HOME PREDICHE PROFEZIE LIBRI TRATTATI BIBBIA BIOGRAFIA VIDEO FOTOGALLERIA CONTATTI

La predica Entrare nello Spirito di William Marrion Branham è stata predicata il 61-0428 La durata è di: 1 ora 52 minuti .pdf La traduzione BBV
Scaricare:    .doc    .pdf (opuscolo)    .pdf   
Leggere il testo in italiano e in inglese simultaneamente
Leggere il testo soltanto in inglese

Entrare nello Spirito

1                   È strano, credo che la sera scorsa stavo parlando del fratello David ed eccolo sulla piattaforma questa sera. Ebbene, è strabiliante. Fratello David, siamo felici di averti qui a Chicago. È bello avervi qui, dietro di me, stasera, fratelli, e sapere che mi sostenete con la preghiera... Siate in preghiera per me. È bello essere di nuovo qui, in questo auditorio meravigliosamente riempito di gente, e di essere nell'attesa di vedere lo Spirito Santo venire ed operare ancora una volta in mezzo a noi.

2                   Siamo qui dalla scorsa domenica sera, o piuttosto, dalla scorsa domenica pomeriggio, e ci siamo sicuramente rallegrati per ogni ora di queste riunioni. Abbiamo trascorso un tempo così straordinario, così meraviglioso, e lo Spirito Santo ha fatto grandi cose gloriose in mezzo a noi. Lo abbiamo visto guarire i malati, fare dei miracoli, salvare le persone e poi riempirle dello Spirito Santo. Semplicemente delle cose gloriose. Cosa potremmo chiederGli di più, di ciò che Gli abbiamo visto fare?

3                   Sono così contento di sapere che viviamo negli ultimi giorni. E, come ministri del Vangelo, credo che abbiamo il privilegio di parlare agli eletti di Dio negli ultimi giorni. Quale privilegio è per noi predicatori, di essere qui sulla terra, oggi, e rivolgerci all'ultima epoca della chiesa, l'ultima chiesa. Credo veramente, con tutto il mio cuore, che ci rivolgiamo ora all'ultima epoca della chiesa, che si concluderà infine nella chiesa di Laodicea. Poi Gesù verrà e tutto sarà finito.

4                   Sarò contento quando ciò accadrà. Mi sento come Giovanni in quel tempo: “Si, vieni Signore Gesù”. Disse: “Sì...” Ne ho visto semplicemente abbastanza. Sono stato qua e là, e sembra che, invece di migliorare, il mondo diventa sempre più malvagio. Così, io penso, come disse Giovanni: “Sì, vieni Signore Gesù”. Poi, tutto sarà finito.

5                   Vedo che essi hanno sempre questo piccolo libro, qui, concernente la visione che abbiamo pubblicato. Ogni volta che penso a ciò, il mio cuore si infiamma per andare semplicemente più avanti nella riunione, fare subito qualcosa, perché presto non avremo, forse, più il tempo di fare qualcosa. Così, vogliamo farlo adesso, mentre ci è possibile. Possa il Signore aggiungere le Sue benedizioni ancora questa sera.

6                   Dunque, domani mattina, qui stesso, credo ci sarà la colazione degli uomini d’affari. Credo che sia già stato annunciato che domani ci sarà una colazione con gli uomini d’affari ed io penso che il pubblico sia invitato. Se voi verrete, ebbene, ne saremo molto felici. Se piace al Signore, spetterà a me parlare nella mattinata, perlomeno sarò uno degli oratori alla colazione. Confido che il Signore incontrerà noi tutti

7                   Alcuni di voi, uomini d’affari di questa città, se non avete mai assistito ad una di queste colazioni, vi farà sicuramente bene venire ad ascoltare ciò che Dio ha fatto per altri uomini d’affari. Ebbene, siete forse un uomo che prospera, per ciò che concerne i vostri affari, tuttavia... Non proviamo a presentarvi qualcosa che farà di voi un migliore... o che migliorerà i vostri affari. Noi cerchiamo di presentarvi qualcosa che vi renderà migliori. Ed è Cristo, vedete. Cristo.

8                   Come ho detto l'altra sera, è da molto tempo che la chiesa ha perso il suo programma, quando ha provato a paragonarsi al mondo, con l'istruzione, lo scherzo, il divertimento e così via. Non ci si potrà mai paragonare a loro. I figli delle tenebre sono più avveduti dei figli della luce. Sono più avveduti. Lo ha detto Gesù. Non riusciremmo mai a dare loro il divertimento e… Dopo tutto, il Vangelo non è una luce che abbaglia, bensì una luce radiante. È un'irradiazione, tenue e dolce.

9                   C'è giusto una cosa che noi abbiamo e che il mondo non ha, e non può avere, salvo che non diventino uno di noi: abbiamo Gesù. Ecco. Noi abbiamo Gesù. Non siamo tanto abili come loro. Non siamo tanto avanzati nella scienza. Non conosciamo niente di ciò. Non proviamo a mantenerci al loro livello e di avere una migliore istruzione, o delle migliori scuole etc. e di dire che la nostra chiesa possiede questa scuola e così via. Ciò va molto bene in questo ordine di idee, ma noi abbiamo Gesù. Ecco ciò che cerchiamo di portare al mondo, è Gesù Cristo; ed Egli è il Figlio di Dio, è il nostro Salvatore, e noi Lo conosciamo nella potenza della Sua risurrezione. Ecco la cosa reale.

10              Ora, alcuni di noi... io stesso, forse, non conosco molto bene il Suo Libro, ma Lui lo conosco proprio bene. Mi basta conoscere Lui, è tutto. Conoscere il Suo Libro non vi da la Vita eterna. Ma la vita è conoscere Lui. La vita è conoscere Lui, l'autore del Libro.

11              Adesso, ancora domani sera, ci aspettiamo di avere un altro servizio di guarigioni, se il Signore vuole. Poi, queste riunioni si concluderanno domani, o domenica pomeriggio. Partirò poi per il nord della Colombia Britannica, Dawson Creek, Grande Prairie e Fort San John, attraverso questa parte del paese laggiù, forse, per il resto dell'estate. Siate in preghiera per noi, dunque, e noi speriamo di vedervi nella mattinata, alla colazione e per il resto della riunione.

12              Voi visitatori, non lo dimenticate adesso: la ragione per la quale tutti questi fratelli sono seduti qui, questa sera, è perché sono dei ministri di questo stesso Vangelo. Trovate dove sono localizzate le loro chiese e riempitele per loro domenica mattina, in un grande raduno. Speriamo solamente che ciò lascerà un vero buon risveglio, agendo attraverso la città, finché Gesù non sia venuto.

13              Adesso, il piccolo Joseph Boze, qui, mi ha sempre detto che anni fa... eravamo seduti a Lakeshore Drive e, nel suo stentato inglese, mi disse: “Fratello Branham, noi... ho sempre avuto un sentimento nel mio cuore, di vedere Chicago essere scossa. Voglio vedere Chicago essere scossa”. Aggiunse: “Anni fa venni qui da New York per vedere Chicago essere scossa”.

14              Giusto prima dei miei incontri, l'altra mattina, ho fatto colazione con Joseph, che io ho sempre amato così tanto... Or dunque, dissi: “Fratello Joseph, il tuo grande desiderio è stato realizzato, solamente che non credo che tu lo comprenda. Vedi? Quando parli di scuotere una città, scuotere una nazione, ciò non significa questa carne da cannone [Carne da cannone: si dice di soldati mandati cinicamente incontro alla morte dai loro comandanti. -Ed.] che corre qua e là. Ciò intende dire la chiesa. È la chiesa che deve essere scossa. Non il gruppo ecclesiastico, ma il Corpo di Cristo. È quello che viene scosso e che torna nuovamente ad allinearsi”.

15              Quelli del gruppo di Chicago sanno che questo è... che sono stati scossi veramente in questi ultimi anni, in questi ultimi sei o sette anni, come dei grandi uomini di Dio sono venuti in questa città e hanno predicato agli eletti. Poi, ci sono stati dei segni e dei prodigi al punto che non c'è alcuna scusa. Assolutamente. Non c'è alcuna scusa. Questo è: ravvedetevi o perite. Ecco.

16              Adesso, per quelli che tengono conto… o, diciamo, che prendono nota dei testi, ho alcuni versi della Scrittura e delle note scritte qui, questa sera, su un breve soggetto che dovrei finire alle undici, o un po’ più tardi. [L’assemblea ride. -Ed.] Grazie, è bello da parte vostra. Ogni sera... Billy mi ha detto: “Quando andrai a Chicago, voglio vedere se una sera sarai capace di finire alle nove e trenta. Voglio vedere se sarai in grado di farlo”.

17              Dissi “Oh, sarà facile. Predicherò solamente venti minuti ogni sera”. Ogni sera, uscendo, lui mi dice: “Di quanto hai superato il tuo tempo, questa sera?”

18              Io rispondo: “Non più di due ore, qualcosa così”. Questo è perché non conosco un gran che, ma amo ripetere ciò che so, finché ciò penetri.

19              Una volta, un vecchio predicatore è andato in una chiesa. So che questo non è un posto per scherzare. La mia intenzione non è di scherzare ma, giusto per cambiare in un istante il modo di pensare. Egli andò in una chiesa, e la prima sera predicò sul ravvedimento. La seconda sera predicò sul ravvedimento. La terza, la quarta, la quinta e la sesta sera lui predicò sul ravvedimento. Ebbene, ciò andava molto bene.

20              Dunque, gli anziani della chiesa lo convocarono e gli dissero: “Dottore, noi apprezziamo il vostro messaggio sul ravvedimento, tuttavia, avete predicato lo stesso messaggio sul ravvedimento per sei sere consecutive”.

Egli disse: “Oh, ebbene, ciò va benissimo”.

Risposero: “Non hai un altro messaggio?”

21              Egli esclamò: “Oh sì! Ma, innanzi tutto, lasciate che si ravvedano tutti. Poi predicherò su qualcos’altro”. Vedete? Dopo che si saranno tutti ravveduti, si predicherà qualcos’altro. Così, è una filosofia alquanto buona. Vedete? Ravvedetevi, finché tutti si siano ravveduti. Ciò sarebbe buono. Sono sicuro che resteremmo molto tempo qui.

22              In 2. Re, capitolo 3, voglio leggere il versetto 15:

«“…Ma ora conducetemi un suonatore”. E avvenne che, mentre il suonatore arpeggiava, la mano dell'Eterno fu sopra Eliseo».

23              Se volessi trarre un testo da questo, per tracciare un contesto, potrei prendere questo argomento: “Entrare nello Spirito”.

24              Un cambiamento abbastanza grande era avvenuto in Palestina in quei giorni. Aveva avuto luogo un grande avvenimento. Il grande ed eminente profeta era stato preso e trasportato nella gloria. Era una gran perdita per la chiesa che un grande uomo come quello fosse stato preso. Tuttavia, quale consolazione ciò avrebbe dovuto dare alla nazione, che era allora la chiesa, di sapere che quest’uomo, che era stato mandato loro per rappresentare Dio, era andato a casa senza persino essere morto, dato che egli era stato rapito e preso su.

25              Elia era una meravigliosa figura simbolica di questo giorno dove... È forse fuori dal sentiero battuto, per le persone che conoscono la Bibbia meglio di me, ma in un certo qual modo, credo che negli ultimi giorni, ci sarà un messaggio, qualcosa di simile ad Elia; e questa chiesa, come Elia, non morrà, ma sarà rapita, sarà presa su. Il Fuoco la porterà nella gloria. Il Fuoco di Pentecoste la porterà su.

26              Ad ogni modo, Dio fa sempre una via per la Sua chiesa. Una volta che Egli ha finito con un uomo, ne ha un altro che aspetta. Dio riprende il Suo uomo, ma mai il Suo Spirito. Egli ha sempre qualcun altro su cui può mettere il Suo Spirito

27              Ciò è strano, ma attraverso la Bibbia, Dio non ha avuto mai due profeti maggiori all’opera nello stesso tempo. Ha sempre avuto un solo profeta. Poi, una volta che ha finito con quello, lo toglie e ne mette un altro al suo posto. Ed è ciò che aveva fatto. Aveva cambiato solamente il messaggero, ma lo stesso Spirito, Elia ed Eliseo.

28              Come vorrei avere il tempo di entrare in ciò, questa sera, per vedere che quando Dio ha ritirato dal campo il vecchio profeta stanco... Egli aveva predicato contro Izebel e la sua folla mondana ed aveva ripreso vivamente Acab, i capi, le associazioni di predicatori ed ogni altro, fino ad esserne stanco; Dio doveva portarlo a Casa. Così, Egli lo fece venire semplicemente al fiume e...

29              Prima di farlo, Egli voleva ungere qualcuno che prendesse questo stesso messaggio. Vedete, lo stesso messaggio doveva rimanere. Così, egli partì e gettò il suo mantello su Eliseo. Poi Eliseo, una volta avuto su di sé il mantello di Elia... Aveva dovuto riprenderlo. Egli l'aveva gettato semplicemente su di lui. L'aveva dovuto riprendere, perché era caduto dalle sue spalle, quando era salito.

30              Vediamo adesso che Eliseo... Elia provò a scoraggiarlo. Gli disse: “Resta qui, perché il Signore mi ha chiamato altrove”. Poi, scopriamo che egli ha passato tre fasi: a Ghilgal, e di là, alla scuola dei profeti a Gerico; poi fino al fiume ed egli ha attraversato il Giordano con lui.

31              Se notiamo, come abbiamo predicato domenica scorsa, su Abrahamo e la sua discendenza dopo di lui, vediamo che Egli diede tre giunzioni ad Abrahamo: al capitolo 12, la giustificazione, nella chiamata, al capitolo 15, la santificazione, tramite il sacrificio del sangue, al capitolo 17, per trarre la forza dal suo corpo... lo Spirito Santo, nel corpo di Abrahamo, per fortificarlo per la venuta del figlio, come Egli ha fatto per la chiesa.

32              Egli ha fatto la stessa cosa per la posterità di Abrahamo: la giustificazione attraverso Lutero, la santificazione attraverso Wesley, il battesimo dello Spirito attraverso il movimento Pentecostale, poi il posizionamento del figlio, facendo dei doni alla chiesa, poi apparendo sotto la forma di... Egli era Dio nella carne, manifestando Sé stesso, conoscendo i segreti del cuore e ciò che Sara stava facendo nella tenda dietro di Lui.

33              Queste giunzioni... e si constata che queste chiese vengono direttamente in quello stesso posto... Egli aveva dovuto cambiare i corpi di Sara e di Abrahamo subito dopo questo messaggio, per ricevere il figlio promesso. È ciò che Egli ha fatto a questa chiesa qui. Gli ha fatto attraversare le stesse cose. Adesso, la cosa successiva è un cambiamento, in un istante, in un batter d'occhio, per andare...

34              Noi dovremo avere un corpo cambiato. Adesso, Sara ed Abrahamo non potevano ricevere il figlio promesso nella condizione in cui si trovavano i loro corpi. Erano vecchi di cento anni. Egli ha dovuto cambiare i loro corpi. Non tanto farli ridiventare giovani, ciò che Egli ha fatto, ma anche cambiarli. Altrimenti loro sarebbero stati come erano all’inizio. Ma Egli ha cambiato i loro corpi in modo che potessero ricevere il figlio. Vediamo adesso che la prossima cosa che deve avvenire per la chiesa è uno corpo mutato. Non si tratta che noi, persone anziane, ridiventeremo giovani (lo diventeremo tuttavia, e saremo là, giovani, certamente), ma dobbiamo avere un corpo mutato, per ricevere il Figlio, perché Lo incontreremo nell’aria. Il Rapimento avverrà in un istante, in un batter d’occhio.

