete mai pensato che, quando il vostro spirito vi lascia... Se foste in una camera a gas, se foste in fondo al pozzo, in fondo al mare, ovunque sia, quando il vostro spirito vi lascia, l'acqua, il fuoco, niente può trattenerlo. Passa direttamente attraverso gli edifici ed è come un vapore. È sospeso là. È vivente, non può morire. Ha la Vita eterna. Non può perire.

243         E, poi, quando morite e i vostri cari piangono, pensano che siete morti, ma non lo siete. Vivete ancora, quassù. Il vecchio corpo è spirato ed è stato seppellito. Tutti gli atomi e queste cose che eravate si sono sciolti e sono tornati nella luce cosmica, petrolio e qualunque cosa fosse. Sono tornati alla terra. E, un giorno, il grande Re di questi spiriti verrà: Gesù, venendo dalla gloria nel Suo corpo. Amen!

244         Egli libererà la potenza di Dio e tutte le persone che sono in Lui, i loro corpi... questi atomi si riuniranno; la luce cosmica si formerà e, in un istante, ogni persona che è in Cristo sarà cambiata in un giovane uomo e in una giovane donna, stando in piedi sulla terra.

245         Pensate a ciò. Mai più vecchi, mai più malati, mai più angosce né dispiaceri. Di cosa dovremmo preoccuparci? Camminiamo semplicemente nella luce di Dio. È vero? Non è Egli meraviglioso?

246         Vediamo se possiamo cantare questo buon vecchio cantico. Potreste darci un accordo? “La mia fede guarda in alto verso Te.» Quanti lo conoscono? Avevamo l'abitudine di cantarlo sempre, qui.

La mia fede guarda in alto verso Te,

Tu, Agnello del Calvario,

Salvatore Divino.

Adesso, sentimi, mentre prego,

Togli tutta la mia colpevolezza,

Oh, lasciami, da questo giorno,

Essere interamente Tuo.

So che è tardi, ma cantiamolo. Dai, tutti adesso.

La mia fede guarda in alto…

IN ALTO