HOME PREDICHE PROFEZIE LIBRI TRATTATI BIBBIA BIOGRAFIA VIDEO FOTOGALLERIA CONTATTI

La predica Ultima Visita In Sud Africa di William Marrion Branham è stata predicata il 65-0527 La durata è di: - -- .pdf La traduzione BBV
Scaricare:    .doc    .pdf (opuscolo)    .pdf   
Leggere il testo in italiano e in inglese simultaneamente
Leggere il testo soltanto in inglese

Ultima Visita In Sud Africa

1                   Questo è uno dei momenti più importanti della mia vita.  Ho aspettato questo momento  per quindici anni. Il mio cuore anelava di rivedervi, sin da quando vi lasciai. Ho pregato moltissimo affinché potessi tornare.

E alcune settimane fa, ero in una grande anticipazione, e credevo che sarei venuto per una riunione. Ma quando ho ricevuto il visto “limitato”, ho avuto quasi un attacco cardiaco. Ha. Volevo venire così tanto. Ma credo veramente che con l’aiuto di Dio officerò nuovamente nel Nome del Signore Gesù fra il popolo dell’Africa. Dio ha promesso che ci darà il desiderio del nostro cuore. E questo è uno dei desideri del mio cuore.

Mi ricordo delle grandi riunioni qui a Johannesburg.

Mi ricordo del ragazzo con la gamba più corta che si allungò di nuovo, normale.

E la signora che – la piccola bambina che fu guarita da una malattia alla schiena e la sua mamma svenne e cadde indietro sulla branda. (Il traduttore dice: “Era la cugina di mia moglie.” – Ed) Sua moglie...? Oh!

Sono successe tantissime  grandi cose. Senza dubbio, molte persone presenti in quelle riunioni sono con il Signore ora. Sono invecchiato anch’io da allora. Non ci vorrà molto prima che arrivi  il mio momento di andare lassù. Allora saremo per sempre insieme. Nessun visto. Ha, ha.

Mi – mi vien voglia di portare il Messaggio. Ha, ha. Ma nelle Scritture è scritto: “Da’ a Cesare le cose che sono di Cesare e a Dio le cose che sono di Dio”. Sono nell’attesa di incontrarvi qui, fra pochi istanti, e di stringervi la mano e aver nuovamente comunione insieme. Apprezzo tutti questi uomini distinti. Desidererei che ci fossero qui, oggi, tutti i miei fratelli dell’Africa, di tutte le denominazioni. Allora potremmo riunirci e parlare per tutta la sera. E vorrei ascoltare ciò che il Signore sta facendo per voi qui. E mi piacerebbe raccontarvi ciò che Egli sta facendo per noi oltremare. Forse lo permetterà un giorno. Fino a quel giorno, pregherò per voi. Volete pregare per me? Dio vi benedica.

IN ALTO