35              Scopriamo adesso che Dio ha fatto passare Eliseo attraverso lo stesso processo, per tre fasi differenti. Poi, dopo avere lasciato la scuola, è sceso al Giordano e l'ha attraversato. Poi, una doppia parte dello spirito di Elia si è trovato su di lui.

36              Gesù ha detto: “Le cose che faccio Io le farete pure voi. Ne farete di più grandi, perché Io vado al Padre”. È una figura simbolica di Cristo e la Chiesa.

37              Cristo è stato preso su e lo stesso Spirito che era su Cristo è venuto sulla Sua Chiesa. Ora, mentre Cristo non poteva esercitare il Suo ministero che in un luogo, ora, nella Sua chiesa, Egli può esercitare il Suo ministero intorno al mondo. Immaginate! Noi siamo qui a Chicago, questa sera, con Cristo che esercita il Suo ministero, laggiù a Filadelfia, esercitando il Suo ministero (Cristo), in Africa, in Giappone, in Asia, in Europa, dovunque. In questo stesso istante, intorno al mondo, delle persone sono guarite tramite la potenza di Dio. Alcune persone ricevono lo Spirito Santo, a dozzine, intorno al mondo, in questo stesso istante, vedete. Una doppia porzione, il suo Spirito sparso negli ultimi giorni.

38              Non appena quelli della scuola di teologia, in cima alla montagna di Gerico, ritornarono e videro che Eliseo aveva attraversato, così come il miracolo che aveva compiuto, precisamente come aveva fatto Elia. Ebbene, essi dissero: “Lo spirito di Elia riposa su Eliseo”. Poi, vediamo che le persone hanno saputo che lo spirito di Dio era su questo profeta. Così, lo consultarono per vedere se egli avrebbe fatto qualche miracolo per loro, per una buona causa.

39              Dissero: “Abbiamo una città magnifica qui, assisa sulla collina. Le vedute sono belle, è un luogo affascinante per una scuola e così via. Ed è Elia che l'ha costruita, ma l'acqua è amara”. Avevano bisogno di una nuova sorgente. Certamente loro erano cambiati e avevano bisogno di una nuova fontana. Così, voi non potete mettere del vino nuovo in otri vecchie. Ciò le farebbe esplodere, sapete. Ed io penso che oggi è anche il giorno in cui ci occorre un cambiamento d’acqua.

40              Abbiamo bisogno di un piatto di sale, un piatto nuovo di sale in cui non ci sia mai stato niente prima. È ciò che Dio fa abitualmente, suscita una persona, venuta da qualche parte, che non conosce niente, e getta un piatto di sale in qualche vecchia acqua ecclesiastica. Si costata ben presto che tutto diventa di nuovo dolce, un altro risveglio, lo Spirito Santo discende su ciascuno, andando ovunque. È ciò che ci occorre questa sera. Ecco ciò di cui abbiamo bisogno di nuovo, di un altro pizzico di sale (non pensate sia così?) per addolcire l'acqua. Ricordatevi che egli ha preso un piatto tutto nuovo che non aveva mai contenuto nulla, e vi ha messo del sale. Adesso il sale dà il sapore se entra in contatto, ma deve entrare prima in contatto. Deve fare il suo contatto.

41              Nel mondo della politica c'era stato pure un grande cambiamento. Un uomo di nome Acab era morto e suo figlio Ieoram aveva preso il suo posto a regnare. Egli era all’incirca come, oh, suppongo come suo padre Acab. Aveva raddrizzato delle cose, ma aveva cambiato in male alcune altre. Difatti, questo è pressappoco il modo in cui si fa... Quando formiamo un nuovo sistema, ebbene, prendiamo alcune cose che il vecchio sistema non aveva e mettiamo qualcosa, forse, peggiore. Si continua ad avanzare in quel modo. Ma è così che ciò era accaduto in quel tempo.

42              Alcune sere fa, ho parlato di Giosafat che scese ad incontrare Acab e fece un'alleanza con lui. Egli cadde in cattiva compagnia. Ora, è sorprendente che Giosafat fosse ancora re, al diciottesimo anno del suo regno, quando Ieoram prese il posto di Acab. Egli mandò qualcuno verso Giosafat, perché si era messo in una cattiva situazione. E Giosafat si rimise direttamente in cattiva compagnia.

43              Non è strano che si facciano queste cose? Loro vanno sempre di male in peggio. Ci si accorge che le persone vanno... Verranno senza indugio e cominceranno a servire Dio; poi, non passerà molto tempo che ritorneranno dritti nel mondo. La Bibbia dice: “Il cane è tornato al suo vomito e la scrofa a rotolarsi nel fango”. Ed il cane dovrebbe sapere che se ciò, la prima volta, lo ha reso malato al punto di vomitare, ciò farà allo stesso modo la seconda volta.

44              Se il peccato del mondo fa si che un uomo realizzi che una volta era nell'errore e che se ne penta, ciò lo farà la secondo volta. Così, ad ogni modo, perché non astenersi dalla cosa? Se ciò vi ha reso ammalato e voi ve ne siete sbarazzati, allora astenetevi da ciò. Restate fuori dall'apparenza stessa del male. Constatiamo, tuttavia, che ciò segue questa corrente, è ciò che vediamo. Abbiamo sempre avuto ciò, così immagino che continueremo ad averlo.

45              Ma posso immaginare che Giosafat abbia pensato: “Ebbene, andrò a vedere. Forse questo nuovo pastore, Ieoram, sarà diverso. Sarà un po’ diverso da ciò che era il vecchio pastore”. Constatiamo che era un nuovo pastore, d’accordo, ma aveva lo stesso vecchio sistema. Aveva aggiunto semplicemente delle cose nuove ed alcuni nuovi programmi che forse il vecchio sistema non aveva.

46              Penso che è ciò che si vede spesso nei nostri giorni, amici. Noi gente Pentecostale, è in gran parte ciò che abbiamo fatto. Col vecchio sistema, proviamo ad iniziare un nuovo risveglio, ma ben presto facciamo dietro-front e ne consegue che col nuovo risveglio introduciamo di nuovo il vecchio sistema. Ed è ciò fa la cosa a pezzi.

47              Non molto tempo fa, qui, quando il risveglio è cominciato in mezzo ai Pentecostali, essi hanno chiamato ciò: “La pioggia dell'ultimo giorno”. Ebbene, sono andati in diversi luoghi e hanno detto: "Noi non siamo organizzati”. E dopo si è scoperto che erano più strettamente organizzati di quanto lo fossero gli altri. Vedete? Siete ritornati al vecchio sistema, con il nuovo pastore, e ciò non funzionerà affatto. Ecco. Ciò semina confusione in tutta la faccenda. Poi, voi siete tutti a pezzi.

48              Dunque, è ciò che è accaduto qui. Giosafat andò a vedere questo nuovo pastore, Ieoram. Pensò che avrebbe dato forse un'occhiata al suo sistema per vedere ciò che egli aveva. Questo non era altro che un mezzo per metterlo di nuovo nei guai. Poi, con tutto il prestigio e tutto ciò che aveva da offrirgli, costatiamo che è passato... hanno trascorso sette giorni senza consultare il Signore, senza sapere con certezza se Dio era in mezzo a loro.

49              Dunque, è quello il problema. Si intraprendono queste cose, ma non ci si ferma mai per sapere se il Signore è veramente in mezzo a noi o se questa è una specie di emozione o di eccitazione, o un certo sistema insensato o altro ancora. Dovremmo risolvere la faccenda e vedere se ciò è da Dio o no.

50              Credo che sia là che ci sbagliamo. Sono sette giorni che la chiesa è in viaggio. Constatiamo che su un periodo di sette giorni, prendendo semplicemente per scontato che Dio era là... È ciò che abbiamo fatto, noi.

51               “Oh, ebbene, andiamo ad unirci alla chiesa. Dio è in essa. Non c’è assolutamente alcun dubbio”.

52              Provate e vedete se dunque Dio è in essa o no!

53              Gesù disse: “Questi segni accompagneranno coloro che avranno creduto..." Segni, prodigi e miracoli. Quando vediamo che le nostre chiese si raffreddano e che quelle cose non accadono, che si deve aspettare la venuta di un certo evangelista in città e via dicendo, e poi produrre un po’ d’emozione, al suono di alcuni tamburelli… Dio non è in ciò!

54              No, vi dico che ciò di cui abbiamo bisogno oggi è un ritorno alla vecchia Bibbia, un ritorno all'antico insegnamento Pentecostale della Bibbia, un ritorno allo Spirito Santo, un ritorno alla potenza di Dio, un ritorno alle riunioni di preghiera che durano tutta la notte, dove loro hanno fame e sete di Dio. Ecco ciò di cui abbiamo bisogno, stasera, nelle nostre chiese, di introdurre ciò nei nostri sistemi

55              Loro scoprirono finalmente, dopo sette giorni di marcia, che ciò li avrebbe condotti in un deserto. E noi abbiamo scoperto la stessa cosa. Abbiamo avuto sette epoche della chiesa. Viviamo attualmente nella settima epoca della chiesa. Che cosa abbiamo fatto quando è esploso un risveglio? Abbiamo stabilito un sistema che fa di noi un piccolo gruppo da questo lato che dice: “Crediamo questo” e “Noi non avremo niente a che vedere con quest’altro gruppo”. Quest’altro gruppo si raduna dal suo lato e non avranno niente a che vedere con questo gruppo. Ed essi cominciano semplicemente a fare uno mucchio di storie, a mettersi in tutti i loro statuti e così via. Adesso, in mezzo a tutto ciò, constatiamo che sono pressappoco sette giorni da che noi siamo partiti e che Dio non è tra noi. È vero.

56              Dunque, il profeta disse che ci sarebbe stato un giorno che non sarebbe stato chiamato né giorno né notte. Sarebbe stato un giorno piuttosto scuro, fosco. Noi abbiamo avuto un giorno così. Dagli ultimi duemila anni, abbiamo avuto un giorno dove abbiamo tenuto delle riunioni, dove abbiamo accettato Gesù come il Figlio di Dio e come nostro Salvatore, dove abbiamo visto Dio fare grandi cose in mezzo a noi. Tuttavia, è trascorso molto tempo dalla Luce di Pentecoste.

57              Durante duemila anni abbiamo formato delle organizzazioni, edificato grandi scuole ed abbiamo avuto dei sistemi. Alla settima epoca della chiesa, qui, noi scopriamo che abbiamo mancato qualcosa. C'è qualcosa che non va. Vediamo che siamo arrivati in un deserto e che i frutti sono seccati. Ecco ciò che la chiesa Pentecostale ha fatto oggigiorno. Si è organizzata così saldamente, al punto che loro si rivoltano gli uni contro gli altri e tutti i suoi frutti si sono seccati. Non abbiamo più l'amore, la pace, la gioia, la pazienza, la comunione fraterna che dovremmo avere, come l'avevano al principio. I frutti si sono seccati tutti nel deserto. Sette giorni senza scoprire il vero Dio vivente.

58              Siamo partiti con i piccoli “ismi”. Dio ha dato la giustificazione a Lutero. Egli è partito con ciò. Ha dato la santificazione a Wesley. Egli è partito con ciò. Ha lasciato che la gente Pentecostale parlasse in lingue. Ed essi sono partiti con ciò.

59              Dio vuole chiamarci a venire insieme in un'unità di potenza per riportare la pienezza dello Spirito Santo nella chiesa, con tutti i doni spirituali all’opera in ogni corpo locale. Sì, sette giorni senza Dio li ha condotti in un deserto. Si vede la stessa cosa attualmente. I suoi frutti si sono seccati. Immagino che quando sono partiti dalle valli verdeggianti e via dicendo, per andare dall'altro lato della collina, hanno cominciato a vedere i luoghi diventare piuttosto aridi.

60              Sapete, tutti vogliono l'esperienza della cima della collina e non vogliono mai quella della valle. Tutti, anche la chiesa Pentecostale. Se non gridano ogni sera, se non si danza, se non si salta su e giù, se non si parla in lingue, se non si corre qua e là lungo la sala, o qualcosa di questo genere, allora è come se non avessero avuto una riunione. Ebbene, sapete, va benissimo di essere in cima alla montagna. Ciò va bene. Ma lasciate che vi dica che la notte i vostri frutti geleranno lassù. Quando verrà il periodo di freddo, perderete tutti i vostri frutti.

61              È ciò che accade in questo momento. Noi diamo più importanza alle esperienze in cima alla montagna, di danzare nello Spirito, di fremere e di saltellare, che alle riunioni di preghiera che durano tutta la notte, nella valle della decisione, dove dovete scendere, incontrare Dio e abbandonare realmente la vostra vita, finché qualcosa accada. Noi abbiamo lasciato... abbiamo fatto crescere dei frutti lassù, ma il gelo li fa morire. È vero. Ed ogni volta che c'è un piccolo periodo di freddo, non avete niente su cui riposare. Una volta che l'emozione si è calmata, allora tutte le grida terminano, i rumori cessano, e poi dove siete? La tentazione viene e voi non potete sostenerla.

62              Ciò di cui abbiamo bisogno è di scendere in questo luogo di stritolamento, laggiù nella valle, e scavare. È completamente giusto. È là che occorre che la chiesa sia, questa sera. Oh, posso immaginare che notavano questo inverdimento che cominciava a... “Del verde” dite? Sì. Siamo forse verdi, ma in ogni caso, abbiamo la vita.

63              Tutti dicono: “Ebbene, questo mucchio di predicatori Pentecostali, alcuni di loro..."

64              Qualche tempo fa, ero in una scuola e mio figlio diceva agli studenti che egli veniva pure dalla scuola biblica del Sud Ovest.

65              Loro hanno detto: “Se sai leggere e scrivere, vali più di quel gruppo laggiù”. Oh! Hanno aggiunto: “Ebbene, loro sono i più ingenui che abbia mai visto”. [Il fratello Branham fa uno gioco di parole con green: verde o ingenuo. -Ed.]

66              Oh, fratello, siamo forse verdi, ma siamo flessibili. Tutto ciò che non è verde, tirate giusto un po’ e lo romperete. Ecco qual è la faccenda, oggigiorno, con l'esperienza di troppe persone. È troppo secco e rigido. Abbiamo bisogno di qualcosa di flessibile. Allora se il vento si abbatte, può soffiare sopra, avventarsi sopra, spingerlo da ogni lato, farlo crescere, per fare entrare la vita.

67              Vorrei piuttosto essere un po’ verde, flessibile allo Spirito Santo, e capace di abbandonarmi, invece che stare là a fare un suono lugubre, come una cerimonia funebre. Quando mi si dice: “I giorni dei miracoli sono passati. La guarigione divina non esiste”. Quella è una cerimonia funebre.

68              Oh, questi giovani alberi, tuttavia, quando sono flessibili e capaci di abbandonarsi allo Spirito, e che lo Spirito comincia a farli muovere, come un vento impetuoso, riempiendoli completamente della bontà di Dio; oh, ecco il genere di vita. È probabile che siano degli ingenui [Il fratello Branham fa un gioco di parole con green: verde o ingenuo. -Ed.], tuttavia è un gruppo che ha all'interno la vita. Ciò è buono. Se qualcosa non ha la vita dentro, allora è morta. Questo si sa, scientificamente. Allora questa è morta.

69              Sette giorni. Non dimenticate, fu in questo settimo giorno che riconobbero quello che avevano fatto. Penso che siamo passati da Lutero, Wesley, tramite i Battisti, i Presbiteriani, i Metodisti e così via, ed è adesso, in questa ultima epoca, che abbiamo appena riconosciuto ciò che abbiamo fatto. Credo che questa volta la chiesa Pentecostale ha riconosciuto ciò che ha fatto. I conduttori veramente riempiti dello Spirito Santo, i Cristiani del movimento Pentecostale hanno riconosciuto che è accaduto qualcosa. Sono diventati freddi, perché tutti coloro che hanno tentato di vivere in cima alla montagna erano partiti senza Dio.

70              Ciò che ci occorre oggi è di ritornare a Dio, di ritornare all'esperienza, di tornare. È alla settima ora che hanno riconosciuto che erano laggiù senza frutti. Senza amore, lagnandosi reciprocamente: “Siete unitari” e “Voi siete trinitari” e “Voi siete delle Assemblee” e “Voi siete della chiesa di Dio” e “Voi siete questo, quello e quell’altro” e “Noi non avremo niente a fare con voi”. Dandosi reciprocamente dei cattivi nomi.

71              Allora il mondo si gira intorno, guarda e dice: “Ma cos’hanno queste persone? Entrambi parlano in lingue in questa chiesa, profetizzano e via di seguito. Questo qui, dall'altro lato, di quest’altra chiesa... non hanno alcun rispetto reciproco. Essi non hanno nessuna cortesia gli uni verso gli altri”.

72              Oh, ciò che ci occorre oggi, è un ritorno al frutto dello Spirito: l'amore, la gioia, la pace, la fede, la pazienza. Dio può mandare un dono in mezzo a loro, ed essi definiscono ciò telepatia, dicono che ciò è il diavolo e lo definiscono qualcos’altro. Se una chiesa patrocina ciò e l'altro lo riprende, là è tutto a posto. E perché questa ha avuto qualcosa da vedere con ciò, allora non è buono. Oh! Che condizione pietosa. Sì, signore.

73              Noi realizziamo che il frutto della fede, il frutto dell'amore, la gioia, la pace, la fede, la longanimità, la bontà, la mansuetudine, la gentilezza, la pazienza... La pazienza? Ebbene, è già difficile se possono sopportarsi per sette giorni, sette ore, talvolta neanche sette minuti. Essi saltano in aria ed escono dalla chiesa se dite qualcosa che non è esattamente conforme alla loro piccola e amata teoria. Riguardo a questo, si alzano e si affrettano ad uscire dalla chiesa. Oh, essi non possono restare seduti tranquilli un minuto. Devono uscire da là. “Ah, questo non è il pastore Tal dei tali che lo dice. Alleluia! Non sono obbligato ad ascoltare simili storie”. Escono. Oh, voi miserabili...

74              Molto bene. Eccovi, continuate. Si tratta di questo, vedete. Loro hanno perso tutti i frutti. Lo constatiamo. Il frutto dello Spirito è secco. Tutto ciò non andrà più oltre, giace là inaridito, polverizzato, pronto ad essere portato via dal vento. Che condizione! Realizziamo, adesso, che le nostre grandi organizzazioni... Sono buone, le organizzazioni, fino a che serbano Dio con esse, fintanto che v’è il frutto dello Spirito, fintanto che sono buone, gentili e pronte ad avere comunione e ad aiutare l'altro fratello.

75              Poco importa ciò che crede, se egli è un fratello e Dio gli ha dato lo Spirito Santo... Dio dà lo Spirito Santo a chi gli ubbidisce. È vero. Così, se voi avete lo Spirito Santo e il Metodista ha lo Spirito Santo, il Battista ha lo Spirito Santo, il Presbiteriano ha lo Spirito Santo, l'Unitario ha lo Spirito Santo, la chiesa di Dio ha lo Spirito Santo, ebbene, in questo caso, litigate a proposito di che cosa? Riuniamoci. Avanziamo. Ecco ciò che ci occorre. Questa non è l'organizzazione, vedete, è il sistema di questa organizzazione che stabilisce una distanza. È il diavolo che fa ciò.

76              Vediamo dunque che tutti i nostri sforzi per avere dei grandi edifici e grossi programmi di costruzione e così via... Immagino questi uomini che hanno percorso questa montagna, questi re e gli altri che sono saliti. Nei loro grandi programmi di costruzione, programmi avanzati di ampliamento, non hanno tardato ad accorgersi che i frutti diventavano sempre più piccoli. Poi, dopo un po’, non ce n’erano più.

77              Io so che è ciò che abbiamo fatto. E noi abbiamo visto come nel nostro tempo siamo penetrati in questa epoca Pentecostale. Quando, circa quarant'anni fa, eravamo laggiù, all'angolo della strada, senza un luogo dove andare e che da qualche parte, tramite un piccolo buco nel muro, alcune persone ridevano, trattandoli da esaltati. Ebbene, erano certamente più spirituali di quanto non lo siano adesso. È vero. La chiesa era in una migliore condizione, ciascuna di queste organizzazioni erano in una migliore condizione di quanto non lo siano attualmente, spiritualmente parlando.

78              Oh, difatti, valiamo dei milioni in quanto a proprietà. Tuttavia, ciò non significa niente per Dio. Preferirei essere completamente privo di vestiti, come Giovanni, avere solamente una pelle di pecora intorno al mio corpo, conoscere Gesù Cristo e sapere che il mio cuore è puro e netto davanti a Lui. Oh sì, piuttosto che di possedere tutte le ricchezze del mondo. Tuttavia, la faccenda è che la chiesa è partita senza Dio. Sono partiti senza... ed essi hanno scoperto che il frutto dello spirito è sparito dalla chiesa.

79              La pazienza? Alcuni di loro hanno abbastanza temperamento da roteare una sega circolare e parlare poi dello Spirito Santo. Vedete? Mentre il frutto dello Spirito Santo è l'amore, la gioia, la pazienza... Sopportare? Sì, ma pressappoco due minuti ed è tutto; e poi loro partono. Così, la sopportazione... i frutti sono tutti inariditi.

80              I nostri grandi programmi di costruzione si sono ampliati. È vero. I nostri grandi programmi d’insegnamento superiore si sono ingranditi. I nostri pastori sono più istruiti. Oh! Abbiamo ogni genere di diplomi. Si arriva là, la temperatura è già discretamente anche sotto il punto di congelamento. Ciò sembra raggiungere i quaranta gradi sotto zero. Oh! Sì, signore.

81              Abbiamo, tuttavia, tutto ciò. È vero. Come si può vedere, ci ingrandiamo sempre più, ma tutti i frutti e queste cose stanno per sparire. Sembra che le acque della Vita si stiano prosciugando. Non più Vita eterna. Ciò somiglia... Come dicevo l'altra sera, i pastori sono così occupati, le persone sono talmente occupate a fare degli scambi di membri... Questo è come se si facesse passare un cadavere da un obitorio all’altro, da un luogo all’altro. Proprio così. Alcuni di loro stanno friggendo e gli altri stanno congelando. Ecco, pressappoco, come stanno le cose.

82              Poi, ho detto che scivolano nelle piccole teorie dell'ora che dopo un po’ saranno diventate teorie del passato; ed ecco che noi partiamo. Vedete? Ecco dove la chiesa è arrivata, al punto che i frutti dello Spirito stanno seccando, ovunque. Ciò si vede dappertutto. Sapete che è vero. Faremmo molto meglio a dichiarare apertamente che è la verità, perché ne è il caso.

83              Ora, vediamo che essi stavano morendo laggiù nel deserto. In quale terribile condizione ciò li ha lasciati, l’essere partiti senza Dio. Oh, hanno camminato sette giorni. L’hanno attraversato, ne convengo. Possono mostrarvi il passato e dire: “Siamo i tal dei tali”. Ciò è vero, ma dov’è Dio? Ecco. Dove si trova Dio in tutto ciò?

84              Abbiamo le più grandi chiese, con dei grandi campanili, delle grandi croci, così come delle sontuose panche. Noi Pentecostali ci possiamo paragonare a ciascuno di loro. Il denaro che cola a fiotti, le folle meglio vestite e, fratello, delle Cadillacs parcheggiate un po' ovunque. Ma, dov’è Dio? Dov’è Egli?

85              Poi quando Egli viene nel mezzo di tutto ciò, molti di loro dicono: “Ah, non ascoltate ciò, vediamo, sono delle assurdità. Non prestatevi alcuna attenzione”. Vedete? Alcuni ceppi morti, ecco tutto. È vero. I frutti si sono seccati e sono spariti da molto tempo. Oh, in che ora terribile viviamo.

86              Ora, quando quel momento è giunto, molto rapidamente si sono trovati privi d’acqua. Essi non avevano neanche una sola goccia. Allora cominciarono a gridare: “Ahimè, ahimè, oh Dio, sei stato così buono verso di noi, di averci dato questi grandi edifici”. Ma, molti di loro cominciarono a gridare: “Dove sono le acque della Vita?” Vediamo avvicinarsi il comunismo, vediamo il mondo che giunge alla sua fine, i profeti che profetizzano che la fine è vicina e così via. Poi ci si domanda: “Dov’è l'acqua? Che cosa è accaduto?”

87              Ed è accaduto che qualcuno abbia esclamato, o piuttosto, un giusto ha esclamato: “Non c’è da qualche parte un profeta che potremmo consultare? Non c'è un profeta da qualche parte?” Giosafat, il giusto, ha esclamato: “Non c’è un profeta? Siamo in una situazione critica. Non c'è da qualche parte qualcuno che potremmo consultare su questo argomento?”

88              Ebbene, se le nostre organizzazioni ci hanno portato nel posto in cui siamo perché ci siamo separati gli uni dagli altri, non avendo apparentemente la fede, allora deve pur esserci qualcosa da qualche parte. Là, i giusti esclamano: “Dov’è quest’uomo di Dio? Dov’è dunque questa persona, chi saprà dircelo?”

89              Egli è qui, questa sera, nella persona dello Spirito Santo. È Lui che può dirvi cosa fare, che può compungere i vostri cuori. È Lui che può svelare i vostri peccati, che può togliervi il dubbio ed il “io spero che”, per formare in voi un “io so che”. È Lui che può farlo, questa Persona, il Dio chiamato lo Spirito Santo. Egli è qui presente.

90              Vediamo dunque che si sono messi tutti a gridare. Poi, vedendo che i frutti erano spariti completamente, che erano appassiti e che non avevano più acqua, allora il giusto, naturalmente, l'eletto, disse: “Non c'è da qualche parte un profeta che si possa consultare? Non ci si potrebbe mettere in contatto con qualcuno che non si trova in questa confusione con noi, qualcuno che sappia farci uscire da questa situazione? Siamo venuti tutti qui, abbiamo fatto un'alleanza, poi ci siamo radunati qui, sulla cima della collina. Stiamo andando in battaglia e voi vedete che non abbiamo niente con cui combattere”.

91              Ecco qual è la faccenda con la chiesa, oggi. Abbiamo molti membri, ma tutti morti. Abbiamo molte grandi organizzazioni, ma sono morte. Abbiamo molto entusiasmo, ma nella maniera errata: chi può essere vestito meglio? Chi può prendere di più d’anticipo? Chi possiede la migliore scuola? Chi può arrivare ad avere le migliori squadre di baseball, o giocare meglio a bunco, o qualcosa così. Noi vogliamo Dio, non queste cose. Ritornate a Dio! “Dov’è? Non c’è da qualche parte un profeta che sappia dirci cosa fare? Non c'è qualcuno da consultare?” Oh, che condizione!

92              Ciò è stato il grido del giusto. Ce ne fosse stato almeno uno in mezzo a loro. Questo era Giosafat. Era un uomo buono, ma aveva delle cattive compagnie. Ecco di che si tratta, stasera. Tanti uomini buoni, molti uomini buoni, là, in tutte queste organizzazioni, un po' ovunque, degli uomini eccellenti.

93              Ma, stiamo di fronte ad un fatto. Stiamo di fronte a qualcosa, ed è che il Maomettismo, il Buddismo e gli altri “ismi” possono spiegare tanto di psicologia come la chiesa Cristiana può farlo. È vero. Ciò di cui abbiamo bisogno, non è di qualcosa che venga fatta dalla psicologia o dalla teologia. Ma abbiamo bisogno di qualcosa nella chiesa che venga fatta dallo Spirito Santo, di sentire le persone esclamare: “Dov’è questo Dio che è vissuto una volta?”

94              Dov’è questo Dio della Pentecoste? Dov’è questo Dio che prende il cuore di un peccatore, lo lava e lo rende bianco come neve; che prende una prostituta dalla strada per farne una signora; che prende un ubriacone dal bar e fa di lui un predicatore? Dov’è questo Dio che può avvicinarsi e prendere queste gambe storpie e raddrizzarle, rendere la vista a questi occhi, far si che queste orecchie sentano e far sparire questo cancro? Dove si trova l’Iddio che una volta ha fatto ciò? Ecco. Abbiamo scoperto che c'è qualcosa che non va.

95              L'altra sera, siccome predicavo sull'argomento della più grande notizia flash della storia. Il vecchio Giovanni, il profeta, quando i suoi occhi si sono velati, se si può dire... Aveva lo spirito d’Elia, il quale era caduto in depressione quando era sotto il ginepro. Giovanni era depresso nella prigione. Egli era un profeta energico ed aveva i nervi a fior di pelle. Poi, i suoi occhi di aquila si sono velati. Egli disse: “Andate a vedere, dunque, se mi sono sbagliato. Chiedetegli se è Lui quello, o se dobbiamo aspettare un altro”.

96              Gesù non gli ha mandato un libro riguardo a come avere pazienza quando si è in prigione e via dicendo. Che cosa ha detto? Che cosa gli ha detto? Egli disse: “Restate semplicemente qui ed osservate la riunione di questo pomeriggio. Poi, andate a trovare Giovanni e ditegli che gli zoppi camminano e i ciechi vedono”.

97              Giovanni aveva predicato un Vangelo, in cui un Messia sarebbe venuto e avrebbe avuto un ventilabro in mano, col quale avrebbe pulito la Sua aia. Certo. Avrebbe bruciato la paglia con un fuoco inestinguibile. Ma quando Egli venne, era un piccolo uomo umile, umile e mansueto. Ciò non corrispondeva all'idea che si era fatta Giovanni. Tuttavia, Egli disse: “Andate a dire a Giovanni che ciò si svolge conformemente a tutto ciò che è stato previsto a Mio riguardo. È tutto a posto. Va tutto bene”.

98              È la stessa cosa, stasera. La chiesa, le persone del mondo si aspettano che i Metodisti, i Battisti, i Presbiteriani o una chiesa da qualche parte, producano qualcosa per riportare Cristo. Egli è sempre puntuale. Lo zoppo cammina, il cieco vede, il sordo sente. Gloria! È là, giusto nell'ora prevista. Amen. Niente che non va. Egli non smette di avanzare. Dio vive ancora. Egli è sempre Dio.

99              Questo giusto esclamò: “Oh, non c'è da qualche parte un profeta che potremmo consultare?”

100         Ora, c'era tra essi un buon fratello ed io posso sentirgli dire: “Sì, sì, io conosco un tale uomo. Ne conosco uno così”.

101         Posso vederlo guardare giusto intorno per vedere Ieoram, poi disse: “Dunque, so bene che non lo crederai. L’ho appena compreso. Tu non crederai quest’uomo, perché tuo padre non credeva in lui. Egli certamente non lo credeva. Tuo padre aveva questa scuola lassù sulla collina, con questo mucchio di profeti, o così detti profeti, lassù, ed essi non credevano in lui. Ora, in merito a quest’uomo che conosco, lo spirito di suo padre è su lui. Fa le stesse che fa suo padre. Egli ha fatto le stesse cose di Elia, e lo spirito di Elia riposa su Eliseo. Del resto, ho assistito alle sue riunioni ed io so che è la verità”.

102         Amen! Che Dio ci aiuti. Ecco ciò che vogliamo. Delle riunioni come quelle, dove vediamo lo Spirito di nostro Padre, Gesù Cristo, che era… di cui Elia era una figura simbolica. Vedete? Lo Spirito... “Chi crede in Me farà le opere che faccio Io”. Oh, fratello! Ecco di chi si tratta.

103         Questo buon fratello disse: “Io so dove trovarti quest’uomo. Ho visto lo spirito di Elia su di lui. Ha versato l'acqua sulle sue mani. Viveva con lui. So che lo spirito di Elia riposa su Eliseo. Lo so, Ieoram, che non potresti crederlo. E neanche la tua scuola di profeti lo crederebbe, il tuo seminario teologico. Ti dirò perché. Ecco il motivo: quando Eliseo era ritornato ed aveva detto loro che Elia era stato preso su, egli ne aveva una doppia porzione, ebbene, hanno detto: “Quest’uomo ha perso la testa. Prendi un gruppo di cinquanta uomini, partite alla sua ricerca ed andate a vedere dove egli... Non può essere salito su. È ancora da qualche parte laggiù. Poi essi...”

104         Abbiamo provato tutti i nostri sistemi ecclesiastici... Oh, non vi arrabbiate con me. Lasciatemi piuttosto dire che questi sistemi ecclesiastici, tramite dei programmi d’istruzione, tramite la teologia, tramite le organizzazioni, hanno impiegato più di duemila anni a cercare il Signore Gesù che è stato innalzato, ed essi non sono riusciti a trovarLo. Amen. Egli non viene attraverso la teologia dell'uomo. Egli non viene attraverso l'organizzazione. Viene attraverso un cuore che si è arreso a Lui tramite il battesimo dello Spirito Santo. Amen. I nostri sistemi fatti dall’uomo non arrivano a trovarLo.

105         Oh, hanno formato dei gruppi ed essi sono partiti alla sua ricerca. Hanno detto: “Oh, no, lo Spirito non ha mai fatto salire quest’uomo. Siate ragionevoli, voi sapete bene che siamo tutti laureati in lettere etc. Sappiamo meglio di ciò. Un uomo che si è seduto là ed ha mangiato del pane di mais con noi, così, ecco, sappiamo che quest’uomo non potrebbe essere stato preso su un carro di fuoco”.

106          “È tutto eccitato, quest’uomo. Egli è andato dall'altro lato, là, ed è ritornato con molto fanatismo. Noi sappiamo meglio di ciò. Fate sedere il vecchio individuo. La sua testa pelata si è riscaldata troppo, sapete, tenetelo un po’ in disparte. Andate a vedere cosa accade laggiù. Cercate. Mandate un gruppo...”

107         Egli disse loro: “Andate là, ma non lo troverete. Ridicolizzatemi, trattatemi da idiota, se volete, tuttavia, Dio ha...”

108         Voi non Lo troverete mai nei vostri sistemi organizzati. No, signore. Egli è stato innalzato dalla terra e ritorna nella forma del battesimo dello Spirito Santo. Voi non porterete mai le persone tramite l'istruzione; bisogna che nascano. Deve essere il battesimo dello Spirito Santo, niente di meno. Non si tratta di essere nervosi mentalmente, né di una certa emozione, né di un sistema ecclesiastico e neppure di un segno; ma bisogna che sia lo Spirito Santo, il vero ed autentico che porta il frutto dello Spirito: amore, gioia, fede, longanimità, bontà, mansuetudine, pazienza. Ecco. È questo. Sì.

109         È certo che Ieoram non lo poteva. Egli non avrebbe creduto. Queste persone non potevano crederlo. Quelli della scuola hanno detto: “Aspettate un momento. Sappiamo che questo tipo è tutto agitato. Lasciamolo calmare, poi riuniremo il nostro gruppo e andremo a cercarlo. È laggiù da qualche parte”.

110         È ciò che abbiamo provato a fare da duemila anni. Pentecostali, voi fate la stessa cosa, provando ad andare a cercarLo tramite l'organizzazione. Non arriverete mai separandovi dagli altri fratelli. Voi dovete ritornare e noi dobbiamo essere uno.

111         Io non presto attenzione se un uomo è nell’errore. Se egli è nell’errore, pur essendo sincero nel suo cuore, e voi credete in modo giusto, ma siete nell’errore nel vostro modo di agire, io preferirei essere al suo posto piuttosto che al vostro. Ciò è esatto. Io preferirei essere in errore nella mia dottrina ed essere giusto nel mio cuore. Dio rispetterà di più questo.

112         Così, cosa si può fare se un uomo è nell’errore? Venite in suo aiuto. Egli ha bisogno di aiuto. Amatelo. Se non potete amare i vostri nemici come voi amate quelli che vi amano, allora non siete meglio dei pubblicani. Esatto. Ecco ciò che la chiesa non ha compreso. Spero bene che l'afferriate questa sera. Spero che comprendiate ciò di cui parlo. È un ritorno all'amore, l'amore redentore. Tutte le altre cose sono buone, ma noi abbiamo bisogno di ritornare alla comunione fraterna gli uni con gli altri.

113         Le persone dicono che io combatto le organizzazioni. Non è così. Ciò che combatto è questo sistema che spezza la fratellanza. È ciò che ho sempre fatto e non cesserò mai di farlo. È vero. Questa cosa che divide i fratelli.

114         Uniamoci. Siamo fratelli. Se potessi vedere ogni chiesa di questa città, ogni chiesa nel mondo, somigliare a ciò che eravamo l'altra mattina in quella colazione ministeriale, dove ho visto gli Unitari, i Binitari, i Trinitari abbracciarsi l’un l’altro, allora direi come Simeone in quel tempo: “Signore, lascia che il Tuo servitore si diparta in pace, perché i miei occhi hanno visto la Tua salvezza”. Ciò è esatto.

115         Voi potete ridurre ciò ad una piccola comunità e non passerà molto tempo che il diavolo ritornerà e farà tutto a pezzi. Allora potete... Ma dovunque si voglia fare, non lo si può. Uno di questi giorni ciò si avvererà. Dio manderà loro un castigo, ed essi saranno costretti a farlo.

116         Così, il vescovo Ieoram non avrebbe semplicemente creduto ciò. Sapeva che egli non l’avrebbe creduto, perché suo padre non l'aveva creduto. Non credeva che Elia era stato preso su. Perciò, come avrebbe creduto questo?

117         Essi l’avrebbero cercato dunque tramite una vana teologia. «Ebbene, noi siamo una scuola di profeti. È tutto a posto. Sappiamo esattamente ciò che egli dovrebbe fare. Sappiamo precisamente come dovrebbe procedere. Noi sappiamo quale comportamento dovrebbe adottare. Sappiamo che tutto ciò che deve fare è di entrare e dire: “Io credo. E darò a tutti una stretta di mano”. E spruzzeremo in questo modo, o battezzeremo così, o all’indietro così, o in qualche altro modo o… Oh! E noi l'abbiamo». Questo è esattamente il modo in cui fa.

118         E voi partite e battezzate, spruzzate e prendete la Santa Cena in questo e in quel modo e constatate che siete sempre senza Dio. Quello che avete è una forma di rituale. Ecco tutto. Dio è Spirito. Quelli che Lo adorano devono adorarLo in Spirito e Verità. Amen. Dio manda i Suoi profeti per sradicare la cosa e per mettere in evidenza la verità che lo dimostrerà. Una vana teologia. Oh!

119         Vediamo, dunque, che egli disse: “Si, so dov’è questa persona. Andiamo laggiù e...” Ebbene, certamente, alcuni di loro ne sono rimasti stupiti, forse, ma, notate ciò che disse Giosafat qui, questo vero servitore eletto di Dio. Disse: “Lo Spirito di Dio è su di lui”. Sì, signore.

120         Quest’uomo disse: “So dove trovare Eliseo”. Aggiunse: “Egli versava l'acqua sulle mani di Elia il Tishbita. Lo spirito di Elia riposa su Eliseo. So che ha lo stesso spirito. Di conseguenza...” Poi, appena quest’uomo di Dio aveva appreso che lo spirito di Elia riposava su un altro uomo e che questi faceva la stessa cosa che faceva Elia, egli seppe che si trattava di un vero profeta. Sapeva anche che se il vero spirito di Elia era su un altro uomo, egli avrebbe fatto la stessa cosa che aveva fatto Elia.

121         Lasciate che ve lo dica, fratelli miei, permettetemi di dirvelo, amici miei, quando lo Spirito di Gesù Cristo verrà sulla chiesa, la chiesa farà le stesse cose che ha fatto Gesù Cristo. “Le opere che faccio Io le farete pure voi”. Ed Egli l'ha provato. Egli disse che l’avrebbero fatto. Se non è così, ebbene, allora, da qualche parte c’è qualcosa che non va. Essi fanno Dio bugiardo, se dicono di essere credenti e che queste cose non accadono. Egli ha detto, del resto, che ogni parola d’uomo sia una menzogna e la Sua verace.

122         Così, scopriamo che quest’uomo disse: “Lo spirito di questo vero e autentico profeta riposa su di lui”.

123         Poi, non appena questo eletto, che rappresenta la chiesa eletta di oggi, l'eletto di Dio per questo ultimo giorno... Egli disse: “Allora, andremo ad ascoltarlo, perché lo Spirito di Dio è sopra di lui. (Oh! Mi piace questo) Finché vedremo su quest’uomo le cose che ha fatto Elia, andremo a sentirlo”.

124         Questo buon fratello disse: “Ebbene, sono andato ad ascoltarlo parecchie sere, ho sentito ciò che ha detto e so che è la verità. Così, facciamo un salto laggiù e andiamo a chiamarlo”.

125         Così, quando si sono presentati davanti al profeta, oh, in quale situazione si sono trovati. È probabile che la sua santificazione ne abbia sofferto un po’, ma egli bolliva di rabbia. Disse a Ieoram: “Perché non vai dai tuoi propri profeti? Perché non vai dai profeti di tua madre? Perché non vai dai profeti di tuo padre? Va' dai tuoi, là, da questi formalisti e unisciti a loro se ne hai voglia. Sei in difficoltà, perché non vai da loro?”

126          “Oh, no, no” egli disse, “ma il Signore ci ha fatto venire qui”. Aggiunse: “Noi andremo a morire. Saremo uccisi”.

127         Non solo voi andate a morire; loro sono già morti. I frutti sono tutti secchi e lo Spirito si è ritirato dalla chiesa. Di già non è altro che un’organizzazione religiosa. Ciò è esatto. C'è qualcosa che non va. Così, se da qualche parte non arriviamo a riportare Dio nella chiesa, che cosa potremo fare? Allora non ci resterà altro che morire.

128         E quando questo profeta... Dopo averlo rimproverato vivamente, disse: “Se non avessi riguardo a Giosafat, questo eletto, neanche ti guarderei”.

129         Penso che è ciò che Dio direbbe questa sera. Se non fosse... Voi gente che siete legati da queste differenti organizzazioni e che disputate tra di voi, se Dio non avesse riguardo alle persone che hanno creduto in Lui, non ci sarebbe mai stato un Oral Roberts, o qualcos’altro, non sarebbe stato mandato nel paese. Non ci sarebbero stati segni, né prodigi. Egli non ci avrebbe neanche guardato, se non fosse... Siamo tutti colpevoli. Se non fosse a motivo degli eletti, se non fosse a motivo della chiesa… coloro che credono realmente Dio… Egli non ci avrebbe neanche guardato. Ciò è esatto. Ma, siccome c'è un popolo che vuole credere, Dio ha un messaggero per loro. Amen. Lo Spirito Santo è stato contristato e se ne è andato da lungo tempo.

130         Questo vecchio profeta, con la sua giusta indignazione, li rimproverò severamente. Parlò loro di tutte quelle alleanze e delle organizzazioni che loro avevano. Disse loro: “Malgrado tutto, portatemi un suonatore d’arpa”. Oh, egli aveva bisogno di placare un po’ la sua collera, sapete. Lui era su tutte le furie e così disse: “Portatemi un suonatore d’arpa”.

131         Ebbene, che ne è di alcuni di voi, della così detta chiesa di Cristo, che non credono alla musica in chiesa?

132         Dopo essere andato su tutte le furie, aveva bisogno di un po’ di musica per riportare lo Spirito su di lui. È vero. Sì, signore. E ricordate, Dio non cambia. Se della buona musica ha riportato lo Spirito sul profeta, allora ciò farà la stessa cosa oggi (è del tutto esatto), perché Dio ama ciò. Certo. Egli disse: “Portatemi un suonatore d’arpa”.

133         Bene, voi direte: “Sì, io non sono il profeta”. Ma potreste forse unirvi al suonatore d’arpa, sapete. Potreste fare qualcosa in questo senso. Ecco tutto. Avete una testimonianza o qualcosa che potete fare.

134         Li vedo che portano il suonatore d’arpa ed egli comincia a suonare: “Sol abbi fe’, tutto è possibile”. Ciò riportò lo Spirito ed egli ricominciò: “Sol abbi fe’, sol abbi fe’, tutto è possibile”. Dovette suonare un momentino prima che lo Spirito venisse sul profeta.

135         Poi, quando lo Spirito venne sul profeta, lui ebbe una visione. Questo è il modo in cui... Vedete, non poteva farlo... Questo gruppo di altolocati dell'élite intellettuale, quelli del lato intellettuale, del lato dell'istruzione, dei re e dei sovrani, non potevano vedere la visione. È vero. Erano ciechi. Questo è il motivo per cui, stasera, essi vogliono chiamare la visione che viene da Dio una condizione mentale, una telepatia, uno spirito del diavolo o qualcosa del genere. Questo avviene perché essi sono talmente intellettuali che non conoscono niente di Dio. Ciò è esatto.

136         Era la visione che aveva dichiarato la verità. Era là il programma di Dio. Era là il metodo di Dio, perché lo Spirito del Signore era sul profeta, e la Parola del Signore viene al profeta. Sì, signore. E questo come è venuto? Tramite una visione. Sì, signore. Questo è venuto tramite una visione, e non attraverso qualcosa di intellettuale. Ciò era fallito, tutto come avviene adesso.

137         Poi, egli guardò e vide una visione. Pensò: “Ebbene, è questo”. Lo spirito del messaggio... Cosa vide?

138         Dunque, egli non disse: “Oh, Ieoram, tu hai bisogno di un’altra laurea. E lascia che ti dica, Giosafat, ti sei attirato delle piccole noie. Dovresti ritirarti ed andare a studiare ancora un po’, perché, ti dico, tu non sai come fare queste cose. Non sai condurre un esercito o qualcosa che somigli a ciò”.

139         No, non era quello. Egli non fece ciò. Disse: “Ti dirò quello che dovresti fare. Dovresti migliorare l'apparenza dei tuoi uomini. Non portano delle buone uniformi. Ecco di che si tratta. A tutti quelli del tuo clero, dovresti far girare all’indietro i loro colletti, in modo che ciascuno somigli ad un ecclesiastico”.

140         Oh, ciò si vedrà molto presto nei Pentecostali. Sì, fra breve, ciò si troverà là. La chiesa Cattolica è stata la prima chiesa Pentecostale, non lo dimenticate. È completamente esatto. Tuttavia, certi storici lo negano.

141         Accordate ancora centocinquant'anni a quelli della Pentecoste e, al ritmo in cui vanno le cose attualmente, saranno più lontani della chiesa Cattolica. Questo è vero. Oh sì, la chiesa Cattolica cominciò a Pentecoste. Essi l'hanno organizzata, hanno fatto entrare le grosse società che hanno voluto fare questo e quello, il Nicolaismo che ha conquistato i laici e ha tolto loro il potere laggiù. E poi lo Spirito Santo non può andare più altrove. Deve accadere tutto da loro. Ciò che conta è quello che dice questo solo individuo, ed è tutto.

142         Lo Spirito Santo dimora in tutto il Corpo di Cristo... lo Spirito Santo dirige la chiesa. Ebbene, essi si sono ritrovati coi frutti secchi, e voi vedete dove questo è reso adesso. Ed i Pentecostali battono lo stesso sentiero, hanno preso la stessa direzione. Ecco cosa c’è là.

143         Vediamo adesso che quando lo Spirito è venuto... Qual era la visione che lo Spirito diede al profeta? Che cosa dichiarò? Egli non disse: “Bene, prendi i tuoi soldati e va' a perfezionare la loro istruzione, in modo che quando arriveranno in cima alla montagna, essi sappiano districarsi meglio. Insegna loro un po’ più di teologia. Dovrebbero raffinarsi un po’. Dovrebbero portare dei coltelli con la lama più lunga, o qualcosa così. Dovrebbero portare un'altra uniforme”. No. Egli non disse questo.

144         Egli disse: "Mettetevi a scavare. Venite qui, in questo deserto. Il vostro popolo l'ha attraversato una volta, questo deserto, e hanno voluto una teologia sul monte Sinai”. Dio gliela diede, dopo che la grazia aveva dato loro un profeta, una Colonna di fuoco ed ogni cosa. Ma essi volevano affaccendarsi su qualcosa. Così, Egli li lasciò restare nel deserto, finché tutti i vecchi combattenti fossero morti. Egli disse: “Loro sono stati là una volta, perendo tutti come voi. Ebbene, ci sono dei canali laggiù. Nel deserto, laggiù, nel posto dove trovate sempre questa roccia, è pieno di canali. Tuttavia, disse: “Dovrete estrarre molte cose”.

145         È questa la visione stasera, fratello. Questo non è: “Lanciate una nuova organizzazione", questo è: “Estraete questo che si trova dentro”. È vero. Innanzitutto, l'organizzazione, questo vecchio ceppo putrefatto, togliete ciò dal canale. I canali della benedizione di Dio sono tutti tappati stasera, i ceppi dell’organizzazione si trovano lì dentro.

146         C'è ancora un altro ceppo là, chiamato: “Lo Spirito Santo non esiste ”. Scavando, se urtate questo ceppo, toglietelo di là. “Il battesimo dello Spirito Santo non esiste. Era solamente per i discepoli”. Scavate ed estraete ciò. “Lo Spirito Santo è stato dato solamente agli apostoli”.

147         Il giorno di Pentecoste, il dottore Simon Pietro disse: “È per voi e per i vostri figli, per tutti coloro che sono lontani, per quanti il Signore Dio nostro ne chiamerà”.

148         Non molto tempo fa, un’eccellente e bravo fratello Pentecostale mi disse: “Noi non abbiamo più bisogno della guarigione divina. Non permetterei che ciò si praticasse nella mia chiesa”. Aggiunse: “Abbiamo degli eccellenti medici adesso che possono sostituire ciò”. Uhm, uhm, uhm! Vedete che specie di vecchi ceppi si trovano là?

149         Cosa fa questo? Ciò blocca lo scolo dell'acqua. È ciò che la visione ha mostrato a Eliseo, laggiù, in questo deserto, giusto là dove i frutti si erano seccati. Non lanciate un'altra organizzazione, un'altra pioggia o qualcosa di questo genere. Pulite semplicemente i canali, affinché la prima pioggia possa colare. L'acqua è là. Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno. Questa roccia colpita era nel deserto e, grazie a Dio, è ancora là stasera. Gesù ha di nuovo pulito ciò per loro al Calvario. Ma essi ritornano e gettano di nuovo i ceppi, ostruendo tutti i...

150         Sapete cosa accade quando si getta un ceppo in un canale! Ebbene, ogni tipo di sporcizia va ad ammassarsi ed accumularsi su questo ceppo . Innanzitutto sappiate che l'acqua sarà rifluita e, come i castori, farà uno sbarramento e non passerà più nulla. È vero. Oggi abbiamo troppi predicatori castori che tentano di costruire degli sbarramenti per contenere tutta l'acqua. Ed essi dicono: "Questo è nostro. Ci siamo solo noi qui. Questo ci appartiene”. Che cosa accade poi? Ciò diventa stagnante.

151         È la stessa cosa per parecchie delle nostre organizzazioni, dove si tenta di contenere solamente l'acqua per la vostra organizzazione. È diventata stagnante. Voi sapete bene che nell'acqua stagnante si trovano questi vermi che si contorcono. Ecco ciò che ha la chiesa, oggi: un piccolo attorcigliamento qui, un piccolo attorcigliamento là, ogni genere di cose. I giorni dei miracoli sono passati, la guarigione divina non esiste, incapaci di restare tranquilli cinque minuti in una riunione. Oh, bontà divina! Dell'acqua stagnante, un sbarramento di castoro. Fate saltare ciò! Amen.

C'è una fonte ripiena di sangue,

Tratto dalle vene dell’Emmanuele.

I peccatori, immersi in questo fiotto,

perdono ogni traccia della loro colpevolezza.

152         Il profeta disse: “Scendete laggiù ed estraete tutti i ceppi di legno”.

153          “Bene, allora, dicci profeta, dovremmo ritornare ed avere un altro vento impetuoso?” “No”.

154          “Dovremmo iniziare un'altra pioggia dell’ultima stagione?”

155          “No, ma no. Pulite bene il canale”. È tutto quello che dovete fare. Le persone le abbiamo, pulite semplicemente il canale. Le persone vanno bene. Pulite bene i canali, affinché lo Spirito Santo possa entrare. Tutto il vostro fanatismo e gli “ismi” ed ogni altra cosa che c’è nella chiesa, fate pulizia. La roccia è già stata colpita, le acque scorrono, sono fresche. Tuttavia, il nostro sistema ecclesiastico ha costruito uno sbarramento per contenerne i fiotti.

156         Egli disse: “Fate pulizia. Non avrete bisogno di un altro vento impetuoso. Non sentirete il vento e non vedrete neanche la pioggia. Tuttavia, ci sarà là dell'acqua”. Oh, fratello, non un nuovo sistema. Non è un nuovo sistema che ci occorre; ciò di cui abbiamo bisogno è di pulire a fondo il sistema che abbiamo.

157         Non si tratta di fare un'altra Assemblea di Dio, un altro gruppo di Unitari, ma semplicemente di pulire gli Unitari e le Assemblee che noi abbiamo. Estraete di là tutti i ceppi di legno, tutte le differenze, togliete di mezzo tutte queste moine e le storie che si fanno, e cose simili, e le acque si rimetteranno a circolare. Ci sarà l'amore, la gioia, la gioia simile ad un fiume che si spande su ciascuno, semplicemente amore gli uni per gli altri. “Non siamo divisi, formiamo un solo corpo, uno nella speranza e nella dottrina, uno nell'amore”. Ecco di che si tratta. Vedete? È così che dobbiamo fare. L'idea è quella. Ecco la visione di oggi.

158         Quella era la visione di quel profeta. Un vero profeta avrebbe oggi la stessa visione. Non una nuova organizzazione che inizia qualcosa e forma un altro gruppo. Vi affaccendate ad organizzarlo e diventate poi semplicemente come gli altri. Anche voi lancerete là dei ceppi di legno.

159         All'inizio del mio ministero, parecchi di loro sono venuti a vedermi, dicendo: “Bene, fratello Branham, dovresti iniziare una piccola organizzazione”.

160         Dissi: “Un'organizzazione? Sono proprio contrario”. Aggiunsi: “Non è di un'organizzazione che abbiamo bisogno, ma piuttosto di pulire ciò che abbiamo già”. Ciò è esatto. Pulire tutto ciò.

161         Abbiamo bisogno di un risveglio, ecco ciò che ci occorre, passare un momento a scavare. Scavate, scavate, più scaverete e più acqua avrete. Se voi scavate e dite: “Bene, uscirò solamente dall'organizzazione", guardate tutto quello che avete ancora all'interno. Della malizia, uno spirito di disputa e tutto il resto. Pulite a fondo la fossa, fino a che toccate la roccia solida. Ciò è esatto. Andate dove l'acqua può sgorgare realmente a fiotti dalle vene dell’Emmanuele. Aspettate di aver toccato questo luogo. L'acqua sgorgherà come le fontane. Scavate delle fosse.

162         Scendete in queste valli. Voi che avete provato a vivere continuamente in cima, là, in cima alla montagna, a lanciare delle grida, a saltare, in procinto di gelare, poi in procinto di friggere e tutto il resto. Non fate più ciò. Scendete qui, scavate delle fosse molto profonde e prendete dell'acqua fresca. È questo ciò di cui abbiamo bisogno. Venite qui e prendete l'acqua. Ciò che ci occorre, stasera, è l'acqua di Dio.

163         La visione interpretava totalmente la volontà di Dio a questo popolo morente. La visione del Signore, questa sera, è di pulire tutto e di ricominciare. Fate pulizia. Non iniziate una nuova organizzazione; cominciate piuttosto un risveglio nell'organizzazione. Cominciate una nuova riunione. Lasciate entrare Dio. Estraete tutte le vostre critiche, le vostre maldicenze, i vostri colletti rigidi, tutte queste superstizioni e l'incredulità. Estirpate la cosa. “Ma, fratello Branham, ciò vorrebbe dire che...”

164         Io non presto attenzione a ciò che questo voglia dire. Andate a scavare o morirete. Tutti voi Metodisti, Battisti, Pentecostali di Chicago, mettetevi a scavare o perirete. Estirpate la cosa. Gettate ciò fuori.

165         Io vi dico: Così dice il Signore, a meno che non estraiate la corruzione che si trova dentro, voi perirete. I vostri frutti e la vostra chiesa seccheranno e voi morirete! Estraete ciò! Non sentirete il rumore di un'altra prima o ultima pioggia o qualunque cosa sia, ma ci sarà dell'acqua e la pace che, come un fiume, si riverserà in ogni cuore. Certamente. Vedrete dei segni, dei prodigi, dei miracoli e la potenza di Dio ritornare di nuovo nella chiesa, in una vera corrente di Pentecoste che scenderà limpidamente. Certamente.

166         Il messaggio dello Spirito era: “Mettetevi a scavare o comincerete a perire”. Essi stavano già perendo, perciò dovevano scavare a fondo. Scavate, pulite a fondo. Più scaverete, meglio starete. I sistemi ecclesiastici hanno ostruito i canali.

167         Tirate fuori tutti questi vecchi ceppi di legno. “I giorni dei miracoli sono passati. Non abbiamo più bisogno di guarigione divina”. Ebbene, oggi ne abbiamo bisogno più che mai.

168         Voi dite: “Abbiamo i migliori medici”. (Ciò è vero). “Abbiamo le migliori medicine”. (Esatto). “Abbiamo i migliori ospedali” (È vero). Ci sono più malattie, esatto, perché abbiamo più incredulità. È vero. È precisamente questo.

169         Ebbene, l'indomani mattina, che cosa hanno fatto? Immagino questi Ebrei laggiù che dicevano: “Ho sentito che ciò è la visione del Signore. Il profeta ha detto la verità. Io estrarrò questa cosa”.

(Urta un vecchio ceppo di legno là). «Cos’è questo? “Il dieci per cento del mio stipendio?”»

170          “Bene, faremo delle cene per pagare il nostro predicatore”.

171         Tirate fuori di là quel ceppo di legno. Portatelo fuori di là. Voi dovete la decima a Dio. Scavate ed estraete ciò. Gettatelo di lato.

172         Urtano subito un altro ceppo di legno: “Che cos’è questo?" “Ebbene, adesso, non affondare in profondità”.

173         Ritirate questa cosa di là e gettatela. È ciò che vi ha portati a questa mancanza di profondità. Certamente. Gettate questa cosa. Più scaverete in profondità, più acqua troverete. Continuate semplicemente a scavare nel deposito di Dio; gettate le cose fuori finché toccate il luogo dove riempirete ciò della vera acqua della Vita.

174         Poi, verso l’alba, notarono che l'acqua saliva. Ed essi non sapevano da dove venisse. Era sempre stata là. Essi l'avevano semplicemente bloccata.

175         C’è potenza nella chiesa. Posso dirvelo. Ed io lo dirò ad ogni predicatore, posso mostrarvi dove Dio ha dato alla chiesa il potere di guarire i malati, di cacciare i demoni e di fare tutte queste cose. Ed ora, venite a mostrarmi il versetto della Bibbia dove Gesù ha detto: “Ritiro adesso queste cose dalla chiesa”. Che cosa è accaduto dunque? Di che si tratta? Voi l'avete bloccato. È il vostro proprio modo di vedere la cosa che l'ha bloccato.

176         Posso dirvi dove Gesù l'ha promesso in questo ultimo giorno e mostrarvi che questi segni che vedete avverarsi, che lo Spirito di Dio sarebbe venuto nella chiesa e avrebbe mostrato visioni e così via, come Egli fa. Provate a confutare ciò una volta e vedete dove siete. Il motivo di questo è che siete completamente bloccati con troppi sistemi ecclesiastici. È tutto bloccato. Fate estrarre ciò e gettatelo lontano. E lasciate scorrere le acque.

177         Verso l'alba, oh fratello, le acque scorrevano liberamente, venendo da questa roccia colpita che è sempre laggiù nel deserto. Egli è lo stesso ieri, oggi e in eterno. Tutto ciò che dovete fare è di togliere tutti i vecchi ceppi di legno dalla strada. Togliete dalla strada tutta la vecchia incredulità. Raccogliete questa incredulità e gettatela via. Dite: “Ebbene, ascoltate, Gesù l'ha promesso ed io non presto attenzione a ciò che qualcuno possa dire. Io lo credo”. Ecco. Prendete il ceppo di legno e gettatelo via.

178         Dite: “Dio l'ha promesso. Lo vedo proprio qui davanti a me. Mi sono sempre fatto beffe di ciò. Pensavo che fosse falso. Ma adesso lo crederò, così getterò via questo vecchio ceppo di legno”. Non appena avrete tolto dalla strada questo vecchio ceppo di legno, le dolci acque della pace di Dio si metteranno a scorrere come un fiume, sgorgheranno in voi.

179         Voi direte: “Ebbene, mi sono sempre chiesto se la guarigione...” È là che trovo che le persone... la guarigione. Quando Dio viene qui e dimostra che Egli stesso è qui tra voi, sapete cosa c'è? Vi avvicinate, provate ad applicare la fede con l'aiuto di un'orchidea. La fede era applicata con l'erba, l’issopo.

180         L’issopo è semplicemente una pianta del tutto ordinaria. Voi provate a fabbricare una fede. Non è una cosa che potete fare. La fede è qualcosa di completamente ordinario. È la stessa fede con la quale andate a prendere un bicchiere d’acqua, la stessa fede con la quale conducete la vostra automobile. È proprio così comune. Ebbene, l’issopo lo si trova crescere per terra, esce dalle fessure di un edificio, ovunque. Ora, applicando il sangue con l’issopo, essi applicavano la fede. È con una fede completamente ordinaria, come questa erba, che si applica il sangue.

181         Tuttavia, voi provate a guardare tutt’intorno e dite: “Se solo potessi trovare un'orchidea per applicare la mia... ciò che io credo in Gesù. Se soltanto potessi arrivare ad impossessarmi di un'orchidea”. Non avete bisogno di un’orchidea. Prendete l'erba che è giusto accanto a voi. Prendete la fede con la quale andate a casa, prendete la fede che vi ha portati qui. Applicate la stessa fede questa sera ed osservate ciò che accadrà. Oh fratello! Non ci sarà mai un dubbio nella vostra mente. Se il Sangue è applicato veramente con una fede come quella, ciò è regolato. Voi dite: “Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno. Proprio qui, adesso, ritiro dal mio sistema tutti i vecchi ceppi di legno della dottrina ecclesiastica e tutto il resto. E, Signore Dio, tramite una fede completamente ordinaria con la quale credo che sei il mio Salvatore, credo pure che sei il mio Guaritore. Amen”. Amen.

182         Credetelo così e sentite semplicemente una pace come un fiume, il grande ribollio di questa Fonte che non si asciuga mai. Quando avrete tolto tutti i vecchi ceppi di legno, questa fonte sgorgherà a fiotti.

183         Se continuando a scavare colpite qualcosa che voi fate... Se avete fatto qualcosa di male… Voi dite: “Devo un po’ di denaro ad un tale”. Bene, andate a rimborsarlo. Voi direte: “Ebbene, mi è impossibile rimborsarlo”. In questo caso, andate a dirgli di che si tratta. Ciò è esatto. Non girate intorno all’argomento. Andate a dirglielo. Ditegli: “Io lo regolerò, fratello. Accordami giusto un po’ di tempo. Farò in modo di regolarlo”.

184          “Ebbene, ti dico di che si tratta. Mi sono burlato di queste persone chiamate Pentecostali”. Alzati e di’: “Mi dispiace d'averlo fatto”. È vero, dite: “Signore, Tu conosci il mio cuore. Voi gente, perdonatemi”. Sentirete scrollare questo vecchio ceppo di legno. Ci sarà ancor più acqua che verrà scaricata. Oh! Ciò comincerà a scorrere. E non passerà molto...

185         Dite: “Avevo sempre pensato che queste visioni fossero dal diavolo, ma adesso vedo che vengono da Dio”. Molto bene, in questo caso, questo vecchio ceppo di legno sparirà. Poi le acque cominceranno a scorrere di nuovo. È esatto. Togliete semplicemente tutto ciò che c'è nella fossa. L'acqua è là. Lo credete?

186         La Bibbia dice che Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno. Così, Egli è sempre questa Roccia colpita. Egli ha sempre la vita, ha sempre l'acqua. Egli ha la potenza di guarigione.

187         Voi direte: “Fratello Branham, Gesù mi guarirà?”

188         Egli l'ha già fatto. Togliete solamente i ceppi di legno dalla strada. Uscite tutte le immondizie, i vecchi secchi e le cisterne... Togliete tutto ciò dalla strada. I vecchi cavalli morti e le cose ecclesiastiche che stanno di traverso sulla vostra strada, gettate via queste cose. Dio non entrerà finché si trovano là. Ciò contaminerebbe l'acqua. E l'acqua non deve essere contaminata.

189         Così, togliete la vostra propria contaminazione di incredulità e Dio scaricherà la Sua acqua. È già là. Tutto ciò che dovete fare è di spostare la causa di ciò. Il rimedio è preparato già. Dio vi ha già guarito. Voi dovete soltanto togliere la vostra incredulità dalla strada. È quella la visione.

190         Dico questo nel nome del Signore, come Eliseo l'ha detto quel giorno: “Così dice il Signore: togliete la vostra incredulità dalla strada ed osservate ciò che accadrà. Togliete i vostri sistemi dalla strada. Osservate quale risveglio colpirà Chicago. Guardate quale risveglio colpirà il mondo, se togliamo i nostri sistemi dalla strada, se togliamo le nostre proprie idee dalla strada e lasciamo agire lo Spirito. Tutto è pronto. La Roccia è già colpita. Tutto ciò che dobbiamo fare è di togliere le cose dalla strada e lasciare scorrere l'acqua.

191         Volete vedere le persone essere guarite? Desiderate essere pure voi guariti? Togliete semplicemente tutti i dubbi dalla strada e poi vedete cosa accadrà. Ciò sgorgherà come un fiume.

192         Poi, l'indomani mattina, il nemico alzò gli occhi e guardò laggiù. C’era dell'acqua. Ma il sole brillava là sopra al punto che al nemico ciò sembrava sangue e questo lo spaventò. Proprio così. Gli venne una piccola stupida idea che lo fece cadere in piena trappola.

193         Che cosa disse loro il profeta? Egli disse loro: “Ebbene, ciò è poca cosa per il Signore. Voi tutti, se solamente togliete tutti i ceppi di legno dalla strada, Io mi occuperò del resto”. Se togliete dalla strada tutta l'incredulità, Dio si occuperà del resto.

194         Sapete cos’è accaduto? Egli disse: “Che ogni uomo prenda una pietra. Ed Io vi darò il paese, ve lo consegnerò”. Ciascuno prese dunque una pietra.

195         Quando egli arrivò dove si trovavano questi vecchi pozzi del formalismo, diede una buona testimonianza “alla roccia”. Amen. “Gloria a Dio! Dio mi ha dato lo Spirito Santo. Sono come Simone. Sono Pietro ora, una piccola pietra”. Amen. Dunque, ciascuno prende la sua pietra, un'autentica testimonianza, una testimonianza reale, piena di fuoco.

196         Quando Gesù giunse davanti a Pietro gli disse: “Il tuo nome è Simone, e da ora ti chiamerai Pietro”, che significa “piccola pietra”. Fratello, egli l’afferrò. Sapeva che quello era il Messia. Egli partì. Poi tappò i pozzi del formalismo con ciò.

197         Ora, ciò che ci occorre, stasera, è di avere una testimonianza simile a quella, che Gesù Cristo vive ed Egli... Ciò tapperà tutte queste vecchie testimonianze formaliste dove si dice: “I giorni dei miracoli sono passati. Non esiste una cosa del genere”. Queste vecchie cisterne screpolate, ad ogni modo, ci sono dentro dei vermiciattoli, ciò li tapperà.

198         Lanciate la pietra della vostra testimonianza là fuori: “Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno”. Entrate nello Spirito! Dovete entrare nello Spirito. Voi andate ad una serata danzante e cominciate a danzare. Si mettono a battere le mani, ad eseguire tutte queste danze. Se restate in disparte dicendo… Che ballerino sareste? Certamente. Senza dubbio voi sareste nello spirito della cosa. Oh, vanno a fare festa, danzano, lanciano delle grida e fanno rumore.

199         È così che si ha un risveglio. Quando si entra veramente nello spirito di risveglio. Non si tratta di portarlo su facendo festa, ma piuttosto di farlo abbassare tramite la preghiera, finché il vostro cuore non sia toccato da un risveglio; finché non abbiate tirato fuori tutti i ceppi di legno di ciò che è ecclesiastico, tutti i ceppi di legno del fanatismo, tutti i ceppi di legno dei sistemi e tutti i ceppi di legno dell'incredulità. Poi, le acque di Dio si scaricano su di voi. Ecco, ci siete. Siete una testimonianza allora.

200         Non sarete là a fumare delle sigarette dietro casa e poi venite in chiesa, saltellate e dite che avete lo Spirito Santo. Sareste come un rame che risuona o un cembalo squillante. Le persone sanno ciò. Quando uscite, conducendo una vita come quella… le donne si tagliano i capelli, si mettono il rossetto e dicono: “Sono Pentecostale”, oh, poveri miserabili!

201         Alcuni di voi predicatori che avete nella vostra chiesa dei diaconi che hanno quattro o cinque mogli e cose simili. Dicono: “Io sono Pentecostale”. Il mondo ha più buonsenso al riguardo. Sono più avveduti. Certamente. Oh! Voi uscite, scommettete alle corse dei cavalli e tutto il resto e poi vi definite... E ce ne sono molti tra voi che preferiscono restare a casa a guardare la televisione piuttosto che andare ad una riunione di preghiera. E voi dite: “Sono Pentecostale”. Ne portate soltanto il nome. Voi non avete ricevuto l'esperienza di Pentecoste.

202         La chiesa è ciò che c'è di più importante nel vostro cuore, fratello. Ecco tutto quel che c'è, è Dio, Dio. Tutto ciò che vedete e conoscete, è Dio.

203         È il gruppo di così detti Pentecostali che dice: “Bene, questa cosa è un’assurdità. Non credetelo”. Ma la visione del Signore viene dalla Parola del Signore. Scavate ed estraete tutto ciò. Scavate ed estraete questa incredulità, così le acque della Vita scorreranno liberamente e ciò metterà fine a tutto questo “bla bla”, dove si dice che i giorni dei miracoli siano passati. Possa la chiesa veramente ritornare. Dicono: “I Pentecostali sono solamente un gruppo di sedicenti credenti”.

204         Andate sul posto e scavate finché toccate il fondo roccioso. Passate per un'esperienza di Pentecoste e osservate ciò che accade, fratelli. Nessuno potrà puntare un dito accusatorio sulla vostra vita. Sì, signore. Siete diritti come una canna di fucile. Diritti, e tu sei un vero gentiluomo. Sei un vero uomo di Dio. Sei una vera donna di Dio.

205         Quando siete sigillati dallo Spirito Santo, il sigillo è su entrambi i lati del foglio. Vi vedono andare e vi vedono venire. Quando sarete sigillati dallo Spirito Santo, sapranno che somigliate ad un Cristiano, che agite, parlate, vi associate come un Cristiano e che siete un Cristiano. Dio è pronto a farlo, se siamo pronti a lasciarglielo fare. Lo credete?

206         Dunque, che cosa si fa poi? “Poi, predicatore, quel che devi fare è di venire ad impormi le mani?” Ciò non ha niente a che vedere con quello. Ciò vi spingerà forse verso un piccolo qualcosa, ma non si tratta di questo. Ciò che bisogna fare, fratello, è accettare la Parola di Dio e dire: “È la verità, ed io la credo. Ho questi vecchi ceppi là dentro di cui mi sbarazzerò subito; la mia incredulità. Io regolo la cosa con Dio. Io crederò”. Credete per la vostra salvezza.

207         Ora, per quel che è della vostra salvezza, non saprei dirvi. Dovete lavorare a ciò voi stessi. Ma Cristo vive e regna sempre. Egli è qui questa sera. Lo credete? Che cosa dovete fare? Entrate nello Spirito. Poi, quando entrate nello Spirito, allora afferrate la visione.

208         Ma finché voi dite: “Dio sia benedetto, sono Metodista. Non sono obbligato a sostenere ciò”.

“Sono Battista”.

“Sono delle Assemblee”.

“Sono Unitario”.

209         Molto bene, andate avanti. Non comprenderete mai la visione.

210         Ma mettete dunque da parte ciò ed entrate nella visione. Vedete che Gesù ritorna e che la chiesa sta perendo, entrate nella visione e scavate. Io vi dico, fratelli, accadrà qualcosa in voi. Entrerete nello Spirito del risveglio. Lo credete? In questo caso entriamo tutti nello Spirito e crediamo. Chiniamo i nostri capi mentre Gli chiediamo di darci la visione.

211         Padre celeste, stiamo in un paese morente, in una nazione, in procinto di perire, in un mondo in procinto di perire e noi predichiamo ad un popolo in procinto di perire. Io sono soltanto un uomo e questi altri predicatori sono solamente degli uomini. Tuttavia, Tu sei un Dio che non può perire.

212         Signore, Ti prego, questa sera… siccome questi sei mesi a viaggiare mi hanno reso nervoso e teso, è probabile che non abbia dato questo messaggio come si deve, Signore, ma se è così, fa che lo Spirito Santo lo appiani. Fa sparire tutte le pieghe, oh Dio, come hai fatto per Abrahamo. Sappiamo che egli ha avuto le sue frustrazioni e che ha vacillato. Tuttavia, quando è stato scritto il commento divino della sua vita, ebbene, ciò dice che egli non vacillò per incredulità dinanzi alla promessa di Dio, ma fu fortificato rendendo gloria a Dio.

213         Così, Signore Dio, là dove ho vacillato un po’ e fatto degli errori di ortografia, degli errori di pronuncia e così via, che lo Spirito Santo possa appianare ciò e porre in ogni cuore un autentico commento divino del messaggio di questa sera, di ciò che noi viviamo…

214         C'è ancora un servitore di Dio, c'è ancora un popolo che ama Dio e c’è un Dio che si interessa di loro. C'è un Salvatore che duemila anni fa è stato colpito, è stato ferito per i nostri peccati, colpito per le nostre iniquità, il castigo per cui abbiamo pace è caduto su di Lui e per le Sue lividure noi siamo stati guariti. Questo stesso Salvatore ha detto: “Le opere che faccio Io le farete pure voi”.

215         Oh Dio, che ogni ceppo sia tolto, che ogni vecchio secchio arrugginito e queste cose siano tolte dalla strada, questa sera, e possano le acque della Vita circolare liberamente.

216         Oh Dio, rivoltami come si fa di un vestito e lavami, purificami, Signore. Riempimi in questo momento del Tuo Spirito e riempi di fede queste persone, affinché, se ce n’è uno, qui, che non crede, possa vedere e possa credere, perché lo chiediamo nel nome di Gesù. Dunque, che ciascuno entri nello Spirito e che noi tutti possiamo essere riempiti dello Spirito, tutti guariti e salvati, questa sera, perché lo chiediamo nel nome di Gesù. Amen.

C'è una fonte ripiena di sangue,

Tratto dalle vene dell’Emmanuele.

I peccatori, immersi in questo fiotto,

perdono ogni traccia della loro colpevolezza.

(Alziamo le mani mentre…)

…ogni traccia della loro colpevolezza ;

I peccatori, immersi in questo fiotto,

perdono ogni traccia della loro colpevolezza.

217         Chiniamo i nostri capi ora. Dio nostro Padre, siamo adesso in procinto di morire a causa di tutta la nostra incredulità. Crea in noi, ora, un desiderio di scavare. Noi stiamo scavando, Padre. Investigami e provami. Vedi se si trova dell'incredulità in me, Signore. Se è così, aiutami a toglierla subito dalla strada. Aiutami a sbloccare il canale, affinché la potenza di Dio possa circolare.

218         Signore, vieni in aiuto a questo uditorio adesso. Io prego per loro. Ti prego di fare in modo che ogni canale sia pulito. Ogni chiesa rappresentata qui, puliscila, Signore, ciascuna d’esse. Pulisci a fondo tutta l'incredulità, da un’organizzazione all'altra, Signore. Fa' sparire da loro tutti i sistemi del mondo. Che la dolce comunione dello Spirito Santo entri nei canali di Dio, circolando qui, stasera, portando una fresca rivelazione… che la Parola di Vita penetri in ogni anima, qui, questa sera. Io so che Tu sei qui, Signore.

219         Essi mi considerano come il Tuo veggente, come quello che crede in Te, come qualcuno che serve da esempio. Dio Padre, Ti prego di venirmi in aiuto, stasera, affinché lo Spirito Santo abbia libero accesso nella mia anima e nel mio cuore, nella mia vita, nei miei occhi, nel mio essere. Non solo per me, ma per ogni persona qui, affinché coloro che non credono possano vedere lo Spirito operare attraverso i credenti e dire: “Se l'acqua di questa Roccia colpita può sgorgare attraverso di loro, può sgorgare pure attraverso di me”. Concedilo Padre. Lo chiedo nel nome di Gesù. Amen.

220         Padre, Ti prego di benedire i miei fratelli che sono qui dietro di me, questi uomini preziosi. Alcuni di loro predicavano il Vangelo quando io ero solamente un giovane peccatore. Dio, concedilo questa sera. Alcuni di questi uomini sono nel campo di lavoro già da molto tempo. Sono dei guerrieri. Portano delle cicatrici. Spesso, capita che i sistemi conducano gli uomini a... ma in fondo al loro cuore, Signore, essi vogliono vedere ciò che Dio fa. Poi, noi vediamo che il diavolo farà una cosa o l'altra. Poi farà un pasticcio o un pantano e ciò li farà come ritirare un po’. Padre, che ogni cuore sia aperto, stasera, alla vera Fonte.

221         Adesso, oh Dio, io parlo. Sono solamente un uomo. Potrei fare ogni tipo di dichiarazione, potrei fare ciò che suona appena… tuttavia ciò non saresti Tu. Solamente una Parola che viene da Te proverà ciò, Signore.

222         Tu hai detto: "Se c’è tra voi un profeta o qualcuno spirituale, Io, il Signore, parlerò a lui, mostrandogli visioni, parlerò a lui nei sogni. Se ciò che egli dice accade, ascoltatelo allora. Ma se non accade, non temete quest’uomo, perché Io non sono con lui. Ma se ciò accade, allora, ascoltatelo”.

223         Adesso, Dio Padre, sera dopo sera, ho dimostrato dalle Scritture che Tu sei il Cristo, sei il Figlio di Dio. E Tu sei stato colpito per togliere i nostri peccati e l'incredulità, affinché la Tua propria Vita possa scorrere in noi. Ed io dichiaro alle persone che Tu sei seduto alla destra di Dio, questa sera, nei luoghi celesti, lassù sul Trono, un Sommo Sacerdote che può essere toccato dal sentimento delle nostre infermità. Signore, poiché l'incredulità sta uscendo, fa' in modo che molte perdite di sangue si fermino questa sera, perché lo chiediamo nel nome di Cristo. Amen.

224         Credo che non abbiamo avuto un biglietto di preghiera dalla scorsa domenica pomeriggio. Per quanto io possa ricordare, non abbiamo chiamato le persone a venire in una linea di preghiera. Ma ogni sera lo Spirito Santo è andato direttamente tra le persone. Quanti sanno che è vero? Dieci, quindici, e così via, per sera, dappertutto, delle persone che non avevano biglietti di preghiera. Mi sento come colpevole di non aver preso alcuni di questi biglietti. So bene di essere un po’ in ritardo, ma ieri sera, (ero anche in ritardo), ho detto: “Domani sera proveremo a distribuire dei biglietti di preghiera”. Poi, questa sera, avevo mandato Billy e gli aveva detto di distribuire dei biglietti di preghiera. Mi ha detto di aver distribuito la lettera B, da 1 a 50... da 1 a 100. Lettera B, da 1 a 100. Molto bene. Si era cominciato pressappoco là.

225         Dove avevamo cominciato l'altra volta? Avevamo cominciato dal numero 1 l’altra volta, non è così? Oh, è vero, l'abbiamo fatto due sere fa. Sono dispiaciuto. La volta seguente avevamo cominciato dalla lettera B, avevamo cominciato dal numero 1, fino al numero 25. Poi avevamo cominciato dal numero 85, fino al numero 100. Bene, questa sera cominciamo dunque nel mezzo. Diciamo che iniziamo col numero 25, fino al numero 50. Cosa ne dite? Chi ha il biglietto B-25? Alza la mano. Là, una donna? Vieni giusto qui, signora. 25, 26. Molto bene. Vieni fin qui, signora. Ce ne sono un po' ovunque nell'edificio.

226         Bene, quando il fratello viene a dare questi biglietti di preghiera, si avvicina e li mischia davanti a voi. Così vi ridà semplicemente un biglietto, poco importa dove. Poi li chiamiamo a partire da un certo numero. Vedete, nessuno sa da quale numero si andrà a cominciare. La chiamata si fa semplicemente a partire da un numero, poi da un altro. Bene, il 25, non è questo? 26, 25, 26. Chi ha il 26? Molto bene, giusto qui, il 26. Il 27, chi ha il biglietto di preghiera B-27? B, come Boston, il 27. Molto bene. Il 28, chi ha il 28? Non vedo la mano. Per favore. Il 29, 30, 31. Chi ha il 31?

227         Vorrei che aspettiate semplicemente che chiami il vostro numero, in modo che io possa esserne certo, perché... Se una persona è sorda o qualcos’altro, voi dite, (me l’hanno scritto su un foglio): “Fratello Branham, il mio numero è stato chiamato, ma sono sordo e nessuno mi ha avvisato e tu hai pensato… Hanno detto che avevi pensato che io fossi uscito”. Oppure: “Sono invalido, non potevo alzare la mano e nessuno mi ha fatto avanzare. Non si è pregato per me”. Vedete?

228         Si è pregato per te, caro bambino. Tutte le sere si è pregato per te. In questo momento Gesù sta intercedendo per te alla destra della Maestà. Tutto ciò che Egli vuole è che tu creda in Lui.

229         Molto bene, dove ero rimasto? Il 26? 21? Dove ero rimasto, fratello? Il 31. 32, 32. Benissimo. 33, 34, 34. Non lo vedo. 34, il biglietto di preghiera numero 34. Se hai questo biglietto... Guardate intorno a voi, può darsi che qualcuno sia sordo, o muto, o che non possa alzarsi. 34. Non voglio mancarlo. Forse sono usciti. 34, 35, B-35. Molto bene. 34. Allora, è il 34? 34, B-34? Era il 35, 36.

230         Non abbiate paura. Se avete peccato e l'avete confessato, quando verrete qui, ciò sarà coperto dal Sangue. Se avete un peccato inconfessato, sapete ciò che accadrà quando arriverete qui, se avete un peccato inconfessato? Bene, in questo caso, non prendete il biglietto. Innanzi tutto, preparatevi per la preghiera e poi prendete il biglietto.

231         Molto bene, cominciamo la linea di preghiera dunque. Molto bene. Non so quanti siano qui. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8. Tre servono di testimonianza. Ciò basterà. Benissimo.

232         E voi, laggiù che non avete un biglietto di preghiera, fatemi vedere le vostre mani alzate. Siete malati e volete che Dio vi guarisca. Non importa dove nell'edificio, non faccio attenzione a dove siate.

233         Cosa dite? 36, 37, 38, 39, 40. Ce ne sono due tra quelli. Da 40 a 50. Tre. Ancora un altro (forse sto facendo un errore. Dovrei, forse, semplicemente predicare e poi fare una chiamata all'altare). Molto bene.

234         Bene. Cominciamo adesso la linea di preghiera, se volete. Che ciascuno sia realmente riverente. Che ciascuno sia adesso riverente il più possibile. Chiniamo i nostri capi solo un istante (“Sol abbi fe’”, fratello, se vuoi). Il messaggio è stato piuttosto difficile questa sera. Vogliamo che lo Spirito venga in questo momento.

235         Ora, mentre loro si avvicinano, vorrei chiedere questo. Se Cristo può provare che Egli è qui, quanti tra voi crederanno in Lui con tutto il cuore? Butterete ogni ceppo di legno? C'è qualcuno che non aveva mai assistito ad una delle mie riunioni? Alzate la mano, voi che non avete mai assistito ad una delle mie riunioni. [Il fratello Branham si rivolge al gruppo dietro di lui. -Ed.] Fratelli miei... io lo chiedevo loro, a questo gruppo dietro di me... C'è questo gruppo che prega dietro di me, qualcosa deve accadere. Dei veri uomini di Dio, autentici.

236         Ora, abbiate fede. Bene, immagino che la scena inizierebbe... Innanzi tutto, voglio dire alle persone che ogni sera ci sono stati così tanti... Credo che ogni sera, senza eccezione, abbiamo avuto almeno otto, dieci, o quindici casi precisi, dovunque nell'edificio. Voi che eravate qui, non è ciò esatto? Vedete?

237         Ora, per voi nuovi arrivati, io non affermo di essere un guaritore divino. Non credo che esista una tale persona sulla terra. Credo che il guaritore sia Gesù Cristo. Ed Egli ha già fatto tutto ciò che poteva per voi, perché quando è stato colpito, laggiù... Egli era questa Roccia. Lo credete? Era la Colonna di fuoco, l'IO SONO. Tutto ciò che dobbiamo fare è di togliere dalla strada ciò che intralcia. Lo credete? Bene, in questo caso, Egli ha già guarito ogni persona malata qui. Ogni persona è già guarita, ogni peccatore è già salvato. Ma, fratello, occorre che l'accetti.

238         Per la vostra guarigione, guardate semplicemente qui. L'altra sera, abbiamo avuto qui una donna che ha dato una testimonianza. L'avevano portata al tabernacolo, non molto tempo fa, e questa donna era tutta gonfia, così. Non arrivava neanche a camminare, a causa di un tumore. Alcuni uomini l'avevano dovuta trasportare e l'avevano dovuta fare sedere sui gradini. Quella sera non pregavo per i malati. Mentre uscivo, lei mi ha afferrato per la gamba del pantalone, se ricordo bene, e mi girai con il Così dice il Signore, la situazione è stata capovolta. Questa donna era qui l'altra sera, senza tumore, proprio così normale come si possa essere.

239         Non faccio tanto baccano pubblicitario e delle cose così, perché spesso... Gesù ha detto... Credo che, oggi, noi facciamo un po’ troppo clamore con la guarigione divina. Non è una cosa clamorosa. Ecco perché vi ho detto… del resto lo credo con tutto il mio cuore, che Chicago vede questo per l'ultima volta, vedete. Lo credo veramente. Credo che sia così per il resto della nazione. Io sto per partire, vedete. Non dimenticate ciò che vi ho detto. Questo che vi ho dichiarato, è ciò che Egli mi ha detto. Non vi ho mai detto qualcosa nel nome del Signore che non sia accaduto esattamente come era stato detto. Questo è ciò che vi chiedo in questo momento, vedete.Ebbene, credetemi allora.

240         Cristo vi ha già guarito. Dovete accettarlo. Ma, se Egli si tenesse qui, con questo vestito che mi ha dato, indossando questo vestito... Ora, se verreste a Lui dicendo: “Signore, vuoi guarirmi?” Egli direbbe: “Togli i ceppi di legno dalla strada. Io provo ad aprirmi una strada fino a te. Ma ciò che ti ferma è la tua incredulità”.

241         Ora, per i nuovi arrivati, ecco una scena della Bibbia. Al quarto capitolo di Giovanni, è venuta al pozzo una donna che era Samaritana. Questa storia è familiare a noi tutti. Ora, in che modo Egli si è fatto conoscere da lei come Messia? Che cosa ha fatto? La donna gli disse... Egli disse alla donna: “Portami da bere”. Egli stava contattando il suo spirito.

242         Lei disse: “Il pozzo è profondo e Tu non hai nulla per attingere”. Allora si sono messi a parlare di religione. Lei voleva parlare di religione. Disse: “Noi adoriamo su questa montagna. Tu dici a Gerusalemme, perché...” Aggiunse: “Non dovrebbero esserci relazioni tra noi, perché Tu sei Ebreo ed io sono una Samaritana”.

243         Allora Egli disse: “Donna, va’ a chiamare tuo marito e vieni qui”.

244         Lei rispose: “Io non ho marito”.

245         Egli disse: “Hai detto bene. Tu hai avuto cinque mariti e quello che hai ora non è tuo marito”.

246         Ora, cosa dice il ministero dell'epoca riguardo a ciò? Bene, dicendo ministero, non mi riferisco ai predicatori di questo genere. Sono dei fratelli che sono corpo ed anima con me. Intendo dire il ministero che si burla di questo e che dice che non c’è nulla in ciò; non le organizzazioni che mi appoggiano. In quelle, c'è all'interno il sistema di Dio. Quelle di cui parlo, tuttavia, è di quelle che negano questa cosa, vedete, quelli che la contestano. Dicono che non c’è nulla in ciò e che è dal diavolo. Hanno agito allo stesso modo in quell’epoca.

247         Questa piccola prostituta disse tuttavia: “Signore, vedo che sei un profeta. Ora, ci è stato insegnato… sappiamo che quando il Messia verrà, Egli ci annuncerà queste cose”. Quanti sanno che ciò è vero? Esatto.

248         Egli disse: “Sono Io, Io che ti parlo”.

249         Poi lei corse in città ed andò a dire alla gente: “Venite a vedere un uomo che mi ha detto le cose che ho fatto. Non sarebbe Egli il Messia?" La Bibbia dice che tutta la città credette in Gesù. (Egli non l'ha poi rifatto più. Solamente quella volta) Perché quella donna, una prostituta, dichiarò loro ciò che Gesù le aveva detto, che l'uomo con cui viveva non era quello con il quale lei era tenuta a vivere. Poi la città intera credette che Egli era il Messia, perché quello era il segno del Messia.

250         Ora, se pensate che la teologia sia il segno del Messia e che sia un segno più grande di questo... Gesù disse: “Le opere che faccio Io le farete pure voi”. E voi dite che predicare il Vangelo è un’opera più grande. Molto bene. Allora salite qui e fate le opere inferiori. Qui sulla piattaforma. Fate pure. Venite e percorrete questa fila di preghiera e lasciate che lo Spirito Santo si sposti nell'uditorio, al di sopra di voi. Lasciate che io vi veda fare queste opere e poi andate a predicare il Vangelo. Allora farete veramente delle opere più grandi.

251         Gesù non poteva predicare il battesimo dello Spirito Santo, perché non era non ancora venuto. Ciò è un'opera più grande. Certo che lo è. La chiesa deve predicare il battesimo dello Spirito Santo. Gesù disse che lo Spirito Santo sarebbe venuto, ma la chiesa lo possiede e dice: “Noi l'abbiamo ed è per voi”. Vedete. Così, ciò era più grande, è vero. Tuttavia le stesse opere che Egli ha fatto... “Chi crede in Me farà anche le opere che faccio Io”.

252         Ora, ecco una donna che mi è estranea. Non ci conosciamo. Questo è affinché l'uditorio comprenda. Adesso, osservate la signora. Non ti conosco. Non ci conosciamo. È la prima volta che ci incontriamo. Se è così, allora alza la tua mano. Ancora una volta, c’è un uomo ed una donna che si incontrano. Non so assolutamente chi sia questa donna o perché sia qui, non ne so nulla. Lei mi è completamente estranea.

253         Come lo si vede spesso, io potrei tenermi qui, parlare di psicologia e dichiarare: “Il Signore mi ha detto che qualcuno ha un problema alla schiena”. Certamente, ce ne sono parecchi là che hanno dei problemi alla schiena”. Avete un problema nervoso. È evidente, parecchi tra loro sono oppressati, vedete. Di che si tratta? Dove si trova? Da dove è venuto? Cos’è che l’ha provocato? Che cosa accadrà con ciò? È ciò che resta da vedere.Ecco la differenza.

254         Se facessi salire questa donna qui e le dicessi: “Il Signore mi ha mandato a pregare per i malati. Lascia che ti imponga le mani e ungerti d’olio. Gloria a Dio, tu sarai guarita”. Lei ha il diritto di credere ciò. Questo è vero, ma potrebbe dubitare della mia esperienza, per sapere se le dico la verità o meno. Potrebbe dubitare di ciò. Ma quando lo Spirito Santo viene, parla attraverso le mie labbra e le dice ciò che è stato, questo toglie immediatamente ogni dubbio. Vedete? Perché lei sa che non la conosco. Entrambi abbiamo alzato le mani a Dio, per significare che non ci conosciamo. Bene, ecco il Vangelo. Se non è il Vangelo che Cristo aveva, se questo non era...

255         Voi direte: “Ebbene, fratello Branham, tu dici di essere il Messia?” Se è questo che pensate, ciò mostra che voi non avete nessun discernimento spirituale, vedete. Come potrei essere un Messia? Sono William Branham, un peccatore salvato per grazia. Il Messia è Gesù Cristo, ma il Suo Spirito è vivente in noi, lo Spirito Santo. Per alcuni di voi che negano di crederlo, questa cosa che fa si che le persone piangano, lancino delle grida e parlino in lingue, è questo stesso Spirito...

256         Paolo disse che se qualcuno viene tra voi e parlate tutti in lingue, diranno che siete pazzi. Ma che se ce n’è uno che è profeta e rivela i segreti del cuore, allora si prosterneranno dicendo che Dio è con voi. Vedete, è un dono di Pentecoste, fratelli. È semplicemente qualcosa che è stata aggiunta alla chiesa. Quanto i Battisti ed i Metodisti vi hanno combattuti sul parlare in lingue, fratelli! Ma fanno allo stesso modo al riguardo, così... Ma prendete posizione per la verità. Dio benedice… lasciate che si continui.

257         Se non ti conosco e il Signore mi dirà perché sei qui, qualcosa che hai fatto, qualcosa che dovresti fare, qualche peccato nella tua vita o qualche benedizione che... o qualcos’altro che tu sai essere la verità o meno, allora saprai se è vero o no. Crederai allora con tutto il tuo cuore che dovrebbe trattarsi di una qualsiasi potenza spirituale, dato che non ci conosciamo? Crederai che questo era il Messia? Non parlo di me, qui, ma sarebbe il Suo Spirito che parla attraverso di me, come Egli l'ha promesso. Tutta la chiesa lo crederà di comune accordo? Alzate la mano. Grazie. Adesso, credete.

258         La donna che si tiene a circa dieci, dodici piedi da me. La guardo semplicemente per parlarle, perché dopo aver predicato e così via, come il profeta ha fatto laggiù in... Io non sono un profeta, ma siccome il profeta ha fatto laggiù... Aveva ripreso vivamente Ieoram e quelli, così occorreva semplicemente che egli suonasse e parlasse...

259         Gesù parlò alla donna, ma prima dovette contattare il suo spirito, aspettando di avere su di Sé l'unzione. È ciò che io aspetto adesso, di togliere dalla strada il ceppo di legno chiamato William Branham. Ciò che ho di intellettuale, il mio spirito, la mia conoscenza, tutto ciò che c'è, tolgo tutto ciò dalla strada affinché Egli possa usare i miei occhi, le mie labbra, per glorificarsi davanti al Suo popolo. Semplicemente sottomettersi, come questo... Questa cosa non può parlare affatto. È muto. Affinché ciò parli, ci deve essere qualcosa di vivente, qui, che parli in ciò. La cosa stessa non parla. Non posso dirvi neanche qualcosa che vi concerne. Per parlare di ciò, c’è bisogno di qualcosa che abbia la Vita eterna, qualcosa che vi conosce. È vero. Credetelo.

260         C'è una cosa che ti crea dei problemi (se le persone mi sentono sempre)...vedo questa donna. Lei è nervosa e straziata. Soffre di una condizione nervosa. Ciò è esatto, completamente giusto.

261         Non so perché ma, come ho sempre detto, ogni volta che dichiaro qualcosa, le persone non mancano di dire "tira a indovinare”. (Io lo sento). No, non tiro a indovinare. Lo sapete che non ho nessun mezzo per indovinarlo. Bene, questa era la verità? Se ciò che è stato detto era la verità, quanti credono adesso? Grazie.

262         È come Filippo, quando Egli gli disse dov’era stato, qualcosa che lo riguardava, egli disse: “Rabbi, Tu sei il Figlio di Dio, sei il Re d’Israele”.

263         Egli disse: “Perché credi ciò, vedrai cose più grandi”. È ciò esatto? Si tratta della stessa promessa.

264         Restate dove siete. Non so se ciò che vi ho detto era sbagliato, ma qualunque cosa fosse, era proprio la malattia che avevi. Sì. Lo vedo adesso. Sì. Nervosa. Sei così da parecchio tempo. Ciò è cominciato nel periodo della menopausa. Oltre a questo, tu hai un problema femminile che ti turba. È vero. Un’altra cosa, preghi per una persona che ti sta a cuore. Ciò è esatto. Non è qui. Ha dei problemi agli occhi. È tua madre. È vero. Credi adesso? Mandale questo fazzoletto che tu tieni, mentre lo Spirito Santo è su di te, e tutto andrà bene. Dio ti benedica. Che Dio ti benedica, sorella.

265         Credete con tutto il vostro cuore adesso? Voi dovete avere fede. Abbiate semplicemente fiducia in Dio. Siete convinti adesso che Gesù Cristo...?

266         Per favore, non vi spostate. So che l'ora è avanzata. Voi non vi rendete conto. Che cosa ha detto l'angelo del Signore? “Se farai in modo che le persone ti credano…” Poi, quando vi chiedo di restare tranquillamente seduti e non lo fate, cosa pensate che ciò faccia? Ciò ricade su di me.

267         Satana dirà: “Vedi, non ti credono”.

268         Alcuni di voi credono ed altri no, tuttavia ciò infastidisce gli altri. Una volta, Gesù li fece uscire tutti dalla casa. Vedete, a volte provo ad essere evangelista e veggente, e non si può fare questo. O sarò veggente e andrò nei boschi, per venire a proclamare poi il mio messaggio e tornare dopo in disparte; oppure metterò da parte ciò e Dio mi toglierà questo e mi lascerà predicare il Vangelo ed essere un evangelista.

269         Buongiorno, sorella. Non ti conosco. Non ci conosciamo, è ciò esatto? Non ci conosciamo. Affinché le persone sappiano che siamo estranei, vorresti alzare la mano? Non ci conosciamo. Se lo Spirito Santo mi rivelerà perché sei qua, crederai che io sono il Suo profeta? Questa donna sembra avere un buono spirito, un spirito che crede.

270         Sì, signore, ecco che viene. Lei soffre di un problema cardiaco. Ha un problema al cuore. Hai anche l'artrite ed un problema ai nervi. Preghi per qualcuno che ti sta a cuore. Così, se Dio mi dirà di che si tratta o qualcosa che le concerne, crederai che io sono il Suo profeta? Si tratta della tua bambina, una ragazza, che non è qui. Lei vive lontano da qui. È in California. Soffre di un esaurimento nervoso. Così dice il Signore! Credi con tutto il tuo cuore, adesso? Allora va’ e ricevilo. Esattamente come hai chiesto e creduto, così ti sarà dato.

271         Vieni, signore. Non ti conosco. Una volta, il nostro Signore... Credo che le ultime due o tre che sono passate erano delle donne. Questo è un uomo. Ho menzionato ciò che Gesù ha detto alla donna, quando ha incontrato quella donna. Adesso, lasciate che vada da qualche parte nelle Scritture, là dove Egli ha incontrato un uomo, affinché gli uomini e le donne vedano che tra loro non c’è differenza. Quando Egli ha incontrato Pietro, ha incontrato Simon Pietro. Allora egli si chiamava Simone. Gli disse chi lui fosse, gli parlò di cose che lo concernevano. Credi che Dio può parlarmi di te e di ciò che è in relazione a te e così via? Ciò ti farebbe credere?

272         Solo un momento. C'è qualcosa che sta accadendo. Questa signora seduta là a sinistra, con un’ernia all'ombellico, credi che Dio ti ristabilirà, sorella? Se lo credi con tutto il cuore potrai avere ciò che hai chiesto.

273         Ci sono due uomini che si tengono qui. Qualcuno sta toccando il Sommo Sacerdote. Quest’uomo, là, che ha il dito alzato davanti al suo naso, ha un'edema al cuore, un cancro alla pelle. Gesù ti guarisce, fratello. La tua fede ti guarisce. Che cosa ha toccato lui? Egli è più anziano di quest’uomo. Potevo vedere che c’era una differenza tra loro.

274         Ora, se Dio mi dirà qual è il tuo problema, crederai che sono il Suo servitore? Innanzitutto, hai qualcosa al fianco. È una specie di ernia, un'ernia al fianco. È giusto. Ancora una cosa, hai un problema nervoso che ti dà un problema allo stomaco. È vero. Adesso, credete voi tutti? Sembri essere un uomo buono. Prendiamo un po’ di tempo, con quest’uomo. Per favore, siate rispettosi e tranquilli. Lui ha qualcosa al cuore.

275         Tu aspetti che Dio ti dica qualcos’altro. È vero, perché posso discernere questo desiderio. Oh, si tratta di una donna, tua moglie. Ha subito un’operazione, ciò le ha causato un rigonfiamento. Ciò è esatto. Hai anche una figlia. Questa ragazza ha già sofferto di tubercolosi. È stata guarita tramite la guarigione divina. Adesso ha un problema nervoso allo stomaco. È vero. Sono qui questa sera. Sento la loro presenza nella riunione. Saranno guarite. Credi che Dio può dirmi chi sei? Ciò ti aiuterebbe? Se Egli poté dire a Simon Pietro che era... Tu vieni dall'Arkansas. Il tuo nome è M. Blackwell. Ritorna a casa, Gesù Cristo ti guarisce. I tuoi desideri sono soddisfatti, fratello.

276         Buongiorno, signora. Tu sei etiope; io sono Anglosassone. Siamo due razze differenti. Suppongo che sia il nostro primo incontro. Se lo Spirito Santo mi rivelerà qual è il tuo problema, crederai che sono il Suo... un profeta dello Spirito Santo? Abbi semplicemente fede; non dubitare. Credi. Hai un grande desiderio nel tuo cuore. Cerchi veramente il battesimo dello Spirito Santo. È vero. Questa è una grande cosa da ricercare.

277         Se Dio conosce il nome di un uomo, conosce anche il nome di una donna. Non lo credi? Se ti dicessi chi sei, per mezzo dello Spirito Santo, crederesti allora che riceverai lo Spirito Santo e che Dio ti darà il tuo… Signora Fitzpatrick, ritorna a casa. Gesù Cristo ti darà il battesimo.

278         La Bibbia dice che negli ultimi giorni... Gesù ha detto che negli ultimi giorni lo Spirito sarebbe venuto a fare queste cose e sarebbe stato lo stesso Spirito che, al tempo di Abrahamo, era in quella carne umana che si teneva con la schiena girata alla tenda. È ciò esatto? Ecco la persona successiva, che si tiene dietro di me. È una donna. Mi senti, signora, tu dietro di me? Molto bene. È lei che fa segno con la testa? Ecco, io guarderò te. Se il Signore mi rivelerà qual è il tuo problema (pure guardando da quest’altro lato), allora saprai che si tratta dello stesso Angelo di Dio, la stessa potenza di cui Gesù disse che ci sarebbe stata negli ultimi giorni? Lo crederete tutti? Tu hai una malattia femminile, un problema di donna. Un male di donna, una noia femminile. Ritorna a casa, Gesù Cristo ti guarisce. Credilo con tutto il tuo cuore.

279         E se ti dicessi che Lui ti ha guarito, tu che sei là sulla sedia, con questo problema al cuore, crederesti? Continua allora così, dicendo: “Grazie, Signore”. Credi con tutto il tuo cuore.

280         Tu sei pronto per l'operazione di questo tumore adesso. Tuttavia, credi che Dio ti guarirà? Molto bene. Continua semplicemente e di’: “Grazie, Signore Gesù”.

281         Ti piacerebbe prendere la tua cena, questa sera, e che questo vecchio problema di stomaco sparisca? Ti piacerebbe? Va’ e mangia, se credi con tutto il tuo cuore.

282         Vorresti andare al Calvario con me, per una trasfusione di sangue, sbarazzandoti del tuo diabete? Va’, fallo. Questa signora seduta là in fondo, col diabete, puoi fare allo stesso modo se solamente lo credi, sorella. Va’ e credi con tutto il tuo cuore.

283         Qualche istante fa, quando ho detto problema di stomaco, si trattava pure del tuo. Così, va’ per la tua strada, prendi la tua cena e sii sanata. Molto bene.

284         Una donna apparentemente di forte costituzione, ma così afflitta dai nervi. È ciò che c'è di più duro al mondo. Sei libera adesso. Gesù Cristo ti guarisce. Va’ e credi con tutto il tuo cuore.

285         Piccola signora, credi che questo problema d’asma ti lascerà, che starai bene, ritornerai a casa e sarai guarita? Continua semplicemente ad avanzare, dicendo: "Grazie, Signore”.

286         Quanti credono con tutto il loro cuore? Ciascuno di voi crede con tutto il cuore? E voi? Credete di tutto cuore? Non vi fermate. Continuate semplicemente a lodare Dio con tutto il vostro cuore. E voi, allora? Credete con tutto il vostro cuore che Cristo vi guarirà. Continuate a camminare, dicendo: “Grazie, Signore”. Credetelo con tutto il vostro cuore

287         Credi che starai pure bene? Non morirai con una crisi cardiaca. Vai avanti, credilo. Credilo con tutto il tuo cuore e sarai ristabilito. Immagino che è ciò che volevi che ti dicessi; così questo è passato adesso. Va’ e credi con tutto il tuo cuore.

288         Quanti credono con tutto il loro cuore? Quanti hanno scavato, tirato fuori tutta l'incredulità e hanno gettato tutti i ceppi ecclesiastici e sono pronti a ricevere Cristo? Imponetevi le mani gli uni gli altri. È l'ora della vostra decisione. Che ciascuno resti tranquillo. [Una donna parla in lingue ed un uomo interpreta. –Ed.] Amen.

289         Vedete ciò che vi ho appena detto? Questo ministero è una figura simbolica di Elia che è stato rapito e di Eliseo che ha avuto una doppia porzione. Una doppia porzione. Gesù stesso che ha mandato lo Spirito, ha detto: “Questi segni accompagneranno coloro che credono”.

290         Dubito che quest’uomo e questa donna si conoscano. È poco probabile. Questa donna che ha parlato in lingue, conosce l'uomo che ha interpretato? Se non lo conosci, alza la mano, se non conosci quest’uomo. Quello che ha interpretato, se non conosci la donna, alza la mano, là in fondo. No, signore, non si conoscono affatto. Ed ecco, hanno parlato esattamente nella linea del messaggio e l'hanno dato come conferma, mentre Gesù è qui e conosce i segreti del cuore; ha parlato qui, nell’assemblea, con un altro dono, un dono locale, con un dono profetico, tramite un dono locale, per mezzo della Sua Parola. Ecco, Egli è qui. Gloria.

291         Imponetevi le mani gli uni gli altri. È tutto ciò che dovete fare. Se siete unti, toccate e lo Spirito Santo ve lo darà. Oh Dio, nel nome di Gesù Cristo, satura questo edificio del Tuo Spirito. Togli ogni ceppo. Togli ogni ceppo di legno e possa il Dio del Cielo riempire questa chiesa dello Spirito Santo ed infiammarla. Entrate nello Spirito di questa riunione e che ciascuno di voi sia guarito nel nome di Gesù Cristo. Alleluia! Lo credete?

292         Siete nello spirito per riceverlo? Ecco. Togliete tutto ciò che c’è di traverso sulla strada. Se lo credete con tutto il vostro cuore, alzatevi ed accettatelo, nel nome di Gesù Cristo. Ecco, alzate le mani. Gloria, gloria. Amen.

IN ALTO